Elle

play

Regia di Paul Verhoeven

Con Isabelle Huppert, Anne Consigny, Virginie Efira, Laurent Lafitte, Charles Berling, Vimala Pons, Jonas Bloquet, Alice Isaaz... Vedi cast completo

In streaming
  • Wuaki
  • Chili
  • Tim Vision
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

Michèle, donna in carriera, viene aggredita in casa da uno sconosciuto. Rifiutando di dare eccessivo peso all'accaduto, Michèle gestisce i problemi della madre settantacinquenne, del figlio viziato e immaturo, dell'ex marito e dell'amante, con lo stesso gelido e imparziale distacco. Quando però l'assalitore sembra non aver ancora finito con lei, Michèle decide di instaurare con lui una sorta di pericoloso gioco del gatto col topo che finirà presto fuori da ogni controllo.

Approfondimento

ELLE: UN THRILLER SULLE CONSEGUENZE DELLA VIOLENZA

Diretto da Paul Verhoeven e sceneggiato da David Birke, Elle si basa su un romanzo di Philippe Djian per raccontare la storia di Michèle, una donna d'affari che gestisce la sua vita privata come la carriera. Seppur con un'infanzia che continua a perseguitarla, Michèle è solita imporre la sua volontà all'ex marito, al suo amante, a sua madre, al figlio e ai suoi dipendenti. Quando poi un giorno un estraneo irrompe nella sua abitazione, Michèle non si discosta dalle sue abitudini e ben presto prende in mano la situazione, facendo nascere uno strano gioco con il misterioso visitatore.

Con la direzione della fotografia di Stéphane Fontaine, le scenografie di Laurent Ott, i costumi di Constance Demontoy e le musiche di Anne Dudley, Elle conta sull'interpretazione di Isabelle Huppert, chiamata a rivestire i panni della protagonista. A spiegare meglio le origini del progetto sono le parole dello stesso regista in occasione della presentazione del film in concorso al Festival di Cannes 2016: «L'idea di adattare Oh... di Dijan non è mia ma di Saïd Ben Saïd, il produttore. Mi ha contattato negli Stati Uniti, mi ha inviato il romanzo, l'ho letto e l'ho trovato effettivamente interessante. Sapevo di poterne trarre un film ma ho dovuto rifletterci per trovare il mio modo di appropriarmi a una storia che non avrei mai immaginato. Di conseguenza, è stato fondamentale che facessi mia la vicenda, ridefinendo molti elementi con David Birke, l'autore statunitense della sceneggiatura. Le cose hanno preso corpo a poco a poco, come con una scultura, e realizzare uno storyboard si è rivelato importante per estrarre l'essenza del romanzo e tradurla in immagini visive. In un primo momento, si è pensato anche di trasferire la storia da Parigi a Boston o Chicago e di chiamare attori americani a interpretarla. Ma era complicato sia da un punto di vista economico sia da uno artistico: nessuna attrice statunitense avrebbe accettato di girare un film così amorale, nessuna avrebbe detto di sì al ruolo di Michèle. Isabelle Huppert, invece, è stata sin da subito della partita.

Michèle è una figura femminile forte, come la maggior parte delle mie eroine. Reagisce però in maniera inquietante a ciò che le accade: non vuol dire che tutte le donne possano agire come lei o debbano farlo. Questa è solo la sua storia e solo lei si comporta così! Il mio lavoro è stato quello di mettere in scena la vicenda nella maniera più realistica, interessante e credibile, possibile. Se Michèle è convincente, lo si deve anche a Isabelle, che non si è risparmiata in nulla. La messa in scena naturalmente non deve spiegare ciò che accade: spetta allo spettatore partire dagli elementi che ha a disposizione e trovare le risposte alle sue domande. Non ho voluto per esempio sottolineare ciò che Michèle ha vissuto durante l'infanzia per mano del padre per non dare una visione riduttiva della sua personalità e del suo comportamento. Non è dato sapere se Michèle agisce in un determinato modo per sua natura o per risposta a ciò che le è accaduto in passato. Del resto, l'ambiguità è una costante della mia filmografia: mi piace procedere per ipotesi... del resto, nella vita, non si sa mai cosa si nasconde dietro un volto sorridente. Nonostante la violenza di cui è vittima, Michèle non si mostra mai sconfitta o "danneggiata": sarebbe stato banale cadere nel melodramma mentre a me piace deviare dalla norma, un po' come faceva Stravinsky con la composizione delle sue sinfonie».

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (24) vedi tutti

  • Come di consueto Verhoeven provoca e attacca ma senza una sceneggiatura credibile non convince in pieno 6 FREDDO

    leggi la recensione completa di luca826
  • Personaggi improbabili, storia assurda, inverosimile; non si capisce se diventi comico per ambizione del regista,in un malinteso senso del grottesco,oppure per una sceneggiatura scialba , quasi infantile. Veramente deludente. Stupratore che diventa sociopatico calandosi il passamontagna,la vittima gli da del lei.

    commento di stany11
  • A parte tutto il discorso Socio-Culturale in merito ad aggressioni alle Donne,il Film non ha altro da offrire e anche le buone Interpretazioni lasciano il Tempo che trovano.voto.4.

    commento di chribio1
  • Un film interessante e ben riuscito, anche se un pochino troppo letterario e psicologizzante. L'algido pragmatismo della fin troppo emancipata donna borghese protagonista è a volte talmente sopra le righe da diventare (involontariamente ?) comico. La visione del mondo postmodernista regge l'intera struttura di una trama altrimenti inverosimile. 7.

    commento di ezzo24
  • Inutile tentativo di riproporre la Huppert dei tempi de La pianista. Non c'è paragone.

    commento di Leinonsachisonoio
  • Film adulto molto interessante, con una protagonista straordinaria.

    leggi la recensione completa di tobanis
  • Thriller psicologico con la Huppert al contempo fredda e sensuale. Una manager affermata anaffettiva, cinica, vittima e poi carnefice, indaga sull’identikit del suo stupratore facendo i conti con un passato torbido e irrisolto. Grottesco, a tratti bunueliano, il ritratto borghese del contorno familiare. Un po’ lento, ma si può perdonare. Voto 7

    commento di Vellocet
  • film particolare , non è un genere ma un misto di generi.. horror, giallo, dramma familiare, frammenti erotici, rapporti problematiche.. tante storie in 2 ore...magari troppo!!.. una regia al massimo riuscita ..un grande P. Verhoeven... interpretazione ottima.. da vedere assolutamente.. voto 8

    commento di nicelady55
  • Thriller psicologico di grande spessore

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Inverosimile sotto certi aspetti, rasenta talvolta il ridicolo.

    commento di gruvieraz
  • Adattamento cinematografico di un soggetto letterario, sembra trovare faticosamente il suo senso lungo l'esile filo conduttore di un divertissement intellettuale che rinviene, nelle irridenti provocazioni della trama e nella faccia da schiaffi della sua istrionica protagonista, le prevedibili strategie della sua consapevole battaglia iconoclasta.

    leggi la recensione completa di maurizio73
  • *Rappresentazione assai compiaciuta e di maniera dell’ipocrisia borghese. Se l’intento voleva essere dissacrante, in realtà scivola spesso nel ridicolo. Un tristissimo e noioso mix di situazioni inutilmente provocatorie in cui interagiscono individui banalmente privi di spessore. Alla fine non riesce nemmeno a essere imbarazzante ma solo insensato

    commento di Estonia
  • La "rape culture" che tanto ha fatto incazzare le femministe fin dagli anni '70, viene snocciolata per tutto il film dal regista Paul Verhoeven per confezionare visivamente il contenuto del romanzo "Oh…" di Philippe Djian.

    leggi la recensione completa di vjarkiv
  • Isabelle Huppert più che mai in splendida forma per una coraggiosa, riuscitissima contaminazione di generi. Lo sguardo del gatto che assiste impotente e rassegnato, non indifferente, alla violenza sulla padrona è quello acuto e lucido del regista che ritrae debolezza, cinismo, perversione, ipocrisia di un'umanità afflitta dal male di vivere.

    commento di woodyforever
  • Un film sgradevole che lascia con l'amaro in bocca

    leggi la recensione completa di Springwind
  • “Lo stupro è stato necessario” è già un biglietto da visita per questo film, perverso in tante manifestazioni: nella personalità della protagonista, nella trama, nei rapporti tra le figure principali, relazioni mai limpide e sempre con qualche segreto inconfessabile. È un thriller poco tradizionale e più psicologico.

    leggi la recensione completa di michemar
  • Manager abituata a comandare subisce un'aggressione brutale. Sotto shock, intimorita ma soprattutto desiderosa che la notizia non trapeli, decide di rimanere in silenzio. Ma l'episodio diviene un'ossessione che si trasforma in qualcosa di decisamente diverso. Il thriller erotico da un maestro del genere, che ritorna con la musa ideale, inevitabile.

    leggi la recensione completa di alan smithee
  • Elle non è affatto il thriller che mi aspettavo, ma sfugge ad ogni classificazione di genere, grazie ad una sceneggiatura di abilissima fattura si muove agilmente tra diversi registri. L'ambiguità morale della protagonista (strepitosa Isabelle Huppert) costituisce il suo spiazzante punto di forza.

    leggi la recensione completa di port cros
  • Thriller un po'alla Hitchcock per suspence e cattivo un po'alla Haneke che si incentra su una donna che comanda e ottiene tutto. Un torbido passato infantile condiziona la sua natura e la spinge ad osare anche dopo uno stupro ripetuto e preavvisato che la mette in pericolo ma la tira nel gioco malato.Isabelle Huppert magistralmente ambigua.

    commento di bufera
  • Reso visibile in Italia per ora solo in alcune giornate del TFF questo film contese la Palma d’oro a Cannes a Toni Erdmann (che fra qualche mese vedremo anche in Italia). Il premio andò sorprendentemente a Ken Loach, innescando polemiche che, dopo la visione di questo, mi sembrano giustificate, senza nulla togliere al bellissimo I Daniel Blake.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • In questo film ci ho visto reminiscenze Hanekiane: a voi decidere se sia un bene o un male.

    leggi la recensione completa di RobocopXIII
  • Una solida donna di successo reagisce ad una violenza subita. Non cerca la vendetta, ma ascoltando se stessa troverà la via della giustizia a qualunque costo.

    leggi la recensione completa di Kurtisonic
  • troppe volte gli spunti interessanti, che fanno riemergere la mano del (mal)sano Verhoeven, vengono vanificati da altrettanti episodi al limite del ridicolo...e alla fine questo disequilibrio non arriva a convincere, nonostante gli sforzi della Huppert per tenere in piedi l'opera nel suo insieme.

    commento di giovenosta
  • Capolavoro (poco manca) del grande ottantenne Paul Verhoeven. Un thriller di finissima tessitura come non si vedeva da tempo. Lynch e De Palma sono superati sul versante erotic-sado-psycho. Film europeo di quelli che gli americani non riusciranno mai a fare. Superba interpretazione di Isabelle Huppert tra reticenza e ambiguità.

    commento di Marcello del Campo
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

amandagriss di amandagriss
9 stelle

  Il fascino discreto della borghesia: una risata ci salverà   C’è un momento nel film, quando la compagna del figlio della Elle del titolo (un’immensa Isabelle Huppert) partorisce, che può fungere da chiave di lettura per l’ultima opera dell’olandese ‘terrorista della morale’ Paul Verhoeven. Da qui in poi il regista,… leggi tutto

21 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

maurizio73 di maurizio73
5 stelle

Algida e cinica manager di mezza età, con un passato oscuro ed un'infanzia traumatica, viene improvvisamente violentata da un misterioso assalitore travisato nella bella casa in cui vive da sola.  La sua reazione, apparentemente fredda e distaccata, è solo l'inizio di un gioco al rimpiattino fatto di perversioni sessuali e di rituali sadomasochistici che la porteranno a… leggi tutto

6 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

ed wood di ed wood
1 stelle

E’ tristissimo vedere la fuoriclasse Huppert coinvolta in un’operazione fallimentare come questa. Ma non avrò pietà neanche di lei: nessuno le ha chiesto di accettare la parte. Forse pensava che dietro ad un personaggio così disturbato ci fosse ancora Haneke, come tre lustri fa. E invece no. A questo giro le tocca Verhoeven, uno dei grandi equivoci della critica… leggi tutto

4 recensioni negative

2020
2020

Recensione

Badu D Shinya Lynch di Badu D Shinya Lynch
7 stelle

    Elle è l'unico punto d'incontro possibile tra Blue Velvet [David Lynch, 2001] e La Pianiste [Michael Haneke, 2001]; un mix perverso tra Cronenberg e Solondz; un'opera post-modernamente hitchcockiana o, forse, hitchcockianamente post-moderna. Un film dal futuro o, forse, dal passato. Costantemente. Un film tormentato.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
2019
2019

Recensione

luca826 di luca826
6 stelle

Provocazione antiborghese di Verhoeven, guardando ai modelli eccellenti e collaudati di Haneke (ma con meno rigore) e Chabrol (ma con meno stile), messa in scena con il consueto coraggio. Dunque un thriller con venature stranianti da commedia, il tutto sorretto dalla Huppert, ormai completamente a suo agio in questi ruoli glaciali e perversi (vedi ancora Haneke e Chabrol appunto...). Su di lei…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Trasmesso il 19 ottobre 2019 su Rai 4

Recensione

galaverna di galaverna
7 stelle

Può la figlia di uno psicopatico pluriomicida passare indenne da un'esperienza tanto sconvolgente, conducendo una vita normale ed abitudinaria? Evidentemente no, e lo dimostra la protagonista di Elle, un'ottima Isabelle Huppert, in una parte che le calza a pennello come una tuta in lattex (o come la calzamaglia del suo stupratore seriale). Davanti a tanta brutalità, la mente…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
Trasmesso il 13 ottobre 2019 su Rai 4

Recensione

tobanis di tobanis
8 stelle

Chissà se gli italiani (o anche in USA, perché no) rifaranno questo film, come è uso ormai fare quando c’è un buon film francese che ha successo. Ma non credo, sia per i temi trattati, sia perché bisognerebbe trovare un’altra attrice come la Isabelle Huppert, che non solo regge il film sulle spalle, non solo è di una bravura esagerata, ma ha…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Una play... felina!!

Scarlett Blu di Scarlett Blu

Da amante degli animali, e in particolare dei gatti... una lista di film per giocare con queste splendide creature, animali affascinanti, misteriosi e liberi, che ci concedono il privilegio della loro amicizia, mentre…

leggi tutto
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Cosa ho visto nel 2018

fipi di fipi

W IL CINEMA!! Sono 80 i film che ho visto nel 2018, tra sala cinematografica e tv, sia recenti che con qualche anno sulle spalle. Pochi o tanti che siano, a me non basterebbero mai! Amo le storie e inevitabilmente…

leggi tutto
Playlist
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
2018
2018
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

steno79 di steno79
8 stelle

Qualche perplessità durante la visione c'è stata, ma nel complesso non me la sento certo di smentire il buon risultato raggiunto da Paul Verhoeven con "Elle", che resta forse uno dei suoi film migliori. Il regista olandese ha adattato un controverso romanzo francese di Philippe Djian in una pellicola che in apparenza si rifà al thriller hitchcockiano con venature morbose, ma…

leggi tutto
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti

Recensione

Furetto60 di Furetto60
8 stelle

Michèle è una donna volitiva, determinata e  di successo,vive da sola in una grande casa nella provincia parigina,dirige con autorevolezza una grande ditta che produce videogiochi e gestisce gli affari con cinismo e caparbietà,ha un ex marito, un'amante, il marito della sua socia e migliore amica, un figlio remissivo,una madre infantile,che si gingilla …

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 7 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito