Espandi menu
cerca
Paradiso + Inferno

Regia di Neil Armfield vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 169
  • Post 6
  • Recensioni 908
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Paradiso + Inferno

di bufera
6 stelle

Storia, tratta da un romanzo, dell'amore di due giovani aspiranti artisti travolti dalla progressiva dipendenza dalla droga fino alla discesa agli inferi.Poco convincente e molto patinata per coinvolgere quanto dovrebbe.

 

Paradiso + Inferno (Candy) è un film del 2006 diretto da Neil Armfield, tratto  dal romanzo Candy: A Novel of Love and Addiction di Luke Davis, adattato per il cinema dall'autore stesso insieme al regista, alla sua prima regia cinematografica. Si tratta della storia in tre atti (paradiso, terra e inferno) dell'amore tra due belli e giovani ragazzi australiani Candy (Abbie Cornish), aspirante pittrice, e Dan (Heath Ledger), aspirante poeta.La relazione si svolge parallelamente al loro cammino nel mondo della droga.

 

 

Nella prima fase del loro amore (il "paradiso"), i due vivono insieme la spensieratezza dei primi "viaggi," ma presto arrivano i problemi  quali bisogno di soldi, i furti, l'imminente dipendenza. In questa discesa agli inferi saranno sempre affiancati dall'amico di Dan, Casper  (Geoffrey Rush) che spesso e li aiuta a procurarsi la droga in varie combinazioni, da Professore Universitario di Chimica qual è, già  tossico, che riscopre i piaceri della droga in tarda età. I due giovani decidono di sposarsi, sempre dipendenti  dalla droga, e vanno a vivere in una specie di magazzino

 

 

Siamo "sulla terra". Candy già da qualche tempo è costretta a prostituirsi per procurare i soldi anche a Dan, che è invece disoccupato. Una mattina le cose sembrano cambiare, poiché Dan riesce a ideare una truffa e a rubare migliaia di dollari. Lo stesso giorno Candy scopre di essere incinta e la loro vita sembra apparentemente migliorare. I ragazzi cambiano casa e decidono di disintossicarsi sul serio, il che sarà però solo l'inizio di un declino inarrestabile. Le loro sofferenze sono insopportabili e il parto prematuro di Candy con    la perdita del bambino porta loro un ulteriore dolore da farli ricadere nel baratro dell' eroina, della prostituzione, dei litigi e dei rinfacci.

 

 

Siamo "all'inferno."Il trasferimento in campagna e la cura con il metadone deludono le aspettative. Infatti, mentre Dan trova un lavoro    e sembra essere finalmente sulla buona strada per uscire dalla dipendenza, Candy è sempre più infelice e, dopo un pesante sfogo nei confronti della madre, con la quale ha un rapporto alquanto problematico, inizia a manifestare segni di squilibrio. Le cose precipitano  quando Dan ripiomba nel baratro della dipendenza e la ragazza finisce in un ospedale pichiatrico in seguito ad una grave crisi di nervi.

 

 

A questo punto, il padre della ragazza chiede a Dan di fare tutto il possibile per aiutare sua figlia a uscire dalla situazione in cui lui stesso l' aveva messa. Dan, che intanto ha trovato morto per overdose Casper, trova lavoro come lavapiatti, mentre Candy, che si sta riprendendo sulla costa, torna all'improvviso da lui. Il giovane, che l'aspettava con impazienza, vedendola di nuovo bella e piena di salute capisce  che deve lasciarla andare e le dice piangendo che non si può tornare indietro e che, se lei è uscita dal tunnel della droga, è bene che ricordi quanto sia facile ricaderci dentro. Dopo un abbraccio e un bacio che mostrano quanto i due siano legati, mentre Dan la guarda intensamente Candy va via in silenzio, lasciandolo seduto nel ristorante.

 

 

 

Questo è il racconto fatto dalla voce fuori campo di Dan, integrato da un'ottima colonna sonora. La storia vista e rivista in tanti film,  come Blow per fare un esempio, è troppo scontata e volutamente didattica per emozionare. Nè i colori, nè la fotografia, nè alcune sequenze ardite nei momenti dello "sballo" rimediano alla lentezza del ritmo narrativo. Patinati anche i protagonisti, che con la loro    bellezza e gioventù, non riescono a evidenziarne lo squallore e anche se recitano bene, perfino Heath Ledger, che ci mette molto di suo, non alza più di tanto il livello del film.

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati