Trama

La vita di Old Dolio e dei suoi genitori, criminali di basso profilo, viene sconvolta quando questi invitano una giovane outsider a prendere parte al colpo che stanno pianificando.

Approfondimento

KAJILLIONAIRE: EMANCIPARSI DALLA FAMIGLIA

Diretto e sceneggiato da Miranda July, Kajillionaire racconta la storia di una famiglia sui generis, quella di Theresa e Robert Dyne, due truffatori atipici che hanno passato 26 anni della loro vita a insegnare all'unica figlia che hanno, Old Dolio, le basi del raggiro, dell'imbroglio e del furto a tutti i costi. Nel corso di una truffa, ai limiti della disperazione, i due seducono una sconosciuta che si unirà alla loro famiglia, ignari di come questa sconvolgerà il loro intero universo.

Con la direzione della fotografia di Sebastian Winterø, le scenografie di Sam Lisenco, i costumi di Jennifer Johnson e le musiche di Emile Mosseri, Kajillionaire è stato così raccontato dalla regista: "Kajillionaire è una commedia tanto profonda e commovente, quanto originale e selvaggia. I Dyne si adoperano e si ingegnano per ottenere somme molto esigue di denaro, e a volte non si tratta neanche di soldi ma di oggetti senza alcun valore. Per scelta sono fuori dagli schemi ma in questo rimangono molto rigorosi. La famiglia si tiene alla larga dalla società contemporanea, che guarda con disprezzo, ritenendola falsa e folle. Hanno rifiutato tutti i piaceri materiali e vivono in un vecchio ufficio a buon mercato, in condizioni critiche, adiacente una fabbrica di bolle.  Lo schema che seguono è quasi religioso e non c'è spazio per la discussione. Non è possibile fare opposizione in questa famiglia. Sono certa che tutti conoscano qualcuno che si pone in maniera peculiare e non accetta alcuna critica al proprio modello di vita. Usata come un accessorio dai propri genitori sin da quando era in grembo, Old Dolio ha assorbito in pieno abitudini e prospettive. Non ha mai fatto amicizia con nessuno e non è mai stata lontana da loro più a lungo del tempo necessario per realizzare un colpo. Richiama il concetto di culto, ma probabilmente ogni famiglia arriva ad avere una sua dimensione che può avvicinarsi. Tutti i nuclei famigliari hanno il loro modo di affrontare le cose. E credo che valga per tutti noi, se a un certo punto nella nostra vita abbiamo pensato "Siamo fatti così, ma non può essere l’unica maniera o la più comune di affrontare la vita. È così che viviamo un'improvvisa trasformazione".

"L'esperienza di Kajillionaire - ha proseguito la regista - coincide con il percorso che Old Dolio vive fra la consapevolezza e la comprensione del fatto che possa fare scelte diverse da quelle indicate dai genitori. La sua storia ricorda quella di chiunque, forse solo più strana e impegnativa. Riprendendo il tema del culto, la mia idea era di rappresentare i bambini in una posizione impossibile da spiegare. Per molti motivi, sono i migliori membri di una comunità perché ci sono cresciuti dentro e non hanno vissuto esperienze che possano metterli in discussione. Anche per questo la missione di un figlio è di abbandonare il culto, al contrario di quanto sarebbe atteso. Un tradimento inevitabile e alla base di ogni struttura famigliare. Il momento di passaggio arriva nella famiglia quando incontrano una giovane ragazza totalmente disarmante di nome Melanie. Durante una conversazione con Robert e Theresa nel corso di un volo fra New York e Los Angeles, Melanie è incuriosita dalla possibilità di vederli all'opera durante una truffa. E non le dispiace potersi unire a questo strambo gruppo per vivere un'esperienza nuova. La presenza di Melanie nel clan mette fine alle vecchie routine dei Dyne. Anche se teoricamente Melanie è la classica tipologia di persona che Robert e Teresa avrebbero allontanato con disprezzo, la coppia si approccia positivamente alla sua presenza. Questi cambi subitanei squarciano il velo e aprono gli occhi di Old Dolio con nuove e sorprendenti sensazioni. Ma anche Melanie vive le sue emozioni. Non si tratta solo di una simpatia per questa giovane ragazza atipica, ne è intrigata e forse sta nascendo anche un'attrazione".

Ha infine aggiunto: "Il sentimento fra Melanie e Old Dolio si anima in maniera organica, senza problemi. Old Dolio non ha mai veramente preso in considerazione il proprio genere o la sessualità; è semplicemente se stessa e vive con serenità il corso degli eventi che la avvicinano a Melanie. Forse il film affronta molti aspetti legati al gender senza veramente mai parlarne, lasciando la questione indefinita".

Leggi tuttoLeggi meno

Il cast

A dirigere Kajillionaire è Miranda July, regista e attrice statunitense. Nata nel Vermont nel 1974, è una delle artiste più influenti della sua generazione. Regista, artista e scrittrice, capace di imprimere un tocco unico e inimitabile, Miranda July lavora con l'obiettivo di mostrare la stranezza dell'essere… Vedi tutto

Commenti (2) vedi tutti

  • Famiglia di disadattati in un disastro di film.

    commento di gruvieraz
  • vale più per le metamorfosi attoriali di Debra Winger e di Evan Rachel Wood, piuttosto che per la sua potenza espressiva. ottima musica (inconsueta), fotografia e resto del cast, ma manca quel qualcosa che possa smuovere il film dal carattere simpatico-strampalato-indie. si ferma al piacevole ma sembrava promettere di più.

    commento di giovenosta
Scrivi un tuo commento breve su questo film

Scrivi un commento breve (max 350 battute)

Attenzione se vuoi puoi scrivere una recensione vera e propria.

Vedi anche
Recensioni

La recensione più votata è sufficiente

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 15 – ALICE NELLA CITTA' – MIGLIOR FILM Una strampalata famiglia di imbroglioni, campa delle piccole, misere truffe che ognuno dei tre membri riesce ad escogitare per mantenere un livello di pura sussistenza, che consenta loro di pagare l'affitto dell'ufficio sgangherato e fuori norma in cui costoro hanno stabilito la propria dimora, devastato da una… leggi tutto

1 recensioni sufficienti

Recensioni

La recensione più votata delle negative

mm40 di mm40
1 stelle

Padre, madre e figlia adulta vagano per il quartiere tentando di rubacchiare denaro o compiere piccole truffe, in maniera da poter pagare gli arretrati dell’affitto. Nel frattempo dentro casa loro cola il sapone della lavanderia adiacente. Il terzetto incontra una ragazza e la invita a unirsi a loro. Il nonsense, l’assurdo, il grottesco sono una forma artistica nobile e,… leggi tutto

1 recensioni negative

2020
2020

Recensione

mm40 di mm40
1 stelle

Padre, madre e figlia adulta vagano per il quartiere tentando di rubacchiare denaro o compiere piccole truffe, in maniera da poter pagare gli arretrati dell’affitto. Nel frattempo dentro casa loro cola il sapone della lavanderia adiacente. Il terzetto incontra una ragazza e la invita a unirsi a loro. Il nonsense, l’assurdo, il grottesco sono una forma artistica nobile e,…

leggi tutto
Recensione
Utile per 1 utenti

20(e)venti(+20e+).

mck di mck

- In un decennio d'iscrizione a FilmTV.it ho mai pubblicato una classifica dei migliori film - fra quelli cui ho avuto l'opportunità di assistere - dell'anno passato: lo faccio in quest'occasione perché…

leggi tutto

Recensione

alan smithee di alan smithee
6 stelle

FESTA DEL CINEMA DI ROMA 15 – ALICE NELLA CITTA' – MIGLIOR FILM Una strampalata famiglia di imbroglioni, campa delle piccole, misere truffe che ognuno dei tre membri riesce ad escogitare per mantenere un livello di pura sussistenza, che consenta loro di pagare l'affitto dell'ufficio sgangherato e fuori norma in cui costoro hanno stabilito la propria dimora, devastato da una…

leggi tutto
Recensione
Utile per 6 utenti
locandina
Foto
Evan Rachel Wood, Gina Rodriguez
Foto
Evan Rachel Wood, Debra Winger, Richard Jenkins
Foto
Uscito nelle sale italiane il 1 gennaio 1970
I nostri top user
Scopri chi sono i top user

Sono persone come te:
appassionati di cinema che hanno deciso di mettere la loro passione al servizio di tutti.

Scopri chi sono i top user
Come si diventa un top user

I top user sono scelti tra i membri della community sulla base della qualità e della frequenza dei loro contributi: recensioni, notizie, liste.

Scopri come contribuire
Posso diventare un top user?

Certo! Basta che tu ti registri a FilmTv.it e che inizi a condividere la tua passione e il tuo sapere. Raccontaci il cinema che ami!

Registrati e inizia subito