Espandi menu
cerca

Trama

Marianne Winckler, una nota scrittrice, va a vivere nel nord della Francia per fare delle ricerche utili alla stesura del nuovo libro sul tema della precarietà. Senza rivelare la sua identità, viene assunta come addetta alle pulizie, lavorando con un gruppo di altre donne. Nel suo nuovo ruolo, sperimenta l'instabilità economica e l'invisibilità sociale in prima persona. Ma scopre anche cosa significano il sostegno reciproco, la solidarietà e la forza dei legami, tra lavoratrici.

Curiosità

LA PAROLA AL REGISTA

"Ho letto Le quai de Ouistreham della giornalista e scrittrice Florence Aubenas quando è uscito. Come tutti quanti, l'ho trovato un grande libro soprattutto per il modo in cui si è finta disoccupata, ha cercato lavoro ed è diventata una donne delle pulizie. Non ho alcun dubbio quando asserisco che il suo è stato uno dei migliori reportage del giornalismo francese contemporaneo. Tuttavia, mai avrei immaginato di trarre da esso un adattamento per il grande schermo.

Per molto tempo, Aubenas non ha voluto che il suo libro venisse adattato. Molte persone si sono interessate all'acquisto dei diritti ma, di fronte alla sua riluttanza, hanno abbandonato l'idea. Juliette Binoche, che voleva interpretare la protagonista, non ha però mollato la presa: ogni anno invitava a cena Florence e le chiedeva: "Quando facciamo questo film?". E un giorno Florence Aubenas (non sono ancora sicuro del perché) ha menzionato il mio nome, dicendo che avrebbe trovato interessante un mio coinvolgimento nel progetto. Juliette, che non mi conosceva, mi ha allora contattato. In un primo momento, ci siamo incontrati tutti e tre ma in seguito Florence ci ha detto esplicitamente: "Sono affari vostri, non voglio interferire". Così, siamo rimasti solo io e Juliette.

Trovo strano che abbia scelto me, soprattutto dal momento che il mio primo lavoro non è quello di regista. È meraviglioso quando qualcosa che ti arriva senza che lo hai cercato, come un ordine da eseguire, ti tocca così da vicino. Se avessi cercato di scrivere una sceneggiatura originale, non avrei mai potuto trovare un progetto in cui mi sarei sentito così tanto a mio agio.

Ovviamente, il film presenta delle differenze con il libro. Ho deciso ad esempio di concentrarmi su un personaggio che la protagonista incontra quando invece il libro è più corale e offre molteplici punti di vista. Mi è piaciuta l'idea di raccontare la nascita di un'amicizia che diventa più stretta e intima delle altre. Nel libro c'è più cameratismo ma non c'è un legame così stretto. Mi è servito anche per analizzare un altro aspetto decisivo: il sentimento di tradimento che si prova quando la protagonista rivela chi è realmente. Nel libro non ci sono le conseguenze della scelta di Marianne.

A parte Juliette Binoche, tutto il resto del cast è composto da attrici non professioniste. Anche l'importante ruolo di Christèle è interpretato da una non professionista. Juliette è stata fantastica nel non far sentire nessuno fuori posto".

Note

Dal lavoro autobiografico di Florence Aubenas.

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTIVAL DI CANNES 74 - QUINZAINE DES REALISATEURS Una nota scrittrice di reportage su abitudini e costumi di vita, si reca in incognito presso una cittadina della Normandia, e precisamente ad  Ouistreham, per vivere di persona il disagio di chi si affanna a trovare un lavoro che gli permetta almeno condizioni di puro sostentamento, affrontando una concorrenza pressante, che spinge… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

barabbovich di barabbovich
8 stelle

Crisi, precariato, disoccupazione, flessibilità. La nota scrittrice Marianne Winckler (interpretata da una Juliette Binoche senza un filo di trucco e in stato di grazia) non ne può più di sentire queste parole senza poter dare a esse un significato. Così lascia Parigi per spostastarsi nel nord della Francia e andare alla ricerca di uno dei tanti lavori poco… leggi tutto

1 recensioni positive

2022
2022

Recensione

barabbovich di barabbovich
8 stelle

Crisi, precariato, disoccupazione, flessibilità. La nota scrittrice Marianne Winckler (interpretata da una Juliette Binoche senza un filo di trucco e in stato di grazia) non ne può più di sentire queste parole senza poter dare a esse un significato. Così lascia Parigi per spostastarsi nel nord della Francia e andare alla ricerca di uno dei tanti lavori poco…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Uscito nelle sale italiane il 4 aprile 2022
locandina
Foto
2021
2021

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTIVAL DI CANNES 74 - QUINZAINE DES REALISATEURS Una nota scrittrice di reportage su abitudini e costumi di vita, si reca in incognito presso una cittadina della Normandia, e precisamente ad  Ouistreham, per vivere di persona il disagio di chi si affanna a trovare un lavoro che gli permetta almeno condizioni di puro sostentamento, affrontando una concorrenza pressante, che spinge…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Juliette Binoche
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito