Trama

Nella tranquilla Portland la vita scorre monotona. In un giorno uguale a qualsiasi altro, nel locale liceo gli allievi si dedicano alle solite attività, ma la tragedia incombe...

Note

Van Sant gira con i veri studenti, facendo coincidere la cronologia delle riprese e il tempo del film, e modificando progressivamente il copione. La vita quotidiana, i dialoghi banali, la routine: per la prima ora non accade nulla, la stessa mattinata è raccontata da differenti punti di vista e con lunghi piani-sequenza. Poi, l'esplosione di follia. Ma talmente coerente col mondo mostrato, che a quel punto i ragazzi stragisti potrebbero essere quasi tutti: l'occhialuta bibliotecaria, quello col padre alcolista, le tre ochette amorali, il pianista incuriosito dai nazi. Non si fraintenda: Van Sant non è un nichilista, amerebbe i suoi protagonisti col trasporto di un Pasolini, e perciò ne vede doppiamente l'orrore. Il suo sguardo gelido è la cosa più dolorosa e appassionante di un film che rifiuta ogni spiegazione socio-psicologica (tranne un paio di accenni all'habitat e all'omosessualità repressa, che sono infatti le uniche piccole "stecche"), perché sa che ciò che il cinema deve e può dare è la visione di un mondo, è far sentire il gelo fino all'insopportabile, restituirci i tempi, i ritmi, i segni. Mostrarci l'elefante che sta sotto gli occhi di tutti e che nessuno vuol vedere (è questo il senso del titolo), senza per forza dirci: ecco l'elefante. Giustamente premiato a Cannes (miglior film e miglior regia: quest'ultima sul filo del virtuosismo, ma mai gratuita), _Elephant_ ha la giusta distanza dalle cose e ridà un senso al concetto di cinema americano indipendente. Non a caso, è stato realizzato fuori da ogni major, per la Tv via cavo.

Commenti (27) vedi tutti

  • Film che riesce a stordire i sensi e a catturare l'attenzione più coi suoi silenzi, paradossalmente, che con il suo comparto thriller/crime.

    leggi la recensione completa di giansnow89
  • Un capolavoro sotto tutti i punti di vista.. ma è difficile guardarlo due volte. Una pugnalata.

    commento di Johncoffee
  • Capolavoro di Gus Van Sant. Una generazione di zombie che vagano nel nulla...e se questo nulla viene spezzato in una giornata d'autunno...viene spezzato dalla morte.

    leggi la recensione completa di Vinny87
  • Film tipo; Si tu non lo guardi sei fuori moda. Per i amanti del voyeurismo. Molto meglio e appropiato invece è il documentario di Michael Moore.

    commento di Nobre
  • 9,5

    commento di Lance Vance
  • Voto 7/8 NeoBressoniano

    commento di luca826
  • Semplicemente eccezionale, rigoroso, sconvolgente, fluido e insinuante. 8 1/2

    commento di kotrab
  • Semplice e diretto ma anche troppo semplice e troppo diretto.

    commento di sonicyouth
  • Va beh…i giovani autori di questi fatti di sangue saranno anche decerebrati ma questo film non dice assolutamente nulla, sembra diretto da uno di loro.

    commento di Tex Murphy
  • Non mi è piaciuto affatto questo film.. Troppa violenza.. E' vero che purtroppo è una realtà il fatto forse è veramente accaduto, ma è esagerato..

    commento di Fraila82
  • Geniale grazie al maestro Gus Van Sant. Una regia impeccabile riprende una storia da diversi punti di vista. Ok che ne perde il ritmo, abbastanza lento, ma con un tocco di maestria che rende il tutto fantastico. www.lanoifilm.com

    commento di MondoMarcio
  • E'come vedere una muscolatura di Shakespeare con gli occhi di Wharol.Agghiacciante.

    commento di fedeico winslet
  • Troppo lento per un film che deve far riflettere sulla violenza nelle scuole americane. Per di più il film non ha un finale

    commento di XANDER
  • sinceramente non ci ho trovato niente di trascendentale. anzi, il modo in cui van sant ha deciso di girarlo mi ha irritato parecchio. l'ho trovato inefficace ed estremamente noioso.

    commento di carpa
  • VOTO 6 un po noiosa la prima parte

    commento di arcarsenal
  • Film autoriale ed originale. Bello e necessario. Attori funzionali, regia perfetta. Da vedere e mandare a memoria.

    commento di CERAUNAVOLTA
  • 8

    commento di incallito
  • Ehmbe’? Tutto qui??

    commento di movieman
  • Duro e preciso,colpisce allo stomaco con insolita freddezza.Certo non piacerà a tutti ma la regia e gli attori valgono la pena…

    commento di gene55
  • E' piacevole, ma non sono riuscito a capire se è pretenzioso o no. Comunque a mio avviso ha diverse pecche e semplicismi.

    commento di Totoro
  • Dopo un`ora di film non vedi l`'ora che incomincino ad ammazzare quei ragazzi, li cominci veramente ad odiare tutti e non ne puoi più! la strage è stata una liberazione, e il finale.."uh?". noiosissimo

    commento di carrie-anne
  • elephant voto 4+ questo film è una noia mortale come far sembrare 80 minuti in un'eternità!!!! non cè niente da raccontare!!!!

    commento di pol
  • Secco, sfugge al documentarismo e alla sociologia spicciola, diventa cinematografico, forse troppo. Un film intelligente per un pubblico intelligente. Il rischio dello snobismo è però dietro l'angolo

    commento di silent bob
  • INESPRESSIVO ED INFAUSTO TENTATIVO DI NARRAZIONE SUL DISAGIO GIOVANILE. NON RAPISCE NE' LO SPETTATORE NE' (CREDIAMO) IL CINEMA ITALIANO…

    commento di Teo74
  • Ben curata la ripresa che si concentra sui personaggi. Palma d'oro meritata

    commento di LESTAT
  • Una bellissima esperienza. Ho scritto una recensione su www.cafevalladon.it (Spammo su FilmTv.it perché stimo il vostro sito! :-))

    commento di Lilybert
  • bello ad iniziare dai titoli di testa. Anche questo film come quello precedente di Gus Van Sant (Gerry) si basa molto sui silenzi, sulle cose non dette lasciando libero spazio allo spettatore

    commento di peter pan
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

maghella di maghella
10 stelle

La prima inquadratura è un cielo azzurro, con il passaggio di alcune nuvole....   Una macchina guida in maniera discontinua, al volante c'è un uomo ubriaco, il figlio seduto accanto lo fa scendere e prende il suo posto alla guida...arriva fino a scuola ed entra in quella che sarà l'ultima mattinata di normale studio per la Columbine  School.   Il film… leggi tutto

84 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

barabbovich di barabbovich
6 stelle

Può succedere che in una società in cui un adolescente qualsiasi ordina un fucile a pompa su un qualsiasi catalogo di vendita per corrispondenza, le carneficine non siano un mero incidente. È quanto accaduto nella scuola di Columbine, nell'Oregon, che ha fornito a Michael Moore il pretesto per raccontare l'amore degli americani per le armi (il titolo, non a caso, era Bowling a Columbine),… leggi tutto

12 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

marlucche di marlucche
4 stelle

Elephant non commuove, non destabilizza, non coinvolge e non sconvolge. È noioso, asettico e pretenzioso, come quasi tutti i film che vincono a Cannes. Sì, ci sono alcuni bei momenti e alcune belle inquadrature, di quelle perfette per i trenta secondi di un trailer accattivante ma niente di più. Il film, nel suo insieme, è veramente difficile da mandare giù. Non se ne può più dei… leggi tutto

20 recensioni negative

2019
2019
Nel mese di dicembre questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2018
2018
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
Nel mese di settembre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti

Recensione

giansnow89 di giansnow89
9 stelle

Se dovessi indicare un tratto iconico di Elephant, la mia scelta cadrebbe non tanto sul finale movimentato a colpi di fucile, quanto sugli interminabili long take che (in)seguono gli studenti nei corridoi di questa high school americana dove il film ha interamente luogo. La storia del cinema thriller è piena di criminali che sparano e di vittime che muoiono; ma questo non è un…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
2017
2017
2016
2016

Recensione

AuroraZwart di AuroraZwart
9 stelle

20 Aprile 1999. Dylan Klebold e Eric Harris uccidono tredici persone, ne feriscono il doppio, si suicidano con un colpo in testa nella biblioteca del loro liceo nel Colorado. Subcultura ed emarginazione, un sistema scolastico depersonalizzante, armi da fuoco di terza scelta e videogames, "gli stessi a cui giocavo io con una mela candita ed una tazza di tè , la stessa colonna sonora"..cosa…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti
Nel mese di marzo questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
2015
2015
Nel mese di luglio questo film ha ricevuto 6 voti
vedi tutti
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 5 voti
vedi tutti
Nel mese di febbraio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
Nel mese di gennaio questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti
2014
2014
Nel mese di novembre questo film ha ricevuto 8 voti
vedi tutti
Nel mese di ottobre questo film ha ricevuto 4 voti
vedi tutti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito