Trama

Ambientato nella Rio de Janeiro degli anni Cinquanta, il film racconta la vita di Guida ed Euridice Gusmão, cresciute per essere invisibili agli occhi della società brasiliana del periodo che non riservava spazio e attenzione alle donne.

Approfondimento

LA VITA INVISIBILE DI EURIDICE GUSMAO: ESSERE DONNA IN UN MONDO MASCHILISTA

Diretto da Karim Aïnouz e sceneggiato da Murilo Hauser (con il supporto di Aïnouz e di Inés Bortagaray), La vita invisibile di Euridice Gusmão racconta la storia di Euridice, una giovane di diciotto anni, e di Guida, una ventenne, che nella Rio de Janeiro del 1950 sono due sorelle inseparabili. Le due vivono con i genitori e sognano un futuro roseo: una desidera una carriera di pianista mentre l'altra agogna un grande amore. A causa del padre, le sorelle saranno presto costrette a costruire le loro esistenze separate. Divise, si prenderanno cura del loro destino ma non rinunceranno mai all'idea di ritrovarsi un giorno.

Con la direzione della fotografia di Hélène Louvart, le scenografie di Rodrigo Martirena, i costumi di Marina Franco e le musiche di Benedikt SchieferLa vita invisibile di Euridice Gusmão è stato così presentato dal regista in occasione della partecipazione al Festival di Cannes 2019 nella sezione Un certain régard: "La vita invisibile di Euridice Gusmão si ispira all'omonimo romanzo di Martha Batalha, pubblicato nel 2015. Si tratta di un libro che mi ha profondamente commosso quando l'ho letto, poco dopo la perdita di mia madre. Mi ha riportato alla mente alcuni dei più bei ricordi della mia stessa vita. Sono cresciuto nel nord est brasiliano degli anni Sessanta, una regione particolarmente conservatrice, negli anni Sessanta in una famiglia composta per lo più da donne, una sorta di anomalia in un contesto molto maschilista. Gli uomini della mia famiglia erano spesso partiti o assenti. In mezzo a una cultura profondamente misogina, sono stata molto fortunato a crescere in una famiglia in cui le donne erano al centro e gestivano tutto".

"Ciò che mi ha spinto ad adattare il lavoro della Batalha - ha proseguito il regista - è stato il desiderio di rendere visibili le tante vite invisibili del Brasile, vite come quelle di mia madre, di mia nonna, delle mie zie e di tante altre donne di quel tempo. Le loro vicende non sono state abbastanza raccontate dalla letteratura, dalla Storia o dal cinema. Qual'è stata la reazione di una donna degli anni Cinquanta quando ha avuto il suo primo rapporto sessuale con suo marito? Com'è si faceva a non rimanere incinta prima che arrivassero i metodi contraccettivi? Come avrebbe potuto una madre single crescere un figlio in un ambiente che l'avrebbe esclusa da ogni cosa? Non è possibile prendere queste domande alla leggera. Il romanzo ha avuto un successo incredibile perché si è avvicinato alle varie questioni con delicatezza e in maniera intima. Mio compito era quello di trovare la giusta chiave di lettura. La vita invisibile di Euridice Gusmão è un melodramma a tutti gli effetti, anche se oggi la nozione di melodramma è stata banalizzata dalle telenovelas, genere televisivo che quotidianamente è visto da milioni di spettatori in tutto il mondo. Volevo con il mio film rendere omaggio al melodramma e usare la sua estetica per disegnare una critica sociale della nostra epoca: volevo mettere in scena una storia in grado di far luce su un capitolo invisibile della storia delle donne".

"Ero determinato a raccontare una storia di solidarietà", ha concluso Aïnouz. "La mia è una storia che sottolinea quanto le donne siano più forti insieme invece che isolate, indipendentemente dalle loro differenze. Ho immaginato il film pieno di colori saturi e girato con la telecamera attaccata alle protagoniste, per restituirne vibrazione ed energia. Ne è venuto fuori un'opera intrisa si sensualità, musica, dramma, lacrime, sudore e mascara, ma anche di crudeltà, violenza e sesso... un lungometraggio che non ha mai paura di risultare sentimentale o eccessivo e il cui cuore batte all'unisono con quello delle mie due amate protagoniste, Guida ed Euridice".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere La vita invisibile di Euridice Gusmão è Karim Aïnouz, regista, sceneggiatore e artista visivo brasiliano. Nato nel 1966 a Fortaleza, ha trovato il successo già con il primo lungometraggio, Madame Satã, selezionato dal Festival di Cannes per la sezione Un certain régard. Sono seguiti negli… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

  • Diretto da Karim Aïnouz e sceneggiato da Murilio Hauser, La vita invisibile di Euridice Gusmão racconta la storia di due sfortunate sorelle. Euridice ha diciott’anni, suona il piano e vuole una carriera di pianista, mentre Guida di venti accarezza un sogno romantico di un grande amore. Ambientato nella Rio de Janeiro del 1950, città che rimane solo

    leggi la recensione completa di gaiart
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

gaiart di gaiart
6 stelle

Diretto da Karim Aïnouz e sceneggiato da Murilio Hauser, La vita invisibile di Euridice Gusmão racconta la storia di due sfortunate sorelle. Euridice ha diciott’anni, suona il piano e vuole una carriera di pianista, mentre Guida di venti accarezza un sogno romantico di un grande amore.    Ambientato nella Rio de Janeiro del 1950,… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

2019
2019

Recensione

gaiart di gaiart
6 stelle

Diretto da Karim Aïnouz e sceneggiato da Murilio Hauser, La vita invisibile di Euridice Gusmão racconta la storia di due sfortunate sorelle. Euridice ha diciott’anni, suona il piano e vuole una carriera di pianista, mentre Guida di venti accarezza un sogno romantico di un grande amore.    Ambientato nella Rio de Janeiro del 1950,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
locandina
Foto
Carol Duarte, Júlia Stockler
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito