Sta per arrivare finalmente nelle sale italiane uno dei titoli più sorprendenti dello scorso anno. How to Have Sex ha iniziato il suo percorso al Festival di Cannes, dove venne presentato nella sezione Un Certain Regard. Proprio da qui, il film diretto da Molly Manning Walker ha cominciato a ottenere riconoscimenti e a raggiungere ambiti palcoscenici internazionali, innanzitutto vincendo il primo premio della relativa sezione proprio sulla Croisette, poi imponendosi come miglior film rivelazione agli EFA e inaugurando, lo scorso autunno, il festival Alice nella Città a Roma, in concomitanza con la Festa del Cinema. Il primo febbraio, grazie al lavoro congiunto di Teodora Film e MUBI, la pellicola uscirà nei cinema italiani per poi arrivare successivamente in esclusiva streaming sulla piattaforma online.

Mia McKenna-Bruce
How to Have Sex (2023) Mia McKenna-Bruce

Il film racconta la storia di tre adolescenti britanniche che si recano a Creta per una vacanza senza limiti. Lo scopo è il divertimento sfrenato ma, poco alla volta, emergeranno all’interno del gruppo alcune dinamiche inaspettate che costringeranno le ragazze a fare i conti con una dimensione emotiva più intima e privata. Quello che emerge dal lavoro di Molly Manning Walker è quindi un ritratto generazionale provocatorio ed estremo, capace di dividere le platee e stimolare discussioni. Si raccontano gli eccessi, ma al tempo stesso anche le insicurezze, la sensibilità e la fragilità di una generazione abituata a non porsi limiti e a cavalcare fino agli estremi l’edonismo contemporaneo.

Molly Manning Walker
How to Have Sex (2023) Molly Manning Walker

“Ho avuto l’occasione di rivedere alcune amiche del liceo e stavamo ricordando le vacanze tra ragazze che facevamo allora”, ha dichiarato la giovanissima regista nata nel 1993. Passando in rassegna quei momenti, Manning Walker ha iniziato a rendersi conto dell’impatto che quei giorni spensierati hanno effettivamente poi avuto sulla sua crescita. Da qui nasce l’idea di concepire un film in grado di raccontare la pressione sociale che spinge i giovani alle prime esperienze, privo però di uno sguardo giudicante ma finalizzato a racchiudere quello che è al tempo stesso il momento più eccitante e malinconico della vita di molte persone.

Mia McKenna-Bruce
How to Have Sex (2023) Mia McKenna-Bruce

Esattamente come accadeva in Aftersun (2022), il film di Charlotte Wells presente a sua volta all’interno del catalogo di MUBI, anche How to Have Sex segna quindi un altro interessante debutto britannico capace di portare sullo schermo la malinconia che attanaglia generazioni di vacanzieri convinti di potersi godere una spensierata parentesi di svago dalla routine quotidiana, ma che finiranno poi per doversi confrontare con problemi e pensieri decisamente più ingombranti che hanno a che vedere con la propria identità: un ritratto intimo e personale che restituisce il disorientamento delle giovani generazioni britanniche che, dalla Brexit in poi, stanno cercando giorno dopo giorno di comprendere meglio il proprio posto, il proprio trascorso, per poter intraprendere con maggior cognizione la strada che le condurrà al domani.

Autore

Simone Soranna

Simone Soranna, classe 1991, è docente di cinema in numerose scuole di ogni ordine e grado e presso l'Università Statale e l'Università Cattolica di Milano. Come critico, scrive per Film Tv e Cineforum ed è caporedattore di CineCriticaWeb (il portale online del Sindacato Nazionale dei Critici Cinematografici Italiani). Collabora anche come autore e corrispondente televisivo per Sky Cinema. Per Bietti Edizioni, ha pubblicato due libri dedicati al cinema di animazione.

Il film

locandina How to Have Sex

How to Have Sex

Drammatico - USA 2023 - durata 98’

Titolo originale: How to Have Sex

Regia: Molly Manning Walker

Con Mia McKenna-Bruce, Samuel Bottomley, Lara Peake, Daisy Jelley, Eilidh Loan, Shaun Thomas

Al cinema: Uscita in Italia il 01/02/2024