Trama

Daniel è un ventenne che vive una trasformazione spirituale mentre sconta la sua pena in un centro di detenzione. Daniel vorrebbe farsi prete ma questa possibilità gli è preclusa per la sua fedina penale. Uscendo dal centro di detenzione, gli è assegnato un lavoro presso un laboratorio di falegnameria in una piccola città, ma al suo arrivo, essendosi vestito da prete, viene scambiato per il parroco. La comparsa di questo giovane e carismatico predicatore diventa l'occasione per la comunità, scossa da una tragedia avvenuta qualche tempo prima, per cominciare a rimarginare le sue ferite.

Approfondimento

CORPUS CHRISTI: UN FINTO PRETE ISPIRATO A UNA STORIA VERA

Diretto da Jan Komasa e sceneggiato da Mateusz Pacewicz, Corpus Christi racconta la storia del ventenne Daniel che, dopo aver trascorso anni in una prigione di Varsavia per un violento crimine, torna in libertà e viene mandato in un remoto villaggio per lavorare come falegname. Il lavoro manuale è un modo per tenere occupato l'ex detenuto ma Daniel ha altre aspirazioni: nel corso del tempo trascorso in carcere, ha trovato la fede in Cristo e aspira a divenire sacerdote. Il suo passato criminale però rappresenta un ostacolo per la sua entrata in seminario. Quando arriva a destinazione, una bugia gli permette di essere scambiato per il nuovo sacerdote del villaggio e Daniel comincia così a guidare il suo nuovo gregge di fedeli. Sebbene non abbia alcuna formazione, la sua passione e il suo carisma divengono fonte di ispirazione per tutta la comunità. Allo stesso tempo, i suoi sermoni poco convenzionali e il suo comportamento non proprio da prete fanno sì che in alcuni compaesani sorgano sospetti e dubbi proprio mentre Daniel incappa in un oscuro segreto che nessuno ha rivelato nel confessionale.

Con la direzione della fotografia di Piotr Sobocinski Jr., le scenografie di Marek Zawierucha, i costumi di Dorota Roqueplo e le musiche di Evgueni e Sacha Galperine, Corpus Christi esplora temi come la fede, le seconde possibilità e il pentimento. Ha raccontato il regista in occasione della partecipazione al Festival di Venezia 2019 nella sezione parallela delle Giornate degli Autori: "Corpus Christi affonda le sue radici nella cronaca. Qualche tempo fa, c'è stato un caso in Polonia che ha conquistato le prime pagine di tutti i giornali: un diciannovenne di nome Patryk si è finto prete per circa tre mesi. Lo sceneggiatore Mateusz Pacewicz ha tratto spunto da ciò per scrivere la storia. Ha cambiato il nome del protagonista in Daniel ma lo ha circondato di personaggi simili a quelli reali. Patryk ha celebrato matrimoni, battesimi e funerali: affascinato da tutto ciò, voleva davvero diventare un prete e la sua vicenda non aveva bisogno di molti orpelli narrativi. Pacewicz ha aggiunto però elementi di finzione, come la parte relativa al centro di detenzione minorile e la tragedia che ha sconvolto l'intera comunità. L'opinione pubblica è rimasta sconvolta dalla storia ma gran parte delle polemiche sono nate dal fatto che Patryk si è rivelato molto più efficiente del prete che lo aveva preceduto: al di fuori della Chiesa, che non fosse un vero prete non interessava a nessuno e la gente del posto era letteralmente felice del suo operato. Solo dopo alcuni di loro si sono sentiti traditi ma sono stati in pochi. Casi simili si sono verificati anche in altri posti del mondo, basti pensare che in Spagna un uomo si è finto prete per una dozzina di anni. I motivi per cui accade possono essere molto diversi ma spesso è perché il finto prete sta cercando di nascondersi dal sistema giudiziario: del resto, è più facile ingannare una piccola comunità che non pone troppe domande".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Corpus Christi è Jan Komasa, regista polacco. Komasa ha studiato regia alla scuola di cinema di ?ód?. Il suo cortometraggio Nice to See You, è stato presentato in concorso alla Cinefondation di Cannes, ottenendo il terzo premio. Nel 2011 ha realizzato il suo primo lungometraggio Suicide Room,… Vedi tutto

Commenti (2) vedi tutti

  • Il corpo di Cristo si è posato in Daniel, ed è attraverso lui che la fede prende strade incidentate. Questo sembra volerci dire Jan Komasa con questo film. Il suo "prete" oscilla tra il ragazzo di strada che cerca un riparo dalle cattive tentazioni e il devoto sincero che aspetta la definitiva illuminazione. Un buon film, ma senza squilli.

    commento di Peppe Comune
  • è nato un nuovo Rutger Hauer. la maschera di Bartosz Bielenia buca lo schermo ogni volta che entra in scena. i numerosi cosiddetti "ppp" del suo viso operati da Komasa sono pienamente giustificati. finale niente affatto consolatorio che dona molta dignità a questa interessante opera che probabilmente sarebbe piaciuta allo Scorsese di Mean Streets.

    commento di giovenosta
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

alan smithee di alan smithee
6 stelle

CINEMA OLTRECONFINE - FESTIVAL DI VENEZIA. GIORNATE DEGLI AUTORI Daniel è un teppista che sta scontando una pena detentiva in un riformatorio, che lo destina - per apparente buona condotta che trapela anche dalla sua rigorosa osservanza del culto religioso cattolico, presso un paesino ove dovrà prestare servizio presso una nuova falegnameria. Giunto in loco, finirà per… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

leporello di leporello
8 stelle

   Uscendo dal riformatorio per buona condotta e diretto alla falegnameria del paese alla quale è stato assegnato per finire di scontare la pena, Daniel insegue ostinatamente la sua vocazione. Fingendosi prete, all'arrivo al villaggio si sosituisce al malato parroco ed inizia ad esercitare il culto. La comunità nella quale si ritrova, già sconvolta da precedenti… leggi tutto

2 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

mm40 di mm40
4 stelle

Pur sentendo un’effettiva vocazione, Daniel non può diventare prete: è infatti appena uscito dal carcere, dopo aver ucciso preterintenzionalmente un ragazzo suo coetaneo. Però Daniel può spacciarsi per don Tomasz e farsi ospitare momentaneamente dal prete di un paesino di campagna. Quest’ultimo, dovendo assentarsi per qualche giorno, lascia quindi la sua… leggi tutto

1 recensioni negative

2020
2020
locandina
Foto

Recensione

mm40 di mm40
4 stelle

Pur sentendo un’effettiva vocazione, Daniel non può diventare prete: è infatti appena uscito dal carcere, dopo aver ucciso preterintenzionalmente un ragazzo suo coetaneo. Però Daniel può spacciarsi per don Tomasz e farsi ospitare momentaneamente dal prete di un paesino di campagna. Quest’ultimo, dovendo assentarsi per qualche giorno, lascia quindi la sua…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

Mulligan71 di Mulligan71
7 stelle

Dramma carcerario/religioso, se così si può definire, "Corpus Christi" ha fatto incetta di premi internazionali, fino a rappresentare la Polonia agli ultimi premi Oscar. Jan Komasa imbastisce un film abbastanza trattenuto, piuttosto classico, dominato dalla forza espressiva del protagonista, Bartosz Bielenia, con con quegli occhi azzurri e quel viso affilato, ha uno sguardo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

CINEMA OLTRECONFINE - FESTIVAL DI VENEZIA. GIORNATE DEGLI AUTORI Daniel è un teppista che sta scontando una pena detentiva in un riformatorio, che lo destina - per apparente buona condotta che trapela anche dalla sua rigorosa osservanza del culto religioso cattolico, presso un paesino ove dovrà prestare servizio presso una nuova falegnameria. Giunto in loco, finirà per…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

leporello di leporello
8 stelle

   Uscendo dal riformatorio per buona condotta e diretto alla falegnameria del paese alla quale è stato assegnato per finire di scontare la pena, Daniel insegue ostinatamente la sua vocazione. Fingendosi prete, all'arrivo al villaggio si sosituisce al malato parroco ed inizia ad esercitare il culto. La comunità nella quale si ritrova, già sconvolta da precedenti…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
2019
2019
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

supadany di supadany
6 stelle

Venezia 76 – Giornate degli autori. L’occasione fa l’uomo ladro. Anche a voler essere onesti, al cospetto di una situazione invitante, per giunta se capitata in un momento scandito da numerose incertezze, è quasi naturale approfittarsene e omettere la verità. I veri problemi sopraggiungono in una seconda fase, perché un bel gioco dura poco e…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
locandina
Foto
Uscito nelle sale italiane il 1 gennaio 1970
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito