I predatori

play

Regia di Pietro Castellitto

Con Massimo Popolizio, Manuela Mandracchia, Pietro Castellitto, Giorgio Montanini, Dario Cassini, Anita Caprioli, Marzia Ubaldi... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Amazon Prime Video
  • Tim Vision
  • Infinity
  • Infinity
In STREAMING

Trama

I Pavone e i Vismara sono due famiglie di estrazione completamente diverse. Agli antipodi sono nuclei apparentemente opposti che condividono la stessa giungla, Roma. Un banale incidente farà sfiorare quei due poli. E la follia di un ragazzo di 25 anni li farà collidere, scoprendo le carte per rivelare che tutti hanno un segreto e nessuno è ciò che sembra. E che siamo tutti dei predatori.

Curiosità

COMMENTO DEL REGISTA

"Questo è un film corale. Però, i personaggi che qui si accavallano e si sfiorano e a volte si conoscono, non lo sanno. Ognuno di loro è solo, perso in quel tratto di vita dove nessuno sembra capirti e dove tutto vorresti andasse dall'altra parte. Invertire il corso per vivere la propria speranza: è questa la battaglia che combattono. Quanto amore e quanta ferocia servano, lo scopriranno sulla loro pelle. D'altronde, essere felici, è un mestiere difficile. A volte, un mestiere da Predatori.

Quando, ormai cinque anni fa, scrissi la prima versione de "I Predatori" partii da Federico. Lui è il personaggio più autobiografico del film e in lui ho catalizzato il sentimento che anche negli ambienti più "illuminati" ci siano quelle prerogative di alienazione e tristezza che possono portare un giovane ad armarsi. Non che io abbia mai pensato di mettere una bomba da qualche parte, mi riferisco piuttosto a quel carico di enorme frustrazione, tipicamente giovanile, che nasce dalla differenza che c'è tra quello che sei e quello che gli altri pensano tu sia. Un carico inquietante che può portare a gesti estremi. A me, fortunatamente, ha fatto scrivere un film. Questo".

Il regista ritiene che si possa imparare molto bene questo mestiere anche facendo altro. Ogni esperienza vissuta con passione potrà tornare utile. Le passioni del regista sono: Nietzsche, Federer, Francis Scott Fitzgerald, Lars Von Trier, Scorsese, Woody Allen, l’economia, la filosofia, la cucina, etc... Il cinema parla di tutto. È evidentemente impossibile trovare l'equazione magica per imparare a farlo. Il sacrificio e la sincerità verso se stessi sono, oggi più di ieri, requisiti fondamentali per esistere nel mercato, soprattutto se si è giovani. Ripercorrere la propria vita senza scordarsi della morte, e poi, soltanto poi guardare molti film, frequentare i set, leggere i copioni. Bisogna arrivare al cinema passando per il tutto. Guai a fare il contrario.

Leggi tuttoLeggi meno

Commenti (5) vedi tutti

  • Non si capisce nemmeno la trama, film veramente orrido

    commento di iacopo73
  • Un esercizio di stile che tramortisce in una sorta di rischia tutto

    leggi la recensione completa di siro17
  • Gli alienati sono i borghesi di "sx", i fasci "proletari" stanno benissimo.

    leggi la recensione completa di mck
  • come faccio a vedere questo film?

    commento di yeto
  • "I fascisti sono più colorati ma non più velenosi. Lo squadrismo cambia faccia ed è più raffinato”.

    leggi la recensione completa di yume
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

yume di yume
8 stelle

Dedico questa recensione a tutti noi resi orfani di cinema dal recente DPCM che, nella sua miopia, cala la mannaia sulle sale cinematografiche in crisi da decenni per ragioni non certo attribuibili al virus. Ci sono ben altri virus circolanti, e non da ora, nel Paese, e il più grave è l’ignoranza indotta da chi non vuole che il diritto di critica venga esercitato. E’… leggi tutto

4 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

alan smithee di alan smithee
6 stelle

VENEZIA 77 - ORIZZONTI - PREMIO ORIZZONTI MIGLIOR SCENEGGIATURA  Una fregatura presa da un imbroglione venditore di patacche taroccate ai danni di una ingenua anziana madre e nonna, e una cocente delusione che prova un assistente di filosofia nello scoprire di essere stato lasciato fuori dallo stravagante progetto, di propria intuizione, di riesumare il corpo di Nietzsche, pur apparendo… leggi tutto

5 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

Leo Maltin di Leo Maltin
3 stelle

Spocchioso e velleitario esordio alla regia del figlio di Castellitto, il quale sembra aver capito (copiato?) la formula iper-citazionista usata dai D'Innocenzo nel loro ultra-derivativo Favolacce, con l'aggravante del narcisistico autocompiacimento: agli ingredienti del cocktail dei gemelli romani (Pasolini, Lanthimos, Haneke, Garrone) osa aggiungere Nanni Moretti, scimmiottandolo. Nell'ansia… leggi tutto

1 recensioni negative

2021
2021

Recensione

axe di axe
6 stelle

La famiglia Vismara, di Ostia, è composta da personaggi "terra-terra". Vivono dei proventi di un'armeria, di un poligono di tiro, e di attività illecite gestite da uno zio pregiudicato. I maschi della famiglia hanno il culto delle armi e della simbologia fascista; le donne vivono nella loro ombra, poche prospettive e qualche rimpianto. Confusa a causa di una truffa, messa a segno…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

Peppe Comune di Peppe Comune
7 stelle

I Pavone sono una famiglia appartenente all'alta borghesia romana, intellettuale e progressista. Pierpaolo (Massimo Popolizio) è un medico chirurgo, ha una relazione con Gaia (Anita caprioli), la bella moglie di Bruno Parise (Dario Cassini), suo miglior amico e collega. La moglie Ludovica (Manuela Mandracchia) è una regista cinematografica, intransigente ed annoiata dalla vita.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 11 utenti

Recensione

mm40 di mm40
6 stelle

Un’anziana truffata da un venditore porta a porta; un fascista (figlio della donna) che traffica armi; uno studente di filosofia che compra dal fascista l’esplosivo per far saltare la tomba di Nietzsche; e infine il medico che salva la vita all’anziana, investita in strada, ed è il padre dello studente. Questo strano cerchio, nella maniera più sorprendente,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

siro17 di siro17
5 stelle

  L’esordio alla regia del giovane Castellitto non è passato senza lasciare il segno. Si sono lette recensioni a fiumi, la critica è stata più benevola che malevola, letture raffinate e colte de I Predatori hanno aperto un dibattito senza fine. Per questo il film va visto, cercare di inseguire i molteplici racconti che sono rappresentati nella dicotomia delle due…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2020
2020

Recensione

mck di mck
7 stelle

  Pietro Castellitto (classe 1991), dopo qualche prestazione attoriale [un paio di volte e mezza con le cinéma de papà e maman - “Non Ti Muovere”, “la Bellezza del Somaro”, “Venuto al Mondo” -, poi, passando per un dimentica-bile/to Lucio Pellegrini da Nick Hornby, la buona prova in “la Profezia dell’Armadillo” -…

leggi tutto

Recensione

barabbovich di barabbovich
8 stelle

L'investimento di un'anziana donna è il trait d'union tra le vicende di una famiglia di ricchi intellettuali romani (lui medico, lei regista cinematografica) ed una fascistissima che vive ad Ostia e traffica con le armi. Su di esse si posa lo sguardo, liberissimo e sbeffeggiante, di Pietro Castellitto, esordiente alla regia dopo aver evidentemente metabolizzato con ingordigia migliaia di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

Fabrizio_Giovanardi di Fabrizio_Giovanardi
6 stelle

Esordio alla regia per Pietro Castellitto che porta sullo schermo una storia che ha in serbo da ben 6 anni. Il film parla di due famiglie poste un po' agli antipodi della società. La famiglia borghese, nella quale lo stesso regista interpreta il figlio, vive costantemente fra le contraddizioni. L''altra faccia della medaglia è invece una famiglia fascista che vive nella violenza e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Finalmente....

medusatouch di medusatouch

Finalmente.... Quel bugiardo e/o incompetente ,oltre che razzista,di Trump ha perso le elezioni!!!Finalmente Gli Usa avranno un Presidente che ha capito che per sconfiggere il razzismo,il femminicidio, l'omofobia e i…

leggi tutto
Playlist

Recensione

yume di yume
8 stelle

Dedico questa recensione a tutti noi resi orfani di cinema dal recente DPCM che, nella sua miopia, cala la mannaia sulle sale cinematografiche in crisi da decenni per ragioni non certo attribuibili al virus. Ci sono ben altri virus circolanti, e non da ora, nel Paese, e il più grave è l’ignoranza indotta da chi non vuole che il diritto di critica venga esercitato. E’…

leggi tutto

Recensione

Leo Maltin di Leo Maltin
3 stelle

Spocchioso e velleitario esordio alla regia del figlio di Castellitto, il quale sembra aver capito (copiato?) la formula iper-citazionista usata dai D'Innocenzo nel loro ultra-derivativo Favolacce, con l'aggravante del narcisistico autocompiacimento: agli ingredienti del cocktail dei gemelli romani (Pasolini, Lanthimos, Haneke, Garrone) osa aggiungere Nanni Moretti, scimmiottandolo. Nell'ansia…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 19 ottobre 2020

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

VENEZIA 77 - ORIZZONTI - PREMIO ORIZZONTI MIGLIOR SCENEGGIATURA  Una fregatura presa da un imbroglione venditore di patacche taroccate ai danni di una ingenua anziana madre e nonna, e una cocente delusione che prova un assistente di filosofia nello scoprire di essere stato lasciato fuori dallo stravagante progetto, di propria intuizione, di riesumare il corpo di Nietzsche, pur apparendo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 9 utenti
locandina
Foto
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito