Espandi menu
cerca

Trama

Nel clima brutale della Francia del XIV secolo, ha luogo un dramma che esplora l’onnipresente potere dell’uomo, la fragilità della giustizia e la forza e il coraggio di una donna pronta a mettersi da sola al servizio della verità. In particolar modo, si fa luce sulle ipotesi a lungo tenute per vere riguardo all’ultimo duello legalmente autorizzato in Francia, disputato tra Jean de Carrouges e Jacques Le Gris, due amici diventati acerrimi rivali. La moglie di Carrouges, Marguerite, viene brutalmente aggredita da Le Gris, ma questi respinge l’accusa. Tuttavia la donna rifiuta di stare zitta e si fa avanti per accusare il suo aggressore: un atto di coraggio e di sfida che mette a repentaglio la sua vita. Ne segue un estenuante duello a morte che mette il destino dei tre nelle mani di Dio.

Approfondimento

THE LAST DUEL: UNA DONNA NEL MEDIOEVO

Diretto da Ridley Scott e sceneggiato da Nicole Holofcener, Ben Affleck e Matt Damon, The Last Duel è una storia di tradimento e vendetta ambientata nella brutalità della Francia del XIV secolo. Quando una nobildonna accusa il migliore amico di suo marito di averla violentata, il destino di tutti e tre dovrà essere deciso in un duello all'ultimo sangue. Narrato da tre prospettive differenti, The Last Duel racconta le vicende di Jean de Carrouges, un esperto e ambizioso cavaliere proveniente da una famiglia rispettata, che lotta per ottenere il potere e migliorare la propria posizione; del formidabile Jacques Le Gris, uno degli individui più amati a corte, accusato di questo crimine indicibile; e di Marguerite de Carrouges, un'eroina in anticipo sui tempi che rischiò la propria vita per difendere la verità.

Con la direzione della fotografia di Dariusz Wolski, le scenografie di Arthur Max, i costumi di Janty Yates e le musiche di Harry Gregson-Williams, The Last Duel è basato su eventi realmente accaduti ed esamina ipotesi a lungo sostenuto sull'ultimo duello autorizzato dalla legge nella storia della Francia.  Costruito attorno alla storia della straordinaria Marguerite, The Last Duel esplora temi come il potere e la sopravvivenza, e analizza le forze culturali che cospirarono per distorcere la verità.

Pur condividendo le stesse esperienze, questi personaggi vivevano in mondi diversi… ma la verità era soltanto una. “Sapevamo che si trattava di una storia incredibile, ma volevamo riuscire a raccontarla in un modo che la rendesse davvero interessante”, ha affermato Matt Damon. “E così, abbiamo avuto l'idea di raccontare il film attraverso diverse prospettive. Si tratta di una sorta di specchietto per le allodole: per due terzi del film, crediamo che i protagonisti siano questi due uomini, ma alla fine scopriamo che questa donna era in realtà l'eroina di tutta la storia”.

A far rivivere il turbolento Medioevo con straordinaria accuratezza e a narrare del duello è stato per primo il libro di Eric Jager, The Last Duel: A True Story of Crime, Scandal and Trial Combat in Medieval France, pubblicato nel 2004. Nel Medioevo,  l'etichetta, le aspirazioni sociali e la giustizia erano guidate dai codici cavallereschi, le conseguenze dello sfidare le istituzioni del tempo – la Chiesa, la nobiltà di corte, un re adolescente – potevano essere gravi. “Si trattava di un crimine orribile, ma se Jean avesse perso il duello, lui e Marguerite sarebbero stati condannati a morte, pur non avendo commesso alcun crimine”, ha affermato Nicole Holofcener. “Lei era la vera vittima, ma furono l’ego e l’orgoglio di questi due uomini (Carrouges e Le Gris) a scatenare il duello”.

Per una donna che si faceva strada in questi tempi violenti, che non aveva alcuna posizione giuridica senza il supporto del marito, la posta in gioco era ancora più alta. “Abbiamo scoperto che molti aspetti del patriarcato formale e codificato dell'Europa occidentale del XIV secolo sono ancora presenti in modo residuo (e in alcuni casi quasi immutato) nella società di oggi”, ha aggiunto Ben Affleck. “Volevamo esaminare il modo in cui le istituzioni, l'acculturazione e le norme sociali ebbero (e continuano ad avere) un effetto incredibilmente profondo sulla società, spingendo la popolazione a dare credito soltanto al punto di vista di determinate persone”.

Il film è basato sulle dettagliate ricerche svolte da Jager, il quale ha trascorso 10 anni a rintracciare, tradurre ed esaminare documenti storici vecchi di secoli, che comprendevano cronache storiche, documenti legali, atti di proprietà, ricevute per l'acquisto di attrezzature militari, piani architettonici e mappe storiche. “Negli archivi, ho trovato documenti ‘nuovi’ che in passato erano stati completamente trascurati oppure menzionati soltanto in fonti sconosciute. Sembrava che gli storici e gli studiosi non fossero a conoscenza di quei documenti”, ha evidenziato Eric Jager. “Quello che gli storici e gli studiosi di giurisprudenza sostenevano da secoli, ossia che #Marguerite si fosse sbagliata o, in alcuni casi che avesse mentito, non mi sembrava potesse essere la verità”.

DAL LIBRO AL FILM

Uomini come Jean de Carrouges e Jacques Le Gris erano gli eroi delle loro storie, ma dal punto di vista storico si trattava di narratori assolutamente inattendibili. Il punto di vista di Marguerite è essenziale e offre una necessaria correzione al modo in cui gli uomini vedevano se stessi e il mondo che li circondava, che non veniva mai messo in dubbio. Matt Damon, Ben Affleck e Nicole Holofcener hanno collaborato alla scrittura della sceneggiatura: ognuno di loro si è occupato di scrivere le prospettive di Carrouges, Le Gris e Marguerite, rispettivamente, per assicurarsi che la storia catturasse in modo efficace le voci dei tre personaggi. Holofcener ha spiegato: “Ho deciso di prendere parte a questo progetto perché Matt e Ben non sono donne. Non dubito che siano in grado di scrivere personaggi femminili fantastici, come fanno anche tanti altri sceneggiatori maschi, ma penso di essere riuscita ad arricchire il film con la mia prospettiva femminile, fornendo uno sguardo diverso e anche una voce diversa”.

Per assicurarsi che il film fosse sempre fedele alla storia di Marguerite, è stata ingaggiata la intimacy coordinator Ita O’Brien (Sex Education) nel corso delle riprese principali e i filmmaker si sono avvalsi della consulenza di alcune organizzazioni che lavorano direttamente con persone che hanno subito violenze sessuali. “Dopo che Marguerite viene violentata, il suo mondo cambia per sempre”, afferma Holofcener. “Non aveva nessun diritto, nessun controllo e nessun potere”.

Matt Damon ha aggiunto: “Ci sembrava che la sua storia fosse l'unica che valesse la pena raccontare: volevamo mettere in luce l'incredibile coraggio che mostrò sotto pressione, mentre veniva interrogata e umiliata in quel modo. Nonostante la cultura e la società fossero contro di lei, non si arrese mai e continuò a raccontare la verità su ciò che le era accaduto”.

Curiosità

COMMENTO DEL REGISTA

"La prima volta che ho sentito parlare dell’ultimo duello legalmente autorizzato disputato nella Francia medievale, ho capito subito che se ne sarebbe potuto ricavare un film potente. E quando ho saputo che Matt Damon, Ben Affleck, e Nicole Holofcener stavano scrivendo la sceneggiatura, non ho avuto dubbi sul fatto che sarei stato io a dirigerlo. Il film mi ha dato l’occasione di riprendere il tipo di storia epica che amo, ma arricchita dai temi del coraggio, dell’inganno e della difesa di una causa che fanno presa sul pubblico di oggi. Il film è la storia di un’amicizia e di un’unione coniugale distrutti a causa di un atto particolarmente crudele e disonorevole, ma è anche la storia del coraggio di una donna che fa sentire la propria voce. È un’opera che fa riflettere, e ne sono particolarmente orgoglioso".

Commenti (3) vedi tutti

  • Film bello e interessante. Da non perdere

    commento di rash91
  • Ridley Scott una garanzia.....

    commento di VINSENBAR
  • Ridley Scott firma il suo miglior film da tempo immemorabile a questa parte. Forse dura troppo e il film perde molti colpi per via della brutalità della scena, diciamo, incriminata e chiave. Eh eh. Ma questo è un film che emoziona, da leccarsi i baffi, non quelli di Driver, si spera, eh eh.

    leggi la recensione completa di 79DetectiveNoir
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

supadany di supadany
8 stelle

In un contesto idealizzato, la verità dovrebbe essere univoca e indiscutibile. In realtà, sussistono praticamente sempre delle divergenze di vedute che inquinano le ricostruzioni. Delle zone grigie che si addensano aprendo una voragine tra il bianco e il nero. Delle rivendicazioni esposte con tale forza da richiedere degli approfondimenti. In molti casi, alla fine di percorsi… leggi tutto

7 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

alan smithee di alan smithee
5 stelle

FESTIVAL DI VENEZIA 78 - FUORI CONCORSO Chi meglio di Ridley Scott può dire (nuovamente) la sua sulle dinamiche di un duello, quando sono trascorsi ormai quasi 45 anni dal suo folgorante esordio, avvenuto proprio con I duellanti? Già avvezzo a giostrarsi su contesti storici complessi che richiedono ingenti sforzi di ricostruzione, seppur ora più a livello di grafica… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

2021
2021

Recensione

YellowBastard di YellowBastard
7 stelle

 Anno del Signore 1386.  Il cavaliere di Francia Jean de Carrouges muove allo scudiero Jacques Le Gris l’accusa gravissima di essersi introdotto nel suo castello in sua assenza per violentarne la moglie Marguerite de Thibouville appellandosi al Re Carlo IV di risolvere la disputa tramite un duello, un’usanza all’epoca già in disuso ma ancora legittima che…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

Antisistema di Antisistema
8 stelle

Se la dama velata di Così è se vi pare di Luigi Pirandello (1917) avesse mostrato la propria identità, così confermando la versione di suo marito o della signora Frola, l'impianto del dubbio dovuto all'inconoscibilità del reale dove ogni essere umano può dare la propria interpretazione sarebbe crollato. La verità a cui sarebbe giunto però…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti

Recensione

CineWorld2000 di CineWorld2000
9 stelle

                                                                                                                …

leggi tutto

Recensione

robertoleoni di robertoleoni
6 stelle

Dopo 44 anni dal suo primo film I Duellanti, Ridley Scott affronta ancora un duello tra due guerrieri che lottano per il proprio orgoglio dimenticando che questa volta è stata una donna ad armarli per difendere la propria dignità...   potete vedere la mia videorecensione qui: https://bit.ly/THE_LAST_DUEL  

leggi tutto
Recensione

Recensione

79DetectiveNoir di 79DetectiveNoir
7 stelle

  Ebbene, oggi recensiamo l’attesissima nuova opus di Ridley Scott, vale a dire The Last Duel. The Last Duel è un film dalla corposa, incalzante e avvincente durata considerevole di due ore e trentadue minuti netti che scorrono assai piacevolmente ove Ridley Scott, regista ovviamente da noi molto amato e che non necessita d’ulteriori presentazioni superflue,…

leggi tutto

Recensione

supadany di supadany
8 stelle

In un contesto idealizzato, la verità dovrebbe essere univoca e indiscutibile. In realtà, sussistono praticamente sempre delle divergenze di vedute che inquinano le ricostruzioni. Delle zone grigie che si addensano aprendo una voragine tra il bianco e il nero. Delle rivendicazioni esposte con tale forza da richiedere degli approfondimenti. In molti casi, alla fine di percorsi…

leggi tutto

Recensione

obyone di obyone
7 stelle

  THE LAST DUEL*     Origine: rivisitazione dello Chef Ridley Scott che si ispira alla tradizione culinaria francese del XIV secolo e realizza un piatto grandguignolesco e dagli ingredienti forti e spesso indigesti come lo stupro e la sudditanza femminile nei confronti del maschio e della Chiesa. "Avec la partecipation du plongeur Ben Affleck e du marmiton Matt Damon" (di…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane l'11 ottobre 2021
locandina
Foto
locandina
Foto

Venezia 78

obyone di obyone

Posata una lapide marmorea sulla prima tribolata settimana al Lido dal lunedì della seconda sembra che la Mostra si sia svuotata. Riescono a prenotare persino i bradipi di colore blu e probabilmente quelli verdi…

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
5 stelle

FESTIVAL DI VENEZIA 78 - FUORI CONCORSO Chi meglio di Ridley Scott può dire (nuovamente) la sua sulle dinamiche di un duello, quando sono trascorsi ormai quasi 45 anni dal suo folgorante esordio, avvenuto proprio con I duellanti? Già avvezzo a giostrarsi su contesti storici complessi che richiedono ingenti sforzi di ricostruzione, seppur ora più a livello di grafica…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
7 stelle

Due cavalieri si affrontano in duello nella Francia del 1300. Chi sono? E chi è la donna in nero che li osserva come se il suo destino dipendesse da chi morirà?  Ridley Scott continua a scrivere manuali di epica cinematografica imprimendo il suo marchio sulla storia (ispirata a fatti reali) di uno degli ultimi duelli cavallereschi prima delle Crociate. In ballo è un…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
Venezia 2021: Giorno 10

Venezia 2021: Giorno 10

La 78ma Mostra del Cinema di Venezia offre l’ultimo film inedito in competizione: Another World, riflessione sul mondo del lavoro di Stephane… segue

Post
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito