Trama

Robert Miller (Richard Gere), magnate dell'alta finanza, sta cercando disperatamente di vendere il proprio impero economico prima che le autorità scoprano i suoi illeciti finanziari e che la sua vita vada in rovina, trascinando nel fango anche la figlia e la moglie Ellen (Susan Sarandon), a cui è legato nonostante abbia da tempo una relazione con la giovane mercante d'arte Julie (Laetitia Casta). A causa di un terribile incidente che lo vede coinvolto nell'omicidio dell'amante, Miller si ritrova però costretto a chiedere aiuto a Jimmy Grant (Nate Parker), il figlio di un ex dipendente, mentre il detective Michael (Tim Roth) cerca con ogni mezzo di far luce sui punti oscuri della vicenda.

Approfondimento

LA FRODE: INTRIGHI E SEGRETI DIETRO LA CRISI FINANZIARIA

La frode segna il debutto alla regia dello scrittore Nicholas Jarecki. Per il suo esordio, Jarecki ha potuto contare su un cast artistico di primo piano, affiancato da un cast tecnico che vanta i nomi del direttore della fotografia Yorick Le Saux (Io sono l'amore, Carlos), della scenografa Beth Mickle (Drive), dell'editor Douglas Crise (Babel), del costumista Joe Aulisi (Motel Woodstock ) e del compositore Cliff Martinez (Drive, Contagion). Diplomatosi alla NYU Film School, Jarecki inizia la sua carriera di scrittore con Breaking In: How 20 Film Directors Got Their Start, un volume che racconta gli esordi di 20 grandi registi e da cui lo stesso Jarecki realizza un documentario incentrato sul regista/scrittore James Toback. Figlio di due imprenditori e cresciuto tra operatori finanziari di New York, nel momento in cui decide di dedicarsi al primo lungometraggio comincia a leggere scritti sulla crisi finanziaria globale del primo decennio del Duemila, trovando nella raccolta di saggi The Great Hangover - usciti con l'edizione americana della rivista Vanity Fair - varie analisi sui motivi del collasso economico. Spinto da un amico ad accelerare i tempi di scrittura, all'idea di una riflessione sulla mentalità arrogante che ha portato alla crisi Jarecki affianca una storia familiare fatta di intrighi e segreti, ambientata in un universo il più realistico possibile e privo di luoghi comuni cinematografici.
Nonostante avesse a disposizione un esiguo budget, durante i 21 giorni di riprese Jarecki gira in 35 mm e in posti esclusivi di New York come il Four Seasons, il Plaza Hotel e il GM Building sulla 5a strada. Il giro di conoscenze personali del regista si rivela fondamentale anche per entrare all'interno della sala del Gran Giurì del tribunale penale di Manhattan (luogo in cui il giorno dopo le riprese Dominique Strauss Kahn ha ricevuto il suo atto d'accusa) e per l'accesso completo al Triborough Bridge, ponte mai concesso prima per il set di un film.

GLI AMBIGUI PERSONAGGI MASCHILI

I problemi di Robert Miller, l'affascinante e sofisticato miliardario protagonista, nascono dal suo rapporto con il denaro, mezzo che gli permette di vivere al di fuori dei confini della comune moralità. A interpretare Miller è Richard Gere. Personaggio ambiguo e ricco di conflitti morali, Miller vive al di fuori di ogni regola e usa la sua ricchezza come mezzo di potere per esercitare la propria volontà sugli altri. Si tratta di un personaggio che ha fatto della doppiezza il suo stile di vita: ha una moglie amorevole ma intrattiene una relazione clandestina con una giovane amante, è un buon padre per i suoi figli ma si impone con chiunque per ottenere ciò che desidera. La famiglia, la ricchezza e l'impero che ha provveduto a creare negli anni però si frantumano all'arrivo della crisi finanziaria, quando Miller stesso oltrepassa i limiti di ciò che è accettabile: ha usurpato la fiducia della gente, ha usato i loro soldi per investimenti irresponsabili e all'improvviso tutto gli si ritorce contro, il suo mondo di illusioni svanisce a contatto con la realtà di tutti i giorni. Nonostante le premesse, però, Miller non è un personaggio cattivo, si tratta semmai di un uomo costretto a ritrovare se stesso e la sua umanità, rinunciando al mondo di compromessi e potere a cui si è ormai abituato. Tutte le decisioni sbagliate, illegali o immorali, che prende sono dettate dagli obblighi di responsabilità che prova nei confronti di tutti coloro che lo circondano, convinto di agire nel migliore dei modi possibili.
Quando Miller finisce nei sospetti della polizia, è il detective Michael Bryer a non dargli tregua. Poliziotto corrotto e minaccioso per intelligenza e cattiveria, Michael è interpretato da Tim Roth, pronto al suo ritorno al cinema dopo aver concluso la felice esperienza sul set della serie tv Lie to me. Bryer sa che Robert è colpevole dei suoi crimini ma non ha prove per incastrarlo e la sua più grande paura è che possa rimanere libero grazie ai suoi soldi. Si tratta di un copione che ha visto già altre volte e non ha più intenzione di lasciare impunito un colpevole.
Per offrire anche un punto di vista alternativo al mondo dell'alta finanza, Jarecki crea il personaggio di Jimmy Grant, un giovane nero dei bassifondi che funge da contrappunto morale ai comportamenti di Miller. Per il ruolo, ha scelto l'attore Nate Parker. Per calarsi nella parte, Parker ha frequentato per molto tempo una comunità che si occupa di ragazzi disagiati di Brooklyn, cercando di capire quali sono gli stili di vita e le esigenze che spingono a mettere in pratica certi comportamenti piuttosto che altri.
In tutto il film aleggia anche il nome di Mayfield, un potente deus ex machina che compare in scena per pochissimi minuti. A interpretarlo è Graydon Carter, caporedattore di Vanity Fair e responsabile dei saggi sulla crisi finanziaria che hanno ispirato Jarecki.

LE TRE DONNE DI ROBERT MILLER

Attorno a Robert Miller ruotano le vite di tre differenti donne: la moglie Ellen, la figlia Brooke e l'amante Julie. Ellen, dotata di tutte le caratteristiche che servono a una buona moglie (fascino, bellezza e cuore), è interpretata da Susan Sarandon, che a distanza di anni da Shall We Dance? ritrova come "marito" Richard Gere. Come tutti i personaggi del film, anche Ellen è circondata da un alone di ambiguità: nessuno è mai sicuro delle ragioni delle sue azioni. Non si sa se è alla conoscenza delle frodi del marito o se è realmente all'oscuro di tutto. Una cosa però è certa: dopo trent'anni di matrimonio e di amore, è decisa a rimanere accanto a Robert e a oltrepassare i propri limiti. Ogni sua decisione ha il fine di preservare la propria famiglia e in particolar modo la figlia Brooke, colei che ravvede nei comportamenti del padre una forma di tradimento. Brooke fa parte dell'impero econmico di famiglia e ha sempre riposto fiducia in tutto ciò che il padre fa, rimanendo ferita nel momento in cui invece scopre la verità. Esperta di fondi di investimento, brillante e dotata di eccezionale bellezza, è interpretata da Brit Marling, scelta dal regista dopo averla notata in Another Earth e realmente esperta di economia per aver lavorato alla Goldman Sachs dopo aver conseguito la laurea all'università di Georgetown. Per la parte dell'amante Julie, una donna molto sensuale con una vita e un lavoro che esulano da Robert, Jarecki ha provinato più di 70 attrici prima di scegliere l'ex modella francese Laetitia Casta, da tempo dedicatasi alla carriera cinematografica.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Nicholas Jarecki ha messo su un cast eccellente (Richard Gere cattivo elegante, Susan Sarandon moglie devota e decisa, Brit Marling figlia idealista e Tim Roth sbirro ostinato) e lo ha fatto stare sul set abbastanza per mettere insieme un bel thriller che si divide tra lo scandalo privato e la frode pubblica, senza moralismi. L’opera è di grana grossa ma buona. E ci ricorda che tutti possono essere comprati. La differenza sta negli zeri che servono a farlo.

Commenti (3) vedi tutti

  • Thriller finanziario e dramma umano,dipinto di noir, è un film interessante e ben recitato.

    leggi la recensione completa di Furetto60
  • Appena sufficiente…palloso oltre misura.

    commento di Tex Murphy
  • La crisi economica sfiora ma non tocca i magnate della finanza che alla fine se la cavano sempre alla grande. Un intramontabile Richard Gere non può cambiare le sorti di una pellicola poco più che sufficiente. 

    commento di enandre
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è negativa

bufera di bufera
4 stelle

Nicolas Jarecki , giovane scrittore esperto, per tradizione familiare e applicazione personale, di finanza e delle cause che hanno condotto alla crisi globale di questi ultimi anni, ha scritto una sceneggiatura in cui ad una storia dove gli illeciti finanziari e la disinvoltura con cui sono condotte operazioni azzardate fino a portare all’imminente scoperta e rovina di un magnate di alta… leggi tutto

4 recensioni negative

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

OGM di OGM
6 stelle

Un intramontabile Gere con niente intorno. A circondarlo è il deserto abbondantemente calpestato del financial thriller,  appena cosparso di una spruzzata di questione morale e problematiche sociali che non basta, però, a fornire all’opera la necessaria dose di realismo contemporaneo. Il psicodramma che, altrove  - come ad esempio in Margin Call - è in grado di convertire gli spettri… leggi tutto

14 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

supadany di supadany
8 stelle

Alta finanza e famiglia, vendite miliardarie e relazioni extra coniugali, manipolazione ed ingiustizia sono tra i principali temi messi assieme da Nicholas Jarecki, ennesimo rampollo della famiglia Jarecki, nel suo primo film “di peso” che dal primo all’ultimo minuto non lascia un attimo di respiro seguendo da vicino il suo protagonista, interpretato da un Richard Gere chiamato… leggi tutto

11 recensioni positive

2018
2018

Recensione

Furetto60 di Furetto60
7 stelle

Robert Miller,nella persona di Richard Gere, è un ricco squalo della finanza,tycon carismatico,potente e affascinante,in realtà è un bieco e spregiudicato speculatore,uno spietato truffaldino,all'apparenza però,figura come un uomo vincente e di successo,perfino socievole e altruista,ha una bella casa,una moglie affascinante  Ellen,alias ,Susan…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
2017
2017
Trasmesso il 15 ottobre 2017 su Iris
Trasmesso il 5 ottobre 2017 su Rete 4

Recensione

emil di emil
6 stelle

La disperata vendita di una società dai profitti gonfiati si accavalla ad un dramma personale imprevisto. Saranno dolori.   Jarecki mette in scena il barcollante mondo di un brillante uomo d'affari, Robert Miller (Richard Gere), fatto tutto di apparenza. Un uomo dedito al dio denaro, un sepolcro imbiancato pieno di rapina e smodatezza, un fariseo tra i farisei, dedito al culto…

leggi tutto
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

champagne1 di champagne1
6 stelle

All'alba del suo 60.mo compleanno, il finanziere Robert Merrill, patriarca di famiglia dal piglio incisivo quanto seducente, sta per concludere l'affare della sua vita, quello che gli spianerà la via per una pensione dorata; ma deve anche dividersi fra una vita di coppia clandestina con una gallerista d'arte e la famiglia con tutti i suoi affetti. Le complicazioni nell'affare e un…

leggi tutto
2016
2016

Incidenti stradali

supadany di supadany

Aneddoto, in forma di sproloquio, lungo quasi come un racconto (anche perché in fondo, in parte, lo è); sarà insolito, lo è, ma prima di tutto, in qualche modo forse a me stesso sconosciuto,…

leggi tutto
Trasmesso il 21 luglio 2016 su Rsi La2
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Trasmesso il 3 aprile 2016 su Rete 4
2015
2015

Recensione

ethan di ethan
6 stelle

Robert Miller (Richard Gere) è un milionario sulla sessantina, ha una moglie (Susan Sarandon) che 'combatte' la noia facendo iniziative filantropiche finanziate dalle aziende del marito, una figlia (Brit Marling) in gamba che lavora per lui, che ha scoperto i suoi sotterfugi, fatti di finanza 'creativa', per coprire dei buchi nei conti causati da operazioni non molto oculate, e un'amante…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

Baliverna di Baliverna
8 stelle

ANTICIPAZIONI SULLA TRAMA - Direi che è un film ben fatto e interessante per le tematiche che tratta. La trama è un sistema intelligente per affrontare una questione che quasi tutti prima o poi si sono trovati davanti: è giusto commettere il male per raggiungere il bene? E' giusto mentire alle autorità e alle persone care per evitare un male? Il problema,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

Enrique di Enrique
6 stelle

Con Arbitrage N.Jarecki propone un film su un nuovo Gordon Gekko; ma l’altra faccia di Gekko; uno che non aizza gli azionisti riuniti in assemblea spronandoli a nutrire (in)sana avidità, quale nuovo motore del mondo (1° Wall Street), né uno che, salito in cattedra per recitare il proprio mea culpa, vaticina imminenti sventure (2° Wall Street); ovvero, in ambo i casi,…

leggi tutto
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 15 voti
vedi tutti

Recensione

movieman di movieman
5 stelle

Ricco uomo d'affari sta per concludere una grossa operazione, ma non è tutto ora ciò che luccica. Poi un incidente d'auto nel quale sono coinvolti lui e la sua amante complica ancor di più le cose. Se da una parte il film sembra possedere una certa profondità di contenuti, dall'altra sembra di trovarsi dentro "Dallas".  Mah...

leggi tutto
Recensione

Recensione

Utente rimosso (Pandacattivo) di Utente rimosso (Pandacattivo)
6 stelle

Parto col dire che se il Grigio Richard non avesse magnificamente interpretato uno dei miei film preferiti “Shall We Dance” ad ogni sua uscita ci andrei giù pesante in quanto ha un viso per quanto naturale incredibilmente mono espressivo, detto ciò, qui si rivede con la Bravissima Sarandon in un contesto molto diverso e se la vede con un terzo incomodo molto convincente…

leggi tutto
Recensione

Recensione

GoodTime di GoodTime
7 stelle

La frode Arbitrage   Un film di Nicholas Jarecki con Richard Gere, Tim Roth, Susan Sarandon, Monica Raymund Genere thriller, colore 107 minuti, produzione Stati Uniti, distribuzione M2 Pictures 2012   New York, Robert Miller è un brillante uomo 60enne con un ottima famiglia e un ruolo di potere nel settore finanziario al quale non manca assolutamente nulla.  …

leggi tutto
Trasmesso il 21 aprile 2015 su Canale 5
Trasmesso il 20 aprile 2015 su Rsi La1

Recensione

raimea di raimea
5 stelle

ciao film semplice un po scontato                                           

leggi tutto
Recensione
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito