Espandi menu
cerca
Fuga per la vittoria

Regia di John Huston vedi scheda film

Recensioni

L'autore

FabrizioRomanatti84

FabrizioRomanatti84

Iscritto dal 24 settembre 2020 Vai al suo profilo
  • Seguaci 2
  • Post -
  • Recensioni 114
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi

La recensione su Fuga per la vittoria

di FabrizioRomanatti84
7 stelle

"Colby?!" "Sì?" "Dove mi metto per il calcio d'angolo?" "Dalla parte opposta da dove viene il tiro" "Grazie, credevo che volessi tenerti il segreto" E siamo nel mito! E poi la "bicicleta" di Ardiles, il goal di Ardiles che è megghi'è Pelè! Ottime davvero le scene di calcio giocato che non sembrano affatto coreografate come invece, di fatto avvenne

Su invito del sig, Maso... eccomi qui...a dir la mia su questo avvincente film... come definirlo? sportivo? di guerra? prigionia?
C'è un po' di tutti questi generi... ma concorderete con me nell'affermare che l'evento sportivo e l'avvicinamento ad esso, la preparazione all'evento stesso, ne sia l'asse portante!
Fatto sta che, al suo primo passaggio in tv... il giorno dopo eravamo tutti al campetto a provare... non la rovesciata di Pelè... ma la "bicicleta" di Ardiles... https://www.youtube.com/watch?v=gGKrynV6plQ perchè è quella che più rappresenta la magia di questo film e del calcio...la scena che prima ti riappare nella mente quando la TV ne annuncia il passaggio in...in TV... Pelè non piaceva a nessuno di noi ragazzini, era "un Venezia", ovvero, uno di quelli che la palla non la passa manco morto, piuttosto crepa... e Pelè era così davvero, lo dice bene lui stesso nel film, (scena della lavagna), lo dicono i suoi celbri compagni, i celebri difensori (vedi "il Trap" Giùanin... che lo "annullò" in un paio di occasioni - e si racconta che sia stato per questo che Pelè, a giocare in europa... non ci sia mai più venuto, soprattutto da avversario) e lo dicono i filmati che ho spesso visionato: posso affemare con certezza che, almeno in campo, Maradona è megghi'e Pelè! ahahah! E poi, per noi ragazzini di quegli anni, la rovesciata era quella di Parola, sui pacchetti delle figu Panini, o quella di Youri Djorkaef interista... https://www.youtube.com/watch?time_continue=2&v=pJLjvS8dKfk&feature=emb_logo 
Disquisizioni calcistiche a parte...nel film si nota come i grandi attori inalzino attori mediocri a loro pari... o attori mediocri che si elevino al livello dei grandi attori che hanno d'esempio: vedi Caine e Sydow contro un acerbo, ma ancora puro, Stallone, non ancora Sly ad allora, ma già entrato nel mito coi suoi due eroi, anche loro ancora puri, Rocky e Rambo (senza Sting) e non sfigurano neanche i veri calciatori che partecipano al film, anzi, è proprio uno di loro a lanciare la celebre scena della rinuncia alla fuga dallo spoglatoio

Poche le scene crude o di vera azione, neanche una d'amore tra l'esule Arch e la bella Renè, membro della resistenza... che in pochi minuti regalano un'emozione intensissima e toccante: Stallone, forse involontariamente, nell'abbracciare la donna benefattrice durante la scena d'addio, riesce davvero a rendere la sensazione di astinenza dalla passione, dalla privazione dell'amore carnale, fisico...la abbraccia sì con rispetto dovuto ad una donna appena conosciuta, ma pure con l'intensità con cui va desiderata una donna tanto bella e buona... da uno che è da anni in guerra e per giunta prigioniero!
Come detto da Maso e altri, anche a me fa ovviamente pensare a "La grande fuga"... ma quelle che mi han fatto affezionare al film, ovviamente, oltre a quelle di calcio giocato, rese, per altro, in maniera davvero straordinaria per l'epoca - senza per altro apparire coreografate come difatto avvenne... sono le scene di commiato, di fratellanza... tese a sottolineare una idilliaca sportività, lealtà ed un senso di rispetto non dell'avversario, ma del nemico - impossibile da ritrovarsi nella realtà che fu - tra le parti che, in un contesto come la guerra, la prigionia, strappano sempre una lacrimuccia - mi commuovo sempre quando Colby e il cap.tedesco Mueller si riconoscono nell'ufficio di Von Steiner (Sydow) o quando lo stesso Steiner riconosce il campione nel prigioniero Colby (Caine), la cui carriera, a dir suo, è stata solo interrotta dalla guerra... insomma... uno dei pochi, anzi, rarissimi film in cui il teutonico nemico...non è raffigurato come uno spietato nazista... ma stupido sì - vedi scena del fantoccio di Arch

Numerose le battute che mi son rimaste nella testa - quella tra Stallone e Caine sul calcio d'angolo è da cineteca, un vero siparietto, un valore aggiunto al film - poi così ben doppiati da due grandissimi del ns cinema, Cesare Barbetti (di cui ho appreso solo ora la morte consultando google) e Amendola... il quale, con quel suo timbro perentorio, si produce nel "Vaffa" più celebre della storia del cinema! ahahah! (Ho sempre pensato che Amendola fosse davvero Stallone! ahahah)
So che la partita fu disputata davvero tra due fazioni militari contrapposte... ma il finale fu tragico per i "giocatori" prigionieri...
Qui, ad esempio, è spiegato e riporta anche una bella foto da "vero album Panini"!
https://www.google.com/url?sa=i&url=https%3A%2F%2Fwww.comingsoon.it%2Fcinema%2Fnews%2Ffuga-per-la-vittoria-la-storia-vera-che-ha-ispirato-il-film-con-sylvester%2Fn106678%2F&psig=AOvVaw1WdabIYpOH0AFkKUIOZOzt&ust=1601172682299000&source=images&cd=vfe&ved=0CAIQjRxqFwoTCPDx-p7fhewCFQAAAAAdAAAAABAD

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati