Espandi menu
cerca
Mank

Regia di David Fincher vedi scheda film

Recensioni

L'autore

champagne1

champagne1

Iscritto dal 18 gennaio 2012 Vai al suo profilo
  • Seguaci 43
  • Post -
  • Recensioni 963
  • Playlist 6
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Mank

di champagne1
8 stelle

1940: Herman Mankiewicz è scelto come principale collaboratore (per contratto solo in qualità di "ghost writer") di Orson Welles nella stesura della sceneggiatura del suo prossimo film.

Personaggio brillante e caustico , Mankiewicz detto “Mank” non è solo uno scrittore, ma un uomo di principi. Scopriamo che – in epoca nazista – era riuscito a fare emigrare dalla Germania negli USA un intero villaggio per sfuggire alle persecuzioni razziali; e nel 1934 aveva anche cercato di opporsi all’uso di falsi videogiornali nella propaganda elettorale, prodotti negli studi della Metro-Goldwin-Mayer, contro il candidato democratico alla carica di governatore della California.

Perennemente affetto da un tedium vitae, che cerca di combattere con l’alcool e il gioco d’azzardo, la sua lingua arguta e pungente lo condurrà ai margini del mondo Hollywoodiano, da cui solo l’incontro con il giovane ma potentissimo Welles gli permetterà di evadere. Ma anche con Welles compariranno screzi quando la sceneggiatura di “Quarto Potere” sarà pronta e Mank chiederà – contravvenendo al contratto – di poterla firmare…

 

 

Girato in B/N, con amore e nostalgia secondo lo stile dei film RKO negli anni ’40, l’affascinante storia di Mank, oltre a farci conoscere un personaggio ai margini della storia della cinematografia, con le sue idee brillanti e i suoi eccessi comportamentali, diventa soprattutto uno spunto che protrae la riflessione sul rapporto fra potere e comunicazione, che non si esaurisce nelle visioni propagandistiche delle grandi dittature, ma percorre il dopo-guerra fino ad oggi attraverso i diversi media che tendono a sfruttare la gestione dell’informazione per fini privati.

Gary Oldman, dopo il suo precedente Churchill, riesce a spiccare anche nelle vesti di questo nuovo personaggio, restituendolo nelle varie sfaccettature della sua complessa personalità. E Fincher continua a dimostrare la sua idea di cinema non lineare ma intensa e coinvolgente.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati