Hercule Poirot era un rifugiato belga approdato sulle coste inglesi con gli altri connazionali che, nel 1914, all’inizio della Prima guerra mondiale, fuggivano dall’esercito tedesco che aveva invaso il Belgio per attaccare la Francia da est. L’invasione fu violenta e contribuì a determinare l’entrata in guerra della Gran Bretagna. Sulle coste inglesi sbarcarono circa 250 mila belgi; alla fine del conflitto, molti tornarono a casa. Ma qualcuno restò: per esempio, un ometto con la testa a forma di uovo, gli occhi verdi da gatto, i capelli impomatati e i baffi a manubrio, ex funzionario di polizia tramutatosi in investigatore privato.

L’aveva inventato una giovane signora che nel 1914, quando il marito ufficiale di aviazione era partito per il fronte, aveva cominciato a lavorare come infermiera volontaria e nel dispensario dell’ospedale di Torquay, sulle coste del Devon. La giovane signora (che nel dispensario acquisì un’accurata conoscenza dei veleni) si chiamava Agatha Christie e, sfidata da sua sorella, nel 1916 cominciò a scrivere un romanzo poliziesco, ispirandosi a Sherlock Holmes per i metodi d’indagine e la struttura narrativa e ai belgi che incontrava a Torquay per il suo protagonista.

 Poirot a Styles Court - Edizione Compagnia del giallo
Poirot a Styles Court - Edizione Compagnia del giallo


Poirot a Styles Court, rifiutato dai primi editori ai quali fu inviato, fu finalmente accettato nel 1920, con un contratto capestro dal quale l’autrice si affrancò solo nel 1926 quando, dopo un secondo romanzo e una raccolta di racconti, pubblicò L’assassinio di Roger Ackroyd, che la rese celebre, insieme al suo detective. Sempre in vetta nelle classifiche dei migliori polizieschi della storia, L’assassinio di Roger Ackroyd è la quintessenza della Christie: è cioè un formidabile inganno.

Perché Agatha Christie spesso bara: il colpevole è uno degli investigatori (come in uno dei suoi polizieschi “di formazione“, Il mistero della camera gialla di Gaston Leroux, un altro capolavoro della detective story), il colpevole è il narratore, il colpevole muore troppo presto, l’innocente è colpevole, i colpevoli sono tanti, e via ingannando. Più di una violazione delle regole del giallo dettate da S.S. Van Dine nel 1928. E tuttavia alcune costruzioni della “regina del giallo“ sono irresistibili, forse anche perché sono “umane“ e tradiscono la scienza della detection per inseguire il sentimento.

Proprio con Poirot l’autrice trova il suo complice più efficace: al di là dell’apparenza affettata, il belga non è solo un eccezionale ammasso di «celluline grigie», ma è anche un gentiluomo cortese e ragionevolmente socievole, che apprezza le donne e non disprezza gli uomini (a differenza del modello Holmes) e - oltre a studiare la scena del delitto, scrutare, misurare - sa leggere nei caratteri e nelle loro storie, sa chiacchierare, facendo abbassare la guardia agli interlocutori con il suo inglese (a bella posta) esitante e insegue sempre, con la verità, anche la giustizia. Il fatto che faccia sorridere mettendo in ordine i soprammobili nelle case altrui, spazzolandosi immaginari granelli di polvere dalla giacca, usando retina per capelli e tirabaffi - insomma che sia (come ha detto Kenneth Branagh) un ossessivo-compulsivo - non toglie nulla alla sua umanità.

Kenneth Branagh in Assassinio sul Nilo, in sala dal 10 febbraio
Kenneth Branagh in Assassinio sul Nilo, in sala dal 10 febbraio

Certo, anche a lui fanno comodo un amico-narratore stile Watson (il capitano Hastings, che esordisce con lui, al secondo romanzo si sposa ed emigra in Argentina, ma più tardi ritorna), un ispettore di Scotland Yard con il quale confrontarsi (James Japp), un’invadente detective scrittrice di gialli (Ariadne Oliver, parodia della Christie); ma non sono indispensabili per avvicinarlo al lettore.

Albert Finney in Assassinio sull'Orient Express di Sidney Lumet
Albert Finney in Assassinio sull'Orient Express di Sidney Lumet

Protagonista, tra il 1920 e il 1975, di 33 romanzi e più di 50 racconti, esordiente più che maturo (ha sessant’anni a Styles Court), Poirot arriva presto in teatro (Charles Laughton nell’adattamento di Roger Ackroyd), fa una fugace apparizione nel cinema all’inizio degli anni ‘30, interpretato da Austin Trevor, ma, a differenza di Miss Marple (che diventa protagonista cinematografica negli anni 60), bisogna aspettare il successo, nel 1974, di Assassinio sull’Orient Express di Lumet e l’insinuante, maniacale interpretazione di Albert Finney perché al piccolo belga vengano riservati spazi analoghi a quelli che aveva avuto Sherlock Holmes fin dagli anni ‘30.

Peter Ustinov in Assassinio sul Nilo
Peter Ustinov in Assassinio sul Nilo

Forse perché, come disse nel 1978 il produttore di Assassinio sul Nilo, quando non poté avere Finney, «quella di Poirot è una parte da caratterista». Aggiungendo: «E Peter Ustinov è il top dei caratteristi». E così Ustinov tentenna e borbotta, senza paura della macchietta, grassoccio e solo all’apparenza svagato, in sei film, fino al 1988. In Agatha Christie: 13 a tavola, nella parte dell’ispettore Japp appare un attore teatrale e televisivo britannico: David Suchet che, nel 1989, è il protagonista della serie Poirot, 70 puntate che, fino al 2013, coprono l’intera carriera dell’investigatore. L’ultima è Sipario, dal romanzo in cui l’autrice fa morire Poirot, di attacco cardiaco, pubblicato nel 1975.

David Suchet e Toby Jones in Assassinio sull'Orient Express (2010)
David Suchet e Toby Jones in Assassinio sull'Orient Express (2010)

Il 6 agosto dello stesso anno uscì quello che è forse l’unico necrologio dedicato dal “New York Times” a un personaggio di finzione: Hercule Poirot Is Dead; Famed Belgian Detective. Agatha Christie aveva allora 84 anni. Hercule Poirot un’età sconosciuta, che però si aggirava intorno ai 115.

Il necrologio del New York Times
Il necrologio del New York Times, pubblicato il 6 agosto del 1975

IL TRAILER DI ASSASSINIO SUL NILO (2022)

Autore

Emanuela Martini

Direttrice di Film Tv dal 1999 al 2007, dagli anni Ottanta nel comitato di redazione del mensile Cineforum (che oggi dirige), direttrice del Torino Film Festival dal 2014 al 2019, dice di sé: "Capelli rossi, lettrice forte, brutto carattere (dicono). La prima volta mi hanno portata al cinema che avevo tre anni. Ci stavo dalle 2 alle 8, orario continuato. Praticamente, non ne sono più uscita: adesso ci sto anche dalle 8 alle 20, e a volte pesa. Ma la passione resta e non mi annoio (quasi mai).".

DIECI VOLTE AGATHA PIù UNO

locandina Testimone d'accusa

Testimone d'accusa

Giallo - USA 1957 - durata 114’

Titolo originale: Witness for the Prosecution

Regia: Billy Wilder

Con Marlene Dietrich, Charles Laughton, Tyrone Power, Elsa Lanchester

in streaming: su Apple TV Amazon Video Rakuten TV

Dal dramma del 1953, un capolavoro del processuale dominato dal dilagante Charles Laughton e dall’ambigua Marlene Dietrich. Tyrone Power è l’imputato che si proclama innocente, Elsa Lanchester l’infermiera del burbero avvocato. Irresistibili i duetti Laughton-Lanchester e il gioco di maschere e inganni.
locandina Assassinio sull'Orient Express

Assassinio sull'Orient Express

Giallo - Gran Bretagna 1975 - durata 131’

Titolo originale: Murder on the Orient Express

Regia: Sidney Lumet

Con Albert Finney, Ingrid Bergman, Lauren Bacall, Martin Balsam, Jean-Pierre Cassel

in streaming: su Apple TV Amazon Video MUBI Rakuten TV MUBI Amazon Channel Infinity Selection Amazon Channel

L’adattamento più bello del romanzo più famoso, con il Poirot pignolo e felino di Albert Finney (stessi occhi verdi lampeggianti) e un cast all star. Notevole ricostruzione d’epoca e uso puntuale dei flashback. Lumet impone ritmo alla claustrofobia e condivide la giustizia morale dell’imprevisto finale.
locandina Dieci piccoli indiani

Dieci piccoli indiani

Giallo - USA 1945 - durata 97’

Titolo originale: And Then There Were None

Regia: René Clair

Con Barry Fitzgerald, Walter Huston, Louis Hayward, Roland Young

in streaming: su Amazon Prime Video Classix Plex FilmBox+

Dieci sconosciuti invitati da un misterioso ospite su un’isola cominciano a morire uno a uno... Sospetti intrecciati, suspense ironica, occhi che spiano, un piccolo soriano a far da guida. Clair si diverte in giallo (rosa), con mano leggera e humour nero. Il migliore dei molti film tratti dal romanzo.
locandina Assassinio sul treno

Assassinio sul treno

Giallo - Gran Bretagna 1961 - durata 87’

Titolo originale: Murder, She Said

Regia: George Pollock

Con Margaret Rutherford, Charles Tingwell, Arthur Kennedy, Muriel Pavlow

in streaming: su Apple TV Amazon Video Rakuten TV

Il primo dei quattro film su Miss Marple interpretati dalla ruminante, energica Margaret Rutherford che, a settant’anni, divenne celebre. Forse il migliore è Assassinio al galoppatoio. Bianco e nero, bel ritmo, humour arguto, i migliori caratteristi british, tema musicale cult di Ron Goodwin.
locandina Il segreto di Agatha Christie

Il segreto di Agatha Christie

Giallo - USA 1979 - durata 98’

Titolo originale: Agatha

Regia: Michael Apted

Con Vanessa Redgrave, Dustin Hoffman, Timothy Dalton, Helen Morse

Non dall’opera, ma dalla vita di Agatha Christie, che nel 1926 scomparve per dieci giorni e non rivelò mai il motivo della sua fuga. Apted immagina una spiegazione suggestiva (e in linea con i romanzi). Vanessa Redgrave è una Christie perfetta, Dustin Hoffman il giornalista americano che l’ammira.

Being Poirot

Documentario - Regno Unito 2013 - durata 48’

Titolo originale: Being Poirot

Regia: Chris Malone

Con David Suchet, David Boulter, Michele Buck, John Curran, Brian Eastman, Brian Farnham

Uno qualunque dei 70 episodi della serie tv. Di solida realizzazione televisiva, hanno azzeccato il miglior Poirot di sempre. David Suchet non ha adattato il personaggio a se stesso, ma ne ha colto l’anima, oltre ai suoi tic più celebri: capelli tinti, baffi perfetti, precisione, una dose di dolcezza.
locandina Delitto sotto il sole

Delitto sotto il sole

Giallo - Gran Bretagna 1982 - durata 120’

Titolo originale: Evil Under the Sun

Regia: Guy Hamilton

Con Peter Ustinov, James Mason, Jane Birkin, Maggie Smith, Colin Blakely, Nicholas Clay

in streaming: su Apple TV Amazon Video Rakuten TV

Dopo Assassinio sul Nilo, il secondo film con il Poirot di Peter Ustinov: l’attore aggiusta il tiro, rende più umano il detective, che comunque resta sempre più Ustinov che Poirot. I film del ciclo sono troppo affascinati da cast e location fastosi, a scapito della stringatezza del giallo.
locandina L'ora del supplizio

L'ora del supplizio

Giallo - Regno Unito 1937 - durata 86’

Titolo originale: Love from a Stranger

Regia: Rowland V. Lee

Con Ann Harding, Basil Rathbone, Binnie Hale, Bruce Seton, Jean Cadell, Bryan Powley

Thriller hitchcockiano su una donna che sospetta di aver sposato un assassino. Da una commedia tratta dal racconto Il villino degli usignoli, diretto con mestiere da Lee, tutto giocato sui protagonisti: la bionda Ann Harding e l’equivoco Basil Rathbone (cattivo per eccellenza che poi divenne Holmes).
locandina Assassinio allo specchio

Assassinio allo specchio

Giallo - Gran Bretagna, USA 1980 - durata 108’

Titolo originale: The Mirror Crack'd

Regia: Guy Hamilton

Con Angela Lansbury, Kim Novak, Tony Curtis, Rock Hudson, Elizabeth Taylor, Geraldine Chaplin

in TV: 16/04/2024 - Twenty Seven - Ore 23.20

in streaming: su Apple TV

Da un cupo romanzo, un adattamento tanto sontuoso quanto prevedibile, zeppo di star. Su tutti, Elizabeth Taylor e Kim Novak (le due dive che combattono per il ruolo di Maria Stuarda) e soprattutto Angela Lansbury, giusta per la parte di Miss Marple, che anticipa la futura signora in giallo televisiva.
locandina Assassinio sull'Orient Express

Assassinio sull'Orient Express

Giallo - USA 2017 - durata 114’

Titolo originale: Murder on the Orient Express

Regia: Kenneth Branagh

Con Kenneth Branagh, Johnny Depp, Michelle Pfeiffer, Penélope Cruz, Daisy Ridley, Lucy Boynton

Al cinema: Uscita in Italia il 30/11/2017

in streaming: su Apple TV Netflix Amazon Video Rakuten TV Microsoft Store Disney Plus Netflix basic with Ads

Un discreto thriller: forse troppi effetti speciali nuocciono alla compattezza del dramma, ma l’intreccio è sempre efficace. Quello che funziona meno è Poirot, a partire dai baffi (troppo teatrali) e dall’inedita agilità fisica. Si chiama Poirot, ma si legge Branagh, shakespeariano a ogni costo.
locandina Assassinio sul Nilo

Assassinio sul Nilo

Giallo - USA 2022 - durata 134’

Titolo originale: Death on the Nile

Regia: Kenneth Branagh

Con Kenneth Branagh, Tom Bateman, Annette Bening, Gal Gadot, Armie Hammer, Emma Mackey

Al cinema: Uscita in Italia il 10/02/2022

in streaming: su Apple TV Amazon Video Rakuten TV Microsoft Store Disney Plus

In sala dal 10 febbraio 2022