Espandi menu
cerca

E noi come stronzi rimanemmo a guardare

Regia di Pierfrancesco Diliberto

Con Fabio De Luigi, Ilenia Pastorelli, Pierfrancesco Diliberto, Valeria Solarino, Maurizio Marchetti, Maurizio Lombardi, Eamon Farren... Vedi cast completo

  • In TV
  • Sky Cinema 4K
  • Ore 08:30
Altre VISIONI

Trama

Arturo è un manager rampante che, senza sospettarlo, introduce l'algoritmo che lo renderà superfluo nella sua azienda. Perde così in un solo colpo fidanzata, posto di lavoro e amici. Per non rimanere anche senza un tetto si adatterà a lavorare come rider per FUUBER, una grande multinazionale, colosso della tecnologia. L'unica consolazione alla sua solitudine è Stella, un ologramma nato da una app sviluppata dalla stessa FUUBER. Ma dopo la prima settimana di prova gratuita, quando Arturo è ormai legato alla figura di Stella, lui non può permettersi di rinnovare l'abbonamento. Arturo si troverà così costretto a darsi da fare per ritrovare l'amore e la libertà, ammesso che esistano davvero…

Curiosità

LA PAROLA AL REGISTA

"Algoritmo. Oggi, questa, è la parola chiave per porre fine ad ogni discussione, lamentela o domanda. La frase da pronunciare esatta è: “Lo ha deciso l’algoritmo!”. Accompagnandola con una espressione di rassegnazione e alzando possibilmente le spalle. Come dire: “Io vorrei, ma non posso perché lo ha deciso l’algoritmo”. E visto che l’ ”algoritmo” ormai sovrintende, sempre più, le dinamiche di gran parte della società, sempre più saremo costretti a fare le cose più insensate e illogiche, cambiando magari usanze e tradizioni, fino a vivere una vita che non ci appartiene. E non sapremo mai il perché, visto che è difficile trovare qualcuno capace di spiegarci come funziona esattamente un algoritmo. Quando poi l’algoritmo si incomincia a utilizzare anche nel mondo del lavoro, quindi dei diritti, e non solo per la prenotazione del biglietto del cinema, allora la cosa diventa maledettamente seria".

Commenti (11) vedi tutti

  • Sembra partire in modo interessante, ma subito sfocia in una spirale di estenuante lentezza e di una sagra del già visto, per un film che dopo 50 minuti non ha più nulla da dire e che tira fino alla fine per una parentesi romantica per nulla interessante. L'esordio folgorante di Pif è lontano anni luce. Film brutto.

    commento di silviodifede
  • Top da vedere!!!! Bravi Pif e Fabio!!!! Dall'amaro in bocca che fa intelligentemente riflettere!!!!!

    commento di Smany84tpp
  • Pif ci riprova. La sua denuncia sociale non affonda ma graffia solo la superficie. Il risultato complessivo è soddisfacente ma modesto, si poteva decisamente far meglio con questo soggetto.

    leggi la recensione completa di alfatocoferolo
  • Pif torna in questo film da regista per denunciare la piega che sta prendendo la nostra esistenza sempre più virtuale e controllata e sempre meno reale, meno libera, disumanizzante. Troviamo un bravo Fabio De Luigi in una veste diversa, dal sorriso amaro. Meritevole l'idea di fondo, ma non sviluppata appieno, ...manca qualcosa.

    commento di Lacorazzata81
  • Un Fantozzi del XXI secolo che si muove tra algoritmi e ologrammi ma il fine è la denuncia di un capitalismo transumanista sempre più spietato. Su parlato e musiche imperversa per tutto il film il morbo anglicus, un patogeno che per l'italiota medio è più contagioso del coronavirus.

    commento di bombo1
  • Pif non è certo Elio Petri, tantomeno Dino Risi o Ettore Scola, lo sappiamo noi e lo sa lui, ma il messaggio - sacrosanto - arriva forte e chiaro. Anche se a giudicare dai commenti non si direbbe. O sono proprio quelli a dare ragione al titolo?

    commento di Winnie dei pooh
  • Pif immagina con amaro sarcasmo un futuro prossimo dominato dalla realtà virtuale e dalla precarietà lavorativa e sentimentale, attingendo a piene mani da certo cinema di genere distopico, senza tuttavia riuscire a trasmettere un messaggio davvero originale. Apprezzabile comunque il coraggio di proporre qualcosa di diverso e l'impegno del cast.

    commento di Fanny Sally
  • E così anche PIF ha la sua battuta d'arresto. Dopo tre ottimi film ed una bellissima serie vergognosamente cancellata, arriva questo prodotto dalle ottime premesse ma da un pessimo sviluppo. Ho ammirato comunque le riprese a Torino, da Torinese.

    commento di Sladkii
  • E noi come stronzi rimanemmo a guardare fino alla fine sta cagata di PIF.

    commento di Arch_Stanton
  • Una critica del mondo moderno tutto in pasto ad app e social

    commento di argo979
  • Il limite del film di Pif sta nel suo limitarsi a un ricalco del reale in chiave farsesca che rimane sulla superficie delle immagini, senza andare a fondo in una narrazione che sappia sorprendere o coinvolgere.

    leggi la recensione completa di pazuzu
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

supadany di supadany
6 stelle

Sarà pure scocciante ripetersi (vedi quanto ho scritto in apertura della recensione di Don’t look up) ma non è pensabile esimersi dal farlo quando non c’è limite al peggio e intorno a te vedi aumentare esponenzialmente le situazioni grottesche spacciate come una nuova normalità, vendute nella rassicurante veste di soluzioni innovative per risolvere… leggi tutto

4 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle positive

sasso67 di sasso67
7 stelle

Se non fosse che per il pericolo che in questi strani tempi, di crisi economica e pandemia che si autoalimentano in circolo vizioso, la “ideologia” sottesa al film corre il rischio di essere interpretata in chiave di complottismo planetario, si potrebbe dire, con una certa dose di generosità, che quest'ultimo lavoro di Pif, nei termini e nei limiti del cinema che gli… leggi tutto

3 recensioni positive

Recensioni

La recensione più votata delle negative

alan smithee di alan smithee
4 stelle

16° FESTA DEL CINEMA DI ROMA - SELEZIONE UFFICIALE Un manager dedito all'organizzazione dei ruoli nella grande azienda in cui lavora, riesce a trovare un algoritmo in grado non solo di razionalizzare le mansioni aziendali, ma anche di togliere di mezzo il personale giudicato insindacabilmente non necessario: tra costoro, pure lo stesso ideatore del progetto, che si ritrova anche senza… leggi tutto

3 recensioni negative

2022
2022

Marzo > Giugno 2022

LorismaL di LorismaL

In ordine di uscita i Film visti in questi ultimi mesi. Serie TV concluse: - 1a Incastrati; - 1a Manhunt: Unabomber; - 1a Ozark; - 1a When they see us; - 1a+2a+3a RIverdale; - 2a Doc; - 2a Guida astrologica per…

leggi tutto
Playlist

Recensione

Gangs 87 di Gangs 87
6 stelle

E noi come stronzi rimanemmo a guardare… la tecnologia che inghiotte le nostre vite, che annulla le relazioni sociali, che rivoluziona, con un’involuzione a spirale, i nostri lavori e, come dice uno dei protagonisti più e emblematici e rivelatori della pellicola: “glielo abbiamo permesso noi”. E lui, questo emblematico e veggente personaggio, chi altri può…

leggi tutto
Recensione

Recensione

simonebulleri di simonebulleri
7 stelle

Arturo Giammarresi è un manager brillante con fidanzata posh al fianco e cricca di amici straricchi quanto depravati, adusi a festini tematici (dal nazismo alla Controriforma). Forse è pure troppo brillante, perché un bel giorno viene licenziato dalla APP che lui stesso aveva progettato, finendo sul lastrico. A 48 anni deve ripartire da zero e si imbatte nella FUUBER, una…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

alfatocoferolo di alfatocoferolo
6 stelle

Non male come commedia in salsa fantascientifica che appare come sviluppo dell'idea già presente in Lei. Solo che qui c'è Fabio de Luigi che non è esattamente Joaquin Phoenix. I toni sono molto meno cupi e seriosi con qualche momento distensivo e divertente ma ci sono anche tante falle inspiegabili che sarebbe anche penoso elencare. Va preso così, come un…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

Recensione

mm40 di mm40
5 stelle

Lasciato da Lisa per colpa di un'app e licenziato dal lavoro a causa di un algoritmo, Arturo deve reinventarsi una vita. Affitta una stanza a Raffaello e comincia a lavorare, sottopagato e senza tutele, per la multinazionale Fuuber: fa consegne a domicilio in bici. Grazie a un'app di ologrammi-anime gemelle conosce Stella, di cui si innamora: ma è soltanto un'immagine proiettata dal…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

axe di axe
7 stelle

In una Roma del prossimo futuro, il manager Arturo viene lasciato dalla compagna Lisa, convinta dall'algoritmo di un'applicazione per smartphone che l'uomo non fa per lei. Il giorno dopo, Arturo, rimane improvvisamente disoccupato, poichè un altro algoritmo - da lui stesso progettato - lo ritiene un "ramo secco" dell'azienda. Troppo anziano per il mercato del lavoro qualificato, non gli…

leggi tutto
Recensione
Utile per 5 utenti

Recensione

supadany di supadany
6 stelle

Sarà pure scocciante ripetersi (vedi quanto ho scritto in apertura della recensione di Don’t look up) ma non è pensabile esimersi dal farlo quando non c’è limite al peggio e intorno a te vedi aumentare esponenzialmente le situazioni grottesche spacciate come una nuova normalità, vendute nella rassicurante veste di soluzioni innovative per risolvere…

leggi tutto

Recensione

sasso67 di sasso67
7 stelle

Se non fosse che per il pericolo che in questi strani tempi, di crisi economica e pandemia che si autoalimentano in circolo vizioso, la “ideologia” sottesa al film corre il rischio di essere interpretata in chiave di complottismo planetario, si potrebbe dire, con una certa dose di generosità, che quest'ultimo lavoro di Pif, nei termini e nei limiti del cinema che gli…

leggi tutto
2021
2021

Recensione

barabbovich di barabbovich
4 stelle

Ci sono due film nell'opera terza dell'eclettico Pif, al secolo Pierfrancesco Diliberto. Il primo è un film coraggioso, che getta il cuore oltre l'ostacolo e tenta una strada innovativa, collocando la gig economy in un'atmosfera sci-fi, ma nemmeno troppo. Il secondo è un bigino - scritto con le migliori intenzioni, per carità! - relativo allo sfruttamento sul lavoro nell'era…

leggi tutto
Recensione
Utile per 2 utenti
locandina
Foto
Intervista esclusiva a Pif
Spaggy di Spaggy

Intervista esclusiva a Pif

Dopo essere stato presentato come evento alla Festa del Cinema di Roma, E noi come stronzi rimanemmo a guardare è approdato come evento speciale nelle… segue

Post
Uscito nelle sale italiane il 25 ottobre 2021

Recensione

pazuzu di pazuzu
4 stelle

    Arturo (Fabio De Luigi) ha creato un algoritmo che ha permesso alla propria azienda di individuare ed eliminare le sacche improduttive: anziché venir premiato, si ritrova però per paradosso ad essere lui stesso ritenuto superfluo, quindi un esubero. Licenziato dal lavoro, viene anche mollato dalla compagna una volta che l'app "Happy Lover", con il suo…

leggi tutto
Recensione
Utile per 3 utenti

Recensione

alan smithee di alan smithee
4 stelle

16° FESTA DEL CINEMA DI ROMA - SELEZIONE UFFICIALE Un manager dedito all'organizzazione dei ruoli nella grande azienda in cui lavora, riesce a trovare un algoritmo in grado non solo di razionalizzare le mansioni aziendali, ma anche di togliere di mezzo il personale giudicato insindacabilmente non necessario: tra costoro, pure lo stesso ideatore del progetto, che si ritrova anche senza…

leggi tutto
Recensione
Utile per 4 utenti
locandina
Foto
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito