Espandi menu
cerca
Grand Hotel

Regia di Edmund Goulding vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 169
  • Post 6
  • Recensioni 893
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Grand Hotel

di bufera
6 stelle

Film con numerosi grandi attori, che vira dalla commedia al dramma, all'interno di un Gran Hotel di Berlino dove si svolgono vicende che coinvolgono diversi ospiti, Inspiegabilmente premiato con un Oscar per il miglio film nel 1932-

 

locandina

Grand Hotel (1932): locandina

 

Grand Hotel è un film del1932 diretto da Edmund Goulding, tratto dal romanzo di Vicki Baum Menschen im Hotel (People at a Hotel), sceneggiato da William A.Dracke, Vicki Baum e Bela Balazs, vinse ll premio Oscar per il miglior film nel 1932

 

 A Berlino, durante gli ultimi anni della Repubblica di Weimer, in un Grand Hotel si intrecciano le storie di vari personaggi. Madame Grusinskaya (Greta Garbo), è una star del balletto, che si trova in una fase di calo della popolarità e si dispera dopo una esibizione non apprezzata.Viene consolata con il suo amore dallo spiantato barone von Geigern (John Barrymore), un nobile decaduto che sopravvive con piccoli traffici e che si era introdotto nella camera della ballerina per rubarle una collana di perle, che gli avrebbero consentito di pagare un debito di 5.000 marchi ad alcuni strozzini.

 

L'industriale Preysing (Wallace Berry) è in albergo per incontrare i rappresentanti di una ditta manifatturiera per la firma di un contratto che potrebbe risollevare le sorti della ditta del suocero sull'orlo del fallimento. Poichè ha bisogno di una dattilografa assume Flaemchen (Joan Crawford) soprannominata Fiamma, che, pur declamando di essere fedele alla famiglia, ha la tentazone di sedurre.

 

Il contabile Kringelein (Lionel Barrymore), dipendente di Preysing, dopo aver ricevuto notizie gravi riguardanti la sua salute ha deciso di mollare il lavoro e godersi la vita negli ultimi mesi che gli rimangono, e protesta al ricevimento sulla qualità della stanza, non badando a spese e, nel frattempo, fa amicizia col barone e con Fiamma. Invitato a una partita a poker, su suggerimento del barone, accetta e con la fortuna dei principianti, sbanca mentre il barone perde anche quel poco che aveva. Fiamma, anche lei bisognosa di soldi, accetta la proposta di Preysing di partire con lui per Londra per tentare di concludere l'affare ancora in bilico.

 

La ballerina, innamoratasi del barone e spronata da lui, ritorna a teatro dove la sua esibizione raccoglie un successo clamoroso e si prepara a partire per un breve periodo di vacanza con lui. Ma il barone ha bisogno di soldi, avendo rinunciato a rubare le perle e non riuscendo a tradire il buon Kringeleim rubandogli la vincita, così entra nella stanza dell'industriale Preysing, mentre questi sta tentando di sedurre Fiamma, ma viene sorpreso dall'uomo con il suo portafogli in mano e ucciso in uno scatto d'ira.

 

Il mattino seguente il corpo del barone viene portato via da una uscita secondaria per non turbare gli ospiti. Madame Grusinskaya è raggiante per le prossime vacanze che trascorrerà con il suo nuovo amore e nessuno ha il coraggio di dirle la verità. Preysing viene condotto in prigione e Flamma decido di accompagnare Kringelein a Parigi per rendergli felici gli ultimi mesi che lo aspettano.

 

Partite queste persone ne arrivano subito delle nuove con altre storie e forse altri drammi, mentre il dottor Otternschlag (Lewis Stone)    rìpete a se stesso la battuta dell'nizio "Grand Hotel, gente che va, gente che viene... senza alcun senso...." 

 

Questo è un film d'attori tutti della MGM, diretti da un regista non eccezionale come Goulding, tra cui una Greta Garbo luminosa che passa dalla disperazione all'euforia dell'amore con la grazia di una vera ballerina, una giovane Joan Crawford, già convicente con i  grandi occhi nei momenti decisivi, i fratelli Barrymore, John molto misurato nel ruolo del barone e Lionel, un  po' sopra le righe come impiegatuccio malato e talora piagnucoloso, eccessivo anche Wallace Berry industriale iracondo fino ad uccidere.

Film invecchiato non troppo bene,inspiegabilmente premiato con l'Oscar, che si lascia vedere bene da chi ha nostalgia del passato.

 

Lionel Barrymore, Jean Hersholt, John Barrymore, Lewis Stone

Grand Hotel (1932): Lionel Barrymore, Jean Hersholt, John Barrymore, Lewis Stone

Greta Garbo, Lewis Stone

Grand Hotel (1932): Greta Garbo, Lewis Stone

John Barrymore, Greta Garbo

Grand Hotel (1932): John Barrymore, Greta Garbo

Lionel Barrymore, Wallace Beery, Joan Crawford

Grand Hotel (1932): Lionel Barrymore, Wallace Beery, Joan Crawford

John Barrymore, Wallace Beery

Grand Hotel (1932): John Barrymore, Wallace Beery

 

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati