Espandi menu
cerca

Trama

Alla morte del loro amato editore e fondatore della rivista per cui lavorano, quattro giornalisti danno vita a quattro differenti e complicate storie, ambientate sullo sfondo di una cittadina francese del XX secolo.

Approfondimento

THE FRENCH DISPATCH: OMAGGIO AL GIORNALISMO INDIPENDENTE E AL CINEMA FRANCESE

Diretto e sceneggiato da Wes Anderson, The French Dispatch porta in vita una raccolta di storie dall'ultimo numero di un magazine americano pubblicato in una (finta) città francese del XX secolo. In occasione della morte dell'amato fondatore ed editore Arthur Howitzer jr., originario del Kansas, lo staff di The French Dispatch, una rivista americana dalla vasta diffusione con sede nella città francese di Ennui-sur-Blasé, si riunisce per scriverne il necrologio. I ricordi di Howitzer finiscono così per confluire nella creazione di quattro differenti storie: un diario di viaggio nelle più squallide zone della città, un resoconto su un pittore folle e i suoi famelici mercanti, la cronaca di amore e morte sullo sfondo della rivolta studentesca e una vicenda piena di suspense, droga, rapimento e buona tavola.

Con la direzione della fotografia di Robert Yeoman, le scenografie di Adam Stockhausen, i costumi di Milena Canonero e le musiche di Alexandre Desplat, The French Dispatch è un insieme di storie che convergono in un unicum organico che, secondo le intenzioni del suo autore, è una lettera d'amore al mondo del giornalismo indipendente in generale e alla rivista The New Yorker in particolare, oltre che alla Francia e al cinema francese. Ha ricordato Anderson: "Quando ero in seconda superiore, la mia stanza a Houston era nella biblioteca e di fronte a me c'erano gli scaffali di legno contenenti le riviste. Ce n'era una con in copertina un'illustrazione e ho iniziato a guardarla. Da quel momento, sono diventato un affezionato lettore del The New Yorker, leggendone non solo i nuovi numeri ma anche gli arretrati e facendo attenzione al nome degli scrittori che apparivano più volte. Nel film, è molto forte il legame con la parola scritta, che si presenta a diversi livelli: c'è quello che vedi sullo schermo, ci sono i sottotitoli, c'è la trama principale legata alla rivista e c'è il rapporto che i giornalisti hanno con un certo tipo di scrittura, oramai persa. L'eroe di ogni storia raccontata, in fondo, è chi l'ha scritta".

"La mia passione per il cinema francese - ha proseguito - è cominciata quando ero ancora un ragazzino. Il cinema francese comincia con il cinema stesso, con i fratelli Lumière e con Georges Méliès. Amo i registi degli anni Trenta, Julien Duvivier, i racconti marsigliesi di Marcel Pagnol e i film di Jean Grémillon, a cui sono da poco giunto. E poi Jacquest Tati, Jean-Pierre Melville e i registi della Nouvelle Vague: Truffaut, Louis Malle e Godard. E forse al centro di tutto c'è Jean Renoir, che ha ispirato il personaggio di Rosenthaler, il pittore folle, con il suo Boudu salvato dalle acque".

Ha infine concluso: "The French Dispatch è anche un omaggio alla Francia, la nazione che mi ha adottato e in cui vivo da diversi anni. Ed è al tempo stesso una riflessione da parte di un outsider che vede il mondo artistico francese dall'interno".

Il cast

A dirigere The French Dispatch è Wes Anderson, regista, sceneggiatore e produttore statunitense. Nato a Houston, nel Texas, nel 1969 da un'archeologa e un pubblicitario, Anderson ha vissuto da bambino il trauma del divorzio dei genitori, esperienza che si è portata dietro negli anni e che ha spesso riversato nei… Vedi tutto

Commenti (6) vedi tutti

  • Mi ero recato al cinema con grandi aspettative, purtroppo sono rimasto profondamente deluso. È probabile che mi sfugga qualcosa: che senso ha questo film? Voto: 3

    leggi la recensione completa di andenko
  • Puro prodotto estetico magistralmente riuscito. Ars gratia artis

    commento di Gibbon92
  • Un texano che ama l'Europa, noia e stanchezza senza di lui

    leggi la recensione completa di yume
  • Il nuovo film "da collezione" di Wes Anderson, con un cast strabiliante e molta ironia è un omaggio alla Francia.

    leggi la recensione completa di PlanetClaire
  • Testamento capolavoro di uno dei registi più amati e più odiati dell'ultimo quarto di secolo

    leggi la recensione completa di Alvy
  • Decimo capitolo del rutilante wonderland andersoniano. Esasperato, vertiginoso, sornione e infantile menabò. Una maionese impazzita - ma proprio per questo irresistibile - che manda in solluchero lo scrivente e chiunque desideri farsi un giro sul lunapark del giostraio di Houston che vive a Parigi.

    commento di Leo Maltin
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

port cros di port cros
9 stelle

74° FESTIVAL DI CANNES – IN CONCORSO   Il French Dispatch è il supplemento d'oltremare del Liberty Kansas Evening Sun, edito nell’immaginaria città francese di Ennui (letteralmente noia), che Owen Wilson ci fa scoprire con un esilarante tour in bicicletta. Il film costituisce un omaggio di Wes Anderson al giornalismo e letteratura americani del XX secolo,… leggi tutto

9 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

AlbertoBellini di AlbertoBellini
6 stelle

The French Dispatch (of the Liberty, Kansas Evening Sun) è la magnum opus di Wes Anderson: il manifesto lapalissiano di un autore radicale, incessantemente alimentato di estremismi: la messa in scena istericamente pedante, stucchevolmente simmetrica, lo ha reso uno dei cineasti più immediatamente riconoscibili anche agli occhi di un pubblico ingenuo, cultore di un’estetica… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

EightAndHalf di EightAndHalf
4 stelle

All'inizio di The French Dispatch una giornalista dice all'editor-in-chief della rivista che un articolo è pieno di errori di ortografia. Bill Murray, l'editor-in-chief, dichiara che la maggior parte sono volontari. E' una delle tante dichiarazioni di intenti di Wes Anderson, che lancia numerosissimi ammiccamenti per spiegare a chiunque come si racconta una storia. I suoi errori… leggi tutto

3 recensioni negative

2021
2021

Recensione

andenko di andenko
3 stelle

Mi ero recato al cinema con grandi aspettative, perché ho letteralmente adorato due precedenti opere di Anderson (Gran Budapest Hotel e Fantastic Mr. Fox); purtroppo sono rimasto profondamente deluso. Lo stile estetico-musicale-registico è sempre il suo (e mi piace un sacco), ma stavolta manca del tutto una storia che possa anche solo minimamente coinvolgere lo spettatore. Uno…

leggi tutto

Recensione

obyone di obyone
7 stelle

    Mentre consultavo la newsletter settimanale sapevo già che non avrei trovato un titolo di mio interesse tra quelle righe. Fui sorpreso, dunque, quando lessi il programma delle proiezioni. "The French Dispatch" era lì con il suo variopinto cartellone simile alla copertina di un fumetto. Avvisai il mio amore che voleva dedicare il suo prezioso tempo a Wes Anderson…

leggi tutto

Recensione

negro di negro
8 stelle

Non un romanzo ma una raccolta di racconti, tutti validi, particolari ed interessanti. La narrazione è intensa e serrata, non ci sono pause ed i ritmi è incalzante tanto quanto lo è il susseguirsi di attori. La visione è impegnativa, non tanto per la trama quanto per la sensazione che se ci si distrae si perde qualcosa, ma appagante. Un film da rivedere, volendo anche…

leggi tutto
Recensione

Recensione

AlbertoBellini di AlbertoBellini
6 stelle

The French Dispatch (of the Liberty, Kansas Evening Sun) è la magnum opus di Wes Anderson: il manifesto lapalissiano di un autore radicale, incessantemente alimentato di estremismi: la messa in scena istericamente pedante, stucchevolmente simmetrica, lo ha reso uno dei cineasti più immediatamente riconoscibili anche agli occhi di un pubblico ingenuo, cultore di un’estetica…

leggi tutto

Recensione

mm40 di mm40
8 stelle

Il French Dispatch è una rivista che parla di attualità francese destinata ai lettori americani; tra l'inizio del Novecento e gli anni Settanta successivi alcune penne straordinarie si sono alternate in quella redazione. Storie di carcerati pittori, cuochi che sventano rapimenti, sessantottini innamorati... Probabilmente il miglior film di Wes Anderson, questo The french…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTIVAL DI CANNES 74 - CONCORSO/ CINEMA OLTRECONFINE/ AL CINEMA  The French Dispatch era il film di punta della sezione Concorso al Festival di Cannes 2020, la cui edizione non ha poi avuto luogo per gli effetti della pandemia da Covid 19. Contrariamente alla quasi totalità dei film concorrenti inclusi nella sezione, usciti poi in sala o in streaming col marchio prestigioso del…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

yume di yume
10 stelle

Un’introduzione, quattro capitoli e un epilogo. The French Dispatch è pronto per le stampe, articoli di ampiezza diversa, come è prassi di un giornale, anzi un magazine, The French Dispatch è il domenicale dei lettori del quotidiano Evening Sun. Ennui-sur-Blasé è l’inesistente cittadina francese sede del giornale nata su due parole che…

leggi tutto

Recensione

PlanetClaire di PlanetClaire
9 stelle

Film d'obbligo, (o "de rigueur", visto che è francofilo), da vedere naturalmente in versione originale: The French Dispatch di Wes Anderson (2021), scritto con il "cinico" Jason Schwartzman e l'eccellente autore Roman Coppola, (il figlio del grande Francis Ford Coppola e il fratello della brillante Sofia Coppola), che ha scritto insieme a Wes Anderson molte delle sue opere, (tra le…

leggi tutto

Recensione

Alvy di Alvy
10 stelle

  L'arte di Wes Anderson non lascia mai indifferenti: o la si ama o la si odia. Schegge apparentemente impazzite nel panorama mainstream statunitense, i suoi lavori difficilmente riescono a suscitare giudizi moderati, distaccati o quantomeno indifferenti. La stranezza, in ciò, è che tali reazioni di caratura opposta siano assolutamente giustificabili e giustificate. Il cinema…

leggi tutto

Recensione

ange88 di ange88
8 stelle

  La prima cosa da dire su questo The French Dispatch of the Liberty, Kansas Evening Sun è che ci troviamo di fronte alla quintessenza del cinema di Wes Anderson. Tutti gli elementi, sia tecnici che stilistici che hanno caratterizzato le sue pellicole fino ad oggi vengono inglobate ed esasperate (nel senso buono del termine) all’interno di questa sua ultima fatica: il…

leggi tutto

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
4 stelle

All'inizio di The French Dispatch una giornalista dice all'editor-in-chief della rivista che un articolo è pieno di errori di ortografia. Bill Murray, l'editor-in-chief, dichiara che la maggior parte sono volontari. E' una delle tante dichiarazioni di intenti di Wes Anderson, che lancia numerosissimi ammiccamenti per spiegare a chiunque come si racconta una storia. I suoi errori…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane l'8 novembre 2021

Recensione

FrankieDrivein di FrankieDrivein
8 stelle

Lo stile ormai inconfondibile di Wes Anderson prende molto dall’animazione più classica, ed era prevedibile (ma anche inevitabile) che il regista realizzasse film animati o sequenze all’interno dei suoi lavori. A primo impatto The French Dispatch potrebbe sembrare una versione live action dei suoi film in stop-motion (Fantastic Mr. Fox e L’isola dei cani),…

leggi tutto

Recensione

Barkilphedro di Barkilphedro
1 stelle

Un film orribile, summa del cinema di Wes Anderson e della sua pedante superficialità. Un'estetica perfetta e vuota di significati, movimenti di macchina geometrici, verticali e orizzontali, cha danno il voltastomaco, montaggio irritante, frenetico. Questo regista non riesce in alcuna parte a commuovermi, a farmi sorridere, a emozionarmi. E' per me il vuoto assoluto. Ogni scelta estetica…

leggi tutto
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito