Léa Seydoux dovrà difendersi tutta la vita da un pensiero, da una insinuazione: che la sua carriera sia stata favorita da relazioni molto strette. Perché Léa - il cui nome per intero è Léa Hélène Seydoux-Fornier de Clausonne viene da due famiglie davvero molto, molto importanti, legate a doppio filo a posizioni di potere nella società francese. Non solo: suo nonno Jérôme Seydoux è ancora oggi il presidente della Pathé, la società di produzione e distribuzione che è letteralmente un pezzo di storia del cinema francese e mondiale ed è la seconda più antica società cinematografica ancora attiva. La prima è la Gaumont e guarda caso è invece stata guidata per decenni da Nicolas Seydoux, suo prozio. 

Sarebbe facile immaginare che a una con un cognome così un particina non si nega. Poi però leggendo le interviste, apprendendo della sua infanzia e della sua adolescenza a dir poco travagliate, viene invece da crederle quando dice che si sentiva come un’orfana

“Crescendo mi sento più leggera”, ha dichiarato in un’intervista di qualche anno fa. Perché prima c’è stata parecchia cupezza. I genitori si divisero quando aveva solo tre anni, lei restò con la madre che aveva già tre figli da un precedente matrimonio e faceva condurre loro una vita che venne definita “ascetica”. Il padre si era risposato, aveva avuto altri due figli e per altro aveva rotto con il potente nonno, non vedendolo più per lunghi anni. A scuola Léa veniva vista dai compagni come una marginale. Rinchiusa in una timidezza quasi patologica, non arrivò neppure al diploma, lasciando gli studi. Nessuno - racconta - dava particolarmente attenzione a tutto ciò. 

Anche l’inizio della sua carriera cinematografica non sembra dovuto all’accendersi in lei del fuoco sacro della recitazione. Alla scuola di teatro arrivò nel 2005 - ventenne - più che altro perché si pensava che potesse essere una buona terapia per la timidezza. All’inizio ebbe qualche particina, sembra di capire più perché inserita in un giro di conoscenze dove c’erano parecchi attori che per una vera motivazione. Piccole cose: spot pubblicitari, video musicali. Cose che più che altro sfruttavano la sua immagine. Innamoratasi di un attore - e rifiutata - si disse che lo avrebbe impressionato con la sua carriera, quasi per vendicarsi. Poi, piano piano, questa ragazza irrisolta e poco considerata cominciò a capire che proprio la recitazione avrebbe potuto veramente riuscire a farla diventare se stessa.

 

 

Senza raccomandazioni, come ha spesso tenuto a sottolineare, già nel 2007 ottiene una parte nel film Une vieille Maîtresse, e l’anno seguente è a fianco di Louis Garrel nel film per la tv La belle personne, in una parte da coprotagonista.

È l’inizio di una vera attività da attrice, ed è l’inizio di un vero crescendo. Il suo volto delicato, bellissimo e molto francese la fa notare e i progetti crescono d’importanza, arrivando sino a piccole parti in notevoli produzioni internazionali Mission Impossible: Protocollo Fantasma e Midnight in Paris, di Woody Allen, su tutti.

Ma i film della svolta sono due: nel 2011 Sister, di Ursula Meier, in concorso (e premiato) a Berlino, la fa notare al pubblico cinefilo, mentre due anni dopo La vita di Adele la consacra davanti a quello internazionale: la giuria di Cannes, presieduta quell’anno da Spielberg, offre al film la Palma d’Oro e alle due interpreti, Léa e la giovane Adèle Exarchopoulous, il premio ex-aequo per la miglior attrice. Non era mai successo che venisse diviso, fino a quella volta.

Da lì in poi Léa Seydoux ha ogni porta aperta: tanto quelle del cinema autoriale che quelle della fabbrica di blockbuster. La sua immagine sempre vagamente distaccata e misteriosa è adatta tanto ai film di Bond - apparirà in ben due di questi, 007 Spectre e No Time to Die, privilegio raro - quanto ai lavori di registi come Wes Anderson o come Giorgos Lanthimos.

La sua ultima apparizione sui nostri schermi è stata con Crimes of the Future, di Cronenberg, ma la vedremo presto anche in Un bel mattino, di Mia Hansen-Løve.
E il 2023 sarà un altro anno di grandi partecipazioni: sarà Emmanuelle nel film omonimo di Audrey Diwan, tornerà a recitare per Cronenberg insieme a Vincent Cassel in The Shrouds, sarà protagonista nel nuovo film fantascientifico di Bertrand Bonello e avrà un ruolo nella seconda parte del Dune di Villeneuve. 

 

Filmografia essenziale di Léa Sydoux

locandina I misteri di Lisbona

I misteri di Lisbona

Drammatico - Portogallo, Francia, Brasile 2010 - durata 355’

Titolo originale: Mistérios de Lisboa

Regia: Raoul Ruiz

Con Léa Seydoux, Melvil Poupaud, Clotilde Hesme, Maria João Bastos, Malik Zidi, Lena Friedrich

in streaming: su

locandina Belle épine

Belle épine

Drammatico - Francia 2010 - durata 80’

Titolo originale: Belle épine

Regia: Rebecca Zlotowski

Con Léa Seydoux, Anaïs Demoustier, Johan Libéreau, Guillaume Gouix, Anna Sigalevitch, Swann Arlaud

locandina Sister

Sister

Drammatico - Francia, Svizzera 2012 - durata 97’

Titolo originale: L'enfant d'en haut

Regia: Ursula Meier

Con Léa Seydoux, Kacey Mottet Klein, Gillian Anderson, Martin Compston, Johan Libéreau, Jean-François Stévenin

Al cinema: Uscita in Italia il 11/05/2012

in streaming: su

locandina La vita di Adele

La vita di Adele

Drammatico - Francia 2013 - durata 187’

Titolo originale: La vie d'Adèle (Chapitre 1 & 2)

Regia: Abdellatif Kechiche

Con Léa Seydoux, Adèle Exarchopoulos, Salim Kechiouche, Mona Walravens, Jérémie Laheurte, Alma Jodorowsky

Al cinema: Uscita in Italia il 24/10/2013

in streaming: su Netflix NowTV Sky Go iTunes

locandina Saint Laurent

Saint Laurent

Biografico - Francia 2014 - durata 135’

Titolo originale: Saint Laurent

Regia: Bertrand Bonello

Con Gaspard Ulliel, Jérémie Rénier, Louis Garrel, Léa Seydoux, Amira Casar, Aymeline Valade

locandina Grand Budapest Hotel

Grand Budapest Hotel

Commedia - USA 2014 - durata 103’

Titolo originale: The Grand Budapest Hotel

Regia: Wes Anderson

Con Ralph Fiennes, Tony Revolori, Edward Norton, Owen Wilson, Tilda Swinton, Jude Law

Al cinema: Uscita in Italia il 10/04/2014

in streaming: su Disney+ Prime Video

locandina Diary of a Chambermaid

Diary of a Chambermaid

Drammatico - Francia 2015 - durata 96’

Titolo originale: Journal d'une femme de chambre

Regia: Benoît Jacquot

Con Léa Seydoux, Vincent Lindon, Vincent Lacoste, Clotilde Mollet, Hervé Pierre

locandina The Lobster

The Lobster

Fantascienza - Grecia, Regno Unito, Irlanda 2015 - durata 118’

Titolo originale: The Lobster

Regia: Yorgos Lanthimos

Con Colin Farrell, Rachel Weisz, Léa Seydoux, Ben Whishaw, Olivia Colman, Aggeliki Papoulia

Al cinema: Uscita in Italia il 15/10/2015

in streaming: su Prime Video

locandina 007: Spectre

007: Spectre

Azione - USA, Regno Unito 2015 - durata 148’

Titolo originale: Spectre

Regia: Sam Mendes

Con Daniel Craig, Léa Seydoux, Christoph Waltz, Ralph Fiennes, Rory Kinnear, Monica Bellucci

Al cinema: Uscita in Italia il 05/11/2015

locandina Roubaix, una luce

Roubaix, una luce

Drammatico - Francia 2019 - durata 120’

Titolo originale: Roubaix, une lumière

Regia: Arnaud Desplechin

Con Roschdy Zem, Antoine Reinartz, Léa Seydoux, Sara Forestier

Al cinema: Uscita in Italia il 01/10/2020

in streaming: su Prime Video

locandina The French Dispatch

The French Dispatch

Commedia - Germania, USA 2020 - durata 107’

Titolo originale: The French Dispatch of the Liberty, Kansas Evening Sun

Regia: Wes Anderson

Con Benicio Del Toro, Adrien Brody, Tilda Swinton, Léa Seydoux, Frances McDormand, Timothée Chalamet

Al cinema: Uscita in Italia il 11/11/2021

in streaming: su Disney+ Infnity+ Prime Video

locandina No Time to Die

No Time to Die

Spionaggio - USA, Regno Unito 2021 - durata 163’

Titolo originale: No Time to Die

Regia: Cary Fukunaga

Con Daniel Craig, Rami Malek, Ralph Fiennes, Naomie Harris, Rory Kinnear, Léa Seydoux

Al cinema: Uscita in Italia il 30/09/2021

in streaming: su Prime Video

locandina France

France

Drammatico - Francia 2021 - durata 133’

Titolo originale: France

Regia: Bruno Dumont

Con Léa Seydoux, Benjamin Biolay, Blanche Gardin, Emanuele Arioli, Juliane Köhler, Gaëtan Amiel

Al cinema: Uscita in Italia il 21/10/2021

locandina Crimes of the Future

Crimes of the Future

Fantascienza - Canada, Grecia, Francia 2022 - durata 107’

Titolo originale: Crimes of the Future

Regia: David Cronenberg

Con Kristen Stewart, Viggo Mortensen, Léa Seydoux, Scott Speedman, Tanaya Beatty, Lihi Kornowski

Al cinema: Uscita in Italia il 24/08/2022

locandina Un bel mattino

Un bel mattino

Sentimentale - Francia 2022 - durata 112’

Titolo originale: Un beau matin

Regia: Mia Hansen-Løve

Con Léa Seydoux, Melvil Poupaud, Nicole Garcia, Pascal Greggory, Kester Lovelace, Ema Zampa

Al cinema: Uscita in Italia il 12/01/2023