Trama

Stati Uniti, 1970. Jack è un ingegnere psicopatico con tendenze ossessivo-compulsive. Dopo aver ammazzato una donna che gli aveva chiesto soccorso per strada, si convince di dover continuare a uccidere per raggiungere la perfezione. Ogni suo omicidio deve essere un'opera d'arte, sempre più complessa e ingegnosa. Inizia così una partita a scacchi con la polizia, lunga dodici anni, condotta dal più astuto e spietato omicida seriale.

Approfondimento

LA CASA DI JACK: 5 EPISODI NELLA VITA DI UN SERIAL KILLER

Diretto e sceneggiato da Lars von Trier (da un'idea dello stesso sviluppata con Jenle Hallund), La casa di Jack ha luogo negli Stati Uniti degli anni Settanta e segue Jack, un uomo molto scaltro e intelligente, attraverso cinque differenti episodi avvenuti nella sua lunga carriera di serial killer. La vicenda segue il punto di vista di Jack che considera ogni omicidio (ne racconta nel dettaglio quattro ma sostiene di averne commessi una sessantina) come un'opera d'arte in sé, anche se il suo comportamento disfunzionale gli dà spesso problemi con il mondo che lo circonda. Nonostante l'intervento finale e inevitabile della polizia si avvicini (circostanza che provoca pressioni sull'uomo), contrariamente a ogni logica Jack decide ogni volta di assumersi rischi sempre maggiori. Nei diversi episodi, Jack lascia emergere la sua personale condizione, i suoi disagi e i suoi pensieri attraverso una conversazione che intrattiene con un interlocutore di nome Verge, un uomo misterioso che per spiegare il comportamento dell'omicida ricorre spesso a un mix grottesco di sofismi e deduzioni quasi infantili.

Con la direzione della fotografia di Manuel Albert Claro, le scenografie di Simone Grau Roney e i costumi di Manon RasmussenLa casa di Jack ha segnato il ritorno del regista Lars von Trier al Festival di Cannes, da dove mancava dal 2011 e dalla contestatissima presentazione di Melancholia, occasione che ha portato la direzione della manifestazione a considerarlo "persona non grata". Celebre per non avere un ottimo rapporto con i giornalisti, Trier si è limitato a poche battute di presentazione del suo film rilasciando una breve intervista a Cineuropa: "Per molti anni ho fatto film sulle donne dall'indole buona. Ora ne ho fatto uno su un uomo malvagio: è  un compito che mi ero dato, che era molto piacevole e forse anche un po' infantile, soprattutto quando ho capito che tutte le donne sembravano estremamente stupide. È anche rigenerante con un personaggio principale che può fare praticamente qualsiasi cosa quando si tratta di atti terribili e di farla franca. Ho rivisitato alcune ottime pubblicazioni di Patricia Highsmith per la giusta ispirazione.

Alla prima proiezione, ha generato reazioni forti e il che mi ha rilassato molto. È abbastanza importante non essere amato da tutti, perché se no hai fallito. Non sono sicuro che lo odiassero abbastanza, però. Se diventerà troppo popolare, avrò un problema. Ma l'accoglienza mi è sembrata giusta, credo. In ogni caso, è stato un piacere scrivere questo film. Non so molto dei serial killer, ma conosco un po' di psicopatici. E non ho mai ucciso nessuno... Se lo farò, sarà probabilmente un giornalista".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere La casa di Jack è Lars von Trier, regista, sceneggiatore e produttore danese. Nato a Copenaghen nel 1956, si è laureato alla Danish Film School, dove come tesi ha presentato Image of Relief, un film di una sessantina di minuti su un ufficiale tedesco in visita alla sua amante danese il giorno dopo che… Vedi tutto

Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

alan smithee di alan smithee
8 stelle

CINEMA OLTRECONFINE Jack è un solitario taciturno, sin goffo ingeniere che vive imprigionato dentro le proprie psicosi ed i propri complessi irrisolti: vorrebbe aver studiato da architetto, più che da ingeniere ("l'architetto compone la musica, l'ingeniere la suona solamente); vorrebbe saper stare al mondo, condividere gioie e spensieratezze con qualcuno da amare come chiunque… leggi tutto

1 recensioni positive

2018
2018

Recensione

alan smithee di alan smithee
8 stelle

CINEMA OLTRECONFINE Jack è un solitario taciturno, sin goffo ingeniere che vive imprigionato dentro le proprie psicosi ed i propri complessi irrisolti: vorrebbe aver studiato da architetto, più che da ingeniere ("l'architetto compone la musica, l'ingeniere la suona solamente); vorrebbe saper stare al mondo, condividere gioie e spensieratezze con qualcuno da amare come chiunque…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Lars von Trier
Foto
Matt Dillon
Foto
locandina
Foto
Matt Dillon
Foto
2017
2017
Matt Dillon
Foto
Uscito nelle sale italiane il 1 gennaio 1970
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito