Magic in the Moonlight

play

Regia di Woody Allen

Con Emma Stone, Colin Firth, Eileen Atkins, Marcia Gay Harden, Hamish Linklater, Simon McBurney, Jacki Weaver, Erica Leerhsen... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Infinity
  • Infinity
  • Tim Vision
In STREAMING

Trama

Il cinese Wei Ling Soo è più prestigioso mago degli anni Venti ma in pochi sanno che si tratta di una maschera per Stanley Crawford (Colin Firth), un inglese scorbutico, arrogante e pieno di sé, che ha una particolare avversione per tutti coloro che sostengono di avere poteri paranormali. Persuaso dal vecchio amico Howard (Simon McBurney), Stanley parte alla volta della Costa Azzurra per verificare che la seducente e giovane veggente Sophie Baker (Emma Stone), ospite con la madre (Marcia Gay Harden) in casa dei Catledge, non sia in realtà una ciarlatana.

Approfondimento

MAGIC IN THE MOONLIGHT: MAGIA NELLA COSTA AZZURRA DEGLI ANNI VENTI

Scritto e diretto da Woody Allen, Magic in the Moonlight racconta una storia d'amore e di magia, caratterizzata da eventi strani e incomprensioni, sullo sfondo della Costa Azzurra degli anni Venti. Al centro delle vicende vi sono i due personaggi di Stanley Crawford, uno scorbutico inglese specializzato nello smascherare ciarlatani, e di Sophie Baker, una giovane chiaroveggente ospite in casa dei ricchi Catledge.
Come dimostra la sua filmografia, Woody Allen è sempre stato affascinato dal tema della magia: da adolescente ha imparato a eseguire alcuni trucchi da prestigiatore e da allora magia e maghi hanno spesso fatto la loro apparizione nell'opere del maestro. Basti ricordare la sua famosa esibizione da standup in The Great Renaldo, la breve storia The Kugelmass Episode, la rappresentazione teatrale The Floating Lightbulb (dove uno dei personaggi principali è un mago), il segmento diretto per New York Stories e Scoop (dove egli stesso ha interpretato il mago Splendini). Nei suoi lungometraggi, inoltre, sono presenti anche altre figure direttamente connesse al mondo del paranormale, come ipnotizzatori (in Broadway Danny Rose e La maledizione dello scorpione di giada), guaritori (Alice) e indovini (Incontrerai l'uomo dei tuoi sogni). Oltre alla magia, Magic in the Moonlight conta su un ulteriore tratto caro al regista, quella fantasia capricciosa che si intreccia con temi e storie: il film infatti si pone sulla stessa scia di Zelig, La rosa purpurea del Cairo e di Midnight in Paris.
L'ambientazione di Magic in the Moonlight negli anni Venti permette al regista di confrontarsi con un argomento molto in voga ai tempi: i medium erano delle figure professionali vere e proprie, molto rispettate e prese sul serio. Le sedute spiritiche erano molto comuni e si racconta che Harry Houdini, il più grande mago del periodo, partecipasse a molte di esse con il solo scopo di capire come lavorassero i chiaroveggenti e come fosse possibile comunicare con i morti. Girato nel sud della Francia, Magic in the Moonlight conta sulla direzione della fotografia di Darius Khondji (ispiratosi al fotografo francese Jacques Henri Lartigue per atmosfere e colori), sulle scenografie di Anne Seibel e sui costumi di Sonia Grande.

I PERSONAGGI PRINCIPALI

Stanley Crawford, il protagonista principale di Magic in the Moonlight interpretato da Colin Firth, è un mago di fama mondiale che si esibisce sotto mentite spoglie e che rifiuta categoricamente l'idea che possa esistere una vita dopo la morte. Intelligente e molto razionale, Stanley non sopporta la stupidità delle persone che credono nei chiaroveggenti e le abilità di questi di approfittarsi in maniera fraudolenta delle situazioni. Arrogante e cinico, è scettico su tutto ciò che riguarda l'occulto, il mistico o lo spirituale, ed è molto incuriosito quando il suo amico d'infanzia e compagno di magia Howard Burkan, portato in scena da Simon McBurney, gli racconta delle abilità di Sophie Baker, una giovane medium che sta vivendo con la ricca famiglia americana dei Catledge nel sud della Francia. Sconcertato dai poteri della ragazza, Howard propone a Stanley di rinviare il viaggio con la fidanzata Olivia (a cui presta il volto l'attrice Catherine McCormack) e di recarsi in Costa Azzurra per vedere da vicino la situazione e tentare di screditare la medium.
Accettando la sfida, Stanley si presenta in casa dei Catledge come il ricco uomo d'affari inglese Stanley Taplinger e in un primo momento non è per niente impressionato da Sophie nè è favorevolmente colpito dalla madre di lei, un'americana che proviene da un contesto sociale molto povero. Nonostante cerchi di scoprire le falsità secondo lui nascoste da Sophie, in breve tempo rimane impressionato dalle sue capacità di comunicare con il mondo dei morti, rimanendo sorpreso e disorentiato.
Impersonate rispettivamente da Emma Stone e Marcia Gay Harden, Sophie e la madre sono ospiti in casa dei Catledge perchè Grace, l'anziana madre interpretata da Jacki Weaver, ha un disperato bisogno di mettersi in contatto con il marito defunto. Donna molto ingenua e di indole dolce, Grace si lascia facilmente abbindolare dalla signora Baker mentre Sophie, con la sua personalità magnetica, conquista il giovane Brice Catledge, l'amabile rampollo della famiglia impersonato da Hamish Linklater. Nel cottage, inoltre, vive anche Caroline Catledge, l'altra figlia di Grace, insieme al marito psichiatra George. Portati in scena da Erica leerhsen e Jeremy Shamos, Caroline e George sono coloro che sin dall'inizio hanno avuto qualche sospetto su Sophie e che si sono messi in contatto con Howard Burkan per ottenere aiuto.
Vicino alla residenza dei Catledge vive poi Vanessa, l'amata zia di Stanley con il volto dell'attrice Eileen Atkins. Vanessa ha educato Stanley da bambino più di quanto abbiano fatto i suoi genitori e per lui è come una seconda madre, in grado di guidarlo anche nei compiti più difficili. Molto tollerante e indulgente, ha un ruolo fondamentale quando Stanley, sempre più colpito da Sophie, le porta in visita la giovane medium, sapendo come la zia abbia un occhio particolare nell'inquadrare le persone.

Leggi tuttoLeggi meno

Note

Allen ripassa con l’inchiostro della commedia romantica la lezione già scritta 43 volte, quel tragico bisogno che ci spinge al compromesso perché basta, sempre, che funzioni. Stavolta, però, fallisce perfino dove di solito vince: nella direzione degli attori (Firth non piega la sua britannica flemma, Stone si irrigidisce reverenziale), nel ritmo latitante delle arguzie sentenziate.

Commenti (9) vedi tutti

  • Il vecchio Woody, alla ragguardevole età di 79 anni, al tempo di questo film, ha dimostrato che di andare in pensione non era ancora il momento: il pubblico più affezionato, che continua a sperare nel capolavoro, è stato spesso premiato per questa fedeltà, in fondo ben riposta.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Scritto a occhi chiusi col piede sinistro, Woody Allen licenzia l’ennesima pellicola dimenticabile, con scialbi colpi di scena e una trama esilissima.

    leggi la recensione completa di barabbovich
  • Un film scarico e senza ispirazione che ripete senza originalità molti temi cari a W.Allen ma non sempre a forza di ripetere si ottengono buoni risultati, a volte la pietra, a forza di essere levigata, non brilla di più, ma si consuma lasciando solo un pò di polvere e poi il nulla. Lo humour è scarico e il film risulta alla fine molto noioso.

    commento di PrisD
  • Sono convinto che Allen da tempo possa dirigere un film con un secchio in testa, ma la sua capacità di scrivere dialoghi bellissimi non dovrebbe autorizzarlo a fare sceneggiature con la fotocopiatrice. E qui, la carineria della Stone non basta. Quella musica Belle Epoque martellante, poi... Voto 5.

    commento di ezzo24
  • Ancora il solito grande Woody Allen, anche in questo bel film/commedia piacevole e interessante come sempre. Voto 7.

    commento di Zarco
  • Un gioiellino delizioso...tra ambientazioni deliziose e bellissima musica anni '20....molto carino

    commento di DelfinoDelfino
  • Il re della commedia,il maestro della commedia ha girato ineluttabilmente "la commedia"....noiosetta e tutto sommato ai limiti della sufficenza...nulla di nuovo sotto il sole.La Stone si aggira tra due uomini....e alla fine sceglie quello che tutti ci aspettiamo...bah.

    commento di ezio
  • La confezione è accurata, ma il Woody Allen dei tempi migliori è lontano.

    leggi la recensione completa di Carlo Ceruti
  • Mi sono divertita con una favola del nichilista Woody . Il film ha uno stile riconoscibile e bello, forse troppo "favoloso" . Ma, alla fine si passa il tempo in un gradevole svago tra pizzi e merletti dei primi del '900.

    commento di Basia
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

bufera di bufera
7 stelle

  La magia ricorre spesso nel pensiero di Woody Allen, come si deduce da molti dei suoi film, ma questa volta è dichiarata nel titolo MAGIC IN THE MOONLIGHT (Magia al chiaro di luna, 2014),della sua ultima opera puntualmente annuale. Allora il razionale Woody crede nella magia? Non ciecamente o non decisamente, ma ama giocarci e creare situazioni in cui la presenza di essa… leggi tutto

17 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

EightAndHalf di EightAndHalf
5 stelle

To believe or not to believe.   Adagiarsi sugli allori alleniani è semplice, se chi, usurato dal suo stile e dal suo modo di guardare le figurine dei suoi mondi un po' disperati un po' gioiosi,  ha voglia di contemplare della roba abituale e che ovviamente lui ha già proposto svariate volte. Eppure dire che questo film è bellissimo o bruttissimo sarebbe come… leggi tutto

14 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

M Valdemar di M Valdemar
3 stelle

  Sotto il costume alleniano niente. Ovvero: sotto i costumi e dietro al trucco e parrucco anni venti, dietro paesaggi bellissimi e immortali come uno sfondo da desktop ad alta risoluzione, oltre l'arredo e corredo della vecchia ricca Europa di inizio secolo (uno scorcio di Berlino, poi l'immancabile Costa Azzurra), e sotto la superficie di una magia tanto decantata quanto… leggi tutto

7 recensioni negative

2020
2020

Recensione

laulilla di laulilla
7 stelle

  Stanley (Colin Firth) è un eccellente illusionista inglese che si esibisce a Berlino alla fine degli anni ’20, destando meraviglia e ammirazione. E’ anche molto onesto e ammette volentieri che i risultati stupefacenti, tanto apprezzati, sono frutto della sua estrema abilità a nascondere i trucchi numerosi cui ricorre immancabilmente. Egli è anche…

leggi tutto
Recensione
Utile per 12 utenti

Recensione

barabbovich di barabbovich
4 stelle

Negli anni Venti del Novecento, sotto le mentite spoglie di un celeberrimo mago cinese si nasconde un razionalissimo quanto odioso inglese alla perenne caccia di millantatori e ciarlatani con presunti poteri paranormali. Accompagnato da un suo amico di vecchia data, l’inglese parte alla volta della Costa Azzurra, per smascherare una presunta medium. Lo attenderanno delle sorprese e ci si…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

Browning di Browning
4 stelle

La solita operina che ogni anno l'ex grande comico (regista e attore), da quando non riesce più a divertire,  prepara per i critici europei che sbrodolano commenti sull'eleganza, i costumi, la fotografia, i contenuti  psicoanalitici (da quattro soldi). Non rimpiangeremo mai abbastanza il grandissimo Woody degli anni lontani. Questo film poi è particolarmente inutile negli…

leggi tutto
Recensione
Trasmesso il 2 dicembre 2020 su Iris
Trasmesso il 10 settembre 2020 su Rete 4
2019
2019
Trasmesso il 26 dicembre 2019 su Iris
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2018
2018
Trasmesso il 24 ottobre 2018 su Rsi La1

Recensione

Carlo Ceruti di Carlo Ceruti
6 stelle

Woody Allen continua a fare un film all'anno, forse più per un'esigenza psicologica che artistica. Ormai non ha più molto da dire perché ha già detto tutto, molto meglio di come fa ora, coi film passati. Questo Magic in the Moonlight non è male, poiché è garbato, spiritoso e ben recitato. La confezione è molto accurata ma alla fine…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
2017
2017
Trasmesso il 19 dicembre 2017 su Rete 4

Recensione

almodovariana di almodovariana
8 stelle

Lo so...è veramente un plagio di  trame come Un marito ideale, Pigmalion e L'importanza di chiamarsi Ernesto questo film di Woody...ma mi è piaciuto. Recitazione brillante di Emma Stone e Colin Firth e un ottimismo di fondo che non guasta, trattandosi di Allen... sicuramente preferisco le sue commedie romantiche ai drammi pessimisti come quello in cui recitano Cate Blanchett o…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di aprile questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Trasmesso il 23 gennaio 2017 su Canale 5
2016
2016

Recensione

will kane di will kane
7 stelle

Star dei giochi di prestigio sotto le spoglie dell'orientale Wei Ling Soo, il compassato Stanley viene contattato da un vecchio amico e collega per cercare di smascherare una giovane donna, sedicente sensitiva, che, secondo l'uomo, sta cercando di buggerare un'abbiente famiglia amica. Duro e intransigente, dotato di un sarcasmo al vetriolo, Stanley prova a giocare vari tranelli alla ragazza, che…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Recensione

supadany di supadany
6 stelle

Woody Allen torna a girare in Europa, in un’assolata riviera francese che funge da incantevole sfondo a una commedia romantica d’epoca, con sottotesti legati a dei contrasti preminenti che con il cinema sono andati spesso a nozze. Una prova godibile ma anche dal carattere fondamentalmente innocuo. Stanley Crawford (Colin Firth) - in arte Wei Ling Soo, un mago di successo –…

leggi tutto
Recensione
Utile per 12 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito