C’è un vecchio detto che circolava nell’America degli anni Venti che diceva “se incontri un ragno per strada fai attenzione: potrebbe essere Lon Chaney!” con uno scherzoso riferimento alla straordinaria capacità trasformista del grande attore dei tempi del muto

Mutatis mutandis, la cosa si potrebbe dire oggi per Cate Blanchett. Con una differenza: che la grande attrice australiana, che sul set ha dato vita a personaggi di ogni tipo, spesso non ha nemmeno bisogno di cambiare di aspetto: è sempre lei, belllissima, inarrivabile. Certo era meno riconoscibile quando ha interpretato Bob Dylan in Io non sono qui (2007), di Todd Haynes. E in certi episodi del film sperimentale tedesco Manifesto (2017) è letteralmente trasfigurata. Ma non sono stati trucco e parrucco a rendere grande la Blanchett. Ci ha sempre pensato da sola. 

Cate Blanchett
Cate Blanchett

Il fatto è che il cinema ama Cate Blanchett. Che si tratti di fantasy come Il signore degli anelli, di cinema sperimentale, di blockbuster come Indiana Jones (per Spielberg il miglior villain della saga fu quello impersonato da lei) o di cinema autoriale, non fa differenza. E lei cortesemente ricambia: a suo agio tanto nei grandi drammi storici come in quelli moderni, la Blanchett è forse oggi l’ultima incarnazione del mito della attrice sublime, senza però mai essere diva. Per lei non ce n’è bisogno. Sarà il suo essere australiana, forse, sarà la sua modernità. Possono metterla - come ha fatto la rivista Empire -  nella lista delle 100 star del cinema più sexy di tutti i tempi, possono dedicarle statue in bronzo, come quella (bruttina davvero) che si trova a New York, o in cera come quella del Museo Madame Tussaud a Hollywood. Possono tributarle grandi premi - l’Oscar alla miglior attrice non protagonista per The Aviator e quello per la miglior protagonista per Jasmine. Possono dedicarle francobolli commemorativi, come ha fatto la sua nazione inserendola tra le Australian Legends. Lei resta se stessa - come emerge da ogni intervista: una donna impegnata su mille fronti - l’attivismo ambientale, quello umanitario -, la moglie dello stesso uomo (lo sceneggiatore Andrew Upton), sposato in gioventù, la madre di quattro figli. Una che parla sempre chiaro, senza giri di parole, anche su temi sensibili. 

" data-credits=
Il francobollo che l'Australia ha dedicato a Cate Blanchett

A proposito di Australia: non abbiamo nemmeno idea di quanto sia importante nella sua nazione Cate Blanchett. Anche perché va tenuto presente che - come nella tradizione dei grandi attori britannici (e l’Australia è pur sempre ancor oggi una monarchia dove regna Carlo III) - Cate Blanchett è anche un’attrice di teatro. Lo è stata ai suoi esordi e ha continuato a esserlo negli anni, lavorando spesso insieme al marito, con il quale ha anche co-diretto il Sydney Theatre Company, dal 2008 al 2011. È pertanto una figura molto attiva sulla scena culturale locale, ed è tornata a vivere in Australia nel 2006, dopo dieci anni trascorsi a Londra.  

Il suo ultimo film, con cui ha appena vinto a Venezia la sua seconda coppa Volpi, TÁR (2022), sarà nei cinema a novembre. 

Filmografia essenziale di Cate Blanchett

locandina Paradise Road

Paradise Road

Drammatico - USA 1997 - durata 100’

Titolo originale: Paradise Road

Regia: Bruce Beresford

Con Glenn Close, Frances McDormand, Cate Blanchett, Julianna Margulies

in streaming: su Prime Video

Il suo primo film: un esordio a fianco di grandi attrici nei panni di un'infermiera australiana catturata dall'esercito giapponese durante la seconda guerra mondiale.
locandina Oscar e Lucinda

Oscar e Lucinda

Drammatico - Australia 1997 - durata 132’

Titolo originale: Oscar and Lucinda

Regia: Gillian Armstrong

Con Ralph Fiennes, Cate Blanchett, Ciarán Hinds, Tom Wilkinson

in streaming: su Disney+ Prime Video

Nello stesso anno del precedente si colloca anche il suo primo del ruolo da protagonista, affiancata da Ralph Fiennes. Il mondo comincia ad accorgersi di lei, ma l'Australia è già innamorata della sua nuova star e l'Australian Film Institute le tributa il premio per la miglior attrice dell'anno.
locandina Elizabeth

Elizabeth

Biografico - Gran Bretagna 1998 - durata 124’

Titolo originale: Elizabeth

Regia: Shekhar Kapur

Con Cate Blanchett, Geoffrey Rush, Christopher Eccleston, Joseph Fiennes

in streaming: su Netflix Tim Vision Prime Video

Interpretando questo dramma storico ei panni di Elisabetta I, sotto la direzione Shekhar Kapur, arriva la consacrazione mondiale e i primi premi di rilievo. il Golden Globe e il BAFTA. Ciliegina sulla torta la nomination agli Oscar come miglior attrice.
locandina Il talento di Mr. Ripley

Il talento di Mr. Ripley

Thriller - USA 1999 - durata 150’

Titolo originale: The Talented Mr Ripley

Regia: Anthony Minghella

Con Matt Damon, Gwyneth Paltrow, Jude Law, Cate Blanchett, Philip Seymour Hoffman, Jack Davenport

in streaming: su Netflix Tim Vision Prime Video

Grande successo commerciale, il film con un cast di star - Matt Damon, Gwyneth Paltrow, Jude Law e Philippe  Seymour Hoffman - offre a Cate Blanchett il suo secondo premio BAFTA. In due anni dall'esordio la Blanchett è divenuta un nome che conta nel giro dei nomi che contano.
locandina Il Signore degli Anelli. La compagnia dell'Anello

Il Signore degli Anelli. La compagnia dell'Anello

Fantasy - USA/Nuova Zelanda 2001 - durata 170’

Titolo originale: The Lord of the Rings: The Fellowship of the Ring

Regia: Peter Jackson

Con Elijah Wood, Ian McKellen, Orlando Bloom, Christopher Lee, Ian Holm, Viggo Mortensen

in streaming: su Prime Video Tim Vision

Anche il pubblico dei blockbuster sa e saprà per sempre chi è Cate Blanchett grazie al primo film della trilogia di Peeter Jackson, dove Cate Blanchett è perfetta nei panni della regina degli elfi, Galadriel. Manterrà ovviamente il ruolo in tutta la trilogia e tornerà anche nella trilogia dello Hobbit
locandina Le avventure acquatiche di Steve Zissou

Le avventure acquatiche di Steve Zissou

Commedia - USA 2004 - durata 118’

Titolo originale: The Life Aquatic with Steve Zissou

Regia: Wes Anderson

Con Bill Murray, Owen Wilson, Cate Blanchett, Anjelica Huston, Willem Dafoe, Jeff Goldblum

Al cinema: Uscita in Italia il 04/03/2005

in streaming: su Disney+ Microsoft Store

Un esempio della trasversalità della Blanchett, che insieme alle mega produzioni hollywoodiane appare anche in opere autoriali, come la stralunata commedia postmoderna di Wes Anderson.
locandina The Aviator

The Aviator

Drammatico - USA/Giappone/Germania 2004 - durata 170’

Titolo originale: The Aviator

Regia: Martin Scorsese

Con Leonardo DiCaprio, Cate Blanchett, Kate Beckinsale, John C. Reilly, Alec Baldwin, Alan Alda

Al cinema: Uscita in Italia il 28/01/2005

in streaming: su Tim Vision Chili Google Play RakutenTv

DiCaprio sperava nell'Oscar per il kolossal di Scorsese sulla vita di Howard Hughes, ma lo manca. Se lo aggiudica invece Cate Blanchett: il suo primo, come miglior attrice non protagonista.
locandina Babel

Babel

Drammatico - USA 2006 - durata 144’

Titolo originale: Babel

Regia: Alejandro González Iñárritu

Con Cate Blanchett, Brad Pitt, Gael García Bernal, Mahima Chaudhry, Jamie McBride, Adriana Barraza

Al cinema: Uscita in Italia il 27/10/2006

in streaming: su Tim Vision RakutenTv

Uno dei migliori film di Iñarritu vede Cate Blanchett insieme a Brad Pitt nell'episodio girato in Marocco.
locandina Io non sono qui

Io non sono qui

Drammatico - USA 2007 - durata 135’

Titolo originale: I'm Not There

Regia: Todd Haynes

Con Christian Bale, Cate Blanchett, Richard Gere, Heath Ledger

Al cinema: Uscita in Italia il 07/09/2007

in streaming: su MUBI Prime Video Chili

Nel curioso biopic su Bob Dylan di Todd Haynes Cate Blanchett dà vita a una delle anime del grande cantautore e poeta americano. Venezia la premia con la sua prima Coppa Volpi.
locandina Blue Jasmine

Blue Jasmine

Commedia - USA 2013 - durata 98’

Titolo originale: Blue Jasmine

Regia: Woody Allen

Con Cate Blanchett, Sally Hawkins, Alec Baldwin, Peter Sarsgaard, Louis C.K., Bobby Cannavale

Al cinema: Uscita in Italia il 05/12/2013

in streaming: su Infinity+ Tim Vision Prime Video

Il film di Woody Allen offre all'interpretazione della Blanchett un personaggio che le fa guadagnare il suo secondo premio Oscar e questa volta è quello per la miglior attrice protagonista.
locandina Knight of Cups

Knight of Cups

Drammatico - USA 2015 - durata 118’

Titolo originale: Knight of Cups

Regia: Terrence Malick

Con Christian Bale, Cate Blanchett, Natalie Portman, Brian Dennehy, Antonio Banderas, Freida Pinto

Al cinema: Uscita in Italia il 09/11/2016

in streaming: su Prime Video

Non è sicuramente uno dei migliori film di Malick, ma gli attori fanno la fila per essere nei suoi film e la Blanchett non poteva non essere tra i prescelti.
locandina Manifesto

Manifesto

Sperimentale - Germania, Australia 2017 - durata 94’

Titolo originale: Manifesto

Regia: Julian Rosefeldt

Con Cate Blanchett, Erika Bauer, Carl Dietrich, Marie Borkowski Foedrowitz, Ea-Ja Kim, Marina Michael

Al cinema: Uscita in Italia il 23/10/2017

in streaming: su I Wonderfull

Nonostante la sua costante affiliazione ai più grandi progetti dei maggiori registi, Cate Blanchett non disdegna di apparire anche in opere di taglio completamente diverso, come questo molto particolare lavoro del regista tedesco Julian Rosefeldt dove lei si cimenta in 13 personaggi e in altrettanti monologhi.
locandina Mrs. America

Mrs. America

Drammatico - USA 2020 - durata 48’

Titolo originale: Mrs. America

Creato da: Dahvi Waller

Con Cate Blanchett, Elizabeth Banks, Chris Tarpos, David Barrett, Alison Brooks, Lizz Alexander

in streaming: su

Anche per Cate Blanchett negli ultimi anni si è aperto il mondo della serialità televisiva. Oltre alla serie australiana Stateless (2020), questa miniserie in nove episodi su un'attivista antifemminista negli anni '70 rappresenta al momento la sua prova migliore.
locandina TÁR

TÁR

Musicale - USA 2022 - durata 158’

Titolo originale: TÁR

Regia: Todd Field

Con Cate Blanchett, Mark Strong, Sydney Lemmon, Julian Glover, Nina Hoss, Noémie Merlant

Al cinema: Uscita in Italia il 30/11/-0001

Apprezzatissima nel ruolo della direttrice d'orchestra Lydia Tár, Cate Blanchett riceve a Venezia per la seconda volta la Coppa Volpi per la miglior interprete femminile.