«Io mi uccido perché voi non mi avete amato, perché io non vi ho amato. Mi uccido perché i rapporti erano allentati, per rinsaldarli. Lascerò su di voi una macchia indelebile». Così Pierre Drieu La Rochelle scriveva in Fuoco fatuo, riversando brutalmente su carta il suo ego ipertrofico e lacerato. La passeggiata di Alain (portata sullo schermo dal miglior Malle possibile) è ora di Anders.

" data-credits=
Scena di Oslo, August 31st


Al termine di un agosto di oggi, in una Oslo omaggiata in apertura da frammenti di reminiscenze sussurrate su materiale d’archivio, come a rivelare le voci di una città. E a sceglierne una. Una che non s’è mai legata al paesaggio, che non s’è saputa consolare con i suoi momenti feriali, con l’esistere che scorre, con le cose, quelle piccole.

E quando nel finale la mdp di Trier ripercorre i luoghi lasciati vuoti dal protagonista, non sta cercando un’assenza. Ma sta mostrando ciò a cui lui - tossico ripulito, mistico incompreso in cerca di perdono - non s’è aggrappato, dilaniato tra la resa al quotidiano e l’impossibile autenticità di chi vuole tenere fede alla propria insofferente gioventù.

Un’opera struggente, di miracolosa limpidezza, scevra d’orpelli. E con pudici slanci impressionisti che cercano di comprendere il protagonista, prima di lasciarlo andare via per sempre.



Autore

Giulio Sangiorgio

Dirige Film Tv, sceglie film per Filmmaker. Non è in grado di stendere un suo profilo, ma sa che l'anagramma del suo nome è Luigio Nasogrigio.

IL FILM

locandina Oslo, 31. August

Oslo, 31. August

Drammatico - Norvegia 2011 - durata 96’

Titolo originale: Oslo, 31. August

Regia: Joachim Trier

Con Anders Danielsen Lie, Johanne Kjellevik Ledang, Kjærsti Odden Skjeldal, Petter Width Kristiansen, Hans Olav Brenner, Ingrid Olava

in streaming: su MUBI