Trama

La nave su cui è imbarcato Querelle attracca a Brest. Nell'angiporto della città, il marinaio intreccia una serie di relazioni clandestine: denuncia alla polizia l'assassino Gil, di cui è innamorato; poi seduce l'amante del fratello e si fa possedere dal proprietario del locale del porto, mentre il capitano della nave nutre una passione segreta per lui...

Note

Completamente ambientata in studio, manierista e teatrale, enfatica e spudoratamente sincera, fredda come la morte: ispirata all'omonimo romanzo di Jean Genet, l'estrema, pessimista (e postuma) riflessione dell'indimenticabile autore bavarese su un'umanità votata al sadismo e all'infelicità.

Commenti (5) vedi tutti

  • Un capolavoro. Facile entusiasmarsi ed eccedere nelle valutazioni... ma il testamento di Fassbinder entra con violenza nella mente dello spettatore, spacca le convenzioni del pensiero comune, affida alla fisicità estrema dei suoi protagonisti omosessuali e misogini il messaggio nichilista del regista. Ed è il vero pensiero di Fassbinder. Autentico

    commento di toni60
  • Sgradevole, discontinuo, confuso, ma senz'altro originale, barocco nella messa in scena e spudorato nel linguaggio.

    commento di carletto86
  • Grande film. Freddo, distaccato, molto sensuale e mai volgare. Lucido e spietato saggio sui sentimenti umani. Sesso, amore e morte affrontati con spregiudicatezza, elementi di cui l'autore ha una visione altamente pessimista.

    commento di scream
  • un film ancora oggi inarrivabile. mortifero e seducente. assolutamente erotico nonostante l'aura di morte.

    commento di redrum80
  • 8

    commento di incallito
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

kotrab di kotrab
10 stelle

Querelle è l'estremo atto pessimistico, oppressivo e disperato del grande R. W. Fassbinder, la personale visione e "rilettura" del magnifico, denso, compatto e insieme sfaccettato romanzo di Jean Genet, da cui derivano i diversi livelli narrativi (i monologhi del tenente Seblon [F.Nero] e, come in Effi Briest, la voce fuori campo [H. Thate] e le citazioni su schermo… leggi tutto

7 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

PompiereFI di PompiereFI
6 stelle

Tratto dal romanzo omonimo di Jean Genet, “Querelle de Brest” è stato l’ultimo film diretto dal grande Rainer Werner Fassbinder, prima della sua morte a causa di un presumibile abuso di droghe. Arrivò sugli schermi del Festival di Venezia nel 1982, pochi mesi dopo il decesso dell’autore, sull’onda di fragori sensazionalistici a causa dei contenuti… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

sasso67 di sasso67
4 stelle

Poco comprensibile, sgradevolmente esplicito sul piano sessuale (ma sarebbe stato sgradevole anche se il sesso fosse stato eterosessuale, anziché omo) sia dal punto di vista visivo che verbale, l'ultimo film di Fassbinder è sicuramente uno dei suoi peggiori, perché il discorso, teoricamente interessante seppure non nuovo, sul sesso come esercizio del potere [(del resto… leggi tutto

4 recensioni negative

2018
2018
2017
2017
2016
2016

Coscienza della fine

LorCio di LorCio

Forse è soltanto una questione di ricezione, vediamo i vecchi film col senno di poi e ci piace leggere qualcosa che era solo in potenza oppure nemmeno considerato nel mentre in cui furono realizzati. Non tutti…

leggi tutto
2015
2015
2014
2014

Recensione

alan smithee di alan smithee
10 stelle

"Voglio fare una dichiarazione tutta personale: in quanto presidente della Giuria, voglio esprimere la mia delusione per non essere riuscito a convincere i miei colleghi a premiare Querelle di Fassbinder; di fatto mi sono ritrovato da solo nel difendere il film, ma sono convinto che, al di là di ogni controversia, l’ultimo film di R. W. Fassbinder, lo si voglia o meno, un giorno…

leggi tutto
2013
2013
2012
2012

Recensione

busini di busini
10 stelle

E' stato il mio primo approccio al cinema di Fassbinder, e devo ammettere che ne sono rimasto davvero estasiato: ha rappresentato la scoperta di una dimensione, a me, nuova; un cinema che mai ho avuto modo di incontrare, prima  d'imbattermi in questa sublime pellicola. Un cinema, davvero sui generis, in cui il tempo sembra fermarsi, trasferendo la mise en scène in una atmosfera dai confini…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
2011
2011
Nel mese di giugno questo film ha ricevuto 3 voti
vedi tutti

Giornata contro l'omofobia

kotrab di kotrab

Approfitto di questo spazio per ricordare brevemente almeno qui la giornata contro l'omofobia, questa assurda piaga che ancora serpeggia in certe persone dalla coda di paglia e/o ottuse da gratuite incomprensioni. Non…

leggi tutto
2010
2010

Recensione

kotrab di kotrab
10 stelle

Querelle è l'estremo atto pessimistico, oppressivo e disperato del grande R. W. Fassbinder, la personale visione e "rilettura" del magnifico, denso, compatto e insieme sfaccettato romanzo di Jean Genet, da cui derivano i diversi livelli narrativi (i monologhi del tenente Seblon [F.Nero] e, come in Effi Briest, la voce fuori campo [H. Thate] e le citazioni su schermo…

leggi tutto

Recensione

PompiereFI di PompiereFI
6 stelle

Tratto dal romanzo omonimo di Jean Genet, “Querelle de Brest” è stato l’ultimo film diretto dal grande Rainer Werner Fassbinder, prima della sua morte a causa di un presumibile abuso di droghe. Arrivò sugli schermi del Festival di Venezia nel 1982, pochi mesi dopo il decesso dell’autore, sull’onda di fragori sensazionalistici a causa dei contenuti…

leggi tutto

Viva il Cinema

kubritch di kubritch

Berluscao il meravigliao ( corrispettivo de noantri di 'Lorenzo il magnifico'. Una versione trash all'italiana, qualcuno direbbe cafonal) ha dichiarato, telefonicamente al Marzullone 'sogno o son desto' (l'unico che…

leggi tutto
2009
2009

Recensione

rebis di rebis
8 stelle

Notevole anomalia e barbaglio estetico nella produzione di Fassbinder, di ampollosa e compiaciuta ricerca formale, pare, più che un testamento d’artista, una dichiarazione d’amore verso la finzione intesa come rappresentazione dissimulante di sé, barocca occultazione o pleonasmo dall’ingenza erotica e concupiscente, forse non liberato da un narcisismo querulo.…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito