Espandi menu
cerca
La regina Cristina

Regia di Rouben Mamoulian vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 169
  • Post 6
  • Recensioni 893
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su La regina Cristina

di bufera
8 stelle

Biografia della regina Cristina di Svezia, romanzata specie per l'aspetto sentimentale, dove Greta Garbo esprime al meglio il suo talento recitativo e la regia di Mamoulian è perfetta,

locandina

La regina Cristina (1933): locandina

 

La regina Cristina (Queen Christina o Christina) è un film del 1933, diretto da Rouben Mamoulian con Greta Garbo, John Gilbert e Ian Keith. Il  soggetto era di Salka Viertel e Margaret P. Levino. Alla sceneggiatura hanno lavorato in molti tra i quali lo stesso Mamoulian, Henry Gates e Salka Viertel. Si tratta di un film storico, biografico, drammatico e sentimentale, dove gli eventi descritti sono romanzati e ben lontani dalla realtà

 

Cristina, succeduta a suo padre Gustavo Adolfo sul trono di Svezia a soli 8 anni, governa il Paese con sapiente fierezza. Lord Magnus, il tesoriere di corte, è l'amante di Cristina e vorrebbe farsi sposare, ma lei sa tenere a distanza l'audace pretendente, come fa anche con il Principe Carlo che i sudditi desidererebbero lei scegliesse per marito. Cristina vorrebbe la pace dopo anni di guerra e intrattiene vari  rapporti diplomatici con altri paesi. Inoltre è molto colta e amante delle arti e passa tutta la notte a leggere, Un giorno vuole evadere per rilassarsi e gira nei dintorni e vestita, come usava spesso, da uomo, aiuta un cocchiere a liberare dalla neve una vettura, che è quella dell' ambasciatore di Spagna Don Antonio.

 

La sera l'ambasciatore e il "giovanotto" si ritrovano, in una locanda, dove, per mancanza di spazio, si devono adattare a dormire nella stessa stanza. Don Antonio scopre che il suo compagno è una donna e i due s'innamorano, ma lui scoprirà che lei è la Regina solo quando a corte ne chiederà ufficialmente la mano per il suo Re.

 

A corte i due continuano la relazione, che è ostacolata, anche con pretesti politici, da Magnus. Cristina risolve la situazione abdicando in favore di Carlo e se ne va con l'ambasciatore. Ma Magnus provoca quest'ultimo a duello e lo uccide. Cristina parte sola, senza trono e senza amore.

 

 

Grande esercizio di cinema di Mamoulian, che crea in'ambientazione straordinaria dalla corte, agli esterni nevosi, al castello in toto, ai costumi. Indimenticabile la scena finale dove Cristina (una Garbo impareggiabile per intensità di recitazione, sia quando fa la ferrea regina che quando si abbandona alla parte femminile di sè nella passione amorosa) sulla bellissima nave in partenza guarda nel vuoto trasmettendo con quello sguardo i sentimenti contrastanti che la travolgono e nello stesso tempo la fermezza regale di dovere andare comunque avanti.

 

 

John Gilbert, imposto dalla Garbo stessa, appare meno convincente, quasi in difficoltà in quanto, essendo divo del muto era la prima volta che parlava. Nella realtà storica la regina Cristina era ben lontana dalla bellezza della "divina" e abdicò non per motivi sentimentali

ma perchè avrebbe dovuto sposarsi e non lo desiderava affatto, mascolina come era, preferendo dedicarsi alla cultura e creandosi una corte di letterati, pittori, musicisti, filosofi che la seguivano ovunque.

 

Greta Garbo

La regina Cristina (1933): Greta Garbo

 

Greta Garbo, John Gilbert

La regina Cristina (1933): Greta Garbo, John Gilbert

La regina Cristina (1933): Greta Garbo, John Gilbert

Greta Garbo, John Gilbert

La regina Cristina (1933): Greta Garbo, John Gilbert

Greta Garbo, John Gilbert

La regina Cristina (1933): Greta Garbo, John Gilbert

Greta Garbo

La regina Cristina (1933): Greta Garbo

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati