Espandi menu
cerca
Un giorno da ricordare

Regia di James Foley vedi scheda film

Recensioni

L'autore

bufera

bufera

Iscritto dal 19 giugno 2010 Vai al suo profilo
  • Seguaci 164
  • Post 6
  • Recensioni 767
  • Playlist -
Mandagli un messaggio
Messaggio inviato!
Messaggio inviato!
chiudi
Questo testo contiene anticipazioni sulla trama.

La recensione su Un giorno da ricordare

di bufera
6 stelle

Storia semplice, quasi fiabesca, ambientata in un quartiere popolare di South Philadelphia al tempo della Grande Depressione americana, che si svolge in un giorno in una famiglia di immigrati italiani, con un Al Pacino immenso in un ruolo insolito.

locandina

Un giorno da ricordare (1996): locandina

 

UN GIORNO DA RICORDARE (TWO BITS),1996, è un piccolo film diretto da James Foley e scritto da Joseph Stefano, che si giova della presenza di Al Pacino, più istrionico che mai nel suo film meno noto, affiancato da Mary Elizabeth Mastrantonio e il ragazzino dodicenne Jerry Barone.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                  Siamo negli anni della Grande Depressione, degli anni '30 in un quartiere popolare di South Philadelphia abita una famiglia di immigrati italiani,composta  dal nonno Gaetano Sabatoni, cardiopatico, convinto che ogni giorno sia l'ultimo della sua vita, la figlia vedova e il nipote Gennaro di 12 anni con  cui ha un ottimo rapporto e al quale promette due bits ( 50 centesimi di un dollaro) a morte sua. Si dà il caso che venga aperto un grande cinema con l'aria condizionata chiamato "Paloma," pubblicizzato per tutta la zona, nel quale si entra con 25 centesimi prima di mezzanotte, dopo il prezzo raddoppia.                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   Gennaro, affascinato dalla magia del cinema, sogna di andarci ma rimediare i soldi del biglietto, data la povertà incombente, è un problema al punto da costringerlo a mendicare, peraltro invano, e a prestare tutti i servizi che gli vengono proposti, tra cui alcuni sgradevoli, come quello di un medico pedofilo, per poi vedere la moglie impiccata o accontentare il nonno che gli chiede di portare le sue scuse ad una donna che da ragazzo aveva ingannata. Intanto il tempo passa e quando ha finalmente i soldi Gennaro corre al botteghino ma è superata la mezzanotte e gli ricordano che il prezzo è raddoppiato, ma alla fine sarà il nonno veramente moribondo che lo accontenterà con la sua piccola eredità, raccomandandogli di desiderare sempre.....

 

Per quanto semplicistico il film ha una poesia di altri tempi, delle inquadrature notturne ben fotografate e i personaggi come il nonno    che se ne sta sempre in giardino, pur malato, e non fa che ciarlare, il ragazzo intestardito nel voler realizzare il sogno di vedere il nuovo cinema, mantenendo fino all'ultimo la fiducia che accadrà e la madre disponibile e premurosa, che sembrano usciti da un libro di favole.

Ma forse il film è o vuole essere una favola, con dei momenti bui che incutono paura proprio come nelle favole.Non mancano comunque stoccate contro lo stato sociale. Al Pacino truccato da vecchio è quasi irriconoscibile e fornisce una prova da par suo. Il giovanissimo Jerry Barone recita con una naturalezza da guadagnarci alla sua causa. James Foley, al secondo film con Pacino dopo "Americani", si conferma buon regista, nonostante le traversie che ha subito il film.

 

Al Pacino, Jerry Barone

Un giorno da ricordare (1996): Al Pacino, Jerry Barone

Gerlando Barone

Un giorno da ricordare (1996): Gerlando Barone

Gerlando Barone

Un giorno da ricordare (1996): Gerlando Barone

Gerlando Barone

Un giorno da ricordare (1996): Gerlando Barone

Ti è stata utile questa recensione? Utile per Per te?

Commenta

Avatar utente

Per poter commentare occorre aver fatto login.
Se non sei ancora iscritto Registrati