Espandi menu
cerca
Mank

Regia di David Fincher vedi scheda film

Commenti brevi
  • film adatto effettivamente a un pubblico che conosce bene l'America degli anni 30/40. Mi piace la scelta del bianco e nero che si mischia con la frenetica Hollywood dove tutti si muovono e nessuno sta mai fermo

    commento di argo979
  • Brillante (il primo tempo) ed arguto. Da “fuori target” quale sono (cioè poco ferrato/interessato alla politica ed alla politica cinematografica di ormai cent’anni or sono), anche un po’ insignificante. Film tutto per americani (chissà cosa diranno gli oscar..); a me è bastato Gary Oldman per farmelo apprezzare, ma non saprei se consigliarlo o meno

    commento di leporello
  • Sara' apprezzato dai vari cinefili che apprezzano le disquisizioni tecniche, ma a un semplice spettatore di media cultura cinematografica come il sottoscritto questo film sembra troppo frammentario e anche un po' confuso. In una parola bello tecnicamente ma che noia !

    commento di angelopanzacchi
  • Uno di quei film ben confezionati, un uovo di pasqua (anzi di Natale) dove t'aspetti chissà quale sorpresa e invece trovi il portachiavi. Uno di quei film che se anche non fosse stato girato sarebbe stato uguale, anzi... meglio. Eppoi, ma a chi gliene frega ancora qualcosa di Mankiewicz.

    commento di edik154
  • Biopic sullo sceneggiatore di Quarto Potere, sposa la tesi che Welles non abbia scritto neanche una parola dello script. Film di grande eleganza e cura formale, ma di scarsa emozione, è difficile da seguire per chi non è approfondito conoscitore della storia di Hollywood negli anni '30.

    leggi la recensione completa di port cros
  • Sono riuscito a vederne metà. Poi ho dovuto raccogliere i testicoli da terra e togliere sta purga. Di solito 'sto regista fa film interessati. Questa volta no

    commento di arcarsenal79
  • Storia interessante, ma persa in un accozzaglia di scene.

    commento di gruvieraz
  • Un ritratto universale dell'outsider, che utilizza il flashback come parallelismo, tra due piani temporali della realtà decisivi per la creazione cinematografica

    leggi la recensione completa di lino99
  • Concept simile a “L’ultima parola - La vera storia di Dalton Trumbo”. Come sempre un eccellente Gary Oldman, ma non basta, film abbastanza noioso, per me non arriva alla sufficienza. Voto: 5

    commento di Monfr
  • Fincher e la sua apoteosi. Oldman e forse la sua miglior interpretazione in assoluto. Sì, lo è. Che classe. Che film. Masterpiece in masterpiece! Vera gioia per gli occhi. Qui, voliamo davvero su livelli alti.

    leggi la recensione completa di 79DetectiveNoir