Trama

Dopo anni di rapporto semimatrimoniale (si intuisce una relazione incestuosa), i fratelli Mauro e Marta Ponticelli entrano in crisi. Lui, pensando che lei stia diventando pazza, le fa conoscere Giovanni Sciabola, un avventuriero senza scrupoli, sperando che se ne innamori. In realtà sarà lui a finire male...

Note

Uno dei film più sottovalutati di Bellocchio (anche sceneggiatore, con Piero Natoli e Vincenzo Cerami), uno di quelli in cui le nevrosi familiari e le ansie sono asciugate da uno stile magistrale, con una direzione d'attori ispirata e con una cupezza totalmente sincera. Palma d'oro a Cannes per Piccoli e la Aimée.

Commenti (7) vedi tutti

  • La narrazione di per sé porta ad una lentezza che rende il film di non facile lettura. Ma se le interpretazioni, già premiate, rendono la visione gustosa, un plauso particolare va a Bellocchio: sublime. Voto 7

    commento di fra_paga
  • Film decisamente patetico. Ma per favore!!! Voto 0

    commento di ILDIODELLERECENSIONI
  • Bellocchio al top della forma. peccato che il risultato finale sia un po' inficiato da un sonoro decisamente non all'altezza della situazione. spesso per capire cosa si dicono gli interpreti (ogni tanto doppiati malamente) si deve ricorrere ai sottotitoli. si avvale della migliore soundtrack di Piovani.

    commento di giovenosta
  • Bellocchio si muove sempre a suo agio sul confine tra nevrosi e psicosi. Asciutto, cupo, assoluto. I due interpreti vengono da un altro mondo. Voto 7.

    commento di ezzo24
  • La scena costruita come un labirinto pieno di insidiosi pertugi, le luci soffocate dalle ombre fitte della fotografia, sono la base che rende evidente il significato di un conflitto che si rivelerà mortale. Le reminiscenze quasi bergmaniane di alcuni passaggi, ben sottolineano le ossessioni del regista e le trasformano in splendide immagini.

    leggi la recensione completa di spopola
  • Di notte ci sono i fantasmi ma di giorno faccio finta di niente. Spio acquattato tra le pareti che mi proteggono con dentro un gran bisogno di vuoto.

    commento di michel
  • 8

    commento di incallito
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

spopola di spopola
8 stelle

E’ un film che ho “vissuto” sul piano dell’impegno personale. Che, però, esigeva, nella composizione, una scelta rigorosa di linguaggio. E’ un film fatto di niente, senza fatti. E’ un film mormorato, detto a mezza voce. Non ha “larghi”. Procede secondo dei tempi dilatati, antispettacolari al massimo. Antitelevisivi. Fuori della convenzione… leggi tutto

7 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

mm40 di mm40
6 stelle

Il terrore della follia è la base di tutta la storia, ciò di cui essa si nutre, mentre la maniera in cui si manifesta è il suo inizio e la sua conclusione, con due 'salti nel vuoto' che coinvolgono il protagonista, prima indirettamente e quindi direttamente. Ma c'è anche un salto metaforico ed è evidentemente quello tutto mentale che il giudice e la sorella… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni
2018
2018
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 22 febbraio 2018 su Rai Movie
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2017
2017

Recensione

alexio350 di alexio350
7 stelle

Dopo I pugni in tasca (1965), Marco Bellocchio dirige un altro film incentrato sulle nevrosi insite nei rapporti tra consanguinei. Mauro è un giudice frustato, il quale è attaccato alla sorella - ancora vergine in tarda età - da un rapporto tra il patologico e il morboso, e si oppone ogni volta sottilmente ai tentativi della donna di allentare il legame che li tiene uniti.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
2015
2015
2014
2014

Recensione

barabbovich di barabbovich
6 stelle

Nella loro casa romana convivono il magistrato Mauro (Piccoli) e sua sorella Marta (Aimee). Non sopportando le frequenti esplosioni di follia della congiunta né il suo soliloquio, il giurista spera di liberarsi della sorella grazie all'intervento di un piccolo truffatore (Placido), simulando il suicidio della donna. Ma quando la donna deciderà di partire per una breve vacanza con…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

tafo di tafo
8 stelle

La famiglia e' il luogo della nostra biografia, il posto dove impariamo ad essere morali. La famiglia ci insegna ad inseguire la normalita' , la razionalita' e la serenita' di una vita borghese. Qualunque cosa accada nella nostra famiglia lo riteniamo giusto almeno fino a quando non lo confrontiamo con quello che gli altri ritengono giusto. Il giudice Mario Ponticelli trascorre la sua vita con…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
Trasmesso il 24 marzo 2014 su Rai Movie
2013
2013

Recensione

Carlo Ceruti di Carlo Ceruti
4 stelle

Confesso che non m'è piaciuto. L'ho trovato estremamente lento e, almeno per me, scarsamente incisivo. Nulla da dire sugli attori, né sull'atmosfera, sufficientemente cupa e soffocante, ma non mi ha colpito. Tabellino dei punteggi di Film Tv ritmo:1 impegno:2 tensione:1

leggi tutto
Recensione

Recensione

ezio di ezio
4 stelle

Di queste nevrosi familiari costruite nel cinema a volte ne abbiamo piene le tasche (almeno io)e poi quando Bellocchio fa un film come "Pugni in tasca" ha gia' raggiunto il massimo sul tema.Nulla da dire sulle interpretazioni di Piccoli e Aimee e sul sempre generoso Placido che arriva addirittura a urinare con il pene fuori dopo aver distrutto la camera di Piccoli....scena cult.

leggi tutto
Recensione
2010
2010

Recensione

spopola di spopola
8 stelle

E’ un film che ho “vissuto” sul piano dell’impegno personale. Che, però, esigeva, nella composizione, una scelta rigorosa di linguaggio. E’ un film fatto di niente, senza fatti. E’ un film mormorato, detto a mezza voce. Non ha “larghi”. Procede secondo dei tempi dilatati, antispettacolari al massimo. Antitelevisivi. Fuori della convenzione…

leggi tutto

Recensione

hallorann di hallorann
8 stelle

Le foto in b/n di alcune scolaresche e le urla incomprensibili di un uomo sovrastate dalle note di Nicola Piovani fanno da sfondo visivo e sonoro ai titoli di testa di SALTO NEL VUOTO. Un uomo osserva da un balcone verso il basso un corpo steso per terra coperto da un lenzuolo. L’uomo è il giudice Mauro Ponticelli e sta compiendo un sopralluogo in un appartamento in cui una ragazza…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

mm40 di mm40
6 stelle

Il terrore della follia è la base di tutta la storia, ciò di cui essa si nutre, mentre la maniera in cui si manifesta è il suo inizio e la sua conclusione, con due 'salti nel vuoto' che coinvolgono il protagonista, prima indirettamente e quindi direttamente. Ma c'è anche un salto metaforico ed è evidentemente quello tutto mentale che il giudice e la sorella…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
2009
2009

Recensione

sasso67 di sasso67
8 stelle

Figlio naturale dei "Pugni in tasca", nel senso che i due fratelli protagonisti potrebbero essere il fratello e sorella del fim d'esordio, trapiantati a Roma, anziché cresciuti nella provincia emiliana, "Salto nel vuoto" è l'ennesima variazione bellocchiana sull'istituto familiare borghese, qui complicato dall'insorgenza della (sospetta) follia. Come nella famiglia dei "Pugni in tasca", anche…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

zombi di zombi
8 stelle

due fratelli, una grande casa, una roma estiva. la casa di tanto in tanto si riempie dei fantasmi del passato dei tue fratelli. uno con più problemi dell'altra. il fratello che ha fatto venire i problemi alla sorella. trattandola come una bambina ritardata, rinchiudendola in quell'appartamento con l'unica compagnia di una donna che fa i lavori e del di lei figlio che trotterella in giro per…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2008
2008
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

OGM di OGM
8 stelle

E se la follia, nelle sue forme di mania, ossessione o delirio, non fosse altro che una reazione fisiologica all’impossibilità di essere felici? Questo film narra delle vite “legate” di tre individui, la cui fuga virtuale imbocca le strade dell’estro artistico esasperato (Giovanni), della fobia e della ripetitività paranoide (Mauro) e della lamentosa autocommiserazione monologica…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2007
2007
2006
2006
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito