Trama

Celeste diventa una delle superstar del pop mondiale dopo essere sopravvissuta a un evento che le ha cambiato la vita. I suoi 18 anni di successi e travagli si intrecciano con alcuni degli eventi storici chiave che avvengono nel mondo.

Approfondimento

VOX LUX: GLI EVENTI DI FINE NOVECENTO E L'ASCESA DI UNA STAR

Diretto e sceneggiato da Brady Corbet, Vox Lux segue l'ascesa di Celeste, che dalle ceneri di una tragedia riesce a diventare una star mondiale della musica pop. In particolar modo, si seguono 18 anni della sua vita e si tracciano le fasi salienti della sua esistenza ma anche dei movimenti culturali che hanno attraversato il globo dal 1999 al 2017. Tutto ha inizio nel 1999 quando Celeste, adolescente, sopravvive alla sanguinosa tragedia che colpisce la sua scuola. Il video della sua esibizione a una commemorazione diviene virale e in breve Celeste si trasforma in un astro nascente della musica con l'aiuto della sorella cantautrice, Eleanor, e del suo manager. L'ascesa della ragazza e la sua conseguente perdita dell'innocenza corrispondono con lo sconvolgente attacco terroristico che scuote l'intera nazione (l'11 settembre 2001) e con l'affermarsi per lei di un nuovo tipo di celebrità che tira in ballo i concetti di icona americana, divinità secolare e superstar globale. Nel 2017, Celeste è oramai adulta e sta tentando di ripulire la sua immagine dopo uno scandaloso episodio che ha fatto deragliare la sua carriera. In tour per promuovere il suo sesto album, un compendio di inni fantascientifici intitolato Vox Lux, Celeste è chiamata a domare la sua indole selvaggia e a superare lotte interiori e familiari affrontando per la prima volta aspetti come la maternità, la follia e la fama in quella che è definita da tutti l'epoca del terrore.

Con la direzione della fotografia di Lol Crawley, le scenografie di Sam Lisenco, i costumi di Keri Langerman, le musiche di Scott Walker e le canzoni originali scritte da Sia, Vox Lux esplora come Celeste diventi il simbolo del culto contemporaneo della celebrità e come la macchina dei mass media sia capace di contribuire alla creazione o alle distruzione delle moderne icone. Ha spiegato il regista in occasione della partecipazione del film in concorso al Festival di Venezia 2018: "Il mio primo film, L'infanzia di un capo, era ambientato in Europa nella prima parte del XX secolo. Esaminava eventi chiave che sarebbero accaduti e che, involontariamente, avrebbero finito per definire un'era. Aveva per protagonista un giovane che era testimone delle atrocità del periodo prima di divenire egli stesso una di loro. Si ispirava alle storie revisionistiche di Robert Musil e WG Sebald, costrutti labirintici che immaginano personaggi fittizi come testimoni oculari di eventi storici cruciali o personaggi reali collocati in contesti storici alterati. Secondo il mio punto di vista, tali storie si pongono in maniera più trasparente con il lettore di quanto lo facciano le tradizionali biografie perché raccontano del passato senza mettere in discussione come l'autore possa fornirne un resoconto così dettagliato senza esserne stato testimone diretto o senza chiedersi, come accade nei casi dei libri di memorie, quanto il ricordo che ha delle esperienze non sia travisato o inficiato da altro. Vox Lux è per me la diretta continuazione dei temi del mio primo film ma sceglie come riferimento la seconda metà del secolo e l'inizio del XXI. Si tratta di un melodramma ambientato in America tra il 1999 e il 2017 e ha per protagonista una pop star chiamata Celeste, la cui carriera tocca eventi chiave e modelli culturali che hanno modellato l'inizio del Duemila".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Vox Lux è Brady Corbet, regista, sceneggiatore e attore statunitense. Nato nel 1988 in Arizona, ha esordito a 15 anni come attore in Thirteen - 13 anni di Catherine Hardwicke ma ha trovato il successo l'anno dopo con Mysterious Skin di Gregg Araki. Continuando a recitare in titoli come Funny… Vedi tutto

Commenti (3) vedi tutti

  • a questo "Ritratto del XXI secolo", come Corbet lo definisce con un cartello nei titoli di coda, manca semplicemente un po' di mordente e profondità. è perciò difficile dire se queste epocali implicazioni dichiarate giungano effettivamente a destinazione. fin troppo a tesi ma comunque onesto, si fa vedere, ma non lascia forse il segno sperato.

    commento di giovenosta
  • Musica leggera a darci fiato.

    leggi la recensione completa di mck
  • Presentato a Venezia lo scorso anno, questo film ha deluso molti di coloro che si aspettavano la conferma delle qualità registiche che Brady Corbet aveva manifestato con il precedente L’infanzia di un capo (2017), opera prima di tutto rispetto, che egli, allora non ancora trentenne, aveva realizzato, vantando un bel curriculum nel cinema e in TV.

    leggi la recensione completa di laulilla
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

laulilla di laulilla
5 stelle

Al centro di questa pellicola, la storia di Celeste (Raffey Cassidy), ragazzina tredicenne, di vivace intelligenza, amata e coccolata dalla famiglia che, volendo assecondarne l’estro creativo, la iscrive all’High School ad indirizzo artistico, un po’ lontano dall’abitazione, ma molto adatta a lei. È finita la vacanza di Capodanno nel 1999; gli studenti rientrano a… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

mck di mck
8 stelle

    • Prologo: 1999 [una delle tante Columbine, Colorado, U.S.A., terzo da Sol; Raffey Cassidy (re)interpreta - con Stacy Martin, la ghost writer, “traditrice” e zia/balia - Hannah Montana].  • Atto I: 2000-2001 (11/09/'01 - Manhattan, N.Y. - New York - U.S.A.).  • Atto II: 2017 (Croazia '17, aka: Tunisia '15).  • Epilogo:… leggi tutto

1 recensioni positive

2019
2019
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

laulilla di laulilla
5 stelle

Al centro di questa pellicola, la storia di Celeste (Raffey Cassidy), ragazzina tredicenne, di vivace intelligenza, amata e coccolata dalla famiglia che, volendo assecondarne l’estro creativo, la iscrive all’High School ad indirizzo artistico, un po’ lontano dall’abitazione, ma molto adatta a lei. È finita la vacanza di Capodanno nel 1999; gli studenti rientrano a…

leggi tutto

Recensione

mck di mck
8 stelle

    • Prologo: 1999 [una delle tante Columbine, Colorado, U.S.A., terzo da Sol; Raffey Cassidy (re)interpreta - con Stacy Martin, la ghost writer, “traditrice” e zia/balia - Hannah Montana].  • Atto I: 2000-2001 (11/09/'01 - Manhattan, N.Y. - New York - U.S.A.).  • Atto II: 2017 (Croazia '17, aka: Tunisia '15).  • Epilogo:…

leggi tutto
Uscito nelle sale italiane il 9 settembre 2019

Scott Walker, Not One Word.

mck di mck

  The Old Man's Back Again...   Noel Scott Engel (9 Gennaio 1943 - 22 Marzo 2019)   Colonne sonore originali ("Pola X", "the ChildHood of a Leader" e "Vox Lux") e non originali.  

leggi tutto
2018
2018
Natalie Portman
Foto
locandina
Foto
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

EightAndHalf di EightAndHalf
5 stelle

Breve commento sul film che nel bene o nel male sarà una delle vere eredità della 75a mostra del cinema di Venezia: Vox Lux, Brady Corbet alla regia per la seconda volta, spaccato analitico sull'oggi e sui collegamenti sottocutanei che stanno fra la violenza e lo show business, fra l'indifferenza e la sete di potere. Si faranno, purtroppo, spoiler. Un film che deve molto…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

VENEZIA 75 - CONCORSO  La natura "diabolica" di un successo senza precedenti, frutto di sacrificio, fatalità tragica, ed un pizzico di fortuna che assiste chi ci si predispone a coglierne i segnali e le opportunità. In fondo è ancora questo il fulcro e l'ossessione che unisce la seconda,  controversa, se vogliamo sgradevole opera dell'attore Brady Corbet,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti

Recensione

Spaggy di Spaggy
6 stelle

Dopo aver trionfato nella sezione Orizzonti qualche anno fa con L’infanzia di un capo, Brady Corbet torna al Festival di Venezia ma in concorso con Vox Lux. Si tratta in poche parole del racconto dell’ascesa al successo di Celeste, una giovane che si ritrova quasi suo malgrado a divenire un’icona della pop music mondiale senza avere forse la lucidità per stare…

leggi tutto
Recensione
Utile per 7 utenti
Brady Corbet
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito