Due giorni, una notte

play

Regia di Jean-Pierre Dardenne, Luc Dardenne

Con Marion Cotillard, Fabrizio Rongione, Pili Groyne, Simon Caudry, Olivier Gourmet, Catherine Salée, Baptiste Sornin, Alain Eloy... Vedi cast completo

In streaming
  • RaiPlay
  • Tim Vision
  • Wuaki
  • Chili
  • Wuaki
  • iTunes
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

Per due giorni e una notte, con l'aiuto del marito, la trentenne Sandra inizia a girare per la città con lo scopo di contattare i suoi colleghi. Il suo intento è di chiedere loro di sacrificare i loro bonus in modo che lei possa continuare a mantenere il suo posto di lavoro.

Approfondimento

DUE GIORNI, UNA NOTTE: RIPRENDERSI IL LAVORO

Scritto e diretto dai fratelli Jean-Pierre e Luc Dardenne, Due giorni, una notte racconta la storia di Sandra, una donna che nel corso di un fine settimana prova a salvare il proprio posto di lavoro cercando di convincere i colleghi a rinunciare a un loro bonus economico. In una Europa martoriata dalla crisi economica e sociale, quella di Sandra e del marito Manu è la vicenda realistica di una persona che, in procinto di essere licenziata con il consenso della maggior parte dei colleghi, si aggrappa all'unica speranza che ha, trovando una forza e un coraggio inaspettato durante il suo peregrinare. I colleghi di Sandra, inoltre, hanno votato per il ridimensionamento dell'organico di lavoro e per il suo licenziamento in cambio di un piccolo premio in denaro, una delle tecniche di "persuasione" spesso adottata nel mondo del lavoro e che contribuisce a generare ossessione nei lavoratori per le prestazioni e forte concorrenza tra i dipendenti stessi.

IL SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA

Diversamente da molti dei film dei Dardenne, Sandra vive con il marito Manu e i figli in una famiglia molto unita. Tutto il coraggio che trova le deriva dalla forza trasmessale dall'amore di Manu. Convinto che la moglie non creda in se stessa, Manu la aiuta a vincere la depressione e a smettere di avere paura, trasformandosi quasi in un sindacalista o in un vero coach. Secondo Manu, Sandra non deve mai apparire come una vittima che stigmatizza o denuncia il comportamento dei colleghi che le hanno votato contro. La sua non deve essere la lotta di una povera ragazza contro la moltitudine di individui a lei contrari che la circonda. Anche l'aiuto dei figli si dimostra in qualche modo fondamentale: coinvolti nelle difficoltà dei genitori, partecipano a loro modo aiutandoli a trovare gli indirizzi di casa dei colleghi.

LA GIUNGLA DEL LAVORO

Come spesso accade con le opere dei fratelli Dardenne, Due giorni, una notte non esprime alcun giudizio sui personaggi coinvolti. I lavoratori della storia sono tra loro in concorrenza e rivalità e non esistono schiere di buoni o di cattivi. I colleghi di Sandra hanno tutti le loro buone ragioni per acconsentire o negare la sua richiesta, visto che il premio permetterà loro di coprire spese come affitto o bollette. E Sandra non può non capire le loro ragioni dal momento che sente delle stesse difficoltà economiche con cui lei ha a che fare quotidianamente. Poiché lavorano in una piccola azienda, Sandra e i suoi colleghi non sono abbastanza numerosi per formare un collettivo e adire alle vie sindacali contro il loro capo: in loro, è assente l'idea di una reazione collettiva e la votazione contro Sandra mette in evidenza come oggi sul posto di lavoro manchi del tutto la solidarietà.

GLI ATTORI PROTAGONISTI

Scritto tra l'ottobre 2012 e il marzo 2013, Due giorni, una notte ha il suo punto di forza nei due attori protagonisti: Marion Cotillard e Fabrizio Rongione, rispettivamente Sandra e Manu. Mentre per la Cotillard si tratta della prima prova di attrice sotto la regia dei Dardenne, Rongione è da tempo uno degli attori preferiti dai cineasti belgi, scelto in precedenza per Rosetta, Il figlio, Il matrimonio di Lorna e Il ragazzo con la bicicletta. In Due giorni, una notte è infine possibile vedere anche Olivier Gourmet, attore feticcio dei Dardenne, il cui personaggio pesa molto sul film senza mai farsi vedere, tranne che per un breve frammento.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Il film, girato in tempo reale e camera a spalla ha una tensione inarrestabile frantumata da una scena in macchina in cui tutti cantano insieme e da piccole esplosioni di humour che a Cannes hanno suscitato risate liberatorie. Due giorni, una notte è soprattutto una sonda un po’ scioccante in un occidente ridotto a livelli di solidarietà ed empatia dello stesso livello di un villaggio del neolitico, ma è Marion Cotillard il vero effetto speciale: tra rassegnazione e combattività, dignità e rabbia, resa e riscatto, somiglia troppo alla vita come è fuori dai film per non continuare a pensare a lei anche dopo un po’ che è finito.

Commenti (6) vedi tutti

  • Sempre impegnati, riescono sempre a cogliere nel segno. Devo dire la verità;nonostante sembrino sempre mattoni molto impegnativi da digerire, mi piace sempre vedere i loro film. Brava la Cotillard.

    commento di slim spaccabecco
  • Un film con protagonista lo Xanax non può che deludermi. Recitazione ai minimi livelli, poca tensione emotiva. Voto: 3

    commento di Antofroncy
  • La Cotillard è deliziosa. Per il resto niente di che, anzi.

    commento di sticazzi
  • Se Ken Loach, altro soldato del cinema impegnato europeo, calca la mano sulla coloritura politica dei suoi racconti, i fratelli Dardenne preferiscono soffermarsi sull’aspetto prettamente sociale, a volte perfino intimistico, delle loro storie. Storie di gente comune in battaglia per arrivare a fine mese o addirittura a fine giornata.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Non è niente male, questo film, sia in sceneggiatura che in recitazione.

    leggi la recensione completa di tobanis
  • Una strepitosa Marion Cotillard dà corpo al personaggio di un' operaia che rischia il licenziamento dopo un periodo di assenza dal lavoro perchè affetta da profonda depressione. Un convinto film dei fratelli Dardenne da non perdere.

    leggi la recensione completa di vjarkiv
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

steno79 di steno79
8 stelle

Si può  essere "di parte" su un regista? (in questo caso non è solo uno, ma sono due fratelli, la coppia di autori più rigorosa e intransigente del cinema contemporaneo). I Dardenne continuano a raccontarci storie di precarietà lavorativa, di una guerra tra poveri per conservare un posto di lavoro e un magro salario, di una giovane madre caduta in depressione che… leggi tutto

40 recensioni positive

Recensioni
2019
2019
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
Trasmesso il 18 gennaio 2019 su Tv 2000
2018
2018

Recensione

jonas di jonas
7 stelle

Gli operai di una piccola fabbrica di pannelli solari vengono messi di fronte a un aut aut: ricevere un bonus di 1000 euro o riammettere al lavoro una loro collega reduce da un esaurimento nervoso; quest’ultima, decisa a non arrendersi senza lottare, li contatta uno per uno durante il fine settimana che precede la votazione. Il film esemplifica nel modo più brutale il concetto di…

leggi tutto

Recensione

Samaga di Samaga
8 stelle

Adoro questi film tipicamente ispirati ai canoni del cinema francese. Mettono a nudo la vita delle persone, con il loro sentimenti, atteggiamenti e interazioni. Senza enfasi, semplicemente. Una telecamera che segue un personaggio nel suo vivere. Porta lo spettatore a stare in mezzo alle sue azioni e relazioni quotidiane. Non c'è colonna sonora a sottolineare…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Trasmesso il 6 maggio 2018 su Tv 2000
Trasmesso il 1 maggio 2018 su Tv 2000
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 13 marzo 2018 su Rsi La1

2018

YuzoAB di YuzoAB

Scrivi un testo introduttivo (potrai sempre editarlo in seguito)

leggi tutto
Playlist
2017
2017
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti

Recensione

Lehava di Lehava
5 stelle

Il mondo è cambiato, dopo il 2008. Anche la disperazione, il disagio, la marginalità hanno preso vie inattese passanti per un disinteresse (piuttosto che un accanimento consapevole) delle autorità, una solitudine fragorosa nella globalità, un appiattimento verso il basso delle aspettative. I fratelli Dardenne, testimoni sensibili di una emarginazione di fine…

leggi tutto
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Trasmesso il 28 ottobre 2017 su Tv 2000
Trasmesso il 27 ottobre 2017 su Tv 2000
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito