Trama

Joker è noto per essere uno dei nemici storici di Batman. Ma la storia del suo alter ego Arthur Fleck rivela come un uomo trascurato dalla società possa riversare tutta la sua grinta in qualcosa che sarà di futuro monito per tutto il mondo.

Approfondimento

JOKER: ALLA RICERCA DELLE RADICI DELL'ARCINEMICO DI BATMAN

Diretto da Todd Phillips e sceneggiato dallo stesso con Scott Silver, Joker racconta la storia delle origini di Joker, l'arcinemico per eccellenza di Batman che prima di essere tale è stato solo Arthur Fleck, un uomo ignorato dalla società. Nella Gotham City del 1981, regno di crimine e corruzione, Arthur Fleck si guadagna da vivere come pagliaccio, esibendosi per turisti e bambini, ma sogna di raggiungere la fama come monologhista e comico, al pari del suo personale mito: il conduttore di talk show Murray Franklin. La gente però non fa mai ciò che Arthur si aspetti che faccia. Con tormenti interiori che gli rodono l'anima, Arthur è anche alle prese con la madre malata, una donna che continua a rimuginare sempre su quanto siano in obbligo con lei i suoi ex datori di lavoro, la famiglia Wayne. Per Arthur, la vita è così brutta che non gli rimane altro che il sorridere. Man mano che si lascia avvolgere dalla spirale che lo trasforma nell'attento assassino che deve diventare, emergono tutti i dettagli del suo essere in crisi e nemmeno la relazione sentimentale con la vicina Sophie riesce ad evitare il peggio.

Con la direzione della fotografia di Lawrence Sher, le scenografie di Mark Friedberg, i costumi di Mark Bridges e le musiche di Hildur Guðnadóttir, Joker rappresenta un punto di svolta per i cosiddetti fumettoni cinematografici: pur facendo riferimento all'universo di Batman e dei fumetti DC Comics, la storia è infatti del tutto originale e autonoma e offre il ritratto di un uomo che cerca un proprio posto in una società in frantumi. Con atmosfere che omaggiano due capolavori di Martin Scorsese come Re per una notteTaxi Driver, Joker mostra un personaggio che, prigioniero di un'esistenza ciclica, tra patia e crudeltà, prende una decisione sbagliata che innesca una reazione a catena di eventi, in quello che è a tutti gli effetti un crudo studio di personalità. A spiegare meglio il progetto sono le parole del regista in occasione della presentazione del film in concorso al Festival di Venezia 2019: "Mi ha sempre attratto la complessità di Joker e ho pensato che sarebbe stato interessante esplorarne le origini visto che nessuno lo aveva ancora fatto. Parte del suo mistero stava proprio nel non avere un’origine definita, quindi Silver Scott e io ci siamo seduti a scrivere una versione di come poteva essere prima che tutti lo conoscessimo. Abbiamo conservato certi elementi canonici e abbiamo ambientato la storia in una fatiscente Gotham City a cavallo tra gli anni Settanta e Ottanta, epoca a cui risalgono alcuni grandi studi di personalità del cinema che amo. L'abbiamo scritta pensando a Joaquin Phoenix perché quando recita è capace di trasformarsi e va sempre fino in fondo. Speriamo di aver creato un personaggio per il quale emozionarsi, per cui parteggiare, fino al punto in cui non sarà più possibile".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Joker è Todd Phillips, regista, sceneggiatore e produttore statunitense. Nato a Brooklyn nel 1970 e cresciuto a Long Island, Phillips ha frequentato la New York University Film School ma non ha mai portato a termine gli studi per concentrarsi sul suo primo film, il documentario Hated: GG Alin and the… Vedi tutto

Commenti (22) vedi tutti

  • L’ operazione sembra fatta ad hoc per assegnare un Oscar a Phoenix.

    commento di vjarkiv
  • Non mi è piaciuto assolutamente! voto 0. Quanti cinefumettoni e derivati ancora dobbiamo vedere?

    commento di Blogger007
  • Tanti dicono che e un bel film, a me non piace Credevo che c'era più violenza Ottima interpretazione dell'attore principale

    commento di FabioDoc
  • Film con ottime critiche.. a me ha deluso.. non del tutto ma come regia.. il tema è importante .. la recitazione di J.P. da oscar.. la prima parte fatta bene, la seconda esagerata … troppo quasi solo violenza e sangue.. peccato.. voto 6

    commento di nicelady55
  • Come è nato Joker il nemico di Batman, per ora isolato dal resto della saga. Anche grazie a un memorabile Joaquin Phoenix,il film di Todd Phillips ha ottenuto il Leone d'Oro al 76°festival di Venezia, 2019.

    leggi la recensione completa di bufera
  • Opera di denuncia, magnifica, brutale, straziante e trascendentale che ci schiaffa in faccia il degradato presente e, in esatta corrispondenza con la parte finale, un futuro di rivolta e distruzione da parte di una popolazione che (letteralmente) non ce la fa più. J. Phoenix, di una bravura raggelante, tratteggia il Joker definitivo. Voto 8,5

    leggi la recensione completa di rickdeckard
  • Dopo l' overdose di supereroici, Phillips ci fa tornare "groun zero", al livello della strada, in una metropoli sudicia e violenta nella quale muove le sue gesta Arthur, colui che diverrà il famigerato anti-Batman: Joker. Introspezione fulminante e geniale del villain prima di diventare tale, un esercizio recitativo strepitoso.

    leggi la recensione completa di Giorpost
  • Ottime le caratterizzazioni psicologica (del personaggio) e sociopolitica (del contesto); una scintilla di cinema militante.

    leggi la recensione completa di Malpaso
  • Si Phoenix molto bravo ma il film noioso molto, il potenziale è alto ma poi si arena su se stesso. di comics-fantasy c'è poco o nulla, e cmq viene trattato troppo il dramma dell'emarginazione e troppo poco l'esplosione della follia.

    commento di giulmar
  • il film nasce da una sfida interna al mondo dell’intrattenimento televisivo e cinematografico: è possibile conciliare il mondo scanzonato ed eversivo dei ragazzi, per loro natura aperti alle novità e alle ipotesi del più radicale cambiamento dell’ordine sociale, con quello serio (e dileggiato) degli adulti "in cerca d'autore" ?

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Si esce devastati dalla visione di Joker, pietrificati non solo dalla violenza sanguinolenta, ma soprattutto dalla grandiosa prova di Joaquin Phoenix, dalla visione audace dell'autore Todd Phillips e dal livello artistico generale del film che rivoluziona il cinecomic: un incubo urbano oscuro, angosciante, repellente ed indimenticabile.

    leggi la recensione completa di port cros
  • Non scherziamo questo è un grandissimo film, ha tutto per far parte del cinema di alto livello: tensione, coinvolgimento, innovazione, riflessione.

    commento di Arpo05
  • Un’opera monumentale nell’abisso della follia

    leggi la recensione completa di siro17
  • “Per tutta la vita non ho mai saputo se esistevo veramente... ma esisto e le persone iniziano a notarlo...”

    leggi la recensione completa di Brunoarceri
  • La discesa all'infermo del pagliaccio triste, che sogna anche di diventare un comico del cabaret e della tv, Arthur Fleck (una delle tante identità pubbliche del Joker, antagonista per eccellenza di Batman dei fumetti DC Comics).

    leggi la recensione completa di Marco Poggi
  • Cinecomics rivoluzionario che si presenta come un dramma esistenziale stile New Hollywood su di un soggetto problematico abbandonato da una società capitalista che annienta il più debole senza farsi troppi scrupoli. Ottima la regia di Phillips, magistrale ed immensa la prova Joaquin Phoenix

    commento di AndreaVenuti
  • Nuova versione, dopo quella celebrata con l’Oscar postumo a Heath Ledger, del noto antagonista di Batman, Todd Phillips firma una pellicola che ne rilegge le origini, affrancandosi dal tono del fumetto con un iperrelismo spinto, estrema violenza da cronaca nera e nel nome di Martin Scorsese.

    leggi la recensione completa di YellowBastard
  • Vi sembrerà incredibile, ma l'origine di Joker il film di Todd Phillips non è a Los Angeles, non è negli Stati Uniti, non è nelle capitali mondiali della cultura e della letteratura: l'origine del mito del clown assassino è italiana, di un paese in provincia di Cosenza che si chiama Montalto Uffugo…

    leggi la recensione completa di robertoleoni
  • Diario dell'alienazione urbana, genesi vitale di un cattivo da annali "cult"....Joaquin Phoenix si mangia letteralmente Nicholson e il compianto Ledger al servizio di una storia impregnata di dolore,solitudine e violenza...Un film che cita e ricita Scorsese,Lumet e udite udite Charlie Chaplin...da ricordare..

    leggi la recensione completa di GIMON 82
  • La prova di Joaquin Phoenix è stratosferica.Talmente straordinaria da fare perdonare qualche piccolo eccesso di gigioneria. L'interpretazione vale sicuramente 5 stelle. La regia però è solo discreta, sicuramente non all'altezza del suo protagonista e fa abbassare il livello dell'insieme di almeno una stella e mezzo.

    commento di spopola
  • Origin story di uno dei villain più iconici di sempre ma, prima ancora, un film traboccante di dolore, cosparso di quelle mancanze che stanno annientando la nostra società dall'interno. Con un Joaquin Phoenix leggendario: è talmente in parte da farci credere di essere realmente impazzito sul set.

    leggi la recensione completa di supadany
  • Un Joker rivisitato, questo di Todd Phillips, un povero diavolo che non fa più paura, solo pena

    leggi la recensione completa di yume
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

bufera di bufera
10 stelle

Y   Dei diversi Joker visti finora, da Jack Nicholson a Heath Leger, questo, che nasce come in un prequel in una Gotham City (NewYork) degli anni 80 dove tutto è fatiscente e caotico e alla gente viene pian piano tolto tutto (lavoro, assistenza sanitaria, sicurezza), è il più umano che diventa killer spietato proprio perchè ha una tragica storia personale… leggi tutto

36 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

laulilla di laulilla
5 stelle

    Todd Phillips era, fino a poco tempo fa, un regista noto soprattutto al pubblico televisivo (e cinematografico) dei più giovani, nonostante qualche piccola incursione nel documentario  per adulti, come Hated: GG Allin and the Murder Junkies (1993), non uscito in Italia, ma ora proiettato in qualche raro cineclub per far conoscere un po’ dei trascorsi… leggi tutto

3 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

EightAndHalf di EightAndHalf
4 stelle

Già sovrastano i titoli delle recensioni più entusiastiche: il primo cinecomic drammatico. Premettendo che probabilmente non è vero, e che già tanti altri cinecomic belli o brutti hanno preso pieghe drammatiche decisamente più interessanti e innovative, possiamo dire che Joker è un film fallimentare, residuo informe di un immaginario hollywoodiano… leggi tutto

1 recensioni negative

2019
2019

Recensione

negro di negro
6 stelle

Tanto atteso e osannato da deludere le così alte aspettative nonostante sia un buon film. Joker lo avevano interpretato in molti e molto bene, purtroppo anche meglio anche se, a dover essere sinceri, senza il peso di dover essere il protagonista. Buona la scelta più intimistica anche se, proprio su questa ho notato una certa ridondanza di troppo.

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

Ascasubi di Ascasubi
8 stelle

Gotham City sembra una crasi insapore tra San Francisco e Chicago: tra faticosi sali e scendi e rumorosi cigolii della metropolitana, questa città pare non volere eccellere in nulla neppure laddove dovrebbe primeggiare, ovverosia nello squallore. Qui nulla deve condurre al sublime, perché la notte è uguale al giorno; perché nessun edificio supera la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

Mark_Luis di Mark_Luis
8 stelle

Phillips ha confermato le mie sensazioni , cioè che si tratta di un regista al di sopra della media. Già nelle commedie di inizio carriera aveva dato prova di saperci fare, poi con "Trafficanti" , passato completamente inosservato, ha alzato l'asticella e palesato la forte influenza scorsesiana che poi in questo Joker si conferma sia nella messa in scena che nella trama: la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

steno79 di steno79
8 stelle

Mi sono deciso a vederlo nonostante una netta ritrosia verso il genere. È un film in buona parte risolto, che non merita secondo me le stroncature pesanti di influenti critici americani come il critico del New York Times A.O. Scott. La violenza c'è, ma non è compiaciuta o irresponsabile come questi detrattori sostengono con convinzione. È un film volutamente…

leggi tutto

Recensione

CineMagic23 di CineMagic23
8 stelle

    Joaquin Phoenix protagonista indiscusso del film Joker  La pellicola Joker, in una Gotham City al limite del collasso degli anni 80,  racconta la storia di Arthur Fleck. Il desiderio di Fleck fin da piccolo è sempre stato quello di diventare un comico,  dato lo scarso successo e una situazione lavorativa in totale discesa, è costretto a lavorare…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

Ittennico di Ittennico
8 stelle

Buon joker a cattivo sangue Non so se l'interpretazione sia da Oscar. Di certo faccia e frase finale sono di livello superiore. Tipo Psycho. Sono facce che restano. Il film in sé lo ho trovato gradevole ,forse un po' poco scorrevole ma con una sua logica un po' da interpretare via via. Forse ci vuole anche una seconda visione . Mi è già accaduto. Non sono un appassionato…

leggi tutto
Recensione
OSCAR 2020 PREDICTIONS

OSCAR 2020 PREDICTIONS

Ebbene, siamo solamente a metà Ottobre 2019 ma ci pare giusto già parlarvi, in questo lungo articolo, dei film, dei registi e degli… segue

Post

Recensione

Peppe Comune di Peppe Comune
8 stelle

Arthur Fleck (Joaquin Phoenix) è un uomo problematico che soffre di depressione e di un disturbo psichico raro che si manifesta attraverso attacchi di risata incontrollata. Vive in un piccolo appartamento dei bassifondi di Gotham City insieme all’anziana madre Penny (Frances Conroy), una teledipendente avvinta dai tristi ricordi di un amore non corrisposto.  Ricorda sempre con…

leggi tutto

Recensione

Andreotti_Ciro di Andreotti_Ciro
8 stelle

Arthur Fleck, clown di strada e per feste di bambini, vive con la madre, malata e bloccata in casa, in un macilento condominio alla periferia di Gotham City. Arthur, reduce da un ricovero presso l’ospedale psichiatrico e ancora in cura da una psichiatra, sogna di avere successo come comico e per questo cerca di carpire i segreti dei tempi scenici osservando in TV il suo idolo: Murray…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

almodovariana di almodovariana
8 stelle

Dimenticate il joker di Heath Ledger...qui il clown si chiama Arthur Fleck ed è stretto parente del Travis Bickle di Taxi driver.. Emarginato, psicotico e con un presente squallido. Gli toccherà scoprire che orrendo è anche il suo passato e che la madre, con cui vive, gli ha mentito sin da piccolo. Ma soprattutto Arthur è uno straordinario Joaquin Phoenix, la cui…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

rickdeckard di rickdeckard
8 stelle

La prima sensazione che ho avuto dopo aver visto il tanto atteso biopic su Joker (Leone d’Oro a Venezia 76) è che, il mondo illustrato nel film, in realtà, non sia altro che una sorta di presente proiettato, nell’ultima mezz’ora, in un futuro imminente, molto più vicino a noi di quanto il sistema possa immaginare e voglia ammettere. Dico questo…

leggi tutto

Recensione

Giorpost di Giorpost
10 stelle

Il Joker di Phoenix è intimista, disturbante, unico, perfetto. Arthur Fleck vive in un fatiscente palazzone insieme all'anziana madre, pubblicizzando un negozio travestito da clown per sbarcare il lunario. Figlio unico, affetto da disturbi comportamentali, Arthur si prende amorevolmente cura dell'unico genitore disabile, ma soffre di una totale mancanza d'affetto che riscontra…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

Malpaso di Malpaso
9 stelle

La recensione che segue la trovate anche sul mio blog.   La risata che squarcia i sobborghi di Gotham City è la stessa risata trattenuta da ogni singolo individuo che compone il substrato sociale della metropoli, nella quale le diseguaglianze non sono mitigate da una dovuta preoccupazione da parte delle élite. Quale altro modo di liberare gli oppressi se non rendere…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

Gangs 87 di Gangs 87
8 stelle

Se è vero che ad ogni azione corrisponde una reazione, che sono gli eventi che compongono la nostra infanzia, le gioie e ii dolori che viviamo a renderci ciò che siamo, allora Joker finisce per essere l'incarnazione perfetta di tutto il male che Arthur Fleck ha dovuto assorbire nella sua esistenza.   Todd Phillips insieme a Scott Silver partono dai meandri della psiche e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti

Recensione

simo84 di simo84
7 stelle

La storia di Arthur Fleck, un uomo un pò strano ma per bene, un comico fallito preso di continuo (letterelmente) a calci da una società che lo considera un povero idiota da bullizzare. Gli unici momenti lieti sono mentre insieme alla mamma anziana e malata guarda il "Murray Franklin show" la sera alla TV, sognando un giorno di potervi partecipare, e le volte in cui incontra la sua…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

room237 di room237
7 stelle

Per la riuscita di un buon film sono necessarie tante cose a partire da quelle più teoriche, come la scrittura, i temi, il contenuto dell’opera, il messaggio che si vuole dare al pubblico, il tono che la storia deve assumere, a quelle più tecniche come la regia, la fotografia, luci e tutto l’apparato scenografico, il trucco e il parrucco. Ovviamente se a tutte queste…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

George Smiley di George Smiley
8 stelle

"Per tutta la vita non ho mai saputo se esistevo veramente...ma esisto! E le persone iniziano a notarlo." L'invisibilità sembra essere una malattia sempre più diffusa oggigiorno, non più una prerogativa di Chevy Chase nel film di John Carpenter. Invisibili allo Stato, alle istituzioni, alla politica, a una classe dirigente sempre più autoreferenziale e arroccata…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito