Espandi menu
cerca

Diabolik

play

Regia di Antonio Manetti, Marco Manetti

Con Luca Marinelli, Miriam Leone, Valerio Mastandrea, Claudia Gerini, Vanessa Scalera, Serena Rossi, Alessandro Roja, Stefano Pesce... Vedi cast completo

  • In TV
  • Sky Cinema Suspense
  • canale 306
  • Ore 17:05
In STREAMING

Trama

Clerville, anni Sessanta. L'infallibile Diabolik, uno spietato ladro di cui si ignora la reale identità, ha sferrato un altro colpo, sfuggendo per l'ennesima volta a un'imboscata della polizia. In città, c'è grande attesa per l'arrivo di Lady Kant, un'affascinante ereditiera che porterà con sé un famoso diamante rosa. Il valore dell'inestimabile gioiello non sfugge all'attenzione di Diabolik, che nel tentativo di mettervi le mani sopra si lascia ammaliare dal fascino irresistibile della donna. La vita dello stesso Diabolik sarà però messa in pericolo: l'ispettore Ginko e la sua squadra hanno finalmente trovato un modo per farlo uscire allo scoperto.

Curiosità

LA PAROLA AL REGISTI

"Non amiamo la parola “sogno” perché fa pensare più ad un colpo di fortuna inaspettato che a qualcosa che si è ottenuto attraverso la progettazione ed il lavoro. Ma fare il film di Diabolik è la cosa più vicina al raggiungimento di un sogno per noi. Un sogno ottenuto negli anni attraverso, appunto, il lavoro, la pianificazione e la perseveranza. Ci ricordiamo adolescenti, aspiranti filmmaker, a discutere di come avremmo fatto il film di Diabolik. La strada che a noi sembrava ovvia, e che nessuno sembrava voler intraprendere, era la fedeltà alle suggestioni e ai temi offerti da questo straordinario e amato fumetto.

Nel corso della nostra carriera, nel nostro linguaggio, il termine “alla Diabolik” è sempre stato un modo di impostare alcune scene, la scelta di un certo tipo di location o alcuni espedienti narrativi. I nostri film, i nostri telefilm e persino i nostri video musicali sono pieni di queste suggestioni. Potrebbe essere divertente riguardare tutto quello che abbiamo fatto negli anni cercando le volte che ci siamo ispirati a Diabolik. Sarebbe sorprendente scoprire quante volte è successo, anche nelle situazioni meno prevedibili. Poi un giorno, spinti dal coraggio del nostro socio produttivo, Carlo Macchitella, abbiamo deciso di provarci sul serio, nonostante diverse realtà produttive ben più grandi della nostra ci stessero provando senza successo da anni. Abbiamo scritto, in quattro semplici pagine, come avremmo visto noi il film e le abbiamo mandate a sua maestà “l’uomo nero”, Mario Gomboli, l’erede artistico delle sorelle Giussani, le autrici del fumetto.

Mario ci ha risposto in pochissimo tempo e le parole sono state più o meno queste: “Sono più di trent’anni che aspetto di leggere esattamente queste pagine”. È stato un momento molto importante, un primo approccio emozionante con l’uomo che poi è diventato nostro co-autore oltre che, pensiamo di poterlo scrivere, grande amico. Un momento in cui abbiamo messo alla prova quello che abbiamo sempre pensato: che l’amore è più forte di tutte le cose. Ed è dal profondo amore per il fumetto che siamo partiti per fare questo film.

Un’altra cosa che abbiamo appreso facendo questo film, è che la fedeltà ha un aspetto decisamente, inevitabilmente e involontariamente “soggettivo”.

Questo film è Diabolik come lo vediamo noi e come lo amiamo da quando, bambini, abbiamo iniziato a leggerlo. Nessun tentativo di rivoluzionarlo o di aggiornarlo. Semplicemente la trasposizione in cinema delle vicende, e delle emozioni che abbiamo letto nel fumetto attraverso la nostra interpretazione ed il nostro stile naturale. Nient’altro.

Un film che vuole essere cinematografico e non fumettistico (perché il fumetto esiste già ed è bellissimo) ma che vuole anche essere, semplicemente, il film di Diabolik. Abbiamo cercato di portare al cinema le storie noir e avvincenti scritte dalle sorelle Giussani e da Mario Gomboli. Di ricostruire le atmosfere cupe della città di Clerville. Di dare un volto, aiutati da un cast straordinario, ai protagonisti disegnati da grandi autori del fumetto come Enzo Facciolo e Sergio Zaniboni. Di portare al cinema l’impeccabile eleganza minimalista di questo fumetto, attraverso scenografie, costumi e uso delle luci fortemente ispirati agli albi. Tutto aggiunto alla sfida di ambientare tutto non in epoca contemporanea ma, come dice la scritta con cui si apre il film: “verso la fine degli anni 60”. Tuttavia, solo guardando il film, e non con le parole, si potrà giudicare quello che abbiamo fatto".

Commenti (35) vedi tutti

  • "Mi dai la caccia nei miei occhi e quello che fissi è la profondità degli abissi"

    leggi la recensione completa di George Smiley
  • Il pastiche non mi ha convinto. I fumetti erano decisamente un'altra cosa. Soprattutto gli attori imbambolati nelle rispettive maschere (eccetto Leone, Rossi e Scalera), e dialoghi da recita delle medie (alcune scene, con l'inflessione lombarda, sono una pena). Francamente brutto, ed è un peccato: Diabolik meritava molto ma molto di più.

    commento di nerowolfe
  • Un diluvio di critiche perlopiù ingenerose e dettate dalla piaga dell'autorazzismo che affligge gli italiani. In realtà questo Diabolik pur con alcuni difetti è una buona trasposizione del fumetto soprattutto per quanto riguarda l'accurata ambientazione anni '60. E poi che dire di Miriam Leone? Una bellezza statuaria da lasciare senza fiato.

    commento di bombo1
  • Da un fumetto datato e piuttosto noioso forse non si poteva cavare molto di più. Il film è statico e neanche ben recitato. Bene Mastandrea e Leone (bellissima) Marinelli fuori parte. Ruoli secondari orrendi. Buona la fotografia e le location. Flop al botteghino ma si riparte col sequel, grazie agli aiuti di Stato...

    commento di Aaanton71
  • si poteva e doveva fare di più

    leggi la recensione completa di Giovac1991
  • Sarà uscito in un periodo disgraziato per i cinema ma chi lo ha visto? Eppure Marinelli é (o era?) considerato il divo italiano del momento. Probabilmente era più adatto a quel ruolo mascherato il protagonista del vecchio film di Mario Bava.

    commento di Mr Rossi
  • Seconda trasposizione del famoso fumetto. I fratelli Manetti stavolta deludono.

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Ci credete che dopo 20 minuti ho interrotto la visione? Alla scena dove il tipo continua a riavvolgere il nastro per ascoltare: "Sono io quello adatto a lei...la scelta giusta". E' il tipico film italiano: dialoghi appesantiti da un'inutile enfasi...attrici che si fanno ammirare solo per la bellezza... (E ne ho visti di film brutti...).

    leggi la recensione completa di Maurizio090967
  • Elegante, destinato a rimanere impresso per l’iconografia fotografica, filologicamente rispettoso, con una sua originale lettura femminista che fa di Eva Kant la vera protagonista ma nell'insieme un film freddo nella sua piatta cornice comics e senza erotismo.

    leggi la recensione completa di mirediantonio2022
  • Vergognoso e imbarazzante. Recitazione zero. Inguardabile!

    commento di iro
  • Penoso.

    commento di Winnie dei pooh
  • Un'opera decisamente riuscita che col tempo crescerà. Le ragioni: perché è fedele a un'idea di cinema originale che non cerca di scimmiottare come può la concorrenza. La recitazione, il montaggio e la scrittura procedono coerentemente con questa idea che può piacere oppure no, ma sa cosa vuole ottenere e lo ottiene. Altro che Jeeg Robot..

    commento di r.237
  • Ho preferito di piu' Ginko a quell'incartapecorito di Diabolik-Marinelli. Sufficente,non supera certamente la versione di Bava.

    commento di ezio
  • L'ambientazione anni '60 di questo fantastico fumetto italiano è bellissima. Eccezionale Mastrandrea nella parte di Ginko e Miriam Leone, sensualissima Eva Kant.Purtroppo Marinelli è pessimo ad impersonare Diabolik: inespressivo e catatonico. (il vero Diabolik è freddo e glaciale ma non un pesce lesso!). Incredibile errore nella scelta del protagon

    commento di Aiace68
  • Si posizione nel guado questo "Diabolik" dei Manetti bros, tra l'intrigante caratterizzazione d'ambiente e la delineazione alquanto "meccanica" dei personaggi. Come la storia trattata, scalda il giusto ma manca della venatura erotica sapientemente architettata dalle sorelle Giussani. Un film anche godibile ma che non esalta le supposte aspettative.

    commento di Peppe Comune
  • Le atmosfere retrò sospese in un tempo e in uno spazio immaginari ma dal gusto anni'60, ricostruite con un misto di accuratezza e posticcio, creano un senso di estraniamento che le ingenuità e il debole mordente della sceneggiatura unite ad una recitazione macchiettista degli attori accrescono, rendendo la visione poco appassionante.

    commento di Fanny Sally
  • Non è malvagio, non è cattivo, sì, il film. Ma forse anche Diabolik non è un criminale. Trattasi, invero, di povero (dis)graziato. Per fortuna, lui si è salvato da un mondo di beceri uomini qualunquisti e di donne che recitano la parte della Madonna ma sono più false di un gioiello falso. Falsari! Diamoci alla Banda degli onesti!

    leggi la recensione completa di 79DetectiveNoir
  • Perché Luca Marinelli? Recitzione di una forzatura imbarazzante. Due stelle soltanto per il "vero" Diabolik

    commento di TreferT
  • Lo strasopravvalutato Marinelli, a questo giro non c'entrava nulla col personaggio, perfetti Mastandrea e la Leone.

    commento di Trevius
  • ERO E SONO UN FAN SFEGATATO DEL FUMETTO. CHE DELUSIONE TOTALE. UNO SPETTACOLINO DA DOPOLAVORO. VERGOGNOSO. A PARTE LA SCENA INIZIALE DI POCHI MINUTI IL RESTO E' DI UN PATETICO CHE SOLAMENTE LA RAI POTEVA AVER IL CORAGGIO DI MOSTRARE AL PUBBLICO. RECITAZIONE E VOCI RIDOLOLE. E PENSARE CHE ABBIAMO I MIGLIORI DOPPIATORI DEL MONDO.

    commento di angelopanzacchi
  • Guardare solo se si è preparati a gustarselo come fumetto e affrontare come film poliziottesco. Ben fatto in tutte le sue parti, la storia lineare e ben costruita è ad effetto. Splendidi Ginko e Eva, orribile la scelta di Marinelli per una veste così particolare (Marinelli è adorabile in altri ruoli, ma non in questo). Voto 8.

    commento di GabryLed
  • Buona la trasposizione fumetto film; purtroppo l'opera risulta povera e semplice anche a causa degli effetti speciali a basso costo e delle scarse scene d'azione. Discreto comunque il risultato finale.

    commento di gruvieraz
  • Speravo in Mastandrea sinceramente. Visto come un fumetto, è un bel film, ma essendo un film è parecchio piatto e banale.

    commento di Sladkii
  • Diabbolik se deve pronuncia’ co’ ‘na sola B, sinnò è erore.

    leggi la recensione completa di ROTOTOM
  • L'arte di fare il cinema in maniera elegante.. non un film per tutti. (ed è un complimento)

    leggi la recensione completa di Julietta
  • Film senza ritmo, personaggi completamente privi di carisma, dialoghi osceni. Tanti piccoli errori all'interno della trama, piuttosto banale. Sì salvano giusto la scenografia, i costumi e gli elementi "artigianali". Non ho dormito solo per Miriam Leone.

    commento di supervale222
  • Ho applaudito al termine del film. A parer mio i Manetti Bros hanno reso reali con la macchina da presa le immagini del fumetto. Ho letto molte critiche (lentezza, poca azione, dialoghi brevi). Domanda:ma avete mai letto Diabolik? Soprattutto i primi numeri, no quelli attuali un po' troppo politically correct.

    commento di Mauro4256
  • DIABOLIK torna sullo schermo in un prequel della precedente versione diretta da Mario Bava. Qua i Manetti Bros fanno un lavoro impeccabile!

    leggi la recensione completa di LIBERTADIPAROLA75
  • Diabolik torna al cinema dopo il film pop di Mario Bava, e si affida ai Manetti Bros., i quali prendono spunto dal terzo numero degli albi pocket ambientando il tutto in una Clerville anni '60. Il risultato è un fumetto di Diabolik in movimento che s'ispira anche ai nostri prodotti cine tv di un tempo, però manca di veri guizzi e scene d'azione.

    leggi la recensione completa di Marco Poggi
  • Uscito dal cinema non ho ancora capito se è una parodia o meno.

    commento di CinealmS
  • Molto piacevole nella sua assurdità bidimensionale. Irresistibili le sopracciglia di Miriam Leone. Voto: 7,5 PS: noi tifiamo per Ginko tutta la vita!

    commento di andenko
  • Operazione di altissimo livello filologico. Solo chi è attrezzato, non anestetizzato da tanta produzione americana sul genere, di sensibilità cinefile potrà apprezzare. Suggerimento per la visione: tutto ciò che vedrete e ascolterete è fortemente, meticolosamente cercato voluto e ottenuto.

    commento di BenKenobi
  • Copia ciclostilata delle atmosfere del fumetto nato dall'estro delle sorelle Giussani. Un live action riuscito che sorprende piacevolmente

    leggi la recensione completa di starbook
  • A una prima visione, mi è apparso un po privo di spessore. Possiamo comprendere quanto sia difficile trovare degli occhi di ghiaccio da mostrare sotto la maschera di Diabolik.  Riesaminando l'intero film il giorno dopo sempre al cinema, l'ho apprezzato maggiormente e ho modificato il giudizio complessivo da 5 a 6,5/10.

    leggi la recensione completa di Ellebi5419
  • Purtroppo è un film fatto all'italiana, recitato all'italiana, pochi mezzi, pochi effetti, soliti dialoghi drammatici senza alcun motivo, Diabolik ingessato come un baccala' tranne poche scene d'azione dove si sveglia, solite scene che vorrebbero essere di seduzione, pero' il biglietto d'entrata è pieno. Mah!

    commento di mimimomi
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

alan smithee di alan smithee
7 stelle

AL CINEMA Diabolik torna al cinema dopo cinquantatre lunghi anni. La versione originale di Mario Bava, esplosiva, fantasmagorica per quei tempi, e pure altamente erotica, tanto da apparire sin sfacciata rispetto alla compostezza quasi compulsiva e un po' bigotta del ladro nero spietato, organizzato ed infallibile, ma a suo modo quasi riservato nel suo muoversi in punta di piedi come un… leggi tutto

11 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

ROTOTOM di ROTOTOM
5 stelle

Diabolik nasce nel 1962 ad opera delle sorelle Giussani, Angela e Luciana, fondatrici dell’Astorina, piccola casa editrice interna all’Astoria Edizioni di Gino Sansoni, marito di Angela. Il personaggio è frutto della sublimazione di due intuizioni: la creazione letteraria francese di Fantômas e un drammatico caso di cronaca nera accaduto a Torino nel 1958, durante il… leggi tutto

11 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

M Valdemar di M Valdemar
3 stelle

      Spogliato della fisicità ferina, della sensuale, terrificante minacciosità del personaggio creato dalle sorelle Giussani, il poco diabolico Diabolik/Marinelli s’aggira spaesato, quasi timoroso, impacciato, lungo i crinali di una pellicola che sbaglia clamorosamente approccio: il famigerato, temutissimo ladro e assassino letale nella versione dei… leggi tutto

9 recensioni negative

2022
2022

Recensione

davide69 di davide69
7 stelle

Film particolare che troverà entusiasti i cultori delle pellicole dark anni 60 e scettici, al contrario,quelli abituati ai cinecomics fracassoni e ipercinetici. E' un'opera sussurrata, in punta di piedi, ottimamente aderente e coerente con fumetto e personaggi; girata quasi con deferenza e, forse, con la paura di osare troppo e andare fuori le righe, specie nei dialoghi che…

leggi tutto
Recensione

Recensione

0372 di 0372
6 stelle

Vado in controtendenza. E' un film che, con alcuni difetti, trovo bello, coraggioso ed innovativo, con un colonna sonora strepitosa. Marinelli, non pienamente aderente al personaggio, è comunque magnetico, la sua voce bassa e sussurata abbinata ai suoi occhi blu rende il flessuoso personaggio criminale convincente. Miriam Leone, biondissima ossigenata come Kim Novak nell'arcinoto film che…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

Giovac1991 di Giovac1991
6 stelle

L'altra sera ho guardato questo film visto che sono appassionato del genere. Film carino ( in attesa del 2 film atteso per il 2022-23) ma con alcune pecche importanti. Sicuramente fra gli aspetti positivi ci sono: 1) Interpretazione di Eva Kant 2) Interpretazione di Ginko 3)Ambientazione e effetti grafici   Tuttavia ci sono anche aspetti negativi come:   1) Diabolik con…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

Furetto60 di Furetto60
5 stelle

Un’ombra si aggira furtiva per la città e poi sfreccia con la sua Jaguar: è Diabolik. Alle calcagna, come di prassi, c'è Ginko. Siamo negli anni sessanta,nella città immaginaria di Clerville, anche se a me sembra Bologna. In giro c'è questo spietato e inafferrabile criminale, del quale nessuno conosce l’identità, chiunque ha la sventura di…

leggi tutto

Recensione

lao di lao
7 stelle

 PARADOSSALE SOCIALITA’-Il Diabolik dei fratelli Bros è esattamente quello che le sorelle Giusanni hanno creato negli anni 60’: guida una Jaguar nera truccata per le strade di una Clerville immaginaria, compie colpi spettacolari, utilizza marchingegni inverosimili, stima il suo acerrimo nemico,  l’ispettore Ginko, conosce una versione di sé al…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

mm40 di mm40
6 stelle

Un ladro mascherato agisce in maniera abile e beffarda; si fa chiamare Diabolik e l'ispettore Ginko farebbe di tutto pur di catturarlo. Quando Diabolik circuisce l'affascinante e facoltosa Eva Kant, Ginko riesce finalmente a sbatterlo in cella. Diabolik va così dritto alla ghigliottina... A oltre mezzo secolo dal Diabolik di Mario Bava, datato 1968, sono i fratelli Manetti a rimettere le…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

mirediantonio2022 di mirediantonio2022
7 stelle

    EVA KANT E' IL VERO DIABOLIK         Uscito a più di 50 di distanza rispetto alla trasposizione cinematografica del Diabolik di Mario Bava, che non ha avuto particolare fortuna ma che forse meriterebbe di essere ripensato, il Diabolik dei Manetti Bros, ora disponibile anche in DVD, è germinato da una genuina ammirazione verso un mito tutto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

Maurizio090967 di Maurizio090967
1 stelle

Ci credete che l'ho guardato 20 minuti ed ho interrotto la visione? (Eppure ne ho visti di film che non mi sono piaciuti...). Mi sono fermato sulla scena del tipo che ripete e registra il messaggio: "...se mi hanno scelto per la signora Kent...la scelta è motivata..." e continua a riperlo: dopo 5/6 volte mi sono fermato. Già non mi piaceva dall'inizio il film, una produzione…

leggi tutto
Recensione

Recensione

emil di emil
5 stelle

Diabolik, ladro ultraricercato dalla polizia, progetta un colpo. Sarà l'occasione per incontrare e conoscere Eva Kant, che diventerà la sua compagna.   Diabolik, ultima fatica dei Manetti Brothers, e tratto da uno dei primi episodi del fumetto, è un film che si preoccupa soprattutto di omaggiare l'opera partorita della mente delle sorelle Giussani, attraverso una…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

scapigliato di scapigliato
6 stelle

I Manetti non ne beccano una. Questo è il film "migliore" che hanno impacchettato grazie soprattutto a scenografie e costumi d'epoca. A parte Marinelli, Mastandrea (anche se fuori luogo) e Miriam Leone ci sono attori che declamano invece che recitare. A metà strada tra lo sceneggiato tv e le odierne fiction Rai dove si gioca di messa in scena e latitano invece recitazione e regia.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

axe di axe
6 stelle

L'immaginaria città di Clerville, capitale dell'omonimo stato di fantasia, è terrorizzata dalle azioni di uno scaltro e spietato ladro che si fa chiamare Diabolik e vive sotto falsa identità. Ginko, ispettore della polizia incaricato di assicurarlo alla giustizia, brancola nel buio. L'arrivo in città dell'ereditiera Lady Kant, con al seguito un gioiello di eccezionale…

leggi tutto

Recensione

79DetectiveNoir di 79DetectiveNoir
5 stelle

  Ebbene, finalmente ho visto il cinecomic italiano dell’anno par excellence, iper-annunciato, pubblicizzato di battage promozionale impari, nelle sale rimandato a casa, no, posticipato causa Covid, forse perfino rimontato, da molti esaltato e da altrettanti snobbato, in fretta e furia liquidato, impietosamente stroncato, mal guardato o, di contraltare, straordinariamente e…

leggi tutto

Recensione

Andreotti_Ciro di Andreotti_Ciro
7 stelle

A Clerville l’ispettore Ginko, capo della polizia locale, insegue da sempre Diabolik, ladro abile ad assumere le fattezze delle proprie vittime e che non si ferma davanti a nulla pur di portare a segno i propri colpi. Nel mentre la ricca ereditiera Eva Kant viene corteggiata dal viceministro di giustizia, George Caron.   Il primo cine comic di casa nostra, per tacere degli eroi neri…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

Malpaso di Malpaso
8 stelle

Un teatro di maschere (metaforico e reale), stilemi del cinema anni '60 e tanta personalità: questi sono i punti di forza del Diabolik dei fratelli Manetti. Fedeli alle pagine dello storico fumetto delle sorelle Giussani, i due registi impostano la direzione visiva e degli attori senza la paura di scadere in una messinscena troppo impostata, esaltando invece la natura finzionale della…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

George Smiley di George Smiley
7 stelle

Basato sullo storico terzo albo del fumetto nato dal genio delle sorelle Giussani (con alcuni ritocchi della trama ispirati da albi successivi che ampliavano la storia originale), il ritorno al cinema di Diabolik è, a dispetto delle critiche discordanti, un atto d'amore e di venerazione nei confronti del Re del Terrore e del giallo all'italiana. Annullando i propri vezzi registici in…

leggi tutto

Recensione

ROTOTOM di ROTOTOM
5 stelle

Diabolik nasce nel 1962 ad opera delle sorelle Giussani, Angela e Luciana, fondatrici dell’Astorina, piccola casa editrice interna all’Astoria Edizioni di Gino Sansoni, marito di Angela. Il personaggio è frutto della sublimazione di due intuizioni: la creazione letteraria francese di Fantômas e un drammatico caso di cronaca nera accaduto a Torino nel 1958, durante il…

leggi tutto
Recensione
Utile per 11 utenti

Recensione

Julietta di Julietta
7 stelle

Dicessero quello che vogliono, non sarà action, forse eccessivamente calligrafico e dal ritmo poco incalzante. Si, si, per carità..  c'è del vero, eppure.. eppure a me è parso un film fichissimo,  molto raffinato, dall'estetica superba e che ricostruisce l'atmosfera del fumetto in maniera  perfetta.    Si…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito