Trama

Quando Rebecca (Eva Green) e Tommy (Matt Smith) si rincontrano da adulti, la scintilla fa riaccendere il loro amore. Ma la fortuna non è dalla loro parte: Tommy muore presto in un incidente. Il dolore di Rebecca è tale che decide di usare i discussi servizi offerti dal "Dipartimento di Replicazione Genetica", un istituto che le impianta nell'utero un clone di Tommy cui lei darà la vita. La (ri)nascita del suo amato la rinchiude in una vita a due dove le sembra di aver trovato tutto ciò che chiedeva. Ma le conseguenze di quest'amore non mancheranno di farsi sentire e di pesare man mano che il tempo passa e Tommy cresce.     

Approfondimento

FLUTTUANDO SULL'ACQUA

Con una storia girata al di fuori del tempo e nel freddo paesaggio di un inverno nel Mar del Nord, Womb è un film che fluttua su uno dei temi più cari alla modernità: la clonazione. Non è casuale infatti che uno degli elementi che si ripresenta sotto varie forme in tutta la pellicola sia l'acqua: ricollegandosi sia ai primi esseri viventi sulla Terra sia al liquido amniotico in cui per nove mesi cresce un bambino, l'acqua del mare che circonda la palafitta in cui vive Rebecca diviene il simbolo della nuova sorgente di vita, artificiale e surreale al tempo stesso. Eludendo la fantascienza, i cloni voluti da Benedek  Fliegauf non sono altro che esseri umani dotati di sentimenti e paure, paragonabili solo ai gemelli identici. Con il solo potere delle mappe genetiche e senza caratteristiche da automa, questi cloni hanno però la forza di cancellare l'idea di passato e futuro per convogliare in un eterno presente, condotti dai misteri e dalla chimica dell'amore.

MITO ED ETICA

È l'amore che lega i due protagonisti a rompere tabù e regole sociali, rendendo la storia più simile a una favola o a un mito. Non a caso, si ritrovano echi di Orfeo ed Euridice, i due amanti della mitologia classica capaci di sfidare le suddivisioni preesistenti tra il regno dei vivi e quello dei morti, usando come unica arma il sentimento che li unisce e che risponde a uno schema chimico universale che determina la vita di chiunque.

Così come Orfeo affronta l'Ade e l'ira di Persefone in nome delle ragioni del cuore, anche Rebecca sfida la logica razionale in nome del "come sarebbe stato se". Lasciandosi guidare dalla passione, ricorre alla clonazione per generare una nuova vita che ridia senso alla sua, fortemente ancorata a eventi che le sono occorsi ben 12 anni prima. Si potrebbe parlare di un atto egoistico ma l'idea del regista era di farne invece un esempio di grande altruismo: riportare un essere umano in vita gioverebbe in primo luogo allo stesso, tornato sulla terra per poter vivere l'esistenza che gli è stata negata una prima volta, e non a chi ha deciso di farlo rinascere. La stessa Rebecca, ad esempio, clonando Tommy rinuncia alla propria vita sociale e si addossa sulle spalle un'enorme responsabilità, ripagata dal poter osservare da vicino il crescere della persona che più di ogni altra ha amato. Da protagonista innocente della storia, Rebecca diviene osservatrice responsabile di una finzione modellata dalla sua volontà. Senza nessuna etica religiosa che imbrigli la sua scelta, Rebecca è convinta di aver agito nel giusto e nessuno, emotivamente coinvolto nella vicenda, può condannarla. Si può tentare di giustificarla, semmai.

Lungi dall'idea di rappresentare un universo idilliaco, Womb non dimentica di portare in scena la forza che ha il contesto in cui si vive durante il percorso di formazione. Con il complesso di Edipo che fa leva sulle sue spalle, il nuovo Tommy cresce e si comporta allo stesso modo del vecchio Tommy, non sospettando nulla sulle sue origini né tanto meno avendo ricordi o sensazioni che derivano dagli eventi della vita precedente. Il punto di rottura, critico e imprevedibile, avviene soltanto nel momento in cui conosce la verità dalla madre del vecchio Tommy e gli vengono a mancare tutti quegli elementi che la sua mente ha elaborato, ritrovandosi d'un colpo a rimettere in discussione il proprio codice genetico e i propri istinti.

 

 

 

 

 

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Evoluzione del mito di Edipo, Womb è Sci-Fi contemplativa, tarkovskijana, interessata all’uomo, alla carne viva e morente, alla biologia, è un’opera imperfetta dipinta con insana grazia pittorica, conscia che la ripetizione è una forma di cambiamento, orchestrata intorno a simboli perturbanti (il dinosauro giocattolo, la lumaca, gli scarafaggi, gli animali forse estinti) e abitata da due interpreti semplicemente sublimi. Perché sanno implodere o esplodere di dolore, non sottraendosi mai alla propria grottesca, ambigua, inquieta natura.

Commenti (7) vedi tutti

  • Angosciante nel suo epilogo, fa tremare al solo pensiero, ma è un pensiero che potremmo anche vivere in un futuro prossimo, e questo film ci pone in guardia dalle possibili conseguenze. Bellissimi paesaggi, ma film sufficiente.

    commento di slim spaccabecco
  • L’argomento è difficile e scomodo ma la mano del regista non trema e ha la bravura di raccontare questa tremenda storia con linearità e dolcezza, con pochi dialoghi e molti sguardi, accompagnati da inquadrature meravigliose su uno scenario naturale che è la fotografia dei sentimenti che provano i protagonisti.wom

    leggi la recensione completa di michemar
  • In quest'Era della Protesi tra sperimentazione e transizione il Mito si rigenera grazie alla Tecnica (genetica) e il Destino sembra cedere il passo al Libero Arbitrio salvo poi ripresentare il conto alla fine: in felpato attrito tra la responsabilità individuale e la tragicità del conoscere/sapere/comprendere/prevedere/plasmare Fliegauf dice che...

    leggi la recensione completa di mck
  • Fantascienza "filosofica" usata/sprecata per raccontare una storia troppo illogica e complicata!

    leggi la recensione completa di cinefox
  • Fantascienza intimista senza effetti speciali ma con un contenuto solido e dei bei paesaggi .Alla fine rimane una bella storia d'amore con alla base una clonazione e una brava attrice (Eva Green)Da vedere ,anche per il tema trattato.

    commento di ezio
  • Insulsamente greve, insostenibile clone incestuoso. Molto peggio di Benjamin Button, perchè claustrofobicamente monocorde, ad una sola direzione, senza spiragli..

    commento di stenlio
  • film intrigante con una bellissima Eva Green. Riuscita la fusione sul tema caro ai surrealisti dell'amour fou con quello fantascientifico

    commento di vurdalak
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

mck di mck
7 stelle

* * * ¼ (½)     "Womb", ovvero : Madreterna!   Attenzione : presenti spoiler sin dall'inizio ( benché, purtuttavia non per decisione primaria ma derivata dalla modalità di racconto scelta, financo giunti al termine della lettura, vi assicuro che sono ben mascherati e trasfigurati anzichenò ).    [ (l'Alba de) l'Era… leggi tutto

15 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

zombi di zombi
6 stelle

è un film molto bello questo "womb", molto bello da vedere e di sicuro sulla fotografia e sui paesaggi non c'è assolutamente niente da ridire. anche sulla concezione di un futuro di domani, non troppo lontano da noi, aiuta a confondere e ad inquietare insieme allo sguardo da fattucchiera di eva green e a quello da alieno di matt smith, ma la trama e il messaggio s'ingarbugliano un… leggi tutto

5 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

PompiereFI di PompiereFI
4 stelle

Rebecca (Eva Green) e Tommy (Matt Smith) sono due dodicenni molto intimi: amici che condividono il fugace gesto di un frutto mangiato sotto il temporale, i giochi sul bagnasciuga, la spartizione del letto a casa del ragazzo. Lei vive col nonno e, alle novelle della sera, preferisce fantasticare da sola mentre si accarezza il grembo (il “womb” del titolo), come fosse già consapevole di un… leggi tutto

9 recensioni negative

2020
2020
2017
2017
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

ethan di ethan
7 stelle

Rebecca e Tommy si conoscono da bambini sulle spiagge del Mare del Nord tedesco e una reciproca intesa nasce subito tra i due, ma lei deve seguire la madre a Tokyo. Passano dodici anni e Rebecca (Eva Green) ritorna e il rapporto con Tommy (Matt Smith) rinasce immediatemente. Il destino si frappone ben presto a interrompere, in maniera beffarda e tragica, la loro relazione ma a questo punto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 12 utenti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 2 marzo 2017 su Rai Movie
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2016
2016

Recensione

munnyedwards di munnyedwards
7 stelle

Una fredda spiaggia deserta, una casa di legno e un altalena poco distante, il rumore del mare immutabile ed eterno, come eterno si pensa possa essere l’amore, il sentimento dei sentimenti, la forza dirompente che trascina l’essere umano al di la della ragione, spesso ai limiti della follia. Rebecca ama Tommy, lo ama dal primo momento che lo vede ma le loro strade sono destinate a…

leggi tutto
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

mck di mck
7 stelle

* * * ¼ (½)     "Womb", ovvero : Madreterna!   Attenzione : presenti spoiler sin dall'inizio ( benché, purtuttavia non per decisione primaria ma derivata dalla modalità di racconto scelta, financo giunti al termine della lettura, vi assicuro che sono ben mascherati e trasfigurati anzichenò ).    [ (l'Alba de) l'Era…

leggi tutto
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti

Recensione

cinefox di cinefox
4 stelle

Non lo só.... Secondo me come la racconti la racconti, questa storia/film finisce più col deluderti che sorprenderti. Questo lavoro del regista ungherese Benedek Fliegauf, girato in Germania, è davvero difficile da giudicare seppur con una brava Eva Green e uno "strano" Matt Smith nei ruoli di protagonisti.      Consigliato? Non vi perdete niente.

leggi tutto
Trasmesso il 18 febbraio 2016 su Rai Movie
2015
2015

Recensione

Tex61 di Tex61
8 stelle

  Inquietante. Fantagenetica che potrebbe essere dietro l’angolo rimettendo in discussione principi etico-morali e religiosi. Ambientato in un intrigante (per me) profondo nord gode di una fotografia in persistenti toni grigio-azzurri sempre ai massimi livelli. Vari sentimenti s’intrecciano nello scorrere del film, non ultimo un certo egoismo della protagonista nella ricerca…

leggi tutto
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 10 settembre 2015 su Rai Movie
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 24 agosto 2015 su Rai Movie

Recensione

sasso67 di sasso67
6 stelle

Womb è uno di quei film di fantascienza cosiddetta riflessiva, perché non punta sull'azione o sul pericolo proveniente da altri mondi, ma si interroga sulle prospettive e sulle potenzialità della scienza e, in definitiva, sull'uomo stesso e sui suoi destini. Si può dire che Fliegauf punta più a Tarkovskij (quello di Solaris e di Stalker) che a George Lucas.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito