Espandi menu
cerca
Edgar Wright
di DeathCross ultimo aggiornamento
Playlist
creata il 8 film
Segui Playlist Stai seguendo questa playlist.   Non seguire più

L'autore

DeathCross

DeathCross

Iscritto dal 26 ottobre 2013 Vai al suo profilo
  • Seguaci 39
  • Post 14
  • Recensioni 229
  • Playlist 44
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Edgar Wright

Oggi Edgar Wright compie 50 anni e così, come per altri autori, anche per lui ho deciso di imbarcarmi in una maratona filmografica, il più possibile completa (includendo quindi corti e serie tv, pur lasciando indietro qualche pezzo soprattutto per gli show basati su sketch e/o standing comedy), da cui poi raccogliere una sorta di retrospettiva omaggio. Come purtroppo mi capita spesso, anche stavolta non ce l'ho fatta a completare in tempo la mia maratona e nemmeno a elaborare delle riflessioni realmente approfondite, ma comunque propongo una carrellata più o meno rapida di commenti brevi con cui spero di incentivare un minimo la curiosità verso questo regista.
Sorta di enfant prodige, con esperimenti filmici (amatoriali) distribuiti televisivamente già durante l'adolescenza, una sitcom professionale realizzata prima dei 30 anni e un lungometraggio con distribuzione ufficiale avvenuta nel 30° anno di vita, Wright negli ultimi vent'anni si è fatto notare, oltre che contribuendo in sceneggiatura a film come il primo "Ant-Man" e "The Adventures of Tintin", come autore dalla brillante vena comica unita a una forte cultura cinefila (soprattutto di genere) e a un'estetica visiva e sonora ben riconoscibile, tra montaggi (di evildeadiana memoria) di preparazione rafforzati da zoomate strette e inclinazioni di macchina, piani sequenza sapientemente costruiti e utilizzati in momenti fondamentali, accostamenti squisitamente ritmati di musiche e immagini, citazioni e auto-citazioni mai inutilmente narcisistiche e via discorrendo. Molto importante è la sua capacità di pescare da Generi cinematografici diversi (Horror, Buddy Movie, Fantascienza catastrofica, Fumetto, Action, Thriller-Noir e persino Western) ibridandoli con la Commedia ma dimostrando di conoscerne e padroneggiarne i topoi senza scadere nel cliché.
Un altro aspetto che apprezzo molto di Wright è la presenza, mascherata dalla leggerezza esibita in superficie, di spunti di riflessione non banali su tematiche sia sociali (l'apatia del capitalismo, la crudeltà delle politiche del decoro, la tossicità di certo tipo d'immaginario sentimentale, la permanenza del patriarcato...) sia esistenziali (in primis il senso di inadeguatezza e fallimento dell'individuo contemporaneo in particolare tra i 20 e i 40 anni).
Chiudo intanto qui le mie riflessioni su Edgar Wright: vi lascio alla lettura dei commenti ai singoli lavori.

Playlist film

Spaced

  • Serie TV
  • Gran Bretagna
  • 2 stagioni 18 episodi

Titolo originale Spaced

Con Edgar Wright, Jessica Hynes, Simon Pegg, Julia Deakin, Nick Frost

Tag Commedia, Storia corale, Vita vissuta, Amicizia, Londra, Anni duemila

Spaced

Cortometraggio animato dell'allora diciassettenne Edgar Wright, "I Want to Get Into the Movies!" parla in maniera simbolica dei problemi che le persone con disabilità motoria incontrano nell'entrare in posti come le sale cinematografiche. Con questo lavoro Wright vince un premio in un programma televisivo ("Going Live").
Si tratta di un lavoro molto naive, soprattutto nel consegnare il suo messaggio, ma Wright dimostra già di avere una buona inventiva e creatività, nonché una spiccata predisposizione per la satira sociale travestita da comicità leggera.
Interessante, quindi.

 

Come "I Want to Get Into the Movies!" anche "Help!" viene mostrato in un programma televisivo ("Gimme5").
I limiti di una produzione para-amatoriale si sentono tutti, ma il diciottenne Wright ancora una volta dimostra di avere una brillante inventiva e un interessante gusto dell'assurdo, giocando su un discorso metacinematografico (il protagonista è inseguito dalla camera che riprende il film) e proponendo anche inquadrature interessanti.
A mio avviso un buon corto.

 

Scritto, prodotto, montato, diretto e interpretato in una piccola parte auto-referenziale da Edgar Wright, "Dead Right" anticipa in parte "Hot Fuzz" nel voler costruire ironicamente un buddy cop movie para-hollywoodiano in UK: questo è probabilmente il motivo principale della sua presenza tra gli extra del secondo capitolo della trilogia del cornetto.
La natura amatoriale del corto, il film più lungo fino ad allora realizzato da Wright, si sente tutta, soprattutto nella fotografia e nella recitazione del relativamente vasto cast amatoriale, e anche diverse gag risultano banalotte. Come lavoro amatoriale, però, è molto interessante, con un'ironia metacinematografica non elaboratissima ma avvincente e si possono vedere scelte stilistiche poi riprese anche nei film professionali del cineasta, in particolare i montage di vestizione con zoomate ravvicinate.
Non imperdibile ma, se si vuole approfondire il Cinema di Wright, almeno una visione la vale.

 

Nel 1993 Edgar Wright realizza "Infra Red Fred" che, come "Help!", viene trasmesso sul programma per (pre)adolescenti "Gimme5".
In sostanza è una commediuola di 1 minuto riguardante un telecomando in grado di controllare la realtà: niente di particolarmente esaltante, ma come esperimento ipergiovanile non è male, anche se il risultato è a mio avviso meno interessante dei precedenti lavoretti wrightiani.

 

A FISTFUL OF FINGERS
Primissimo lungometraggio scritto e diretto da Edgar Wright, che appare anche in un (doppio?) cameo e che prende il fratello Oscar per le animazioni, "A Fistful of Fingers" non ha finora avuto una effettiva distribuzione cinematografica e/o home video, anche se l'autore ha dichiarato di volerla attuare, con tanto di commento audio, e in ogni caso la pellicola è trovabile online.
La qualità è ancora molto più vicina alla para-amatorialità adolescenziale dei cortometraggi precedenti e diverse gag sono invecchiate decisamente poco bene, in particolare diverse battute razzistoidi (il fatto che siano frutto di ingenuità e non razzismo consapevole non giustificano, a mio avviso, la loro natura) che trovano un'incarnazione attoriale nella scelta del decisamente bianco (con pittura in faccia) Martin Curtis nei panni dell'indigeno Running Sore. Per il resto, comunque, Wright dimostra ancora una volta di avere una brillante capacità di messa in scena e altre gag funzionano molto bene.
Non imperdibile ma interessante.

 

Nel 1996, su Paramount Comedy Channel, viene trasmessa la miniserie comica "Asylum": diretta da Edgar Wright, la serie incorpora una scrittura orizzontale (consegnando una pizza in un ospedale psichiatrico, un uomo si trova intrappolato nell'edificio per un bizzarro e poco legale esperimento sociale) con sketch elaborate dagli individui comici presenti nella serie.
Non è un prodotto particolarmente accattivante, colpa anche della scarsa qualità video dell'edizione trovabile attualmente in giro, però è tutto sommato interessante, anche perché inizia qui la collaborazione tra Edgar Wright e Simon Pegg (ma anche Jessica Stevenson) e l'assurdità generale e di alcune gag, come il duello chitarristico, divertono.

 

Sempre nel 1996 Edgar Wright dirige la serie "Mash and Peas", scritta e interpretata dai comici Matt Lucas e David Walliams (con quest'ultimo aveva già lavorato in "Asylum"). Dovrei aver visto la prima puntata e metà della seconda, poi ho deciso di abbandonare il progetto perché, oltre a non far sentire più di tanto la presenza (pre)autoriale di Wright, non ho trovato le puntate intere verificate.

 

Nel 1998 Edgar Wright dirige "Is It Bill Bailey?", serie di 6 puntate del comico Bill Bailey, presente già in "Asylum" e ritornante in alcuni lavori successivi del regista, in cui il comico alterna parti stand up con pubblico a sketch registrati.
Ho iniziato a guardare la prima puntata, ma ho deciso di lasciare non essendo un lavoro prettamente wrigthiano. Sembra comunque interessante, ma è un po' difficile lasciarsi coinvolgere da uno show comico vecchio senza conoscere benissimo il contesto sociale in cui si muove.

 

Sempre nel 1998, Edgar Wright cura la regia di un altro show di sketch comici: "Alexei Sayle's Merry-Go-Round" per, appunto, Alexei Sayle.
Come per "Is It Bill Bailey?", anche qui ho guardato un po' l'inizio della prima puntata e poi ho lasciato perdere, e per le stesse ragioni, ovvero perché non si tratta di un progetto realmente wrightiano e per via della difficoltà di capire bene il contesto sociale in cui ha preso piede lo show (lo sketch sull'adozione della balena però è simpatico). In tutto questo, però, è interessante notare come Wright abbia lavorato con comici (Bailey e Sayle) dalle posizioni politiche esplicitamente di sinistra.

 

Ancora nel 1998, Edgar Wright dirige "The Making of Titanic", speciale natalizio della serie di sketch comici "French and Saunders": non ce l'ho fatta a trovare l'episodio intero, ma gli spezzoni che ho visto mi han dato l'idea della solita parodia metacinematografica, anche se in alcuni punti divertente (quando la caricatura di James Cameron s'incazza sfanculando a destra e a manca).

 

Nel 1999 Edgar Wright dirige "Confessions of a Murderer", episodio della serie black comedy antologica "Murder Most Horrid".
Non ho trovato l'intera puntata ma una versione molto ridotta (con tagli evidenti) fino a 5 minuti di essa: sembra un lavoro simpatico, ma non imperdibile.

 

Sempre nel 1999, Edgar Wright dirige per Matt Lucas e David Walliams, con cui aveva realizzato "Mash and Peas", "Sir Bernard's Stately Homes", sorta di parodia di programmi televisivi in cui un attore (qui molto in decadenza) gira per alcune case di personaggi storici importanti.
Ho visto soltanto il primo episodio, per curiosità, ma non ho voluto intanto vedere i successivi: pur con qualche gag simpatica, mi è parsa una serie un po' stentorea e poco divertente, e inoltre la regia di Wright si limita anche qui a un lavoro prettamente tecnico, al servizio della coppia di comici.

 

Nel 1999 esce la prima stagione di "Spaced", sitcom televisiva creata, scritta e interpretata da Simon Pegg e Jessica Stevenson e diretta (ma anche interpretata in un cameo) da Edgar Wright: accolta piuttosto bene dal pubblico e dalla critica, la serie viene rinnovata nel 2001 con una seconda stagione e genererà un pilot per un remake statunitense, fortemente bocciato dal team creativo e dal fandom della serie britannica.
I sette episodi di breve durata (meno di mezz'ora) della prima stagione scorrono via come l'olio e, a parte qualche gag non invecchiata benissimo (in particolare nel terzo episodio), riesce a divertire molto ancora oggi l'individuo spettatore. Inoltre è evidente che qui Wright inizi, pur non partecipando attivamente alla scrittura, a maturare seriamente il proprio stile, tra un uso intelligente delle citazioni cinefile (con un gusto affine a quello del Kevin Smith di "Clerks" ma, ovviamente, più british) e intriganti scelte estetiche, tra cui spiccano i montage con zoomate rapide, flashback e proiezioni mentali più o meno assurdi e altri esperimenti "allucinanti". Inizia inoltre a raccogliere una squadra comprendente i montatori Chris Dickens (da "Shaun of the Dead" a "Hot Fuzz") e Paul Machliss (da "Scott Pilgrim vs. the World" in poi) e soprattutto l'attore Nick Frost.

 

Nel 2000 Edgar Wright realizza un video musicale per la canzone "Keep the Home Fires Burning" dei The Bluetones. La "trama" ruota intorno a un attore (o comunque uomo di spettacolo) che, dopo aver sostenuto nell'arco presumibilmente di una giornata i suoi coinquilini nei loro posti di lavoro, si trova poi ricambiato da loro (svogliatamente) il favore durante il suo spettacolo.
L'atmosfera estraniante del video, consolidata dall'assurdità del concetto (i coinquilini del protagonista sono, come lui, "senza pubblico" nei loro mestieri di chef, calciatore, controllore e poliziotto), si contrappone al mood semi-melanconico della canzone rientra nel gusto wrightiano. A parte qualche dissolvenza in nero a mio avviso un po' bruttina, il risultato complessivo è buono.

 

Nel 2001 Edgar Wright realizza "Forced Hilarity", un cortometraggio in super8 con montaggio solo in-camera e senza post-produzione (ovvero girando le scene in ordine e senza operare tagli) per il concorso straight 8.
In 4 minuti il corto mette in scena una versione estremamente rosa-e-fiori del mondo, con dialoghi espressi tramite cartelloni fumettistici, e quattro personaggi (uno interpretato da Nick Frost), approdando però a un finale pessimista tanto divertente per contrasto con le scene precedenti quanto sottilmente deprimente per il modo in cui abbatte l'ilarità forzata su cui si fonda il film.
Non imperdibile ma molto interessante.

 

Nel 2001 esce la seconda stagione di "Spaced": anche questa molto apprezzata dal pubblico e dalla critica, ciò nonostante non verrà proseguita con una terza stagione, ritenendo il cast e il team creativo (in particolare Edgar Wright e Simon Pegg) concluso lo show, e con il passare degli anni non han ceduto alla tentazione di fare un revival, a differenza di altre serie, anche se è stata ventilata la possibilità di riprendere i personaggi a una decina d'anni di distanza.
Comunque, la seconda stagione è risultata a mio avviso più coesa nella qualità e nel rafforzamento dei personaggi, e le svariate citazioni cinefile più vari camei più o meno lunghi continuano a essere utilizzati per bene. Insomma, una seconda parte di serie che non rovina minimamente la prima e che, anzi, la completa in maniera naturale (senza mai cedere realmente a un convenzionale happy ending fan service nel risolvere la relazione della coppia protagonista), stimolando una o più eventuali revisioni.

 

Nel 2002 Edgar Wright realizza, per i Mint Royale, il video musicale della canzone "Blue Song": la clip ottiene un inaspettato successo e, nonostante la soddisfazione, Wright rimpiangerà un po' l'aver cannibalizzato un'idea con un grande potenziale, ma una quindicina d'anni più tardi la riprenderà come base per "Baby Driver".
Oltre all'ottima coreografia delle azioni del protagonista montate con precisione ritmica sulla canzone e alla brillante fusione di commedia e heist movie, il video ha come elemento molto interessante, e differente dalla struttura convenzionale dei video musicali, la scelta di non riprendere il gruppo ma usare attori (comici, per la precisione, con Nick Frost e Michael Smiley ripresi da "Spaced" nei panni di due rapinatori, Julian Barratt nei panni del terzo ladro e Noel Fielding come l'autista.
Un video estremamente interessante, quindi, che rivedrei volentieri. 


Per i Bluetones Edgar Wright realizza (nel 2002 secondo wikipedia) un altro video, per la canzone "After Hours".
Nella scelta di usare un cast infantile in parti da gangster movie (e nelle fucilate a colpi di torta) è evidente l'intento di omaggiare "Bugsy Malone" di Alan Parker, inoltre Wright sperimenta brillante un uso musicale del piano sequenza (interrotto solo nel finale), tecnica che poi riprenderà varie volte nella sua successiva carriera.
Un video musicale molto interessante, quindi.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

L'alba dei morti dementi

  • Commedia
  • Gran Bretagna, Francia
  • durata 99'

Titolo originale Shaun of the Dead

Regia di Edgar Wright

Con Simon Pegg, Kate Ashfield, Nick Frost, Lucy Davis, Dylan Moran

L'alba dei morti dementi

In streaming su Apple TV

vedi tutti

SHAUN OF THE DEAD
Diretto da Edgar Wright e da lui sceneggiato insieme all'attore (protagonista) Simon Pegg partendo da idee che entrambi avevano maturato nella loro serie televisiva "Spaced", "Shaun of the Dead" ottiene subito un buon successo commerciale e un certo apprezzamento critico, diventando negli anni un autentico Cult e aprendo la pista alla cosiddetta "Three Flavours Cornetto Trilogy".
Fin dalla primissima visione mi colpì molto favorevolmente per il modo in cui al contempo prende in giro e omaggia il Cinema zombiesco inaugurato da George A. Romero e con gli anni, le revisioni e l'evoluzione del mio pensiero sia cinefilo sia politico non ho potuto non rafforzare l'amore per questa brillante Satira sociale in chiave zombie, forse l'unico (o quasi) esempio di zombie movie post-2000 che critica la società capitalista come faceva appunto Romero.
Per me un Capolavoro impreziosito da un'estetica geniale, con piani-sequenza grandiosi, montaggio superbo, scelte musicali azzeccate e cast eccellente!

 

Alcuni extra del br di "Shaun of the Dead" sono segnati, su imdb, come regie ufficiali di Edgar Wright: abbiamo "Funky Pete" (rimontaggio, credo per la televisione di una scena del Film), "The Man Who Would Be Shaun" (blooper con accenti calcati) e "Fun Dead" (il reality show con gli zombie). Non è roba imperdibile, ma fa simpatia.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Hot Fuzz

  • Commedia
  • Gran Bretagna, Francia, USA
  • durata 121'

Titolo originale Hot Fuzz

Regia di Edgar Wright

Con Simon Pegg, Martin Freeman, Bill Nighy, Robert Popper, Joe Cornish, Chris Waitt

Hot Fuzz

In streaming su Apple TV

vedi tutti

HOT FUZZ
Nel 2007 il Regista Edgar Wright e l'Attore Simon Pegg uniscono ancora le loro forze scrivendo il secondo capitolo della "The Three Flavours Cornetto Trilogy" iniziata con "Shaun of the Dead": parodia del cinema poliziesco, "Hot Fuzz" incassa molto bene al botteghino e viene ben accolto anche dalla critica.
Pur non conoscendo (né amando) il poliziesco, la vaga infarinatura dei suoi cliché mi ha permesso di cogliere diversi caratteri (l'esagerata seriosità giustizialista del Protagonista, le morti bizzarre spacciate per incidenti, il colpo di scena complottistico e il finale fracassone) facilitando moltissimo il divertimento, e le numerose raffinatezze stilistiche di Wright hanno fatto il resto. Non manca una critica all'ipocrisia delle politiche sul decoro, usate per coprire il marcio di una società fascistoide e intollerante.
Per me inferiore a "Shaun of the Dead", "Hot Fuzz" è un Film estremamente divertente e intelligente e, come tutta la Trilogia del Cornetto, lo rivedrei spesso.

 

Nel 2007 anche Edgar Wright, come Rob Zombie e altri registi (Robert Rodriguez e, scelto tramite concorso, Jason Eisener, più Eli Roth), realizza per il progetto di Rodriguez e Quentin Tarantino "Grindhouse" un finto trailer: "Don't".
Parodia dei trailer di certi mystery horror britannici (e non solo) importati negli usa (in particolare dall'American International Pictures di Corman), probabilmente si tratta del segmento più esplicitamente ironico del progetto ma forse è anche, a mio avviso, quello più memorabile. Sicuramente avrei preferito che, nonostante la sua forza poggi non su uno spunto narrativo ma sulla presa in giro di un meccanismo distributivo, fosse questo, insieme a "Werewolf Women from the S.S." di Zombie, a vedere la luce come lungometraggio rispetto a "Thanksgiving" (ma anche a "Hobo with a Shotgun"). Chissà.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Scott Pilgrim vs. the World

  • Commedia
  • USA, Gran Bretagna, Canada
  • durata 112'

Titolo originale Scott Pilgrim vs. the World

Regia di Edgar Wright

Con Michael Cera, Mary Elizabeth Winstead, Kieran Culkin, Chris Evans, Anna Kendrick

Scott Pilgrim vs. the World

In streaming su Amazon Video

vedi tutti

SCOTT PILGRIM VS. THE WORLD
Co-scritto, prodotto e diretto da Edgar Wright (temporalmente in mezzo a "Hott Fuzz" e "The World's End") e ispirato alla serie di graphic novel di Bryan Lee O'Malley (che appare in un cameo non accreditato), "Scott Pilgrim vs. the World" alla sua uscita ottiene un flop clamoroso al botteghino ma viene accolto molto bene dalla critica e con gli anni è diventato un cult.
Dopo averlo puntato per diversi anni (ricordo che mi intrigò non poco il trailer) finalmente nell'estate del 2022 l'ho visto e, dopo una decina di giorni, rivisto. A parte qualche frecciatina sulla dieta vegana (ma che alla fine per me può essere vista anche come pro-vegan), il Film si è confermato ad entrambe le visioni quel Gioiellino stilosissimo che mi aspettavo, in particolare per la sua estetica visiva peculiarissima e la buona colonna sonora, ma anche per le riflessioni non banali né reazionarie sulle relazioni sentimentali, per certi versi avanti una decina d'anni rispetto agli attuali standard hollywoodiani.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

La fine del mondo

  • Commedia
  • Gran Bretagna
  • durata 109'

Titolo originale The World's End

Regia di Edgar Wright

Con Simon Pegg, Nick Frost, Paddy Considine, Martin Freeman, Eddie Marsan, Rosamund Pike

La fine del mondo

In streaming su Amazon Video

vedi tutti

THE WORLD'S END
Terzo capitolo della Three Flavours Cornetto Trilogy diretta da Edgar Wright, interpretata da Simon Pegg e da entrambi scritta (qui inoltre entrambi sono produttori esecutivi), "The World's End" prende di mira la fantascienza socio-distopica e alla sua uscita viene accolto bene da pubblico e critica.
Visto in seguito ad anni di curiosità, rivisto tre settimane dopo e poi riguardato ancora dopo quasi tre mesi con un amico insieme a tutta la Trilogia, mi ha convinto totalmente sia sul piano dell'intrattenimento, grazie ad una brillante rielaborazione comica dei codici del Genere, sia nella costruzione stilistica, in cui una magnifica resa estetica (montaggio sublime e scelte musicali intriganti) si sposa ad un Cast in grandissima forma, sia sul piano riflessivo, con spunti intelligenti tanto sul piano sociale quanto su quello esistenziale.
Forse, dopo la terza visione ravvicinata, ora non lo riterrei un capolavoro, ma comunque lo considero un Instant Cult da riguardare più volte.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Baby Driver - Il genio della fuga

  • Azione
  • USA, Gran Bretagna
  • durata 115'

Titolo originale Baby Driver

Regia di Edgar Wright

Con Ansel Elgort, Lily James, Kevin Spacey, Jamie Foxx, Jon Hamm, Eiza González

Baby Driver - Il genio della fuga

In streaming su Now TV

vedi tutti

BABY DRIVER
Elaborato per circa un ventennio da Edgar Wright, "Baby Driver" alla sua uscita ottiene un ottimo successo di pubblico e di critica e da qualche tempo sembra stia per prendere forma un sequel.
Ad una seconda visione ho notato anch'io qualche calo qualitativo nella seconda parte, più clicheosa e retorica, ma nel complesso continuo a ritenerlo un ottimo Film d'azione (per teenager e non solo), con citazioni gustose a Classici come "The Driver" di Hill (ma anche a Cult contemporanei come "Drive" di Refn) mescolate ad un'estetica squisitamente allineata al Gusto dell'Autore di "Shaun of the Dead", in particolare nel ritmo impeccabile con cui vengono accostate le azioni (o, meglio, le coreografie) alle Musiche scelte, grazie ad un ottimo lavoro di Montaggio (o di sua 'astensione' come nel piano sequenza dei titoli di testa), il tutto impreziosito da un Cast in grandissima forma, una sceneggiatura brillante che dà vera vita ai Personaggi e un giusto rifiuto del manicheismo.
Consigliato.

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

The Sparks Brothers

  • Documentario
  • Gran Bretagna
  • durata 135'

Titolo originale The Sparks Brothers

Regia di Edgar Wright

Con Ron Mael, Russell Mael

The Sparks Brothers

In streaming su Amazon Video

vedi tutti

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No

Ultima notte a Soho

  • Drammatico
  • Gran Bretagna
  • durata 118'

Titolo originale Last Night in Soho

Regia di Edgar Wright

Con Thomasin McKenzie, Anya Taylor-Joy, Matt Smith, Terence Stamp, Synnove Karlsen

Ultima notte a Soho

In streaming su Amazon Video

vedi tutti

LAST NIGHT IN SOHO
Diretto, co-sceneggiato (insieme a Krysty Wilson-Cairns) e prodotto da Edgar Wright, che idea la storia già nel 2007, "Last Night in Soho" non va benissimo al botteghino (si è in pieno covid) però viene accolto bene dalla critica.
Nei primi minuti forse stenta un po' ad avviarsi in maniera 'originale', ma quando Eloise inizia a rivivere il passato di Sandie il Film decolla e la mano virtuosistica (però non fine a sé stessa) di Edgar Wright si fa sentire soprattutto nel modo in cui fa coesistere, tra cambi repentini di ruolo e visioni nello specchio, le due protagoniste, il tutto richiamando molto il Dittico argentiano delle Tre Madri (o almeno l'uso dei colori mi ha ricordato "Suspiria" e "Inferno", quest'ultimo citato piuttosto esplicitamente nel nome di un locale e soprattutto nel font di esso) e costruendo un discorso anti-sessista complesso, con tanto di colpo di scena finale magari non imprevedibile ma graditissimo.
Insomma, l'ennesimo Gioiellino wrightiano da vedere e rivedere!

Rilevanza: ancora nessuna indicazione. Per te? No
Ti è stata utile questa playlist? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati