La legge della notte

play

Regia di Ben Affleck

Con Ben Affleck, Chris Messina, Zoë Saldana, Sienna Miller, Elle Fanning, Chris Cooper, Brendan Gleeson, Remo Girone, Robert Glenister Vedi cast completo

  • In TV
  • Premium Cinema 1
  • canale HD 313
  • Ore 23:45
Altre VISIONI

Trama

Boston, 1926. Il proibizionismo ha fatto nascere una rete infinita di distillerie clandestine, favorendo la malavita e la corruzione. Joe Coughlin, figlio di un importante capitano della polizia, ha da tempo voltato le spalle alla rigorosa e corretta educazione ricevuta. Joe vive infatti l'ebbrezza dell'essere un fuorilegge, imbarcandosi in una vertiginosa scalata al potere tra amici fedeli e nemici spietati.

Approfondimento

LA LEGGE DELLA NOTTE: IL PROIBIZIONISMO SECONDO DENNIS LEHANE

Diretto e sceneggiato da Ben Affleck, La legge della notte si basa sull'omonimo best seller di Dennis Lehane e segue le vicende di Joe Coughlin. Veterano della Prima guerra mondiale, Coughlin si è autoproclamato fuorilegge pur essendo il figlio del vice sovrintendente della polizia di Boston. A differenza dei gangster per cui si rifiuta di lavorare, non è un uomo cattivo, ha un certo senso della giustizia e ha un gran cuore, elemento che spesso lo rende vulnerabile sia nel mondo degli affari sia in amore. Spinto dalla necessità di correggere gli errori commessi nei suoi confronti, si spinge però su un sentiero rischioso che va contro la sua educazione e il suo stesso codice morale. Lasciando il freddo inverno di Boston, lui e la sua spericolata gang raggiungono la calda Tampa. E, mentre la vendetta si dimostrerà più dolce di ogni goccia del rum illegale che vende in pieno proibizionismo, Joe imparerà che tutto nella vita ha un prezzo.

Con la direzione della fotografia di Robert Richardson, le scenografie di Jess Gonchor, i costumi di Jacqueline West, le musiche di Harry Gregson-Williams e la produzione esecutiva tra gli altri di Leonardo DiCaprio, La legge della notte segna la seconda collaborazione di Affleck con Lehane, autore del romanzo su cui si basava Gone Baby Gone, opera prima del regista. Sottolinea Affleck: "Ho scelto La legge della notte per rendere omaggio al filone di opere a sfondo gangster che la Warner Bros ha prodotto dagli anni Trenta fino agli anni Settanta. Sono cresciuto vedendo quei film che con il loro tono epico ritraevano un mondo diverso, un'altra epoca. La legge della notte aveva tutti gli elementi di quei film: belle donne, uomini pericolosi, poliziotti, sparatorie, inseguimenti in auto".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

Regista e interprete di La legge della notte è Ben Affleck. Classe 1972, Affleck debutta come attore nel 1992 in Scuola d'onore, grazie a cui viene notato da Kevin Smith che lo vuole in ben sei dei suoi film. Nel 1997 firma con l'amico Matt Damon la sua prima sceneggiature, Will Hunting - Genio ribelle, che gli vale… Vedi tutto

Commenti (7) vedi tutti

  • Rapinatore un po' imbranato di Boston si reinventa sagace signore del crimine a Tampa. Pasticciaccio al rhum (di contrabbando) cucinato da un cuoco stellato che dosa male l'ingrediente più importante: la sceneggiatura. Voto 5

    leggi la recensione completa di genoano
  • Al suo quarto film da regista B. Affleck punta forse troppo in alto e cade rovinosamente. Gangster noir inerte e asfittico, calligrafico e faticoso, eccessivamente impostato ed artificioso, dal racconto meramente compilativo, incapace di coinvolgere, men che meno di essere incisivo.

    commento di degoffro
  • Al suo quarto film da regista B. Affleck punta forse troppo in alto e cade rovinosamente. Gangster noir inerte e asfittico, calligrafico e faticoso, eccessivamente impostato ed artificioso, dal racconto meramente compilativo, incapace di coinvolgere, men che meno di essere incisivo.

    commento di degoffro
  • Il quarto film del Ben Affleck regista è un'epopea gangster in stile Coppola/Scorsese che pur se interessante quanto a trama e narrativa risulta eccessivamente stringata per permettere allo spettatore di appassionarsi davvero ai travagli dei personaggi. Clamoroso flop al botteghino.

    leggi la recensione completa di marcopolo30
  • Al quarto film diretto, Ben Affleck sembra aver improvvisamente smarrito la formula magica del successo. In difficoltà nella gestione di una trama infarcita di eventi e sorretto da una messa in scena degna di menzione, manca di respiro, non certo di forma. Nonostante tutto, fin troppo osteggiato per quanto rimanga un mezzo passo falso.

    leggi la recensione completa di supadany
  • Polpettone indigesto. Un qualsiasi episodio di Boardwalk Empire é 10 volte meglio. L'unico momento in cui Ben Affleck ha una faccia espressiva è quando è bendato nel letto d'ospedale. Remo Girone come mafioso riesce a far rimpiangere Ben Gazzara

    commento di mcpask62
  • L'ascesa, tra alti e bassi, l'abilità e i passi falsi di un gangster dotato di coscienza e senso di appartenenza. La costruzione di un impero a cui saprà rinunciare per preferire la famiglia, ma senza per questo soffrire di meno.Gran stile di racconto, scene d'azione sapientemente orchestrate per un ritorno in regia davvero incalzante del divo Ben.

    leggi la recensione completa di alan smithee
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

supadany di supadany
6 stelle

La carriera da regista di Ben Affleck è stata scandita da una costante crescita – di premi, critica e incassi – una specie di favola dove il brutto anatroccolo – il Ben Affleck attore, di sovente linciato (spesso con ragione) – si è trasformato in cigno tra lo stupore generale. Dopo essere arrivato nell’empireo di Hollywood grazie ad Argo -… leggi tutto

8 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

alan smithee di alan smithee
8 stelle

Nell'America del proibizionismo che precede la grande crisi economica, troviamo il malvivente Joe Coughlin tutto malmenato e gravemente ferito su un letto di ospedale, prima che un importante flashback chiarificatore ci spieghi nei dettagli il concitato epilogo che lo ha ridotto in quelle precarie condizioni.  Joe è un malvivente che commercia in alcol e tenta di darsi un nome tra… leggi tutto

1 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

M Valdemar di M Valdemar
4 stelle

      Un'epopea senza epica. Ben Affleck costruisce il suo mondo gangsteristico – tra la familiare Boston e l'esotica Florida, negli anni venti del proibizionismo e della grande depressione – inseguendo come un segugio a testa bassa la correttezza filologica, la nitidezza dell'esecuzione, la liturgia normativa, la purezza espositiva, dimenticandosi però… leggi tutto

2 recensioni negative

2020
2020

Recensione

gerkota di gerkota
6 stelle

La prima guerra mondiale, oltre che una fabbrica di morti, fu in molti casi anche un corso universitario per futuri fuorilegge che, negli Stati Uniti dei ruggenti anni Venti del secolo scorso, gettarono le basi del sanguinoso fenomeno del gangsterismo esploso poi negli anni Trenta. Tanti giovani sopravvissuti alla mattanza delle trincee tornavano a casa abbrutiti e desiderosi di riprendersi, con…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti

Recensione

genoano di genoano
5 stelle

Troppa carne al fuoco, un antefatto che dura più di mezz'ora e finisce per comprimere la parte più interessante, quella in Florida; ma anche una bella fotografia, le pochissime scene d'azione ben girate, una ricostruzione d'epoca credibile e minuziosa; insomma Affleck alterna cose cattive, tra cui va inclusa un'interpretazione personale non abbastanza espressiva, a cose buone,…

leggi tutto
Trasmesso il 27 marzo 2020 su Iris
Trasmesso il 25 marzo 2020 su Iris
Trasmesso il 18 marzo 2020 su Iris
2019
2019

Recensione

axe di axe
6 stelle

Ascesa e ... pentimento di un criminale negli Stati Uniti degli anni '20. Joe Coughlin, tornato dalla guerra e scosso dagli orrori visti in Europa, sceglie di far parte della manovalanza della malavita organizzata di Boston, ove alcune famiglie si contendono il controllo sui traffici illeciti. In conseguenza di una rapina andata male, ed un regolamento di conti interno alla propria fazione,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
2018
2018
Trasmesso il 13 agosto 2018 su Rsi La1
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di maggio questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

barabbovich di barabbovich
5 stelle

A Boston, durante il Proibizionismo degli anni Venti, Joe Coughlin (Affleck) - figlio di un poliziotto (Gleeson) che avrebbe voluto dargli ben altra educazione - si trasforma in uno scaltro rapinatore, un battitore libero che non vuole alcuna affiliazione con i clan mafiosi. La sua strada si incrocia però con quella di un boss della mala, al quale cerca di soffiare la donna. La morte…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

Zarco di Zarco
4 stelle

Film insipido e di poco spessore, a tratti noioso, anche se pretenzioso. Una lunga storia di un gangster americano descritto come quasi fosse un modello di uomo invece che un delinquente omicida, attraverso vicende varie stereotipate e poco interessanti, compreso immancabile sottofondo "antirazzista" (i cattivi del Ku Klux Klan contro i buoni criminali assassini multietnici che fanno i loro…

leggi tutto
Recensione
2017
2017
Nel mese di agosto questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

marcopolo30 di marcopolo30
5 stelle

Il quarto lavoro dietro la macchina da presa del brutto anatroccolo trasformatosi in cigno Ben Affleck delude le aspettative dopo tre film davvero riusciti e culminati con l'Oscar al miglior film vinto quattro anni fa grazie a “Argo”. Questa volta il progetto era davvero ambizioso, realizzare cioè una sorta di epopea gangster sullo stile dei classici di Francis Ford Coppola e…

leggi tutto
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 18 voti
vedi tutti

Recensione

ange88 di ange88
5 stelle

L’ascesa di Joe Coughlin(Ben Affleck) da contrabbandiere a gangster durante il proibizionismo Adattamento del romanzo omonimo di Dennis Lehane     Ennesimo gangster-movie ambientato durante il proibizionismo, Affleck sviluppa una sceneggiatura lineare, con dialoghi poco stimolanti ma dai tempi narrativi discreti.   Sulla regia è lontano dal buon lavoro…

leggi tutto

Recensione

M Valdemar di M Valdemar
4 stelle

      Un'epopea senza epica. Ben Affleck costruisce il suo mondo gangsteristico – tra la familiare Boston e l'esotica Florida, negli anni venti del proibizionismo e della grande depressione – inseguendo come un segugio a testa bassa la correttezza filologica, la nitidezza dell'esecuzione, la liturgia normativa, la purezza espositiva, dimenticandosi però…

leggi tutto

Recensione

supadany di supadany
6 stelle

La carriera da regista di Ben Affleck è stata scandita da una costante crescita – di premi, critica e incassi – una specie di favola dove il brutto anatroccolo – il Ben Affleck attore, di sovente linciato (spesso con ragione) – si è trasformato in cigno tra lo stupore generale. Dopo essere arrivato nell’empireo di Hollywood grazie ad Argo -…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito