Trama

Yao, un ragazzo che ama i libri e i sogni di avventura, fugge dal suo villaggio a nord del Senegal per incontrare un noto attore francese, in vista nel suo paese natale. Mosso dalla dedizione del giovane, l'attore decide di riaccompagnarlo a casa. Sulle strade secondarie del Senegal, però, niente va mai come previsto e il viaggio verso casa di Yao si trasformerà per l'attore in una riscoperta della sue radici.

Approfondimento

IL VIAGGIO DI YAO: RISCOPRIRE LE PROPRIE RADICI

Diretto da Philippe Godeau e sceneggiato dallo stesso con Agnés de Sacy in collaborazione con Kossi Efoui, Il viaggio di Yao racconta la storia del tredicenne Yao che, dal suo remoto villaggio nel nord del Senegal, farebbe di tutto per incontrare il suo eroe: Seydou Tall, un celebre attore francese. Ospite a Dakar per promuovere il suo ultimo libro, Seydou si trova per la prima volta nel suo Paese d'origine e, per realizzare il suo sogno, Yao scappa di casa e percorre oltre 387 chilometri da solo.

Colpito dal coraggio del tredicenne, l'attore decide di rinunciare ai suoi obblighi e impegni, riaccompagnandolo a casa. Per le strade polverose e incerte del Senegal, Seydou non solo riporterà Yao al suo villaggio ma andrà anche alla riscoperta delle sue radici.

Con la direzione della fotografia di Jean-Marc Fabre e le musiche originali di Matthieu ChedidIl viaggio di Yao viene così raccontato dal regista: "Da molto tempo coltivavo il desiderio di raccontare la storia di Yao e del suo viaggio. Non si trattava per me solo di mettere in scena la bellezza estetica ed esotica del Senegal ma anche di mostrarne i valori legati alla sua cultura e alla sua tradizione: il significato della famiglia, la condivisione, l'accoglienza e la fede. A differenza di Le dernier pour la route, il mio primo film da regista, che ha richiesto un certo didascalismo (una delle sfide del film era mostrare i meccanismi della dipendenza), ho cercato di mostrare in maniera libera come, non così lontano da noi, le persone vivano in modo differente e quanto tale differenza sia per tutti stimolante e motivo d'ispirazione".

"Fondamentale per Il viaggio di Yao - ha proseguito il regista - è stata la presenza sin da quando era solo un'idea di Omar Sy. Ho parlato a lui del progetto e lo ha sposato in pieno. Il ruolo di Seydou gli è stato cucito addosso permettendo a me e alla cosceneggiatrice di entrare nella sua sfera personale. Omar Sy è molto amato in Francia dopo il successo di Quasi amici - Intouchables e per la sicurezza della sua famiglia (è padre di cinque figli) ha scelto di trasferirsi a Los Angeles. Nonostante ciò, è sempre rimasto se stesso e ha continuato a lavorare senza montarsi la testa. Ho pensato a lui perché ho avuto come l'intuizione che avesse voglia o bisogno di riscoprire le sue radici di senegalese. Gli ho proposto di farlo davanti alla videocamera e ha accettato, mescolando la sua vita privata con l'arte. Entrambi condividiamo poi la stessa idea sulla paternità e sulle origini. Questa è stata la ragione per cui insieme abbiamo scelto di raccontare la storia di un attore di successo che desidera portare il figlio a scoprire la terra dei suoi antenati ma che si ritrova a fare tale esperienza con un altro bambino e non con il suo".

"Girare Il viaggio di Yao - ha concluso Godeau - mi ha permesso di rivedere anche il mio rapporto personale con l'Africa, una terra che ho scoperto da bambino e adolescente per via del lavoro di mio padre in Mali. Allora, in un'età in cui avrebbero dovuto interessarmi solo i motorini e il divertimento, ho scoperto che in Africa c'erano  bambini che facevano da scuola ad altri bambini, che avevano una grande fame di cultura, di libri, di informazioni e di Francia. Ciò è finito inevitabilmente nella sceneggiatura di Il viaggio di Yao e nel suo piccolo protagonista, a cui piace leggere".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Il viaggio di Yao è Philippe Godeau, regista, sceneggiatore e produttore francese. Formatosi tra le fila della casa di produzione e distribuzione Gaumont, Godeau ha fondato una propria società di produzione che sin dall'inizio si è distinta per una particolare scelta: anziché investire… Vedi tutto

Commenti (1) vedi tutti

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

obyone di obyone
5 stelle

  Tra le strade polverose e malconce dell'Africa occidentale l'auto scassata guidata da Mr. Tall mi ha ricordato quella che il pachidermico sedere di un elefante indiano deformava, in una famosa reclame, sedendosi sul cofano per farla assomigliare ad un modello del rinomato brand francese del leone rampante. È forse la scena più comica di "Il viaggio di Yao", benché… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

ManuelaZarattini di ManuelaZarattini
4 stelle

E' quello che Yao dice al suo mito Seydou, attore di origine senegalese ma naturalizzato in Francia. Un film in cui le parti si invertono: è il giovane Yao che fa l'adulto e aiuta a fermarsi a riflettere l'impulsivo Seydou. Ma la storia è troppo costruita, non regge. Tutto è troppo bello, luccicante e  perfetto in un racconto che vorrebbe mostrare anche le… leggi tutto

1 recensioni negative

2019
2019

Recensione

obyone di obyone
5 stelle

  Tra le strade polverose e malconce dell'Africa occidentale l'auto scassata guidata da Mr. Tall mi ha ricordato quella che il pachidermico sedere di un elefante indiano deformava, in una famosa reclame, sedendosi sul cofano per farla assomigliare ad un modello del rinomato brand francese del leone rampante. È forse la scena più comica di "Il viaggio di Yao", benché…

leggi tutto
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

ManuelaZarattini di ManuelaZarattini
4 stelle

E' quello che Yao dice al suo mito Seydou, attore di origine senegalese ma naturalizzato in Francia. Un film in cui le parti si invertono: è il giovane Yao che fa l'adulto e aiuta a fermarsi a riflettere l'impulsivo Seydou. Ma la storia è troppo costruita, non regge. Tutto è troppo bello, luccicante e  perfetto in un racconto che vorrebbe mostrare anche le…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Uscito nelle sale italiane il 1 aprile 2019
locandina
Foto
2018
2018
Lionel Louis Basse, Omar Sy
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito