Trama

Checco è un ragazzo che ha realizzato tutti i sogni della sua vita. Voleva vivere con i suoi genitori evitando così una costosa indipendenza e c'è riuscito, voleva essere eternamente fidanzato senza mai affrontare le responsabilità di un matrimonio con relativi figli e ce l'ha fatta, ma soprattutto, sognava da sempre un lavoro sicuro ed è riuscito a ottenere il massimo: un posto fisso nell'ufficio provinciale caccia e pesca. Con questa meravigliosa leggerezza Checco affronta una vita che fa invidia a tutti. Un giorno, però, tutto cambia. Il governo vara la riforma della pubblica amministrazione che decreta il taglio delle province. Convocato al ministero dalla spietata dirigente Sironi, Checco è messo di fronte a una scelta difficile: lasciare il posto fisso o essere trasferito lontano da casa. Per Checco il posto fisso è sacro e pur di mantenerlo accetta il trasferimento. Per metterlo nelle condizioni di dimettersi, la dottoressa Sironi lo fa girovagare in diverse località italiane a ricoprire i ruoli più improbabili e pericolosi, ma Checco resiste eroicamente a tutto. La Sironi esausta rincara la dose e lo trasferisce al Polo Nord, in una base scientifica italiana col compito di difendere i ricercatori dall'attacco degli orsi polari. Proprio quando è sul punto di abbandonare il suo amato posto fisso, Checco conosce Valeria, una ricercatrice che studia gli animali in via d'estinzione e s’innamora perdutamente di lei.

Note

Pur uscendo dai confini italiani in termini di location, la coppia Nunziante/Zalone affronta con l'usuale umorismo un po' greve e un po' demenziale molti aspetti dell'attualità politica che affliggono il nostro paese, dalla disoccupazione alla corruzione politica, mirando a (de)costruire il ritratto di un'Italia in bilico tra retaggi del passato e modernità.

Commenti (28) vedi tutti

  • Si abbandona un po' la linea dei precedenti film di Zalone per tentare una strada più da commedia classica. Zalone però non diverte come in precedenza e azzecca meno battute. La stessa presa in giro ai costumi italiani incide solo in parte. Non pessimo, ma neanche riuscito.

    leggi la recensione completa di silviodifede
  • Il film è forse il più brutto di Zalone, ma la critica al nostro paese è veramente tra le più pungenti degli ultimi anni.

    commento di slim spaccabecco
  • Per carità!

    commento di Stelvio69
  • Obiettivamente il peggiore fin qui dei film di Zalone. Storia esilissima, gag tiepidissime, montaggio inguardabile.

    commento di Oss
  • La mia domanda è... Ma veramente c'è gente che guarda questa roba? Mamma mia... voto 0

    commento di ILDIODELLERECENSIONI
  • Torna Zalone a ripetere se stesso con il quarto film (su 4) incentrato sul personaggio dell'italiano medio fannullone, meschino, razzista e sessista ma fondamentalmente buono e simpatico. E torna a riempire le sale del Belpaese pur non proponendo in fondo nulla di originale.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • Zalone continua a punzecchiere amorevolmente i vizzi dell'italiano medio. Al centro di una trama ripetitiva c'è l'ossessione per il posto fisso. Innocuo, divertente ma troppo lungo per quello che ha da dire.

    commento di michel
  • Divertente

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Guardabile, se poi piace Zalone, molto guardabile.

    leggi la recensione completa di tobanis
  • Ai limiti dell'inguardabilita'

    commento di Groucho-Marx
  • Commedia nostrana di Checco Zalone che come al solito offre una satira su alcune problematiche sociali molto discusse. E' divertente, ma c'è da ammettere che si ride meno che in altri film dello stesso Zalone in questo caso non sottotono, ma preda di un copione con battute meno esilaranti di quelle alle quali ci ha abituati finora.

    leggi la recensione completa di Lina
  • Quarto capitolo della premiata ditta Nunziante-Zalone sui vizi e le virtù dell'italiano medio(cre) impersonato dalla maschera giuliva di un ignorante di successo, questa ennesima variante della trasferta itinerante di un terrone da esportazione fa sorridere tra qualunquismo dei temi e contrappassi non andati a buon fine. Campione d'incassi 2016.

    leggi la recensione completa di maurizio73
  • Zalone eroe, Zalone epifenomeno, Zalone di tutto un po'...

    leggi la recensione completa di hallorann
  • Commedia Italiana con la "C" maiuscola

    leggi la recensione completa di ironsax
  • Visto & Non piaciuto

    leggi la recensione completa di AlPacifista
  • Quo vado? articola il proprio discorso sulla figura dell'italiano medio, un individuo pigro, "mammone", ignorante, rozzo ed intimamente cafone.

    leggi la recensione completa di IlGranCinematografo
  • godibile

    leggi la recensione completa di camillo65
  • L'uragano Checco!

    leggi la recensione completa di Cruising
  • Quarto capitolo con Checco Zalone protagonista. Clamoroso successo al botteghino per un film minore rispetto ai precedenti, con più parolacce e banalità e meno colpi di genio. Si ride con moderazione.

    leggi la recensione completa di scandoniano
  • bellissimo

    commento di claudiacarlo
  • Il posto fisso può salvare l'Africa?

    leggi la recensione completa di champagne1
  • Avvenire, giornale dei vescovi, ha promosso "l'umiltà cristiana" di Zalone

    leggi la recensione completa di manorti1
  • Zalone si ripropone e dà al pubblico la formula magica (e furba) che garantisce ed accresce un successo considerato già difficile, se non impossibile, da superare. Parte da spunti attuali, calibra meglio il tiro rispetto all'opera precedente, dando prova di un miglior dinamismo e di ritmi comici decisamente più azzeccati, ma il film resta fragile.

    leggi la recensione completa di alan smithee
  • Zalone è diventato il capro espiatorio di un esercito di paladini improvvisati del cinema di qualità, ma sulla cui cultura cinematografica ci sarebbe da avanzare dei dubbi, quando non è altro che un comico senza pretese, che riesce ad essere spesso divertente, a non scadere nel trash, e a fare un sacco di soldi. Buon per lui.

    leggi la recensione completa di maldoror
  • Qui non si parla del film, ma di ragionamenti ad esso collegati. Il lettore è avvertito.

    leggi la recensione completa di EightAndHalf
  • Il posto è sempre fisso, cambia solo il punto di vista.

    leggi la recensione completa di Kritacarne
  • Attenzione siamo al limite della ripetitività classica dei film comici (vedi Aldo,Giovanni e Giacomo o Ficarra e Picone)...quindi in futuro o cambia la vena creativa oppure........facciamoci un ultima placcata di soldi alle spalle degli spettatori!

    leggi la recensione completa di fulvietto
  • Zalone non delude le aspettative, la sua è la commedia italiana più divertente degli ultimi anni.

    leggi la recensione completa di Carlo Ceruti
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

ethan di ethan
1 stelle

Checco (Zalone) è in Africa e viene catturato da un gruppo di indigeni e, prima di essere 'cucinato', racconta la storia della sua vita: egli è un uomo sulla quarantina, vive al Sud con i genitori, ha una ragazza che lo pressa costantemente chiedendogli di sposarlo ma lui rifiuta sempre perché a casa con i suoi è più rassicurante ed ha coronato quello che era… leggi tutto

15 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

steno79 di steno79
5 stelle

Anche se battera' tutti i record di incasso sul territorio nazionale, "Quo vado" è il primo passo falso del buon Checco Zalone. Personalmente non sono fra i suoi detrattori perché avevo apprezzato in misura discreta tutti e tre i suoi film precedenti, compreso "Sole a catinelle" che già aveva fatto storcere il naso a diversi critici, subito catalogati come snob. Quello che… leggi tutto

21 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

Carlo Ceruti di Carlo Ceruti
8 stelle

Non delude le aspettative l'ultimo film di Checco Zalone. Quo vado? è una commedia con la c maiuscola; è veloce e diretta con brio, ricca di momenti divertenti e senza mai un attimo di stasi. Oltretutto sa esser leggera ma non stupida, sa usare la tenerezza senza la melensaggine. Zalone, sempre più bravo, regge bene il film sulle sue spalle e non è indegno dei grandi… leggi tutto

18 recensioni positive

Trasmesso il 14 settembre 2018 su Canale 5

Recensione

silviodifede di silviodifede
3 stelle

Dopo tre film sostanzialmente simili concettualmente e con risultati alterni (divertenti "Cado dalle Nubi" e "Sole a Catinelle", più spento "Che Bella Giornata"), in "Quo Vado?" si segue una strada un po" diversa, non per forza riuscita però.     Qui la sceneggiatura dà meno spazio agli equilibrismi linguistici di Zalone, si tenta molto meno la via della risata…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 14 voti
vedi tutti

Recensione

galaverna di galaverna
7 stelle

Bisogna dare atto che Zalone, quando è in stato di grazia come in questo film, riesce a funamboliche giravolte comiche alle quali è difficile resistere. Con un susseguirsi quasi ininterrotto (a parte la lunga pausa norvegese) di vicende e situazioni paradossali, il nostro impiegato pubblico (forse fin troppo bistrattato) riesce ad uscire indenne da ogni sorta di sevizia (o,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

Paul Hackett di Paul Hackett
6 stelle

Legatissimo al suo posto fisso, il pugliese Checco subisce la mobilità imposta all'ufficio provinciale nel quale è impiegato, ma rifiuta ostinatamente di dimettersi, nonostante il mobbing di una "tagliatrice di teste" ministeriale che continua a trasferirlo nelle sedi più disagiate. In una base italiana alle isole Svalbard, l'uomo conosce una ricercatrice e se ne…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Trasmesso l'8 gennaio 2018 su Canale 5
Il meglio del 2017
2017

Recensione

marcopolo30 di marcopolo30
4 stelle

Un paio di doverose premesse prima di commentare l'ultimo lavoro di Checco Zalone. Premessa numero 1: vivo in Norvegia da oltre quattro anni. Premessa numero 2: lavoro alla reception di un hotel in montagna. E bene, non credereste mai (io quanto meno non ci credevo) alla quantità di turisti italiani che lo scorso anno (2016), appena scoperto che ero italiano, mi sparavano addosso la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 10 utenti
Il meglio del 2016
2016
Disponibile dal 1 settembre 2016 in Dvd a 9,99€
Acquista

Recensione

ethan di ethan
1 stelle

Checco (Zalone) è in Africa e viene catturato da un gruppo di indigeni e, prima di essere 'cucinato', racconta la storia della sua vita: egli è un uomo sulla quarantina, vive al Sud con i genitori, ha una ragazza che lo pressa costantemente chiedendogli di sposarlo ma lui rifiuta sempre perché a casa con i suoi è più rassicurante ed ha coronato quello che era…

leggi tutto
Il meglio del 2015
2015
Uscito nelle sale italiane il 28 dicembre 2015
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito