Espandi menu
cerca

Belfast

play

Regia di Kenneth Branagh

Con Jude Hill, Jamie Dornan, Caitriona Balfe, Ciarán Hinds, Judi Dench, Lara McDonnell, Gerard Horan, Turlough Convery, Brid Brennan... Vedi cast completo

Guardalo su
  • Infinity
  • Tim Vision
  • Prime Video
  • Prime Video
In STREAMING

Trama

Nell'Irlanda del Nord di fine anni Sessanta, il giovane Buddy vive in contesto fatto di lotte della classe operaia, cambiamenti culturali e violenza settaria. Sogna un futuro che lo porterà lontano ma nel frattempo trova consolazione nei carismatici genitori e nei suoi arzilli e fiabeschi nonni.

Approfondimento

BELFAST: I TUMULTI DI FINE ANNI SESSANTA ATTRAVERSO GLI OCCHI DI UN BAMBINO

Diretto e sceneggiato da Kenneth Branagh, Belfast racconta la storia di Buddy, un bambino di nove anni che nell'estate del 1969 ha ben chiaro chi è e da dove viene. Figlio della classe operaia di North Belfast, Buddy è un bambino felice, amato e al sicuro, protetto dal gran cuore della comunità in cui vive. A Belfast tutti conoscono tutti, almeno così sembra, e perdersi per le strade è difficile. Più facile per buddy è perdersi dentro a un cinema o davanti alla televisione a vedere i film americani o i programmi televisivi d'oltreoceano, in grado di trasportarlo nel mondo dei sogni. Tuttavia, mentre gli anni Sessanta volgono al termine e l'uomo muove i primi passi sulla Luna, gli ultimi giorni d'agosto per Buddy si trasformano in un incubo. Il malcontento sociale esplode con tutta la sua carica e i suoi tumulti: cattolici e protestanti da vicini di casa amorevoli si trasformano improvvisamente in nemici giurati.

Nonostante la sua tenera età, Buddy deve dare significato e senso al caos e all'isteria che hanno preso il sopravvento. Anche dentro casa tutto sembra cambiare: sua madre fatica a farcela mentre suo padre lavora lontano, in Inghilterra, per guadagnare i soldi necessari al sostentamento della famiglia. Avvezzo al cinema, Buddy sa cosa aspettarsi dai suoi eroi ma suo padre può essere davvero l'eroe di cui ha bisogno? Sua madre sacrificherà il suo passato per proteggere il futuro della sua famiglia? Come possono i suoi amati nonni essere tenuti al sicuro? E come può amare la ragazza dei suoi sogni? Le risposte si trovano nel viaggio avvincente, divertente, toccante e straziante di Buddy attraverso i disordini, la violenza, la gioia e la disperazione dei rapporti familiari e l'agonia del primo amore. Il tutto sarà accompagnato dalle danze, dalla musica e dalle risate che solo gli irlandesi possono raccogliere quando tutto va sottosopra.

Con la direzione della fotografia di Haris Zambarloukos, le scenografie di Jim Clay, i costumi di Charlotte Walter e le musiche di Van Morrison, Belfast è un film che nasce dall'esperienza personale dello stesso Branagh, nato a Belfast. "Belfast è una città piena di storie. Ho vissuto i tumulti sul finire degli anni Sessanta: è stato un periodo molto drammatico e violento. Mi ci sono voluti cinquant'anni per trovare il modo giusto per raccontare ciò che io e la mia famiglia abbiamo vissuto", ha dichiarato il regista, attore e sceneggiatore. "Può volerci molto tempo per capire anche le cose più semplici e trovare la giusta prospettiva di racconto. La mia esperienza personale è stata così messa al servizio della storia di un bambino che divine improvvisamente adulto e perde la sua innocenza. La Belfast del 1969 ha rappresentato una svolta per molti di noi. Come si vede anche all'inizio del film, era una città idilliaca prima dello scoppio dei disordini, che come uno sciame d'api hanno devastato la pace e l'armonia. Ricordo perfettamente come in un solo pomeriggio la vita di ognuno si è capovolta. Molti di noi ci siamo ritrovati chiusi in casa, impossibilitati a uscire, proprio come accaduto nel 2020 con la pandemia da CoVid. Confinamento e preoccupazione per te e per i tuoi cari erano simili a quelli di oggi".

"Per scrivere Belfast - ha proseguito Branagh - ho fatto riferimento al modo in cui Almodovar ha realizzato Dolor y gloria. L'ha definito autofiction: raccontava la sua vita ma in certa misura romanzata. Così ho fatto anch'io: ho raccontato Belfast attraverso gli occhi di un ragazzino, Buddy, che altri non è che una versione immaginaria di me stesso. In lui, ho proiettato la mia passione per il cinema, per i film e per la televisione, media che hanno avuto un forte impatto nella mia crescita e nello sviluppo della mia creatività. Buddy adora i western e Belfast da un giorno all'altro diventa come una cittadina del vecchio West, dove ci sono buoni contro cattivi. Mi auguro che le vicende di Buddy arrivino al cuore di tutti per come mescolano dramma, umorismo, dolori e gioie".

Il cast

A dirigere Belfast è il regista, attore e produttore Kenneth Branagh. Nato a Belfast nel 1960, Branagh ha esordito come attore teatrale a 23 anni entrando nella Royal Shakespeare Company e prendendo parte come protagonista a opere come Enrico V e Romeo e Giulietta. Al cinema esordisce come attore nel 1981 grazie… Vedi tutto

Commenti (8) vedi tutti

  • Un discreto film di stampo autobiografico che si vede con discreto piacere...ma la colonna sonora di Van Morrison e' da Oscar....basta ascoltare il brano dei titoli di coda....sublime!!!

    commento di ezio
  • Non so perché ma quando c'è di mezzo Branagh non eso mai troppo convinta. La Balfe è veramente bella, il bianco e nero piacevolissimo, ma sostanza poca. Grande colonna sonora!

    commento di Paolabibi
  • Una buona regia non basta per sopperire alla scarna sceneggiatura. Sufficiente

    commento di gruvieraz
  • Dopo tanti blockbusters, torna l'Autore Branagh, con un frammento autobiografico sensibile e ispirato. Con Belfast (2021) - candidato stanotte agli Oscar 2022 - Kenneth Branagh ricostruisce la sua infanzia e si affranca momentaneamente dalle megaproduzioni raccoglisoldi e dagli adattamenti da Shakespeare, firmando un piccolo e virtuoso gioiello am

    leggi la recensione completa di lohengrin
  • Le discriminazioni xenofobe e razziali conseguenti al colonialismo inglese in terra d'Irlanda costituiscono i presupposti storici degli scontri sanguinosi fra i cattolici dell'IRA e i protestanti unionisti, avvenuti alla fine degli anni '60 dello scorso secolo.

    leggi la recensione completa di laulilla
  • Per Federico Fellini fu Amarcord, per Kenneth Branagh Belfast, i cari ricordi di gioventù.

    leggi la recensione completa di claudio1959
  • Raccontando una storia semi-autobiografica attraverso uno sguardo infantile, Kenneth Branagh confeziona un film un po' sentimentale e parecchio nostalgico, una pellicola che solleva il morale nonostante la drammaticità di diverse sequenze e che si fa voler bene per essere partecipata, personale, sentita e autentica. Voto: 7,5 su 10.

    leggi la recensione completa di port cros
  • Storia di un bambino che a nove anni ha dovuto capire che in quel mondo meraviglioso dove credeva di vivere c’era anche la guerra.

    leggi la recensione completa di yume
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è positiva

supadany di supadany
7 stelle

Imbottigliati nella tenaglia dei mille impegni che costringono a guardare sempre al presente e, al più, al futuro prossimo, rischiamo di dimenticare chi siamo. Di rimuovere le nostre origini nel nome di una globalizzazione sclerotica e condivisa, di scordare da dove veniamo, chi ci ha permesso di iniziare e poi completare il percorso di crescita, tutte quelle esperienze vissute sulla… leggi tutto

13 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle sufficienti

alan smithee di alan smithee
6 stelle

16° FESTA DEL CINEMA DI ROMA - SELEZIONE UFFICIALE/ALICE NELLA CITTÀ - MIGLIOR REGIA  Belfast, estate 1969: la vita tranquilla di un sobborgo popolare ove tutti si conoscono e ove ogni bambino è libero di giocare nei cortili e nei giardini anche di altre famiglie, si interrompe a causa di un gruppo di facinorosi che inizia a provare insofferenza e poi disprezzo verso la… leggi tutto

2 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

barabbovich di barabbovich
3 stelle

Belfast, 1969. In un quartiere operaio abitato in prevalenza da cattolici repubblicani, vivono anche il piccolo Buddy (Hill), 9 anni, e la sua famiglia di protestanti in perfetta armonia con tutto il vicinato. Ma il padre di Buddy, un infingardo che lavora in Inghilterra, vorrebbe portare via da lì i suoi congiunti e metterli al riparo dalla guerra civile. Per Buddy, che è peraltro… leggi tutto

2 recensioni negative

2022
2022

Recensione

obyone di obyone
7 stelle

    Sarebbe interessante sapere se la pandemia abbia influenzato Kenneth Branagh e Paolo Sorrentino quando, nel 2020, iniziarono a concepire i rispettivi "Amarcord". La pausa forzata, probabilmente, ha spronato gli scrittori a prendere in mano carta e penna ed il tempo, per una volta meno tiranno, ha permesso di tornare indietro, rivangare il passato e, perché no, tirarne le…

leggi tutto

Recensione

Andreotti_Ciro di Andreotti_Ciro
7 stelle

Nel 1969 Buddy ha 9 anni e abita con la sua famiglia in un quartiere popolare di Belfast. La vita pare scorrere nella più completa tranquillità mentre i primi scontri fra cattolici e protestanti danno il via a una lotta senza quartiere che nella mente di un bambino viene esorcizzata dal cinema e dal solido rapporto con i nonni paterni.   La Belfast ricordata da Branagh non…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

Mulligan71 di Mulligan71
8 stelle

Branagh, dopo tanto girare, per lo più a vuoto, ritorna a casa, e ci regala, guarda caso, uno dei suoi film più belli, anche grazie alla sua città, Belfast, e a tutta la Storia tragica, umana e personale, che la capitale del Nord Irlanda si porta addosso. Il regista sceglie una strada, abitata da cattolici e protestanti, siamo nel 1969, e racconta cosa significasse crescere…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti
OSCAR 2022

OSCAR 2022

...esclusi "Drive My Car" e "Belfast", gli altri film non mi hanno particolarmente emozionato o rapito il cuore... per me è stata una tornata degli… segue

Post

Recensione

lohengrin di lohengrin
8 stelle

"Per quelli che se ne sono andati. Per quelli che sono rimasti. Per quelli che sono scomparsi"   Dopo tanti blockbusters, torna l'Autore Branagh, con un frammento autobiografico sensibile e ispirato.   Con Belfast (2021) - candidato stanotte agli Oscar 2022 - Kenneth Branagh ricostruisce la sua infanzia e si affranca momentaneamente dalle megaproduzioni raccoglisoldi e dagli…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti

Recensione

mirediantonio2022 di mirediantonio2022
7 stelle

  FOTOGRAMMI CON GLI OCCHI INCANTATI DI UN BAMBINO     Belfast 1969. In un quartiere periferico della città dove tutti si conoscono, bambini e ragazzi giocano per strada. Improvviso, l'urto di un gruppo violento irrompe nel quartiere, saccheggiando vetrine, finestre, facendo esplodere una auto in sosta, e rompe l'idillio ricordandoci che siamo negli anni in cui…

leggi tutto
Recensione

Recensione

claudio1959 di claudio1959
10 stelle

Belfast Gran Bretagna 2021 - Buddy in Belfast, come Titta in “Amarcord”, film splendido e sincero dominato da Buddy il protagonista di nove anni interpretato magnificamente dal piccolo bambino prodigio Jude Hill. La microstoria della famiglia di Buddy, che vive con la sua mamma, interpretata da una matura Caitriona Balfe ed il fratello maggiore in un quartiere abitato da…

leggi tutto

Recensione

laulilla di laulilla
8 stelle

Era nel programma politico dei primi ricongiungere le due Irlande, staccando l’Ulster dal regno Unito; mentre quello dei secondi era di cacciare i cattolici dall’Ulster unionista. Politici e statisti, dunque, avevano in mente di decidere la sorte degli Irlandesi secondo logiche di potere e di dominio non del tutto e non sempre rispondenti  alla realtà. Le ostilità…

leggi tutto

Recensione

port cros di port cros
8 stelle

  Voto: 7, 5 su 10   Kenneth Branagh apre la sua lettera d'amore alla città natale con una panoramica dall'alto della Belfast di oggi, col suo grande porto e i gloriosi cantieri navali che diedero i natali al Titanic. Poi con un bel movimento verticale della macchina da presa che scavalca un muro si passa dal colore del presente al bianco e nero del passato, la Belfast di…

leggi tutto
Recensione
Utile per 8 utenti

Recensione

steno79 di steno79
7 stelle

Appassionato, a tratti vibrante ma un po' furbetto questo "Belfast" di Kenneth Branagh, grande attore e discreto regista con una lunga carriera alle spalle, che l'ha definito un esempio di "autofiction" sulla scia di "Dolor y gloria" di Pedro Almodovar. Attraverso la storia di un bambino di nove anni, Buddy, e della sua famiglia nella Belfast del 1969 sconvolta dai Riots dei protestanti contro i…

leggi tutto

Recensione

yume di yume
8 stelle

Branagh è nato a Belfast. “Belfast è una città piena di storie. Ho vissuto i tumulti sul finire degli anni Sessanta: è stato un periodo molto drammatico e violento. Mi ci sono voluti cinquant’anni per trovare il modo giusto per raccontare ciò che io e la mia famiglia abbiamo vissuto“. Buddy (Jude Hill) è dunque lui,  ha nove…

leggi tutto

Recensione

Antisistema di Antisistema
6 stelle

Per essere il ritorno tanto decantato alla forma migliore di Kenneth Branagh regista, tramite il suo personale amarcord Belfast (2021), il risultato non è proprio da picco massimo della cinematografia, eppure Branagh punta sin da subito a far rivivere l'atmosfera della città dell'Irlanda del Nord e le tensioni di fine anni 60', passando dalla moderna città del 2021, con…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti

Recensione

diomede917 di diomede917
8 stelle

CIAK MI GIRANO LE CRITICHE DI DIOMEDE917: BELFAST Mannaggia che grandissimo paraculo che è Kenneth Branagh. Ha deciso di sbloccare un suo ricordo tenendo bene a mente la lezione di diversi film simili dove il regista decide di raccontarsi nella maniera più intima col proprio spettatore. Dal Bianco e nero messicano di Roma di Cuaron, ai tormenti familiari spagnoli di Dolor Y…

leggi tutto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito