The West Wing

1999-2006 USA Drammatico NBC Terminata
Guida episodi Cast
7 stagioni - 154 episodi
4 voti
8.2 8.2
Scrivi recensione

Quanti episodi hai già visto?

Il creatore della serie, Aaron Sorkin ha affermato «I miei obblighi non sono verso la verità, il mio obbligo sta nel catturare la vostra attenzione». Un obbligo che diventa progetto a lungo termine nei 155 episodi che seguono l’insediamento dell’illuminato neo presidente democratico Josiah Bartlet in un viaggio all'interno dei corridoi della famosa Ala Ovest della Casa Bianca.

The West Wing - Di cosa parla

La storia è quella dello staff democratico vincitore delle elezioni alla Casa Bianca. Dal primo episodio si assiste agli intrecci di vite pubbliche e private all’interno dell’ala operativa della Casa Bianca, l’Ala Ovest, in cui i protagonisti appena insediati devono far fronte a piccoli e grandi problemi del mandato presidenziale. In partenza seguiamo il neo-presidente Josiah Bartlet (Martin Sheen) affrontare crisi internazionali, come il conflitto tra India e Pakistan, e interne come i problemi dovuti ad un articolo che denuncia il consumo di sostanze stupefacenti all’interno degli uffici presidenziali. Come un direttore d’orchestra Bartlet armonizza il lavoro di uno staff composto da uomini e donne incredibilmente abili ed “ispirati” che lavorano per eseguire il progetto democratico affrontando scenari inaspettati a ritmo vivace con un'intelligente ironia che costella ogni conversazione. E sono proprio il ritmo dei dialoghi e la tecnica di ripresa che fanno di questa serie un “documento di pietra” tra i serial. Lo spettatore è immediatamente coinvolto nelle storie e nelle conversazioni svolte con la tecnica del “walk and talk”, per cui la camera segue i personaggi all’interno dei corridoi dell’Ala Ovest, in modo da avere scene in sequenza continua senza stacchi e momenti morti.
La maggior parte delle scene sono girate negli uffici dell’Ala Ovest della Casa Bianca, struttura aggiunta al complesso originario, che comprende il famoso Studio Ovale del presidente, la Sala di Gabinetto, la Situation Room e la Sala Stampa. Ogni episodio verte solitamente su due temi, spesso profondamente legati all’attualità; i riferimenti a terrorismo, scandali sessuali, omofobia riportano direttamente ad avvenimenti reali, a volte volutamente rielaborati, altre esplicitamente raccontati, come il bellissimo episodio Isacco e Ismaele, prontamente scritto e girato dopo due sole settimane dall’attacco alle Torri Gemelle. Il serial ha saputo affrontare temi sociali ed ha meritato plausi per aver portato in scena il problema della sclerosi multipla (di cui soffre il presidente Bartlet), senza drammatizzare e strumentalizzare oltremodo il problema.
I personaggi sono descritti con attenzione agli aspetti professionali e caratteriali, per cui è facile affezionarsi a Claudia Jean “C.J.” Cregg, portavoce della casa Bianca, quasi unica donna di uno staff molto maschile, che nella trincea della sala stampa esercita tutta la diplomazia possibile con humour e passione, spesso in conflitto con il proprio rigore morale. Chi amerà il rigore di C.J., non potrà non ammirare Toby Ziegler, direttore delle comunicazioni dall’intelligenza vivissima e dall’ironia ebraica, che con atteggiamento brusco e risoluto, vive ogni evento come battaglia di valori. Difficile non affezionarsi a Sam Seaborn, fascinoso e un po’ imbranato vice direttore delle comunicazioni, che vive un’amicizia anticonformista e pericolosa con una squillo o non apprezzare gli incalzanti battibecchi tra Josh Lyman, vice capo dello staff, arguto e battagliero, e la sua brillante assistente Dony Moss. Affascinante anche il ruolo di Leo McGarry, grande maestro politico e Capo dello Staff, che ha creduto per primo in Josiah Bartlet e lo ha portato fino allo Studio Ovale, consigliere, amico e compagno fraterno del presidente. Tanti altri personaggi meriterebbero citazione, sia per la bravura con cui sono stati descritti, sia per la capacità degli attori ma una menzione speciale va alla First Lady, Abbey Bartlet, ed al rapporto con il presidente, che seduce per la capacità di ritrarre una donna intelligente e risoluta e un bellissimo quanto vivace legame d’amore tra due persone divertenti e appassionate.

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

Martin Sheen (presidente Josiah Bartlet): vecchio leone di Hollywood, con all’attivo in carriera più di 100 film, tra cui Apocalipse Now di Coppola del 1979, che lo ha reso famoso nel mondo. Attivista politico arrestato numerose volte per aver protestato contro scelte governative sia militari che ambientali.… Vedi tutto

Vedi tutto il cast
Consigli su cosa vedere on demand?
Scopri ON, la prima guida alla TV in Streaming
Scrivi un tuo commento breve su questa serie

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Guida agli episodi

  1. Prima stagione

    22 episodi Vedi tutto
  2. Seconda stagione

    22 episodi Vedi tutto
  3. Terza stagione

    21 episodi Vedi tutto
  4. Quarta stagione

    23 episodi Vedi tutto
  5. Quinta stagione

    22 episodi Vedi tutto
  6. Sesta stagione

    22 episodi Vedi tutto
  7. Settima stagione

    22 episodi Vedi tutto

Produzione e ricezione

Già dalla prima stagione la serie ha potuto vantare un elevato numero di candidature agli Emmy (ben nove) con tre vittorie per Allison Janney (C.J.), John Spencer (Leo McGarry) e Stockard Channing (Abbey Bartlet). Dal 2000 al 2003 la serie ha vinto ogni anno l’Emmy come miglior serie drammatica e ha ottenuto la candidatura per ogni stagione prodotta. Si aggiungono agli Emmy due premi SAG nel 2000 e due nel 2001 (entrambi per Allison Janney e Martin Sheen) e il Golden Globe per Sheen nel 2001. Anche il tema musicale The West Wing Theme infine ha vinto un Emmy nel 2000.

Leggi tuttoLeggi meno

Le stagioni

Stagione 1

La I stagione, composta da 22 episodi, è stata trasmessa per la prima volta negli Stati Uniti dal 22 settembre 1999 al 17 maggio 2000 sul canale NBC. In Italia è stata trasmessa dall'11 luglio 2002 al 10 gennaio 2003 su Rete 4.

Vedi tutti i 22 episodi

Stagione 2

La II stagione (22 ep.) è stata trasmessa in USA dal 4 ottobre del 2000 al 16 maggio del 2001. In Italia dal 17 gennaio 2003 al 24 giugno del 2004.

Vedi tutti i 22 episodi

Stagione 3

La III stagione ha la particolarità di iniziare con l’episodio unico “Isacco e Ismaele”, che, prendendo spunto dall’attacco alle Torri Gemelle dell’11 settembre, tratta il tema del terrorismo. La stagione per questo motivo è stata trasmessa in ritardo rispetto ai programmi originari il 3 ottobre 2001, per terminare il 22 maggio del 2002. In Italia è stata trasmessa dal 1 luglio 2004 al 15 febbraio 2005.

Leggi tuttoLeggi meno
Vedi tutti i 21 episodi

Stagione 4

La IV stagione ha la particolarità di comprendere 23 episodi in quanto il primo “Campagna elettorale” è suddiviso in due parti. E’ stata trasmessa dal 25 settembre 2002 al 14 maggio 2003. In Italia dal 22 febbraio al 25 luglio del 2005.

Vedi tutti i 23 episodi

Stagione 5

La V stagione è stata trasmessa in America dal 24 settembre 2003 al 19 maggio 2004 e in Italia dal 30 settembre al 9 dicembre del 2007.

Vedi tutti i 22 episodi

Stagione 6

La VI stagione (22 ep.) è stata trasmessa dal 20 ottobre del 2004 al 6 aprile del 2005 in USA e in Italia dall’11gennaio al 29 marzo del 2009.

Vedi tutti i 22 episodi

Stagione 7

La VII stagione, ultima, sempre composta di 22 episodi, è stata trasmessa in America dal 25 settembre 2005 al 14 maggio 2006; in Italia dal 2 gennaio al 13 marzo 2010.

Vedi tutti i 22 episodi
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito