Espandi menu
cerca
OLTRECONFINE 01/2022: STORIA DI CINEMA & TAMPONI
di alan smithee ultimo aggiornamento
post
creato il

L'autore

alan smithee

alan smithee

Iscritto dal 6 maggio 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 300
  • Post 207
  • Recensioni 5905
  • Playlist 21
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

locandina

Licorice Pizza (2021): locandina

Appunti veloci e primo impatto sul cinema che ci precede, su quello che ci sfiora, o addirittura ci evita; film che attendiamo da tempo, quelli che speriamo di riuscire a vedere presto, ma pure quelli che, temiamo, non riusciremo mai a goderci, almeno in sala. 

locandina

Mali Twist (2021): locandina

Si fa(ceva) presto a dire "Oltreconfine". Bei tempi!

Questo almeno finché la pandemia ha sconvolto tutti gli equilibri, le abitudini di vita, gli appuntamenti abituali, e, in particolare per un cinefilo incallito come il sottoscritto, le tentazioni che la vicina Francia ha sempre esercitato sulla fame di cinema di cui ho sempre patito. Soprattutto considerando il fatto che, in territorio francese, vengono distribuiti oltre il doppio dei titoli che fanno parte rispetto a  quelli che caratterizzeranno i circuiti nazionali, e spesso in anticipo anche di mesi rispetto alle nostre uscite.

Entrambe le circostanze (film a gogò e programmazione italica differita), mi permettevano di fare un po' da vedetta su ciò che sarebbe arrivato prima o poi anche da noi, e su ciò che, al contrario, avremmo dovuto arrangiarci a vedere in streaming o con qualche soluzione decisamente più clandestina.

Poi il cinema, come il resto di molti tra gli appuntamenti ludico-culturali possibili al giorno d'oggi, hanno dovuto fermarsi per la nota, stramaledetta pandemia: qui da noi come nella vicina Francia ed altrove.

Il riaprire delle sale ha ricreato, già dall'estate scorsa, le condizioni fertili per un divario distributivo nuovamente lungo confrontando le uscite dei due stati confinanti, ove molti tra i film persi ai vari festival che le tregue tra una ondata e l'altra di contagio mi hanno permesso di frequentare, si sono affacciati alla programmazione, nel solo mercato francese, con notevole anticipo rispetto all'uscita italiana.

E dunque si sono ricreate le condizioni perché il folle ed irriducibile alan smithee che è in me, riprendesse la sua marcia verso visioni sempre più irrinunciabili e compulsive.

locandina

Moneyboys (2021): locandina

L'acuirsi, nell'ultimo periodo, della pandemia con la sua ultima contagiosissima variante, ha fatto sì, tuttavia, che il nostro Governo prendesse direttive assai restrittive in merito al transito di noi italiani all'estero, e ancor più in caso di rimpatrio.

Anche nei confronti della vicina Francia: al punto da richiedere - si legge tra le disposizioni affastellate in semi-disordine nei siti ufficiali governativi - dell'obbligatorietà del tampone anche per i "fully vaccined" come il sottoscritto, che detiene già tre dosi di siero in corpo da quasi un mese.

Circostanza questa, che poi viene contraddetta da alcuni siti - decisamente meno ufficiali - che asseriscono la possibilità di rientro senza tampone per chi rientra in patria utilizzando un mezzo di trasporto personale.

Ma tant'è, l'idea di rimanere bloccato in territorio francese perché sprovvisto di tampone, mi ha recentemente un po' bloccato nel continuare l'assidua frequentazione delle sale francesi.

Anche perché, volendo attenersi alla necessità di un tampone ad ogni rientro (cosa che, in termini squisitamente economici, renderebbe ancora più esosa la mia abituale trasferta oltreconfine), durante le mie frequentazioni serali, ovvero quelle più frequenti ed assidue, il l'incombenza gravosa di trovare una farmacia aperta in territorio francese ad orari notturni, trasformerebbe il mio intento in una missione decisamente complessa e stressante, oltre che senza esito.

Motivo, quest'ultimo, che mi ha indotto a ridurre e quasi interrompere, nell'ultimo mese, le mie frequentazioni francesi, rassegnandomi di buon grado ad uno stato di forza maggiore più che comprensibile e giustificato, pur se reso più complicato da una certa confusione di notizie e da una dilagante disinformazione.

Tutto questo, fino al momento in cui mi vedo programmare, presso la solita affezionata multisala del Rialto di Rue Rivoli a Nizza, che mi ha visto per anni tesserato tra i più assidui e ricorrenti, l'ultimo film di Paul Thomas AndersonLicorice Pizza.

Un film che segna un ritorno più che gradito, e di cui si parla già benissimo da giorni negli Usa, ove il film è apparso in sala a fine novembre 2021.

locandina

La Traviata, My Brothers & I (2021): locandina

E' quasi inutile rimarcare quanto non abbia saputo resistere a cotanto richiamo cinefilo, facendo lo sforzo di non partire in missione la sera della sua prima uscita (il mercoledì 5 gennaio), come di consueto dopo il mio orario di lavoro, per paura di non riuscire a rientrare in Italia essendo inevitabilmente sprovvisto di tampone a suffragio del mio regolare stato di salute.

Sono andato pertanto in missione in orario pomeridiano, la domenica successiva, approfittando pure dell'uscita dell'ultimo lavoro del gran regista Robert GuédiguianTwist à Bamako, che mi è parso opportuno onorare con la mia presenza subito dopo il film di Anderson, approfittando di una concomitanza di orari che non ammetteva tentennamenti.

E Licorice Pizza si è rivelata la bomba cinematografica che si preannunciava poter scaturire da cotanto autore.

Potrete leggere i miei entusiasmi nella recensione che trovate nel link qui sotto, se vorrete.

Al ritorno, sprovvisto del tampone di sicurezza e conferma del normale stato di salute - essendo terminato il film di Guediguian ben oltre l'orario di chiusura delle farmacie - ho affrontato, con lo spirito un po' indolente e spregiudicato di un adolescente, e tutti i fremiti e i timori del caso, la pseudo-avventura del ritorno in patria: è finito tutto liscio: nessun controllo, nemmeno a scandaglio, al posto di blocco italiano in concomitanza del casello di Ventimiglia: forse le notizie non proprio ufficiali della libera circolazione con mezzi di trasporto propri sopra accennata e trovata cercando su internet, era vera ….o forse mi è solo andata bene… .

locandina

Deception (2021): locandina

In tutta questa storiella, il cinema si conferma un mezzo, oltre che un arte magnifica, utile a farmi stare bene, a farmi vivere emozioni dentro la sala, e, ahimè, ora anche fuori della sala, nel mondo di chi si arrangia a tentare di proseguire a vivere con una parvenza di normalità, tornando un po' a sentirsi ragazzi in vena di piccole, in fondo innocenti trasgressioni, che forse neppure si sono effettivamente verificate.

L'occasione di questo nuovo "Oltreconfine" mi consente di indicarvi pure alcuni altri film visti in territorio francese negli ultimi mesi, e anche recenti uscite nelle sale d'Oltralpe, di film che invece ho già visto e recensito ai vari festival frequentati ultimamente: di ognuno di essi, c'è da augurarsi che possano prima o poi far parte, e speriamo in un periodo non troppo lontano, di una nostrana distribuzione: in qualsiasi formato, se i problemi del cinema in sale sempre più deserte e disertate continueranno ahimè a non abbandonarci; accettiamo di buon grado, non senza malincuore, anche tutte le altre fruizioni, pur evitando soluzioni clandestine come assai tristemente avviene oggi sempre più spesso.

locandina

Madeleine Collins (2021): locandina

LICORICE PIZZA, di Paul Thomas Anderson 9/10

TWIST A BAMAKO, di Robert Guédiguian, 6/10

UNA FAMIGLIA VINCENTE di Reinaldo Marcus Green, 6/10 in sala il 13/01/2022

OUISTREHAM di Emanuel Carrère, 6/10

BALLAD OF A WHITE COW di Maryam Moghadam, Behtash Sanaeeha, 7/10

THE GIRL AND THE SPIDER, di Ramon Zürcher, Silvan Zürcher 6/10

OLGA, di Elie Grappe 6/10

A GOOD MAN, di Marie-Castille Mention-Schaar 6/10

EIFFEL, di Martin Bourboulon 4/10

LUI, di Guillaume Canet 3/10

LA TRAVIATA, MY BROTHER AND I, di Yohan Manca 7/10

MONEYBOYS, di C.B Yi 7/10

DECEPTION, di Arnaul Desplechin 6/10

MADELEINE COLLINS, di Antoine Barraud 6/10

locandina

The Girl and the Spider (2021): locandina

locandina

Ballad of a White Cow (2021): locandina

 

 

 

 

 

Ti è stato utile questo post? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati