Espandi menu
cerca

Trama

La Hollywood degli anni Trenta viene raccontata attraverso lo sguardo di Herman J, Mankiewicz. Critico sociale pungente e sceneggiatore alcolizzato, Mankiewicz è alle prese con l'ultimazione della sceneggiatura di Quarto potere per Orson Welles.

Approfondimento

MANK: LA NASCITA DI QUARTO POTERE

Diretto da David Fincher e sceneggiato da Jack Fincher, Mank racconta l'importanza di Hollywood, lo stato del mondo e la vita di Herman Mankiewicz negli anni Trenta. Conosciuti come l'età d'oro di Hollywood, gli anni Trenta sono un periodo caratterizzato da una creatività rivoluzionaria, incentivata dalla nascita del cinema sonoro e dal costante bisogno del pubblico di distrarsi dalla propria triste vita quotidiana. Gli Stati Uniti si trovano in grave difficoltà economica durante la Grande depressione, mentre il mondo assiste all'ascesa del fascismo e nel 1933 all'affermazione di Hitler, un politico spudorato e carismatico che conosceva bene il potere delle menzogne. Gli studi di Hollywood non sono immuni alle difficoltà finanziarie, ma circa 70 milioni di persone vanno ancora al cinema una o più volte a settimana, quindi le aziende ai vertici di questo settore nascente non risentono della situazione. I cinque studi principali dell'epoca sono Warner Bros., RKO, Fox, M.G.M. e Paramount, dove Herman Mankiewicz inizia a lavorare attratto dai potenziali guadagni stratosferici, abbandonando una carriera come giornalista, drammaturgo e critico a New York. Nell'ambito del suo lavoro collabora con i fratelli Marx supervisionando la scrittura/produzione delle commedie classiche Quattro folli in alto mareLa guerra lampo dei fratelli Marx, anche se interrompe il suo lavoro su quest'ultimo film quando i problemi con l'alcol iniziano a sfuggirgli di mano.

Eppure, quando è abbastanza sobrio da poter parlare riesce anche a scrivere ed è merito della sua genialità se alcune persone si mostrano disposte a sopportare il suo potente mix di whisky e insolenza. Così entra in M.G.M. Lo studio cinematografico Metro Goldwyn Mayer è gestito da Irving Thalberg, che si occupa della parte artistica, e da Louis B. Mayer, responsabile degli aspetti finanziari. Conosciuto per i contenuti di intrattenimento per famiglie, lo studio produce alcuni dei più grandi film dell'epoca come Il mago di Oz, per cui Mankiewicz lavora alla prima bozza. Non credendo che il libro di L. Frank Baum si prestasse a diventare un buon film, Mank lavora in maniera sbrigativa (e il suo lavoro non viene riconosciuto nei titoli di coda). Nella versione finale del film rimane solo una delle sue idee, che si rivela tuttavia indimenticabile: filmare la vita quotidiana in Kansas in bianco e nero e utilizzare il Technicolor per le riprese del regno di Oz.

Mankiewicz è un genio autodistruttivo che sta esaurendo le opportunità offerte da Hollywood quando Orson Welles lo contatta per lavorare a quello che sarebbe diventato Quarto potere. Aveva conquistato il teatro e la radio e ora RKO gli stava offrendo il suo primo contratto per un lungometraggio. Avrebbe potuto realizzare un film su qualsiasi tema. E scegliere i propri collaboratori.

Con la direzione della fotografia di Erik Messerschmidt, le scenografie di Donald Graham Burt, i costumi di Trish Summerville e le musiche di Trent Reznor e Atticus Ross, Mank è nato da una conversazione tra il regista David Fincher e il padre Jack, avvenuta negli anni Novanta. David Fincher vede Quarto potere da adolescente durante una lezione di cinema della scuola media dopo averne sentito parlare dal padre Jack Fincher, giornalista e scrittore indipendente. "Si trattava di un film così vecchio che ricordo di aver avuto paura di rimanere deluso", dice Fincher. Ma non c'era motivo di preoccuparsi: "Sono rimasto sbalordito". Riflettendo sul film ora, Fincher non pensa che sia, come molti l'hanno definito, il migliore di tutti i tempi. "Tuttavia non si può ignorare il fatto che è stato il primo film a portare in scena idee letterarie complesse sul modo di vedere la vita, sull'arroganza, sul comportamento e sui bisogni del genere umano, raccontandole in modo molto colto, sofisticato e cinematografico." Un paio d'anni dopo Fincher legge Raising Kane, il controverso saggio dell'apprezzata critica cinematografica Pauline Kael, dove viene suggerito che il regista di Quarto potere Orson Welles non andrebbe riconosciuto come cosceneggiatore, dato che la sceneggiatura era opera soltanto di Herman Mankiewicz. Quando il padre, ormai in pensione, gli dice che stava pensando di scrivere una sceneggiatura, Fincher gli suggerisce di approfondire la storia di Mankiewicz e Welles e della stesura di Quarto potere. Nel frattempo David, che aveva trascorso gran parte degli anni '80 a dirigere spot pubblicitari e video musicali, dirige il suo primo lungometraggio Alien ³. L'esperienza non è delle migliori e gli offre una nuova prospettiva sul rapporto tra sceneggiatore e regista. In ogni caso, l'obiettivo di Mank non è mai stato quello di portare sul grande schermo una controversia sul merito. "Il film è incentrato più sull'idea che una persona che sa come vengono realizzati i film deve accettare l'eventualità di una collaborazione forzata."

La sceneggiatura subisce diverse revisioni fino a quando Jack non introduce una trama secondaria che approfondisce la propaganda di Irving Thalberg di M.G.M. per influenzare le elezioni del governatore della California nel 1934. Da quel momento Mank si sviluppa su due linee temporali: una ambientata in un bungalow a Victorville, dove Mankiewicz è impegnato a scrivere "American" (la prima bozza di quello che diventerà Quarto potere) e una fatta di flashback che raccontano la sua vita negli anni '30, le sue interazioni con Thalber e Mayer e l'incontro con la star del cinema Marion Davies e il suo amante William Randolph Hearst, il barone della stampa a cui è ispirato il personaggio di Charles Foster Kane.

Fincher e Jack sono piuttosto soddisfatti della sceneggiatura e nel 1997 cercano finanziamenti per il film. Nessuno, tuttavia, è pronto a scommettere su un film in bianco e nero. Jack Fincher muore nel 2003, ma David non smette mai di pensare alla sceneggiatura. Più di 20 anni dopo, quando Netflix gli chiede cosa avrebbe voluto girare dopo aver concluso la serie crime Mindhunter sull'FBI, lui sa che c'è un progetto rimasto incompiuto. Il risultato è un film d'epoca, un affascinante riflesso dell'età d'oro di Hollywood e uno stimolante viaggio alla ricerca dell'autostima. "Penso che si sentisse sminuito", racconta Fincher spiegando che Mankiewicz riteneva che scrivere per il cinema rimanesse al di sotto delle sue vere capacità. "Infatti ha trovato gli stimoli giusti solo quando si è sentito libero dai vincoli della macchina dell'intrattenimento a fianco di una persona [Orson Welles] che non temeva di guardare in faccia la realtà. E in questo modo ha anche ritrovato un certo rispetto di sé".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

Gary Oldman, premio Oscar per L'ora più buia, è Herman Mankiewicz. Stimato membro dell'Algonquin Round Table, un gruppo di acclamati scrittori e intellettuali nella New York degli anni '20, Mankiewicz sbarca a Hollywood per i soldi, abbandonando l'ambizione di diventare un drammaturgo. Definito da Oldman come "un… Vedi tutto

Commenti (10) vedi tutti

  • film adatto effettivamente a un pubblico che conosce bene l'America degli anni 30/40. Mi piace la scelta del bianco e nero che si mischia con la frenetica Hollywood dove tutti si muovono e nessuno sta mai fermo

    commento di argo979
  • Brillante (il primo tempo) ed arguto. Da “fuori target” quale sono (cioè poco ferrato/interessato alla politica ed alla politica cinematografica di ormai cent’anni or sono), anche un po’ insignificante. Film tutto per americani (chissà cosa diranno gli oscar..); a me è bastato Gary Oldman per farmelo apprezzare, ma non saprei se consigliarlo o meno

    commento di leporello
  • Sara' apprezzato dai vari cinefili che apprezzano le disquisizioni tecniche, ma a un semplice spettatore di media cultura cinematografica come il sottoscritto questo film sembra troppo frammentario e anche un po' confuso. In una parola bello tecnicamente ma che noia !

    commento di angelopanzacchi
  • Uno di quei film ben confezionati, un uovo di pasqua (anzi di Natale) dove t'aspetti chissà quale sorpresa e invece trovi il portachiavi. Uno di quei film che se anche non fosse stato girato sarebbe stato uguale, anzi... meglio. Eppoi, ma a chi gliene frega ancora qualcosa di Mankiewicz.

    commento di edik154
  • Biopic sullo sceneggiatore di Quarto Potere, sposa la tesi che Welles non abbia scritto neanche una parola dello script. Film di grande eleganza e cura formale, ma di scarsa emozione, è difficile da seguire per chi non è approfondito conoscitore della storia di Hollywood negli anni '30.

    leggi la recensione completa di port cros
  • Sono riuscito a vederne metà. Poi ho dovuto raccogliere i testicoli da terra e togliere sta purga. Di solito 'sto regista fa film interessati. Questa volta no

    commento di arcarsenal79
  • Storia interessante, ma persa in un accozzaglia di scene.

    commento di gruvieraz
  • Un ritratto universale dell'outsider, che utilizza il flashback come parallelismo, tra due piani temporali della realtà decisivi per la creazione cinematografica

    leggi la recensione completa di lino99
  • Concept simile a “L’ultima parola - La vera storia di Dalton Trumbo”. Come sempre un eccellente Gary Oldman, ma non basta, film abbastanza noioso, per me non arriva alla sufficienza. Voto: 5

    commento di Monfr
  • Fincher e la sua apoteosi. Oldman e forse la sua miglior interpretazione in assoluto. Sì, lo è. Che classe. Che film. Masterpiece in masterpiece! Vera gioia per gli occhi. Qui, voliamo davvero su livelli alti.

    leggi la recensione completa di 79DetectiveNoir
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

champagne1 di champagne1
8 stelle

1940: Herman Mankiewicz è scelto come principale collaboratore (per contratto solo in qualità di "ghost writer") di Orson Welles nella stesura della sceneggiatura del suo prossimo film. Personaggio brillante e caustico , Mankiewicz detto “Mank” non è solo uno scrittore, ma un uomo di principi. Scopriamo che – in epoca nazista – era riuscito a fare… leggi tutto

10 recensioni positive

Recensioni
Recensioni

La recensione più votata delle negative

kubritch di kubritch
2 stelle

<< Il contributo di Mankiewicz? Enorme! (...) Cominciammo a scrivere solo dopo aver parlato moltissimo, naturalmente... noi due da soli, con terribili urlate. Non troppo rabbiose però. (...) Ecco perché l'ho lasciato lavorare da solo, alla fine, perché avevamo cominciato a perdere troppo tempo in litigi. Così, dopo un accordo di massima sulla trama e sui… leggi tutto

2 recensioni negative

2021
2021
Oscar 2021: I premi

Oscar 2021: I premi

  La 93ma edizione della Notte degli Oscar passerà alla storia per essere la più insolita di sempre. Il CoVid ha costretto… segue

Post
Uscito nelle sale italiane il 26 aprile 2021

Recensione

Malpaso di Malpaso
8 stelle

Forte di un bianco e nero pulito come la sua regia, David Fincher ci racconta la mente geniale e cinica di Herman J. Mankiewicz, sceneggiatore della Hollywood classica nonché autore dello script del capolavoro Quarto potere.   Mank ci mostra i tre mesi di gestazione del copione, ripercorrendo attraverso svariati flashback i momenti che ispireranno Mankiewicz per il suo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Gennaio + Febbraio 2021

LorismaL di LorismaL

Ecco la consueta playslist bimensile con le mie ultime visioni (ordinate secondo anno di uscita).   Mi farebbe molto piacere ricevere i vostri consigli nei commenti. Saluti a tutti!  

leggi tutto

Recensione

mm40 di mm40
4 stelle

Uno squarcio sulla vita di Mank, il grande sceneggiatore Herman J. Mankiewicz, Oscar nel 1942 per il copione di Quarto potere.   Ritmo e un pizzico di azione, battute argute e musiche in odore di jazz/charleston (peraltro di un duo da non sottovalutare: Trent Reznor e Atticus Ross), personaggi celebri sullo sfondo e in primo piano un protagonista che ha vissuto dietro le quinte la sua…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

kubritch di kubritch
2 stelle

<< Il contributo di Mankiewicz? Enorme! (...) Cominciammo a scrivere solo dopo aver parlato moltissimo, naturalmente... noi due da soli, con terribili urlate. Non troppo rabbiose però. (...) Ecco perché l'ho lasciato lavorare da solo, alla fine, perché avevamo cominciato a perdere troppo tempo in litigi. Così, dopo un accordo di massima sulla trama e sui…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

Antisistema di Antisistema
6 stelle

Fa tanto rumore, ma vale tanto poco (Giacomo Leopardi).   S'è fatto un gran vociare di questo Mank di David Fincher (2020) già dal suo annuncio, con tanto di stimmate del capolavoro prima ancora di vedere la pellicola, perchè oramai al giorno d'oggi conta l'annuncio, le classiche quattro foto trapelate dal set, un trailer ad effetto, un bianco e nero tanto per far…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

champagne1 di champagne1
8 stelle

1940: Herman Mankiewicz è scelto come principale collaboratore (per contratto solo in qualità di "ghost writer") di Orson Welles nella stesura della sceneggiatura del suo prossimo film. Personaggio brillante e caustico , Mankiewicz detto “Mank” non è solo uno scrittore, ma un uomo di principi. Scopriamo che – in epoca nazista – era riuscito a fare…

leggi tutto

Recensione

0372 di 0372
10 stelle

Da vedere e rivedere, così come (prima o dopo non lo so) Quarto Potere. Gary Oldman è un attore incredibile ed una maschera di attore versatile ed universale capace di interpretare qualsiasi personaggio, colorandolo e riempendolo di contenuti inaspettati (basta pensare alla sua filmografia). Il film - girato in un meraviglioso abbagliante bianco e nero -  si basa su dialoghi…

leggi tutto
Recensione
2020
2020

Recensione

robertoleoni di robertoleoni
7 stelle

Come sceneggiatore so che in ogni sceneggiatura c'è un momento in cui devi scontrarti con i tuoi demoni. Mankiewicz scrivendo Quarto potere deve scontrarsi anche con il re di Hollywood Mayer, con il re della stampa Hearst e con il furioso genio di Orson Welles.   Qui potete vedere la mia videorecensione    https://bit.ly/MANK_

leggi tutto
Recensione

Recensione

Gangs 87 di Gangs 87
7 stelle

Irriverente. Provocatorio. Volutamente sopra le righe ed oltre la moralità. Herman J. Mankiewicz, giornalista, critico teatrale e sceneggiatore, noto principalmente per la scrittura di dialoghi irriverenti in brillanti commedie, raggiunge l'apice della sua carriera quando Orson Welles lo ingaggia per scrivere Quarto Potere e gli consente di vincere il suo unico Oscar.   David…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

AlbertoBellini di AlbertoBellini
8 stelle

Il C’era una volta a Hollywood di David Fincher. Non una lettera d’amore, ma un’amara presa di coscienza di un sistema distorto, passato, ma assolutamente contemporaneo: una fabbrica che di sognante, dietro le quinte, ha ben poco. Più che al cinema, un monumento allo sceneggiatore (ruolo spesso occultato dall’ombra di un regista qui per buona parte fuori campo o…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito