Cédric, quarantenne “maschio alfa”, viene ripreso dai social mentre fa una battutaccia machista a una telecronista sportiva. Il video diventa virale e i suoi superiori non possono fare finta di niente. Così lo sospendono dal lavoro sine die. Disperato, Cédric si consulta con il fratello Jean-Michel, dalla spiccata sensibilità femminista, e lui gli consiglia di scrivere una sorta di libro attraverso il quale interrogarsi sulle motivazioni della propria misoginia. Cédric, però, ha una moglie, Nadine, che decide di rinunciare alla maternità e quindi torna a lavorare. Entra in scena Amy, la babysitter molto sexy, e Cédric sarà costretto a mettersi alla prova definitivamente.

" data-credits=
Scena di Babysitter di Monia Chokri (2022)


Babysitter è una commedia canadese ispirata all’omonima piéce teatrale di Catherine Léger, che collabora con la regista Monia Chokri, anche protagonista nel ruolo di Nadine, alla sceneggiatura del film. Il presupposto sono due uomini, Cédric e Jean-Michel, nel loro rapporto con le donne - anzi nella loro considerazione delle donne - raccontati da due donne. Dice Chokri: «Quello che ho amato del testo di Catherine è che i personaggi si dicono spesso delle cose che sono l’opposto di quello che pensano. È una contraddizione “chekoviana” che mi affascina. La pièce non è assolutamente manichea, perché anche i personaggi femminili, come Nadine, sono pieni di contraddizioni nel rapporto con gli uomini e mi entusiasmava l’idea di poter sfidare tutti gli stereotipi di genere».

" data-credits=
Scena di Babysitter (2022) di Monia Chokri


Babysitter è acido, grottesco, spesso giocato sui gag verbali (in stretto québécois, tanto che in Francia il film è uscito con alcune parti sottotitolate) ma la sorpresa è che Monia Chokri ha pensato di girarlo come un horror. Per la fotografia vintage si è in particolare ispirata a un cult degli anni 70 come La vestale di Satana di Harry Kümel. «Il cinema dell’orrore» spiega la regista «mi interessa molto e credo che soprattutto quello degli anni 60 e 70 vada conosciuto bene per avere l’idea di un certo stereotipo femminile, la donna come fonte del male in quanto seduttrice. Un tema sul quale rifletto». Non ci stupiremmo se il prossimo film della cineasta canadese fosse a questo punto al 100% horror.

IL FILM

locandina Babysitter

Babysitter

Commedia - Canada 2022 - durata 0’

Titolo originale: Babysitter

Regia: Monia Chokri

Con Monia Chokri, Nadia Tereszkiewicz, Patrick Hivon, Hubert Proulx, Steve Laplante

in streaming: su MUBI