Espandi menu
cerca
Riecheggia da Ventotene una Smisurata Bestemmia (Emesi in Emmaus, Tripolitania/Cirenaica).
di mck ultimo aggiornamento
Playlist
creata il 25 film
Segui Playlist Stai seguendo questa playlist.   Non seguire più

L'autore

mck

mck

Iscritto dal 15 agosto 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 162
  • Post 118
  • Recensioni 496
  • Playlist 160
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Riecheggia da Ventotene una Smisurata Bestemmia (Emesi in Emmaus, Tripolitania/Cirenaica).

Dice, tipo, che…

Alta sui naufragi dai belvedere delle torri,
china e distante sugli elementi del disastro,
dalle cose che accadono al disopra delle parole - celebrative del nulla -,
lungo un facile vento di sazietà, di impunità;
sullo scandalo metallico di armi in uso e in disuso,
a guidare la colonna di dolore e di fumo
che lascia le infinite battaglie al calar della sera:
la maggioranza sta. La maggioranza: sta:
recitando un rosario di ambizioni meschine,
di millenarie paure, di inesauribili astuzie,
coltivando tranquilla l'orribile varietà
delle proprie superbie: la maggioranza... sta:
come una malattia, come una sfortuna,
come un'anestesia, come un'abitudine.

Per chi viaggia in direzione ostinata e contraria
col suo marchio speciale di speciale disperazione
e tra il vomito dei respinti muove gli ultimi passi
per consegnare alla morte una goccia di splendore,
di umanità, di verità;
per chi ad Aqaba curò la lebbra con uno scettro posticcio
e seminò il suo passaggio di gelosie devastatrici e di figli
con improbabili nomi di cantanti di tango,
in un vasto programma di eternità:
ricorda Signore questi servi disobbedienti alle leggi del branco,
non dimenticare il loro volto, ché dopo tanto sbandare...
è appena giusto che la fortuna li aiuti:
come una svista, come un'anomalia,
come una distrazione, come un dovere.

Fabrizio De André, Ivano Fossati, Alvaro Mutis

 

Un popolo autarchico*.
Ed ora, partendo e passando dall'anarchia attraverso il socialismo per approdare al comunismo versione P.S.I. ... P.C.I. … P.D.S. ... D.S. … P.D. …
La “vecchia” sinistra operaia degli anni '50, '60 e '70 - confluita oggi nel nulla dislessico dei vari Minniti** - sarebbe stata sfavorevole ai respingimenti indiscriminati? Una rilevante parte di essa no.
Avrebbe anche allora delegato al nulla il mettere in pratica il niente del mantra - costruito sui ruderi del Colonialismo tanto di quello “antico”, cioè moderno (da Cristoforo Colombo in poi, lungo tutta la seconda parte del secondo millennio dopo Cristo), quanto di quello “moderno”, cioè contemporaneo, dal'Unità d'Italia al nazi-fascismo (Libia, Dodecaneso, Etiopia/Eritrea, Somalia), sino all'ENI, alla Cina & Company/Corporation, etc... - dell'Aiutiamoli a Casa Loro. E la salvezza di facciata, ritardataria e già complice/compromessa sarebbe stata quella dispensata dallo Scudo Crociato...

Ma soprattutto: se i terroni così al nord come al sud votano Lega (ex Nord) e Movimento 5 Stelle***, noi piemontesi e lombardo-veneti (tralasciando gli AltoAtesini/SudTirolesi, i terroni austriaci) possiamo, vogliamo e dobbiamo, di conseguenza e per coerenza, deciderci a rispedirli tutti quanti oltre Po (o in fondo al Garda), no? Ma la coerenza non attira voti.

 

[©Mauro Biani / il Manifesto (rivisitato), tra Aqaba e Argentina-Cuba-Congo-Bolivia]


Note. 
* L'autarchia, che se performata dal singolo provoca evoluzione, affermazione, contestazione e crescita (tutti sostantivi declinati nelle loro accezioni positive), se e quando è estesa al popolo prende il nome di...

** Minniti (a proposito: Mafalda e Charlie Brown ti corcherebbo di legnate, fidati. Anche se sarebbe solo l'inizio di un vasto programma…) e gli accordi col governo di unità [sic.] nazionale di al Serraj.
(Ripassino: InterNazionale - ilManifesto.)
La cosiddetta “sinistra”, nel tentativo - “perfettamente” riuscitole - di anticipare le mosse della destra con l'obbiettivo “collaterale” di rafforzare la propria posizione elettorale (aka: evitare la disfatta completa) - tentativo ignobilmente fallito -, s'è tagliata (tafazianamente: scusate la citazione, i tempi questo impongono) le palle da sola, perdendo ogni possibilità di attaccare, adesso, ora che ce ne sarebbe bisogno anche per altre ragioni meramente egoistiche - oddio: patrie! o matrie! che dir si voglia - la destra su questo terreno. Con che faccia possono attaccare l'esoscheletro di palta Salvini [♠♠] e la sua calpestabile ombra Di Maio? E infatti muti.
È la maggioranza (soverchiante in campo economico e militare da un lato, ma solo ipotetica, 300.000.000 europei contro 1.200.000.000 africani, con un rapporto di 1 a 4, dall'altro) che schiaccia la minoranza (schiacciata tanto dalla maggioranza quanto da una parte della minoranza che la contiene) in difficoltà estrema di una minoranza (economica e militare) in difficoltà resa endemica.

*** Il cavillar sofista de “Il fascismo è morto!” è tanto, se va bene, idiota, stupido e ignorante, quanto, se va male, bugiardo. Il fascismo esisteva prima del ('14)'19-('21)'22{'24[('43)'45]}, si fregiava d'altri nomi piùo meno risonanti e portava avanti sempiterne istanze similari nate da contesti differenti. Il '19-'22 l'ha solo battezzato con un nome/simbolo che ancora è attuale date le dinamiche storiche successive e odierne. E ha continuato a esistere dopo il '45, sin da subito, nell'immediato “dopo”-guerra, e non certo solo con l'MSI e i suoi ridicoli epigoni [†], assumendo altre denominazioni, nascendo da altri contesti, ma esprimendo e perpetuando le stesse, solite, stolide, stolte "ragioni".
C'è un pericolo fascista in Italia? No, alla “stessa” maniera - ché la storia si ripete, ma MAI allo stesso modo: veniamo da un'escalation d'esportazione di democrazia (Iraq, Afghanistan, etc...), da scaramucce di terrorismo religioso e da una “piccola” crisi economica - in cui non c'era nel '19, un secolo fa. L'asteroide che ci colpirà in tempi storici non è ancora stato individuato, o la sua rotta non è ancor stata modificata da uno scontro casuale diretto o da una concomitanza di interazioni gravitazionali.
La Lega è un partito pre-fascista in nuce, ma per ora governa con le macchie sulle mutande lunghe di D'Annunzio (M5*).ciato...

[♠♠] La scimmia della Terza Repubblica (che mette pancia verso Sud) e le troie a regime.

[†] Come si riconosce un fascista: appendilo a testa in giù, e se si trova a suo agio, lascialo lì.

 

[©Quino (Joaquín Salvador Lavado Saco Tejón)]


E un ultimo pensiero.
La maggioranza, “a volte”, sono gli altri.  

Playlist film

Melancholia

  • Drammatico
  • Danimarca, Svezia, Francia, Germania, Italia
  • durata 136'

Titolo originale Melancholia

Regia di Lars von Trier

Con Kirsten Dunst, Charlotte Gainsbourg, Kiefer Sutherland, Charlotte Rampling, John Hurt

Melancholia
in STREAMING

In streaming su Amazon Prime Video

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

4:44 L'ultimo giorno sulla Terra

  • Drammatico
  • USA
  • durata 82'

Titolo originale 4:44 Last Day on Earth

Regia di Abel Ferrara

Con Willem Dafoe, Shanyn Leigh, Paz de la Huerta

4:44 L'ultimo giorno sulla Terra
in STREAMING

In streaming su Chili

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Francofonia

  • Documentario
  • Francia, Germania, Russia
  • durata 88'

Titolo originale Le Louvre sous l'Occupation

Regia di Aleksandr Sokurov

Con Louis-Do de Lencquesaing, Benjamin Utzerath, Vincent Nemeth, Johanna Korthals Altes

Francofonia
in STREAMING

In streaming su RaiPlay

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Venere nera

  • Storico
  • Francia
  • durata 159'

Titolo originale Vénus noire

Regia di Abdellatif Kechiche

Con Yahima Torrès, Olivier Gourmet, Jonathan Pienaar, Jean-Christophe Bouvet, Andre Jacobs

Venere nera
in STREAMING

In streaming su Tim Vision

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Cous cous

  • Drammatico
  • Francia
  • durata 151'

Titolo originale La Graine e le mulet

Regia di Abdellatif Kechiche

Con Habib Boufares, Hafsia Herzi, Marzouk Bouraouïa, Farida Benkhetache, Sabrina Ouazani

Cous cous
in STREAMING

In streaming su Chili

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Echi da un regno oscuro

  • Documentario
  • Germania
  • durata 85'

Titolo originale Echos aus einem düsteren Reich

Regia di Werner Herzog

Con Michael Goldsmith, François Gibault, Augustine Assemat

Echi da un regno oscuro
in STREAMING

In streaming su Chili

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No
Ti è stata utile questa playlist? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati