Boyhood

play

Regia di Richard Linklater

Con Ellar Coltrane, Patricia Arquette, Ethan Hawke, Lorelei Linklater, Tamara Jolaine, Nick Krause, Jordan Howard, Evie Thompson... Vedi cast completo

  • In TV
  • Premium Emotion
  • canale HD 336
  • Ore 01:25
In STREAMING

Trama

La vita del giovane Mason viene raccontata dall'età di sei anni fino a quella dei diciotto, seguendo le sue relazioni con i genitori (Ethan Hawke e Patricia Arquette) prima e dopo il loro divorzio.

Approfondimento

BOYHOOD: UN FILM LUNGO 12 ANNI

Scritto e diretto da Richard Linklater, Boyhood è stato girato in oltre 12 anni con lo stesso cast e racconta in maniera innovativa la crescita di un bambino di nome Mason, dai 6 ai 18 anni. Seguendo il nucleo familiare di Mason, composto dalla madre, dal padre e dalla sorella, si ripercorrono istantanee della sua vita, viaggi, cene di famiglia, compleanni e feste di laurea, primi amori, matrimoni, divorzi e ingressi in nuove scuole: tutti momenti considerati fondamentali nella formazione del protagonista ma anche in quella di ognuno di noi.
Inno alla nostalgia per il tempo che passa e alla crescita e genitorialità, Boyhood conta su una colonna sonora che passa da Yellow dei Coldplay a Deep Blue degli Arcade Fire e sull'interpretazione di quattro attori che crescono o invecchiano letteralmente sullo schermo: Ellar Coltrane, Patricia Arquette, Ethan Hawke e Lorelei Linklater (figlia del regista). Con una produzione iniziata nel 2002, Boyhood non ha mai avuto una sceneggiatura convenzionale ma è stato sin dall'inizio un progetto strutturale che si sarebbe adattato ai cambiamenti imposti dagli eventi. Protrattesi per 144 mesi, le riprese - tutte girate in 35mm per dare un senso di continuità alla storia - si sono adattate alle esigenze degli attori, chiamati nei vari momenti liberi a ricalarsi nei panni dei personaggi da loro interpretati non senza difficoltà.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Una delle difficoltà maggiori di realizzazione di Boyhood è stata quella di trovare il piccolo attore protagonista. Dopo diversi provini, il regista Richard Linklater ha trovato il suo Mason in Ellar Coltrane, un bambino originario di Austin che sin dalla prima audizione ha dimostrato di avere doti artistiche innate (entrambi i genitori di Coltrane, del resto, sono artisti). Cresciuto letteralmente sotto gli occhi di Linklater, Coltrane ha sviluppato un forte legame con Lorelei Linklater, la figlia di 9 anni del regista chiamata a interpretare in Boyhood la parte di sua sorella Sam.
Boyhood è però anche un film sulla maternità (non è un mistero che in un primo momento avrebbe dovuto chiamarsi Motherhood) e sulle lotte di indipendenza di un figlio dalla madre e di conseguenza fondamentale è il ruolo che nella storia riveste Olivia, la mamma di Mason. Donna che lotta per affermarsi professionalmente e per crescere due figli nel migliore dei modi, cercando di bilanciare le proprie passioni e aspirazioni con ciò che è meglio per loro, Olivia ha il volto di Patricia Arquette. Nel rapporto che Olivia ha con Mason e con Sam hanno grande rilevanza le relazioni che la donna ha con gli uomini, a partire dal legame con Mason Sr., il padre dei due ragazzi da cui ha divorziato e che reputa quasi irresponsabile e non in grado di esercitare le proprie funzioni genitoriali. Impersonato da Ethan Hawke, Mason Sr. è caratterizzato da uno spirito artistico e fanciullesco che difficilmente tramonta anche con il passare degli anni, sebbene passi spesso in secondo piano.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Girato in brevi periodi tra il 2002 e il 2013, il film è un'esperienza cinematografica innovativa che copre 12 anni di vita di una famiglia. Al centro della storia vi è Mason, che con la sorella Samantha vive il suo percorso di crescita, dall'infanzia all'età adulta. Orso d'Argento alla Regia al Festival di Berlino 2014. Che sia l’ambizione più nobile o solo quella più radicata è irrilevante: raccontare la vita al cinema è assioma indissolubile. Linklater sulla questione ha detto molto - e bene - in passato, con una sensibilità a volte trascurata, ma non più trascurabile. Boyhood segna uno scarto significativo sotto il profilo autoriale (celebrando il cambiamento invece della nostalgia) e di contenuto, che rigenera l’idea stessa di racconto di formazione.

Commenti (3) vedi tutti

  • voto 8/6 oggettivo/soggettivo

    commento di paolofefe
  • Per la regia di tale Richard Linklater, un film ritenuto da tanti un capolavoro ma che io, sarà per mie limitazioni, non riesco ad apprezzare fino in fondo per via della sua eccessiva minutezza contenutistica.

    leggi la recensione completa di SatanettoReDelCinema
  • Rischiosissima scommessa vinta da Richard Linklater capace con questo “Boyhood” di fermare il tempo in una serie di istantanee lunghe dodici anni. Tanto di cappello, Mr. Linklater.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

bufera di bufera
8 stelle

  Richard Linklater ricorre spesso al tempo come elemento plasmante le sue storie e i suoi personaggi sì da essere esso stesso la fondamentale del suo cinema. In BOYHOOD, Orso D'Argento a Berlino, 2014, addirittura il progetto  di legare la storia al tempo è stato totalizzante e ha preteso la disponibilità e la fiducia di attori e finanziatori a un termine di 14… leggi tutto

39 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

Kurtisonic di Kurtisonic
6 stelle

“I film sono più armoniosi della vita, non ci sono intoppi nei film, non ci sono rallentamenti, i film vanno avanti come treni nella notte” (da Effetto Notte, F.Truffaut). Il viaggio intrapreso dal regista Linklater è più lungo dei 165 minuti in cui ha compresso Boyhood, e più lungo ancora dei dodici anni di riprese con cui è stato realizzato. Per… leggi tutto

6 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

NCC1701 di NCC1701
3 stelle

Evidentemente i film d'essai o d'autore non fanno proprio per me perchè questo film mi ha annoiato a morte! Per carità, molto interessante e innovativo seguire per un decennio o più i protagonisti, vederli invecchiare, alcuni bene alcuni molto male, vedere il trascorrere del tempo nelle tecnologie, negli ambienti  e nei costumi. Ma per un film dove non succede… leggi tutto

3 recensioni negative

2019
2019
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 22 luglio 2019 su Rsi La1
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Trasmesso il 3 marzo 2019 su Iris
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Trasmesso il 27 febbraio 2019 su Iris
2018
2018
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Best soundracks

Cocchan di Cocchan

Lista in ordine sparso di colonne sonore in abbinata perfetta alla pellicola. Quei pezzi che sono imprescindibilmente uniti alle immagini, capaci di evocare solo al minimo accenno quel film. Per il momento ho inserito…

leggi tutto
2017
2017
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Trasmesso il 18 aprile 2017 su Rsi La1
2016
2016

Recensione

SatanettoReDelCinema di SatanettoReDelCinema
6 stelle

Mah. Decisamente, un bel "mah".   Boyhood è un film indipendente del 2014 diretto da Richard Linklater che parla della crescita di un ragazzino, tra genitori divorziati, esperienze scolastiche e traslochi. Detta così la trama non sembra nulla di che. Quindi qual'è la vera particolarità del film? Semplice: il suo esser stato girato nel corso di 12 anni.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

Ottiperotti di Ottiperotti
10 stelle

Un capolavoro. Una storia di tutti e per tutti. Ne fai parte dall'inizio alla fine. Tre ore di film non sono abbastanza perché vorresti sapere che fine hanno fatto tutti i personaggi incontrati in vita dai protagonisti ma anche vedere che tutto andrà bene perché è anche la tua di vita. Un film unico e coraggioso che racconta l'esistenza sotto svariati punti di vista…

leggi tutto

Recensione

slim spaccabecco di slim spaccabecco
7 stelle

Progetto unico nel suo genere, girato in 12 anni con gli stessi interpreti, ci dà l'idea di continuità della vita e la dimensione dello scorrere del tempo in tutte le sue forme e in tutti i momenti della vita di una famiglia, in particolare di un ragazzo, che cresce e matura la propria personalità in una famiglia normale americana.  Bello, da vedere, da premiare il…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito