Espandi menu
cerca
In Serie (67): “Two Weeks To Live” (mini-serie, 2020, stag. 1) - Vincere un duello con la spada? √ Fatto!
di mck ultimo aggiornamento
Playlist
creata il 10 film
Segui Playlist Stai seguendo questa playlist.   Non seguire più

L'autore

mck

mck

Iscritto dal 15 agosto 2011 Vai al suo profilo
  • Seguaci 171
  • Post 119
  • Recensioni 548
  • Playlist 184
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
In Serie (67): “Two Weeks To Live” (mini-serie, 2020, stag. 1) - Vincere un duello con la spada? √ Fatto!

Una cosa è certa: gl’inglesi i font dei titoli di testa li sanno scegliere.


Utopia” (la serie di Dennis Kelly - del quale proprio in questi giorni sta uscendo l'ottima “the Third Day” -, non il carattere tipografico) utilizza il Futura senza grazie.


Killing Eve” (la serie di Phoebe Waller-Bridge & Co., non i cattivi propositi di quel cornuto di Adamo) il Weekend Tabloid JNL sans serif, con una piccola grazia sulla “g” in Kapra Condensed.


E “Two Weeks To Live” (ad opera di Zealot UK) uno stampatello in grassetto sans serif, ma con quanta prepotente grazia!


Momento “75 anni di pace hanno prodotto Gennaro Olivieri, Guido Pancaldi ed Ettore Andenna”.
Invece con l’umorismo magari (- “Monty Python” who? - No, non gli Who, il Flying Circus. - Chi? - Oh beh, chiamate un dottore! - Il dottor Who? - Chi? - No, Who! - Sì, “Chi”! -- Avete appena assistito a un mio personale omaggio a "il Silenzio dei Prosciutti": l'ho visto due volte mica per niente, eh... Come dite? Gianni e Pinotto chi? Intendete Abbott e Costello! Ah, ecco!) hanno ancora qualche pecca da sistemare (sempre meglio dei tedeschi, che proprio non ce l’hanno, o dei francesi, che, peggio, ce l’hanno terrificante, e cmq. W l'UE, ma pure la Svizzera Verde, la Repubblica di San Marino, la Città del Vaticano e il Monte Athos, toh, e W l’Italia, che ha esportato nel mondo Mafia, Fascismo e Campanile Sera), perché quello sul quale gira tutto “Two Weeks To Live” funziona, sì, un buon 80% delle volte, ma quando ciò non accade non si può fare a meno di chiedersi: ma ci sono o ci fanno? O, come dicono nel Covo di Geek: “TWTL è un “Hanna” slapstick che funziona occasionalmente.”


Maisie Williams, dopo aver contribuito non poco alla vittoria contro le Forze del Male dei Non-Morti Surgelati, anche se in seguito poco ha potuto contro quelle delle Sopracciglia di Fuoco Inarcate (sue, non sue; e no, non c’entra Sue, ella), si sta un po’ perdendo: dopo essere rimasta presa invischiata nell’ingorgo di “the New Mutants” (il cui principale problema non è stata l’incorporazione di Fox da parte di Disney e nemmeno l’epidemia di SARS-CoV-2, ma il semplice fatto che alla regìa ci sta Josh Boone, il cui tasso di banalità solo la bulimia registica di James Franco, con “Pretenders”, ha saputo stemperare) ha partecipato attivamente [si consideri la metacinematograficità un po’ troppo spinta, ma ad ogni modo simpatica, derivata proprio da, ovviamente, “GoT”, con due elementi su tutti: la “Lista” (qui delle cose da fare, là delle persone da ammazzare) e lo scherzetto del passaggio di daga da mano morta a man bassa col colpo di mano lesta] alla realizzazione di questa mini-serie (6 episodi da circa 22’30’’ l’uno, per un totale di 2 ore e un quarto) sufficientemente auto-conclusa, ma comunque volutamente ed evidentemente aperta a causa di una battuta di dialogo finale tra Sian Clifford (indimenticabile sorella maggiore di “FleaBag”) e Jason Fleming (già alla corte di Guy Ritchie, ma quanto mi piacerebbe vederlo al servizio di uno qualsiasi dei fratelli McDonagh, tanto il maggiore quanto il minore), per poi essere ingaggiata per “the Owners”, il per lo più convincente e niente affatto banalotto esordio nel lungometraggio, dopo molta “gavetta” nella serialità, di Julius Berg.


Creata e scritta da Gaby Hull (con Phoebe Eclair-Powell e Lucy Montgomery). Diretta da Al Campbell. Fotografia: Mattias Nyberg. Montaggio: Mike Halliday. Musiche di ToyDrum, ed ottima la colonna sonora non originale. Chiudono il cast: Thalissa Teixeira, Michael Begley, Sean Pertwee, Mawaan Rizwan, Taheen Modak. Produce Kudos e distribuisce/trasmette Sky.    


- Vincere un duello con la spada? Fatto!

* * * ¼    

Playlist film

Il Trono di Spade

  • Serie TV
  • USA
  • 8 stagioni 74 episodi

Titolo originale Game of Thrones

Con David Benioff, Dan Weiss, Peter Dinklage, Emilia Clarke, Lena Headey

Tag Fantasy, Storia corale, Potere, Sesso, Fantasy, Medioevo

Il Trono di Spade
altre VISIONI

In streaming su Sky Go

 

- - - MAISIE WILLIAMS - - -

 

Recensione.

 

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No
Ti è stata utile questa playlist? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati