Lei mi parla ancora

play

Regia di Pupi Avati

Con Renato Pozzetto, Stefania Sandrelli, Isabella Ragonese, Lino Musella, Fabrizio Gifuni, Chiara Caselli, Alessandro Haber, Matteo Carlomagno... Vedi cast completo

  • In TV
  • Sky Cinema Due
  • canale 302
  • Ore 21:15
Altre VISIONI

Trama

Nino e Caterina sono sposati da sessantacinque anni e si amano profondamente dal primo momento che si sono visti. Alla morte di Caterina, la figlia Elisabetta, nella speranza di aiutare il padre a superare la perdita della donna che ha amato per tutta la vita, gli affianca Amicangelo, un editor con velleità da romanziere, per scrivere attraverso i ricordi del padre un libro sulla loro storia d'amore. Amicangelo accetta il lavoro solo per ragioni economiche e si scontra subito con la personalità di un uomo che sembra opposta a lui. Ma il rapporto tra i due diventerà ogni giorno più profondo fino a trasformarsi in un'amicizia sincera.

Curiosità

LA PAROLA AL REGISTA

"Lei mi parla ancora è una storia che si fonda sull'assenza, nella convinzione che non esista chi è più presente dell'assente. L'assente della nostra storia si chiama Caterina Cavallini. A ottantanove anni, la gran parte dei quali trascorsi accanto al suo sposo Giuseppe Sgarbi, ha lasciato il mondo. Questo l'incipit del romanzo rievocativo del loro lungo matrimonio che lo stesso Sgarbi scrisse coadiuvato da Giuseppe Cesaro, un ghost writer romano. E questo è anche l'incipit del mio film che tuttavia anziché illustrare gli eventi rievocati in quelle pagine, indugia su "come" quel romanzo fu scritto. Sull'incontro fra due uomini di età, cultura, visione della vita, diametralmente opposti.

Così, senza tradire in alcun modo lo struggimento che produce l'opera letteraria, sono riuscito a far diventare questo racconto cosa mia portando la cinepresa nel back stage di questa fucina creativa.

E l'ho fatto conducendo nei luoghi a me cari, in quel territorio dell'anima che è la bassa padana, un gruppo di attori in gran parte nuovi al nostro cinema, attori coi quali avrei voluto da tempo lavorare, attendendo l'occasione giusta. Da Fabrizio Gifuni a Stefania Sandrelli, da Isabella Ragonese a Lino Musella, Nicola Nocella e Joele Dix. Attori che sono andati ad aggiungersi a interpreti già di famiglia come Chiara Caselli, Alessandro Haber e Serena Grandi. Chi probabilmente rende ancora più incuriosente questo cast è di certo Renato Pozzetto, attore comico celeberrimo, chiamato a una prova d'attore agli antipodi di quel cinema che gli ha dato un così vasto successo.

Raccontando la storia d'amore di Giuseppe Sgarbi credo di aver raccontato una storia universale, nel momento della sua rendicontazione, quando l'intero percorso è alle spalle e ti trovi all’improvviso solo. Quella compagna di viaggio con la quale hai spartito ogni istante, con la quale hai riso e urlato, che hai amato e odiato, quell’essere che ti ha visto in tutte le stagioni, al tuo meglio e al tuo peggio, quell'hard disk che contiene tutte le immagini della tua vita, se ne è andata. E allora il solo modo per non rassegnarsi alla sua assenza è nel continuare a parlarle, ricostruendo con sacralità ogni istante della loro unione.

Al concludersi della storia abbiamo voluto, considerata la passione letteraria di chi è rimasto solo, evocare Pavese con una riflessione riguardante l'immortalità: L'uomo mortale, non ha che questo d'immortale. Il ricordo che porta e il ricordo che lascia".

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Liberamente tratto dall'omonimo libro di Giuseppe Sgarbi.

Commenti (4) vedi tutti

  • Opera intensa, vibrante ed emozionante del grande maestro " Avati" Promossa a pieni voti la prova attoriale di Pozzetto, per la prima volta in un ruolo drammatico.

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Tratto dal romanzo autobiografico di Giuseppe Sgarbi, Pupi Avati ce ne offre la versione cinematografica che tocca tutti i temi della vita: l'amore, l 'invecchiamento , la morte e ciò che ne consegue in chi resta e continua ad amare.

    leggi la recensione completa di bufera
  • Molto interessante. Ben girato dal grande Pupi Avati. Un grandissimo Renato Pozzetto per la prima volta in un ruolo drammatico. Recitato bene con un ottimo casting

    commento di Salvatore1870
  • Grande film, e chi non lo apprezza è una CAPRA!

    commento di Arch_Stanton
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

bufera di bufera
7 stelle

  Lei mi parla ancora è un film del 2021 diretto da Pupi Avati, tratto dal romanzo Lei mi parla ancora - Memorie edite e inedite di un farmacista scritto nel 2016 a 95 anni da Giuseppe Sgarbi. La sceneggiatura è dello stesso Avati assieme al figlio Tommaso.   Viene raccontata la storia di un grande amore, quello di Nino (Renato… leggi tutto

2 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

steno79 di steno79
6 stelle

Pupi Avati è un grande professionista del cinema italiano, per cui si prova rispetto, ma non è la prima volta che usciti da un suo film si prova anche un po' di delusione. Questo "Lei mi parla ancora" é tratto dal romanzo omonimo di Giuseppe Sgarbi, scritto a 93 anni, è un'operazione produttiva che guarda ad un passato idealizzato secondo le modalità di molti… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

alan smithee di alan smithee
3 stelle

STREAMING L'amore che rende eterna la coppia, e che continua quando una delle due colonne dell'unione viene portata via dal corso degli eventi. Succede qualcosa di molto simile ai due coniugi  ormai anziani Nino e Caterina, dopo che il matrimonio ha regalato loro ben 65 anni di vita di coppia coesa e simbiotica, vissuta in un antico casale ristrutturato con i proventi della loro… leggi tutto

2 recensioni negative

2021
2021

Recensione

steno79 di steno79
6 stelle

Pupi Avati è un grande professionista del cinema italiano, per cui si prova rispetto, ma non è la prima volta che usciti da un suo film si prova anche un po' di delusione. Questo "Lei mi parla ancora" é tratto dal romanzo omonimo di Giuseppe Sgarbi, scritto a 93 anni, è un'operazione produttiva che guarda ad un passato idealizzato secondo le modalità di molti…

leggi tutto
Recensione
Utile per 13 utenti

Recensione

Furetto60 di Furetto60
8 stelle

"Alla vigilia del cambiamento della sua vita la giovane Caterina scrisse una lettera al suo futuro sposo, gli prometteva che dandosi infinito e reciproco amore sarebbero stati immortali in tutti i luoghi e tutte le stagioni". Così la voce narrante fuori campo nell’incipit, per poi insinuarsi nelle pieghe del racconto, quello che riguarda sessantacinque anni della vita di Nino e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 12 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
3 stelle

STREAMING L'amore che rende eterna la coppia, e che continua quando una delle due colonne dell'unione viene portata via dal corso degli eventi. Succede qualcosa di molto simile ai due coniugi  ormai anziani Nino e Caterina, dopo che il matrimonio ha regalato loro ben 65 anni di vita di coppia coesa e simbiotica, vissuta in un antico casale ristrutturato con i proventi della loro…

leggi tutto

Recensione

bufera di bufera
7 stelle

  Lei mi parla ancora è un film del 2021 diretto da Pupi Avati, tratto dal romanzo Lei mi parla ancora - Memorie edite e inedite di un farmacista scritto nel 2016 a 95 anni da Giuseppe Sgarbi. La sceneggiatura è dello stesso Avati assieme al figlio Tommaso.   Viene raccontata la storia di un grande amore, quello di Nino (Renato…

leggi tutto

Recensione

LAMPUR di LAMPUR
4 stelle

  Non ho letto l’autobiografia di Sgarbi, quindi non so se i mezzucci utilizzati da Avati per sensibilizzare la platea, specialmente sul rapporto tra il protagonista che ha perso l’amata moglie e il ghostwriter chiamato a “immortalarne” la loro storia, siano farina dell’uno o dell’altro. In entrambi i casi li ho trovati utilitaristici e risibili,…

leggi tutto
locandina
Foto
2020
2020
Pupi Avati
Foto
2019
2019
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito