Espandi menu
cerca
Joker

Regia di Todd Phillips vedi scheda film

Recensioni

L'autore

hallorann

hallorann

Iscritto dal 7 ottobre 2009 Vai al suo profilo
  • Seguaci 87
  • Post 12
  • Recensioni 554
  • Playlist 15
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Joker

di hallorann
9 stelle

Se ci fosse stato ancora Kubrick, Joaquin Phoenix sarebbe stato un attore perfetto da plasmare al suo genio. Metodico, selettivo, versatile, De Niriano, un portento d’attore già da tempo, che in “Joker” sublima la sua arte recitativa. Il confronto attoriale tra lui e Robert De Niro è un ideale passaggio di consegne. Il Leone d’Oro alla Mostra di Venezia 2019 analizza le radici del male, le origini del disadattamento sociale di un noto personaggio tratto dal mondo del cinecomic, discostandosi nettamente dall’universo di Batman (a parte l’ambientazione di Gotham City): punto di forza e di originalità della pellicola scritta e diretta da Todd Philips. Dunque “Joker” è la radiografia di un cittadino americano di nome Arthur Fleck. Un clown triste dalla precaria salute mentale, dalla vita difficile in una società respingente, una madre inferma e “ingombrante”. Solitario e afflitto da un disturbo della risata, tutt’altro che divertente o contagiosa. Messe in fila una serie di ingiustizie personali, familiari e lavorative Arthur diventa un killer per difendersi, affermarsi e sopravvivere.

 

Questa è la vita…folle come sembra

Alcuni si prendono i propri calci, calpestando un sogno.

Ma io non mollo, non mi abbatterò…

Perché questo bel vecchio mondo continua a girare…

 

Il celebre brano di Frank Sinatra si innesta ad hoc nei momenti clou di Fleck, sottolineano la metamorfosi del protagonista, ne diventano il manifesto.

 

locandina

Joker (2019): locandina

 

“Joker” è il ritratto di un’America violenta e individualista, l’ennesimo probabilmente. E’ il sogno americano che diventa incubo, il sorriso che diventa smorfia di sofferenza e dolore. I miti televisivi alla Murray Franklin, i politici venditori di sogni e promesse alla Thomas Wayne sono il paradigma da rovesciare. “Joker” è un eccellente shaking di “Taxi driver” (il capolavoro metropolitano di De Niro e Scorsese), un aggiornamento tragico di Travis Bickle. Joker diventa un modello negativo, un simbolo di riscatto degli esclusi, un equivoco per rovesciare il sistema, il perbenismo americano, l’ipocrisia delle istituzioni. E’ un “King of Comedy” (Re per una notte, ancora del nume Scorsese), sanguinario e condotto all’estremo, ammiccante e giustizialista dei finti Franklin (guarda caso De Niro interpreta un ruolo simil Jerry Langford di Jerry Lewis). Arthur è un Rupert Pupkin che realizza il suo sogno non artistico, bensì di meditata e squilibrata vendetta individuale. Potrebbe essere letta anche come furia iconoclasta contro la società dello spettacolo di ieri, di oggi, di sempre.

 

That’s life! That’s Joker!

 

Joaquin Phoenix

Joker (2019): Joaquin Phoenix

 

 

 

Joaquin Phoenix

Joker (2019): Joaquin Phoenix

 

Robert De Niro

Joker (2019): Robert De Niro

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati