Trama

Frank Sheeran, veterano della Seconda guerra mondiale e sindacalista con connessioni con la mafia, ricorda il suo possibile coinvolgimento nell'uccisione di Jimmy Hoffa, un leader sindacalista americano.

Approfondimento

THE IRISHMAN: MAFIA, SINDACATI E POLITICA IN UNA LUNGA SAGA

Diretto da Martin Scorsese e sceneggiato da Steve Zaillian, The Irishman è un'epica saga sul crimine organizzato nell'America del dopoguerra e sposa il punto di vista di Frank Sheeran, veterano della Seconda guerra mondiale, imbroglione e sicario che lavorò al fianco di alcune delle figure più famigerate del XX secolo. Attraversando diversi decenni, The Irishman racconta uno dei più grandi misteri irrisolti della storia americana, la scomparsa del leggendario sindacalista Jimmy Hoffa, e offre una monumentale passeggiata tra i corridoi nascosti del crimine organizzato, mostrandone meccanismi interni, rivalità e connessioni con la politica.

Con la direzione della fotografia di Rodrigo Prieto, le scenografie di Bob Shaw, i costumi di Christopher Peterson e Sandy Powell, e le musiche di Robbie RobertsonThe Irishman si basa sul romanzo L'irlandese. Ho ucciso Jimmy Hoffa di Charles Brandt e viene così raccontato dal regista: "The Irishman parla di lealtà, amore, fiducia e infine tradimento. L'ho immaginato come un film riflessivo, fatto di persone anziane che rivedono le loro esistenze. Per certi versi, è come se fosse un film da camera. Certo, la storia ha azione, eccitazione, divertimento e quant'altro. Ha una struttura ampia ed è come una grande tela. Ma ha anche il ritmo di come pensiamo quando riguardiamo indietro nel tempo, agli anni andati".

"Frank Sheeran è un uomo uscito dalla Seconda guerra Mondiale, dove ha vissuto sulla sua pelle qualcosa come 411 giorni consecutivi di combattimenti", ha continuato Scorsese. "Una volta a casa, deve riabituarsi dopo essere quasi morto al mondo che lo circonda, dove non sa per cosa è rimasto in vita. Sebbene abbia una famiglia per cui fare del suo meglio e lavori sodo, sa che non andrà mai da nessuna parte senza istruzione o fortuna. È allora che si imbatte inaspettatamente in persone che lo apprezzano. Dopo l'incontro fortuito con il boss Russell Bufalino, il "disaffettivo" Frank viene preso sotto la sua ala protettiva e introdotto nel suo sindacato, che fa parte del crimine organizzato dell’America del nord est, di città come Philadelphia, Pittsburgh e Detroit. Ed è così che Frank trova la sua nuova famiglia. La storia che segue si svolge dal 1949 al 2000 e va continuamente avanti e indietro nel tempo. The Irishman si apre con un uomo di 82 anni che racconta il viaggio della sua vita partendo da un matrimonio nel 1975 per poi precipitarsi agli anni Cinquanta, ai Sessanta e ai Settanta, tornando continuamente al presente. Nonostante l'ampio respiro del racconto, il tema centrale è dato dalla relazione tra i tre protagonisti - Sheeran, Bufalino e Hoffa – e l'ambiente in cui si muovono. La cosa bella della storia è il triangolo che formano e come grazie a loro si dipanino temi come lealtà, fratellanza e tradimento".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

Regista di The Irishman è Martin Scorsese, uno dei maggiori e più importanti registi della storia del cinema. Autore di pellicole che hanno spesso come tema centrale la violenza, la colpa, il peccato, la religione, i conflitti tra gang e l'identità siculo-americana, Scorsese, i cui nonni erano originari di… Vedi tutto

Commenti (25) vedi tutti

  • Il crepuscolo del gangster movie, secondo Scorsese, sono quei bravi ragazzi sopravvissuti a se stessi che svernano alla fine della fiera negli squallidi ospizi della solitudine e del rimpianto.

    commento di maurizio73
  • Grande omaggio di Scorsese al suo cinema

    leggi la recensione completa di TerenceFletcher
  • Le aspettative dal film "Irishman" si sono avverate. Un altro buon sito per guardare film: https://filmstreaming.page/

    commento di Gorobech
  • Bello ma brutto. Sentimenti bifrontali che durante la visione fanno a pugni: interressante! ma quando finisce!- chissà adesso cosa succede! ma non succede proprio niente!- intricante questo punto! ma cosa significa questo punto!

    commento di GabryLed
  • Buono ma non “fondamentale”

    leggi la recensione completa di siro17
  • da vedere con occhi attenti

    leggi la recensione completa di 0372
  • Tre piani temporali che si intersecano lungo un affresco monumentale, per durata (210 minuti che passano scorrevolissimi), per stile ed ambizione, con cui Scorsese ritorna sul suo ricorrente filone del gangster movie, ma stavolta con un taglio più riflessivo ed elegiaco, con l'idea di rappresentare la fine inesorabile di un mondo.

    leggi la recensione completa di port cros
  • toppare capita tutti, essere stanchi e senza idee pure, farci comunque un film no, a volte e' meglio no

    commento di il drugo
  • Al di là della bravura dei singoli interpreti, concordo con altri commentatori: film lento, inutilmente lungo (3 ore e mezzo), che sa di già visto. Calzante la definitizione di film "geriatrico".

    commento di Artemisia1593
  • Con un retrogusto un po' amaro (soprattutto nel finale), Scorsese ci regala il testamento personale al genere del gangster movie e lo fa dirigendo con maestria tre mostri sacri come Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci, tutti e tre grandi protagonisti.

    leggi la recensione completa di silviodifede
  • Glimmer of Blood.

    leggi la recensione completa di mck
  • Scorsese si riprende il Cinema e grazie ad un sontuoso budget crea il suo lascito: l'epopea definitiva sul crimine a stelle e strisce con uno straordinario Robert De Niro, un redivivo Al Pacino ed il ritorno del grande Joe Pesci.

    leggi la recensione completa di Giorpost
  • Dai, nn scherziamo, lento, pesante, logorroico e...pomposo. Della serie "ce la so solo io!"...ma anche dell'altra serie "Siculo sono = mafioso Sono". La mafia italo americana è la più famosa nel mondo grazie a sti film che a dirla tutta hanno rotto.

    commento di Saleinzucca
  • Grande opera del grande Scorsese!

    commento di pippus
  • Medaglia al valore per la resistenza a chi lo vede tutto in un sol colpo senza addormentarsi! Film fuori tempo massimo...sa di vecchio! Peccato per il regista e gli attori che restano pur sempre dei mostri sacri.....

    commento di Travis21
  • Un mattone.

    commento di gruvieraz
  • Cast stellare per un film non molto convincente a mio parere, un Joe Pesci ormai sottotono, una sceneggiatura piuttosto prevedibile, ritmi lenti....insomma...una storia poco incalzante che non decolla mai, un vero peccato

    commento di mau375
  • Opera geriatrica di uno Scorsese che non graffia come un tempo

    leggi la recensione completa di emil
  • Se da un lato l’impianto registro rimane di livello (stiamo parlando di Scorsese signori!)...

    leggi la recensione completa di vjarkiv
  • Un'opera che e' una summa del suo cinema e sicuramente il lavoro migliore degli ultimi anni...solo una piccola osservazione,peccato che i ruoli femminili sono solo di contorno.

    commento di ezio
  • Mi spiace ma non mi ha convinto. Cast stellare e grandi interpretazioni ma il film non decolla mai,una storia troppo lenta, verbosa,che non riescie mai a strappare un momento di pathos e a coinvolgermi a pieno in piú di 3 ore di film. Peccato

    commento di Captain_Mike
  • Cercate di vedere questo capolavoro, senza spaventarvi per la sua durata. Vi ripagherà largamente del piccolo sacrificio.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • esco dal coro, a parte la tecnica sopraffina e l'interpretazione inarrivabile di alcuni grandi, cosa davvero quest'ultima intrapresa aggiunga all'epica del cinema di scorsese non è chiaro, almeno a me che pure lo ho adorato

    commento di carloz5
  • Affresco crepuscolare e velato di nostalgia di un gruppo di "amici",nel "C'era una volta in America" di Scorsese,un enorme film che attraversa la storia americana attraverso l'epopea del gangster Frank Sheeran.Un opera omnia e monumentale che chiude un ciclo cinematografico, consegnandoci una pellicola e un cast indimenticabile.

    leggi la recensione completa di GIMON 82
  • Con un racconto che attraversa in lungo e in largo quasi cinquant'anni di storia, Martin Scorsese realizza un film che ha la potenza, il passo ed il lirismo per poter aspirare ad ergersi a capitolo conclusivo di un genere.

    leggi la recensione completa di pazuzu
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

supadany di supadany
10 stelle

Festa del Cinema di Roma 2019 – Selezione ufficiale. Ogni avventura, per quanto splendente sia (stata), ha un inizio e una fine. Lancia bagliori durante la fioritura, tocca il cielo con un dito, in casi speciali, quando la maturità raggiunge la sua acme, si colloca su un piedistallo e riesce a rinverdirsi, rimodulandosi sotto mutate spoglie. Infine, percepisce nell’aria il… leggi tutto

29 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

vjarkiv di vjarkiv
6 stelle

Se da un lato l’impianto registro rimane di livello (stiamo parlando di Scorsese signori!), e il duettare dei due “mostri” De Niro e Al Pacino, era atteso da tempo e ovviamente non delude, con un Pesci di tutto rispetto, dall’altro, senza gridare alla “bestemmia cinefila”, certe lungaggini, specie nella parte finale post-mortem di Hoffa non aggiungono nulla al… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

karugnin di karugnin
4 stelle

    Un film nel quale si suppone che questo personaggio abbia tra i quaranta e i cinquant’anni, io non ce la faccio a prenderlo sul serio.   Ho atteso, speranzoso, che qualcuno osasse prima di me. Nulla, tocca immolarsi. Un lamento più che una recensione, un guaito stridente.   C’è una tacita regola che prevede che in un racconto per immagini… leggi tutto

2 recensioni negative

2020
2020

Recensione

TerenceFletcher di TerenceFletcher
8 stelle

Tre ore e mezzo di durata e non sentirle minimamente ma essere impaziente di proseguire con la visione per vedere come va a finire, è questo che mi ha trasmesso l'ultimo film di Scorsese, definito da molti come il suo commiato di addio al cinema che lo ha reso grande ed agli attori che lo hanno magistralmente interpretato. Finalmente un Robert De Niro tornato ai livelli di un tempo, un…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Il Cinema è senza cinema
gerkota di gerkota

Il Cinema è senza cinema

Il Cinema è senza cinema. Questo è il presente causato dalla pandemia di Covid-19. Ma questo potrebbe essere anche il futuro, se… segue

Post

Recensione

CineNihilist di CineNihilist
9 stelle

3h50min.   Questa è stata la durata delle visione in sala di The Irishman, l'ultima fatica del maestro Martin Scorsese. Oltre al minutaggio di 3h30min del film, la Cineteca di Bologna ha proiettato anche un'intervista al regista di 20 minuti dove discuteva dei temi del suo lungometraggio e sul futuro della Settima Arte. In sostanza, quasi 4 ore di puro Cinema dove lo storytelling…

leggi tutto

Recensione

lolly75 di lolly75
9 stelle

 Una cipolla. Tutti la usiamo in cucina per impreziosire piatti succulenti, per dar gusto, per animare il palato. Avete mai sbucciato una cipolla? Al di là della commozione indotta dall'infiammazione dell'iride si presenta in strati sempre più teneri ed intensi. Tanto che di solito la buccia si butta direttamente nell'organico. Martin Scorsese per noi cinefili incalliti…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

siro17 di siro17
6 stelle

    Più che un film sembra il manifesto di un’epopea, e non poteva che farlo il grande Scorsese. Il risultano non è perfetto, ma preciso. Ma poi ce ne era bisogno? A mio parere no, perché il film è si un avvincente (a tratti) opera di un genere trito e ritrito (oltretutto di una lunghezza smisurata) ma oltre la buona esecuzione manca quel tocco…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

79DetectiveNoir di 79DetectiveNoir
10 stelle

  Inserisco qui la mia vecchia recensione. Uscita a poche ore dalla presentazione di questo film allo scorso Festival di Roma. Detto ciò, con tutta la simpatia possibile per Davide Marra e per Francesco Alò, vi mostro anche questi due video che devastano, in pochi minuti, di autoironia pazzesca, ogni stronzata su Scorsese e sui cinecomic.   Dopo la recensione, un…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Gennaio+Febbraio+Marzo 2020

LorismaL di LorismaL

Ciao a tutti! Come al solito inserisco la playlist delle mie visioni. Questa volta i titoli sono veramente tanti e per tutti i gusti...   Oltre ai Film, elenco anche le Serie TV concluse: The New Pope;…

leggi tutto
Playlist

Recensione

0372 di 0372
6 stelle

Ho aspettato qualche tempo prima di vedere questo film, per raffreddare i miei entusiasmi e la sete di vederlo. Purtroppo sono rimasto deluso, inutile girarci intorno. Vedere così invecchiati ed artefatti attori che per me sono capisaldi assoluto del cinema e del mio cinema è stato un costante richiamo ad una realtà che il cinema può trascendere ma non così.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

The best of 2019 (Cinema)

Gangs 87 di Gangs 87

E come ogni fine/inizio anno mi trovo a fare il bilancio dei film che ho gustato nei dodici mesi precedenti alla data di "giudizio". Ricco è stato l'anno trascorso di visioni che hanno ampliato la mia cultura e…

leggi tutto
Playlist

Recensione

kubritch di kubritch
8 stelle

Le mie impressioni su questo film sono più sociologiche, filosofiche che, propriamente estetiche. Mi rende triste veder rappresentata la realtà sociale in questo modo come fa Scorsese con insistenza da tanti anni. Purtoppo, è quello che è. Ciò che ci mostrano i media e le istituzioni scolastiche rappresenta solo la superficie. Scorsese ci fa sbirciare…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

silviodifede di silviodifede
8 stelle

E' vero che i libri non vanno mai giudicati dalla copertina, ma quando vedo che un mostro sacro come Martin Scorsese si riappropria del "suo" genere (il gangster-movie) e nel farlo porta sullo schermo un trio come Robert De Niro, Al Pacino e Joe Pesci, la sensazione di poter assistere a un film di livello c'è tutta. E bastano 25 minuti per ritrovarsi del tutto appassionati al film, a…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito