Trama

Il pilota Carroll Shelby vince la prestigiosa 24 Ore di Le Mans nel 1959, portando a termine un'impresa rara per un pilota americano. I problemi a una valvola cardiaca fermano però la sua carriera. Ken Miles, invece, non è adatto alle relazioni pubbliche ma come pilota è eccezionale. Quando Lee Iacocca cerca qualcuno che possa rilanciare il marchio Ford, i due rappresentano il team perfetto per far sì che la scuderia americana possa competere con quella dell'italiano Enzo Ferrari.

Approfondimento

LE MANS '66 - LA GRANDE SFIDA: FORD CONTRO FERRARI IN UN'EPICA CORSA

Diretto da James Mangold e sceneggiato da Jez Butterworth, John-Henry Butterworth e Jason Keller, Le Mans '66 - La grande sfida racconta della rivalità tra le case automobilistiche Ford e Ferrari per vincere la 24 Ore di Le Mans, famosa gara di automobilismo che si tiene ogni anno in Francia, nel 1966. La storia prende il via nel 1959 quando l'americano Carroll Shelby, reduce dalla vittoria della 24 Ore, è considerato uno dei migliori piloti di corse al mondo. Il trionfo, raro per un americano, è però annebbiato presto da una notizia per il pilota sconfortante: l'indomito texano scopre infatti di essere affetto da una grave patologia cardiaca che gli impedirà di rimettersi al volante di un auto da corsa per il resto della sua vita. Pieno di risorse, Shelby si reinventa allora come designer di automobili e rappresentante. Lavora così in un grande spazio di Venice Beach a stretto contatto con ingegneri e meccanici, tra cui l'esperto collaudatore Ken Miles. Campione automobilistico britannico e devoto padre di famiglia, Miles è abile alla guida ma è anche schietto, arrogante e non disposto a scendere a compromessi. Dopo che le vetture di Shelby si fanno notare a Le Mans contro il rispettabile Enzo Ferrari,  La Ford Motor Company decide di reclutare Carroll per affidargli il progetto di un auto da corsa che possa battere il mito italiano sullo spietato circuito francese. Impegnandosi ad avere successo contro ogni previsione avversa, Shelby, Miles e il loro team affronteranno interferenze aziendali, leggi della fisica e demoni personali, per mettere a punto un veicolo rivoluzionario in grado di superare ogni più temibile avversario. Ma, per uomini audaci come loro, la vittoria presenterà un conto salato da pagare.

Con la direzione della fotografia di Phedon Papamichael, le scenografie di François Audouy, i costumi di Daniel Orlandi e le musiche di Marco Beltrami, Le Mans '66 - La grande sfida si basa dunque su eventi realmente accaduti per concentrarsi su una potente amicizia che finirà per cambiare per sempre la storia dell'automobilismo.  A raccontare la genesi del progetto è lo stesso regista: "Ho amato sin da subito la doppia sfida che il film mi ha offerto. Da un lato, ho potuto mettere in scena adrenaliniche sequenze di auto da corsa guidate da piloti senza paura. Dall'altro lato, invece, ho potuto raccontare la storia dell'amicizia, turbolenta ma sincera, tra Shelby e Miles, due uomini dalle personalità ben distinte: tanto Shelby era duro ma in fondo simpatico tanto Miles era spigoloso e senza filtri. Ad accomunarli era però la passione per l'innovazione e l'amore costante per le corse. Entrambi volevano dare il meglio, anche se ciò significava mettere le loro vite in pericolo ogni volta che si sedevano alla guida. Ma ciò che più contava era il fatto che si capivano. Per via delle sue condizioni cliniche, Shelby non poteva più correre ma non si è arreso. Trovando una nuova dimensione, assunse il ruolo di protettore di Ken e diede il via a una relazione molto simbiotica, in cui l'uno cominciava dove finiva l'altro".

"Le Mans '66 - La grande sfida è quel tipo di film - ha proseguito Mangold - che mi ricorda perché amo fare il regista. Spettacolari sequenze d'azione, momenti introspettivi, eroi riluttanti ed etica ne sono gli elementi portanti. Il mio compito è stato quello di provare a trasmettere allo spettatore il volersi bene, il cameratismo e l'energia dei due piloti, dei designer, dei meccanici e dei membri del loro team ai box. Le vittorie o le sconfitte che hanno riportato nelle gare non saranno mai importanti come quelle che hanno rimediato nelle loro esistenze. In un'epoca come la nostra, in cui tutto è dominato dagli effetti speciali, ho proteso che quasi tutto fosse reale e ricostruito nel dettaglio".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Le Mans '66 - La grande sfida è James Mangold,  regista, sceneggiatore e produttore statunitense. Con una decina di film alla spalle (da Kate & Leopold a Ragazze interrotte), Mangold è noto per riuscire a spaziare tra i generi mantenendo costanti i temi forti trattati e la straordinaria capacità con… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
2019
2019
locandina
Foto
Matt Damon, Christian Bale
Foto
locandina
Foto

In sala nel 2019!!!

cinefox di cinefox

Le serie TV e i servizi Streaming si fanno sempre più strada e sono oramai una realtà consolidata. Riusciranno le sale ad reinvertire la rotta in questo nuovo anno? Vediamo cosa bisogna aspettarsi dal…

leggi tutto
Playlist
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito