Espandi menu
cerca
Joker

Regia di Todd Phillips vedi scheda film

Recensioni

L'autore

robertoleoni

robertoleoni

Iscritto dal 5 ottobre 2019 Vai al suo profilo
  • Seguaci 2
  • Post -
  • Recensioni 2
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Joker

di robertoleoni
7 stelle

Vi sembrerà incredibile, ma l'origine di Joker il film di Todd Phillips non è a Los Angeles, non è negli Stati Uniti, non è nelle capitali mondiali della cultura e della letteratura: l'origine del mito del clown assassino è italiana, di un paese in provincia di Cosenza che si chiama Montalto Uffugo…

Lì la notte del 5 marzo nel 1865  durante il carnevale  un bambino che si chiamava Ruggero  assistette al delitto compiuto da un pagliaccio  nei confronti di un abitante del posto, il quale fu ucciso per gelosia  perché il pagliaccio era il marito della donna  di cui la vittima era l'amante. Questo bambino era Ruggero Leoncavallo  che diventò un musicista e nel 1897  al Teatro Del Verme di Milano diretto da un giovanissimo Arturo Toscanini  presentò un'opera chiamata “Pagliacci” un melodramma verista, cioè non più un melodramma storico, cortese, ma che risentiva di Verga e dei francesi e quindi di una realtà precisa. In quest'opera c'è un famoso pezzo  che fu cantato per molto tempo da Enrico Caruso, tanto che riuscì a vendere un milione di copie, che si chiamava “Vesti la giubba”, ma che tutti conoscono con i primi versi  che sono “Ridi pagliaccio”.

Infatti, Canio il protagonista di questa romanza  dice: “Vesti la giubba e infarina la faccia, la gente paga, vuole ridere, nascondi il tuo dolore con una smorfia, nascondi le tue lacrime con un trucco e ridi!” 

Sembra davvero di sentire la preparazione di Joker, sembra davvero che sia la descrizione di Joker.

E infatti questa immagine  proprio attraverso questa romanza e attraverso i quadri che illustravano  il solito pagliaccio con la lacrima  ha attraversato più di un secolo e si è fortificata  dando al pagliaccio un'immagine  sempre più suggestiva, sempre più ricca: non soltanto il funambolo che fa ridere, ma un uomo che nasconde  dietro questa maschera stereotipata  di un riso assoluto  dietro questa falsa ilarità nasconde un dolore.

Questa è la radice di Joker  e di tutti i Joker che sono stati rappresentati  e questo è anche uno dei miti  della società contemporanea: cioè questa maschera che cosa nasconde? 

Se vi interessa il resto della videorecensione potete trovarla completa qui: http://bit.ly/JOKER_

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati