Espandi menu
cerca

West Side Story

play

Regia di Steven Spielberg

Con Ansel Elgort, Rachel Zegler, Ricky Alvarez, Ariana DeBose, Mike Faist, Brian d'Arcy James, Corey Stoll, Maddie Ziegler, Curtiss Cook... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Disney+
  • Infinity
  • Prime Video
  • Prime Video
In STREAMING

Trama

Gli Shark e i Jet si affrontano a colpi di ballo e canto tra le strade di West Side nel 1957. Un amore giovanile proverà a sedare le tensioni tra le due bande da sempre rivali.

Approfondimento

WEST SIDE STORY: UN CLASSICO DI BROADWAY

Diretto da Steven Spielberg da una sceneggiatura di Tony Kushner, West Side Story racconta la classica storia di feroci rivalità e giovani amori sullo sfondo della New York del 1957 già al centro di un musical cult di Broadway prima e del cinema dopo.

Con la direzione della fotografia di Janusz Kaminski, le scenografie di Adam Stockhausen, i costumi di Paul Tazewell e le musiche originali di Leonard Bernstein, West Side Story si basa sulle coreografie originali di Jerone Robbins e ha rappresentato una vera sfida per il regista. "Questo film è probabilmente il più audace della mia carriera. West Side Story rappresenta forse il più grande musical portato in teatro e negli Stati Uniti la sua memoria è più viva che mai", ha sottolineato Spielberg. "Non è stato facile prendere un capolavoro e rifarlo con sensibilità e sguardo diversi senza comprometterne l'essenza originaria. Sono però convinto che le grandi storie dovrebbero essere raccontate più e più volte, in parte anche per dare spazio a nuove prospettive e nuove problematiche. Adoro il film che nel 1961 ne ha tratto Robert Wise. Wise è stato uno dei miei più cari amico per molti anni e gli ho parlato del film fino alla nausea. Lo stesso vale per Walter Mirisch, il produttore di quel film che mi ha raccontato tutti i più grandi aneddoti intercorsi durante la realizzazione".

"Prima di mettere mano a un cult - ha proseguito il regista - devi porti mille domande e trovare una giustificazione utile che spieghi perché vuoi calpestare un terreno così impervio. Il rischio di sbagliare è sempre alto e non è sfuggito a nessuno: tutti quanti, me compreso, abbiamo agito con enorme rispetto e amore, al limite della reverenza, per lo spettacolo e ovviamente per i suoi leggendari creatori. Ma sapevamo anche che dovevamo fare un film adatto ai nostri tempi, che aiutasse a comprendere meglio ciò che viviamo con valori contemporanei che sottoscriviamo. La cosa meravigliosa di questa storia è che, non importa quanto cambi il mondo intorno a noi, non cambiano le lezioni e gli insegnamenti che ci offre. Ha affascinato il pubblico per decenni perché non è solo una storia d'amore ma è anche un'opera culturalmente significativa con una premessa centrale (l'amore trascende il pregiudizio e l'intolleranza) che non ha perso rilevanza con il passare del tempo. West Side Story significa molto per molti e sono entusiasta di avere avuto la possibilità di dargli nuova vita e di condividerlo con un nuovo pubblico".

Curiosità

UN MUSICAL CHE HA FATTO LA STORIA

West Side Story è più di un semplice classico del cinema e di un musical che ha fatto la storia di Broadway: è un vero simbolo culturale americano, amato da un vasto pubblico Internationale. Da quando è stato messo in scena per la prima volta nel 1957, è stato riproposto centinaia di volte sia a livello professionistico sia a livello amatoriale in tutto il mondo. Spielberg ha sottolineato: "West Side Story è stato rappresentato nei teatri di tutto il mondo, da quelli delle scuole superiori a Broadway, passando per i piccoli teatri amatoriali. Parte del suo potere sta nella capacità intrinseca che ha di essere ricostruito e reinventato".

Creato da quatto geni indiscussi (il regista e coreografo Jerome Robbins, il compositore Leonard Bernsteiin, il paroliere Stephen Sondheim e il drammaturgo Arthur Laurents), West Side Story ha avuto la sua premiere al Winter Garden Theater il 26 settembre 1957 e ha avuto ben 732 repliche. Tuttavia, ha anche alle spalle un lungo periodo di gestazione. Robbins concepì l'idea di un musical del genere nel 1949, lavorando a una trama che con Bernstein delineò come la storia di un conflitto tra una famiglia cattolica irlandese e una famiglia ebrea che viveva nel Lower East Side. Nel 1955, dopo un incontro con Laurents, il drammaturgo e sceneggiatore, gli ha proposto un soggetto su due bande adolescenti a New York, una delle quali composta da portoricani appena arrivati in città e una dai discendenti della classe operaia di origine europea.

Il progetto prese forma e iniziò a fondersi con la storia originale, cosa non semplice, portando alle prime prove in teatro nel luglio 1957. Dopo una prova generale a Washington, il musical sbarcò per la sua prima a Broadway nel settembre dello stesso anno con ottime recensioni, facendo ottenere un Tony Award a Robbins e allo scenografo Oliver Smith.

Tuttavia, secondo Alexander Bernstein, il figlio del compositore, lo spettacolo teatrale non ebbe dapprima grande successo. "La gloria è arrivata solo dopo il film uscito tre anni e mezzo dopo", ha notato. West Side Story, il film del 1961, è stato un successo monumentale. Ha vinto 10 Oscar e ha permesso al genere musical di divenire un fenomeno culturale senza precedenti. Some racconta Jamie Bernstein, la figlia del compositore, oltre al film del 1961 ci sono stati quattro revival di Broadway e innumerevoli produzioni sia negli Stati Uniti sia all'estero, comprese una rivisitazione in chiave punk-rock con Cher protagonista e una messa in scena alla Scala di Milano.

Il cast

A dirigere West Side Story è Steven Spielberg, regista, sceneggiatore e produttore statunitense. Noto per essere il regista che ha incassato di più nella storia del cinema grazie a titoli come Lo squalo (primo titolo a superare i 100 milioni di dollari al box office), E.T. - L'extraterrestre, Indiana Jones… Vedi tutto

Commenti (10) vedi tutti

  • Sono rimasto un po' deluso. Tecnica mirabolante, ma come "Ready Player One" mi sembra la montagna che partorisce il topolino. Non mi è dispiaciuto guardarlo, ma alla fine ti chiedi proprio perché.

    commento di AdrienBrodo
  • La dichiarazione d’amore di Steven Spielberg al genere Musical

    leggi la recensione completa di Antonio_Montefalcone
  • Spielberg mette mano a un classico mai dimenticato, vincitore di numerosi Oscar nel 1962, riproponendolo con fedeltà ma con un taglio più attuale.

    leggi la recensione completa di Gabriele_T
  • Anche Spielberg è impazzito. Remake di un musical per effemminati e bimbeminkia ritardate

    commento di arcarsenal79
  • Un remake senza nerbo. C'è da aggiungere altro? Sergio Longo

    commento di SergioLongo
  • Spielberg si è limitato a rifare l'originale in maniera pressoché identica. Da lui mi sarei aspettato qualcosa di diverso. Film abbastanza inutile, come quasi tutti da almeno vent'anni a questa parte. Il Cinema è morto, dovete farvene una ragione.

    commento di Winnie dei pooh
  • È un film grandioso,e al bando di tutte le polemiche sceme,Steven Spielberg ha tutto il diritto di rifare un grande film del passato come West side story.Il risultato è eccellente.

    commento di clarequilty
  • Si l'ho saputo anch'io che il grande pubblico non l'ha gradito. Che vuoi farci. Io l'ho visto de volte. Ma non disperare, lo vedrai quando torneranno a distribuirlo perchè avrà vinto l'Oscar. E anche più di uno. Perchè se non assegnano l'Oscar a questo film significa che la giuria che gli assegna è formata da incompetenti o da venduti.

    commento di bizantino73
  • Qualcuno ha scritto che è un film vecchio per vecchi (non in senso dipregiativo, spero). Orbene, io sono vecchio e mi sarebbe piaciuto tanto vederlo, ma nei cinema di Modena è stato una meteora e non ho fatto in tempo! Mi toccherà vederlo, ahimè, su qualche piattaforma in TV. Porca pupazza!

    commento di Stepan
  • Il "The Irishman" di Steven Spielberg

    leggi la recensione completa di Alvy
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

supadany di supadany
8 stelle

Largo ai giovani. Loro sono il nostro futuro, saranno i protagonisti del cambiamento che verrà, del mondo che sarà, ma potranno ricoprire questo ruolo con profitto solo se prima troveranno chi saprà istruirli sul da farsi, istradandoli sulla retta via, incanalando le loro pulsioni, quelle rivendicazioni che giustamente richiedono a gran voce. Dei saggi che sanno trasmettere… leggi tutto

8 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

LAMPUR di LAMPUR
5 stelle

  Mi chiedevo perché dover fare le pulci al “nuovo” West Side Story di Steven Spielberg? Forse solo perché non è nuovo. Forse perché i dolly, i controluce, i colori sgargianti, il cast fortemente diversificato tra etnia di immigrazione europea e sudamericana, la fotografia dettagliata e monumentale, l’intrico di gabbie e inferriate, la… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2022
2022
Steven Spielberg
Foto

Recensione

Antonio_Montefalcone di Antonio_Montefalcone
7 stelle

Ambientato nell’Upper West Side della New York della metà degli anni cinquanta, il musical racconta la rivalità tra due bande di adolescenti di diversa estrazione etnica: gli Sharks, composta da immigrati portoricani, e i Jets, una gang di ragazzi bianchi. In un clima di odio e intolleranza continui, Tony, un ex membro dei Jets, nonché miglior amico del loro capo…

leggi tutto
OSCAR 2022

OSCAR 2022

...esclusi "Drive My Car" e "Belfast", gli altri film non mi hanno particolarmente emozionato o rapito il cuore... per me è stata una tornata degli… segue

Post

Recensione

Gabriele_T di Gabriele_T
8 stelle

Non è semplice dare un giudizio su un'opera che, almeno per il sottoscritto, rappresenta un classico ormai consolidato della tradizione cinematografica dei primi anni Sessanta: si rischia di cadere facilmente preda di giudizi dettati dall'emotività, sia in un senso (eccessivo attaccamento al primo film e conseguente critica del remake) sia nel senso opposto (esaltazione della nuova…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

LAMPUR di LAMPUR
5 stelle

  Mi chiedevo perché dover fare le pulci al “nuovo” West Side Story di Steven Spielberg? Forse solo perché non è nuovo. Forse perché i dolly, i controluce, i colori sgargianti, il cast fortemente diversificato tra etnia di immigrazione europea e sudamericana, la fotografia dettagliata e monumentale, l’intrico di gabbie e inferriate, la…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

diomede917 di diomede917
9 stelle

CIAK MI GIRANO LE CRTICHE DI DIOMEDE917:WEST SIDE STORY   Una delle cose che ti puoi permettere quando sei considerato uno dei più grandi registi viventi che ha fatto la Storia del Cinema mondiale e che ha vissuto il cinema con gli occhi sognanti di un bambino è quello di realizzare a 75 anni la tua versione del film che ha colpito la tua infanzia. E di dedicarlo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

ethan di ethan
8 stelle

Remake del classico del 1961 di Robert Wise e Jerome Robbins (premiato con ben 10 Oscar), 'West Side Story' di Steven Spielberg - aperto da un magistrale, acrobatico ed articolato movimento della macchina da presa che illustra allo spettatore il luogo (Il West Side di New York alla fine degli anni '50) dove si svolgeranno le gesta  tra la banda dei Jets e quella degli Sharks - è un…

leggi tutto
2021
2021

Il mio 2021 in sala

DeathCross di DeathCross

Dopo diverse playlist dedicate a 'retrospettive' filmografiche di Autori vari, ho deciso di provare a proporre una playlist più personale (credo la prima dopo 7 anni) in cui, approfittando della ricorrenza di…

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
7 stelle

AL CINEMA Il proposito di rifare un caposaldo ancora unico ed affascinante del musical al cinema, come è e resta il West Side Story del 1961 di Robert Wise e Jerome Robbins, tratto dall'omonimo musical di Leonard Bernstein (e Stephen Sondheim e Arthur Laurents), a sua volta liberamente ispirato alle contrastate vicende amorose che hanno animato e reso tragica la trascinante love…

leggi tutto

Recensione

Alvy di Alvy
10 stelle

  Steven Spielberg ha sempre parlato controvoglia di Indiana Jones e il tempio maledetto (1984), sottolineando come l'unico elemento positivo di quella deludente pellicola fosse stato l'aver conosciuto Kate Capshaw, sua sposa dal 1991, chiamata ad interpretare Willie Scott, cantante del night club in cui si apriva il film.     Infatti, l'unico aspetto notevole del…

leggi tutto

Recensione

supadany di supadany
8 stelle

Largo ai giovani. Loro sono il nostro futuro, saranno i protagonisti del cambiamento che verrà, del mondo che sarà, ma potranno ricoprire questo ruolo con profitto solo se prima troveranno chi saprà istruirli sul da farsi, istradandoli sulla retta via, incanalando le loro pulsioni, quelle rivendicazioni che giustamente richiedono a gran voce. Dei saggi che sanno trasmettere…

leggi tutto

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
7 stelle

Se escludiamo adattamenti che già erano stati trasposti su schermo in passato, West Side Story è il primo remake di Steven Spielberg, molto più un remake di Robert Wise e Jerome Robbins che non una semplice riproposizione alternativa del musical di Laurents/Sondheim/Bernstein. I carrelli e le folli coreografie ammiccano e citano quelle di Robbins, anche e soprattutto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
Uscito nelle sale italiane il 20 dicembre 2021
locandina
Foto
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito